La mente di un tecnocrate: gli oligarchi tecnologici sono peggio dei baroni rapinatori

Wikipedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
“E mentre le loro fortune sono aumentate, anche la loro arroganza. Si vedono in qualche modo migliori della feccia di Wall Street o dei troll di Houston o Detroit. È la loro intelligenza, non solo il loro denaro, che li rende i veri governanti globali. Nel loro disprezzo per i meno dotati cognitivamente, stanno conducendo ciò che l'Atlantico ha recentemente chiamato 'una guerra a persone stupide.'"

Dieci anni fa questi ragazzi - e sono soprattutto ragazzi - erano eroi folk, e per molte persone, rimangono così. Rappresentavano tutto ciò che era tradizionale, da Wall Street e Hollywood all'industria automobilistica, nel perseguimento di profitti sicuri e paracadute d'oro, non era: gente alla moda, audace, che correva il rischio di cercare di cambiare il mondo in meglio.

Ora da San Francisco a Washington e Bruxelles, gli oligarchi tecnologici sono qualcosa di meno attraente: una temibile minaccia le cui ambizioni di controllare la nostra politica, i media e il commercio futuri sembrano senza limiti. Amazon, Google, Facebook, Netflix e Uber potrebbero migliorare la nostra vita in molti modi, ma stanno anche sconvolgendo le vecchie industrie e le vite di molte migliaia di persone impiegate da loro. E con l'espansione del boom tecnologico, questi individui e aziende hanno raccolto risorse economiche per soddisfare le loro ambizioni.

E poiché le loro fortune sono aumentate, così anche la loro arroganza. Si vedono in qualche modo meglio della feccia di Wall Street o dei troll di Houston o Detroit. È la loro intelligenza, non solo i loro soldi, che li rende i sovrani globali adeguati. Nel loro disprezzo per i meno dotati cognitivi, stanno scommettendo cosa The Atlantic chiamato di recente"Una guerra a persone stupide".

[Tweet theme = "tweet-box-shadow"] Gli oligarchