La tirannia della tecnocrazia: la nuova normalità non è normale

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Sempre più scrittori stanno ottenendo il quadro generale che è in corso un colpo di stato globale dei Tecnocrati e sono determinati a stabilire una Tecnocrazia globale. L'artificiale "Grande panico del 2020" utilizza COVID-19 come sostegno per creare un unico stato di biosicurezza globale che controllerà tutte le attività umane. ⁃ TN Editor

COVID 19 viene utilizzato per creare una dittatura fascista globale. Dalla Nuova Zelanda agli Stati Uniti, le cosiddette democrazie occidentali hanno adottato e sviluppato il modello cinese di tecnocrazia per creare un unico Stato di biosicurezza.

Questo Stato aziendale globalista deve essere controllato e amministrato centralmente da un lontano cartello di governance globale di burocrati nominati. Con il compito solo di servire gli interessi di un gruppo minuscolo e sproporzionatamente ricco che possiamo chiamare classe parassita.

Ogni aspetto della tua vita sarà monitorato e controllato, mentre ci muoviamo verso lo stato di sorveglianza finale. La tua capacità di lavorare, socializzare, viaggiare, condurre affari, accedere a servizi pubblici e acquistare beni e servizi essenziali sarà dettata e limitata dallo Stato, in base alla tua biosicurezza o immunità stato.

Questo processo di trasformazione è ben avviato. Non sei più un essere umano, sei un rischio per la biosicurezza. In quanto tale potresti essere trasferito in un campo di quarantena controllato dai militari come e quando lo Stato lo ritiene opportuno. La detenzione senza processo sarà la norma. Tutte le proteste saranno bandite a meno che non si adattino all'agenda della classe dei parassiti.

I tuoi figli non saranno più tuoi. Apparterranno allo Stato. Si presume il consenso dei genitori per le procedure mediche o, nel caso di procedure obbligatorie, non è richiesto. Una volta stabilito lo stato di biosicurezza consenso sarà un lontano ricordo.

Abbiamo una finestra di opportunità sempre più ridotta per fermare questa dittatura fascista globale. La protesta violenta non funzionerà. Non solo sono moralmente indifendibili, sono tatticamente ingenui.

La violenza è il linguaggio dell'oppressore. Lo Stato globale detiene il dominio totale sull'istigazione all'uso della forza. Per reprimere, in risposta a una violenta rivolta, è la fervida speranza dell'oppressore. Consente allo Stato di esercitare un controllo autoritario maggiore, non minore.

In realtà, per fermarlo, tutto ciò che dobbiamo fare è rifiutarci, in massa, di conformarci. Dobbiamo farlo con gli occhi aperti. Non sarà facile e molti di noi dovranno affrontare una dura punizione da parte di un tiranno disperato. Tuttavia, se non ci alziamo in piedi adesso, stiamo condannando le generazioni future a livelli inimmaginabili di schiavitù e miseria.

Per imporci questo, l'apparato dietro di esso ha investito miliardi in propaganda. La tecnocrazia fascista, attualmente in costruzione a un ritmo allarmante, richiede la nostra cooperazione. Senza di essa, la dittatura della biosicurezza non può ottenere l'autorità desiderata.

I nostri sistemi democratici rappresentativi non sono ciò che i nostri antenati hanno dato tutto per costruire. La classe dei parassiti li ha svuotati, sostituendo gli organi di Stato con i propri, lasciando solo il guscio come una chimera per mantenere le nostre delusioni e farci credere di avere una parvenza di controllo.

È un compito stupido tentare di usare il loro sistema per conquistare la nostra libertà. È progettato per controllarci. I ricorsi ai loro tribunali non ci garantiranno mai giustizia. Le piccole vittorie temporanee saranno sempre ribaltate. Né possiamo votare più duramente aspettandoci che lo faccia anche un altro dei loro burattini salvaci.

Lo scopo dell'apparizione democratica rappresentativa è centralizzare tutto il potere globale nelle mani della classe parassita. Questo corso è inesorabile e, mentre persistiamo nella nostra follia elettorale, non lo cambieremo.

Dobbiamo costruire qualcosa di nuovo per sostituirlo. La soluzione ovvia è la decentralizzazione di ogni potere sull'individuo. Dobbiamo costruire un file società di volontariato.

Senza di noi, senza la nostra obbedienza, la classe dei parassiti attualmente non è altro che un gruppo di plutocrati inefficaci, aspiranti, seduti su pile di carta, creati dal nulla e che non valgono nulla. Se non obbediamo, non ci sono governanti.

Se rifiutassimo di usare il loro sistema monetario, la loro usura sarebbe inutile; se decidiamo di non pagare le tasse, taglieremo il loro sfruttamento economico e se non voteremo mai per i loro burocrati non acconsentiremo alla loro aristocrazia nominata ed eletta.

Siamo gli scienziati e gli ingegneri, i medici e gli infermieri; siamo i costruttori e gli architetti, i meccanici e gli agricoltori; siamo i soldati che uccidono e muoiono per il loro arricchimento, siamo gli agenti di polizia che fanno rispettare le loro regole illegali; siamo le persone che costruiscono e lavorano nelle loro fabbriche, siamo gli impiegati e gli impiegati di banca che amministrano il loro sistema, gli impiegati di negozio, i programmatori, gli scrittori, gli artisti, gli insegnanti e noi siamo le persone che, attraverso il nostro credo nella loro mitica autorità, permettiamo alla classe dei parassiti di controllarci.

Siamo i miti, siamo i ricevitori di tutta la conoscenza e di tutta la saggezza. Possediamo tutta la tecnologia di cui abbiamo bisogno e siamo il esperti. È il nostro mondo, affittato dalle nostre generazioni future, non dalla loro. Senza di noi la classe dei parassiti è assolutamente incapace di controllare niente e nessuno.

Dobbiamo creare, non distruggere. Dobbiamo liberare la scienza, la tecnologia, l'arte e la conoscenza stessa dal loro controllo occulto. Dobbiamo costruire sistemi decentralizzati alternativi, che consentano all'umanità di vivere come una coesistenza di esseri liberi e sovrani. Dobbiamo concentrarci sull'autosufficienza, dobbiamo sostenerci a vicenda, voltare le spalle ai sistemi di controllo dello Stato parassitario e costruire le nostre comunità autonome.

Dobbiamo rifiutarci di conformarci a qualsiasi tentativo di centralizzazione del potere. Possiamo farlo rifiutando, in modo definitivo, il concetto di autorità.

Nessuno ha mai il diritto di dire a qualcun altro cosa fare. Ma nessuno ha mai il diritto di causare danni o perdite a un altro essere umano. Possiamo vivere in armonia perché siamo capaci di rispettarci ugualmente, senza riserve. Lo sappiamo.

Nessun essere umano su questa Terra ha il diritto di ordinare a un altro di obbedire ai propri autorità. Nessuno di noi possiede questo potere. Pertanto, questo potere non può mai essere derivato da noi. Non ce l'abbiamo da dare. La pretesa di autorità dello Stato, raccolta dalla loro cerimonia di unzione elettorale, è una farsa. Loro autorità non esiste nella realtà, solo nella nostra immaginazione.

Non abbiamo bisogno che nessuno ci dica come vivere. Né come trattare con la piccola minoranza incapace di assumersi la responsabilità delle proprie azioni. Una società volontaria sarebbe una società senza governanti, non una società senza regole.

Non abbiamo bisogno dei loro sistemi di autorità per vivere in relativa pace e armonia e non lo abbiamo mai fatto. Ordine spontaneo è tutto intorno a noi. Viviamo già la stragrande maggioranza delle nostre vite libere dal controllo statale e senza la necessità che nessuno ci imponga alcun governo.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
trackback

[...] L'artificiale "Great Panic of 2020" utilizza COVID-19 come supporto per creare un singolo biosecuri globale ... [...]

[…] Per saperne di più: La tirannia della tecnocrazia: la nuova normalità non è normale […]

[…] Leggi altro: La tirannia della tecnocrazia: la nuova normalità non è normale […]

Steve

“COVID 19 viene utilizzato per creare una dittatura fascista globale. Dalla Nuova Zelanda agli Stati Uniti, le cosiddette democrazie occidentali hanno adottato e sviluppato il modello cinese di tecnocrazia per creare un unico Stato di biosicurezza ". In qualità di residente e cittadino della Nuova Zelanda, vorrei sapere da dove l'autore ha tratto le informazioni utilizzate per fare questa affermazione, poiché la mia esperienza racconta una storia diversa, ad esempio ... meno del 5% della popolazione ha scaricato o utilizza i govts "Covid Tracking App ”, dalle mie osservazioni, meno del 30% della popolazione indossa maschere e anche se non ce n'è stata... Leggi di più "

Patricia

Non hanno affatto finito di costruire la loro dittatura fascista. L'Australia occidentale ha appena deciso che possono trattenere chiunque in qualsiasi momento e portarli in un campo dove possono essere spogliati dei loro vestiti e vaccinati con la forza. Non hanno nemmeno avuto una morte - o forse anche un caso di covid - da aprile. Non hai idea di quanto lontano andranno queste persone se glielo permettiamo.

[…] La tirannia della tecnocrazia: la nuova normalità non è normale […]

[…] Per saperne di più: La tirannia della tecnocrazia: la nuova normalità non è normale […]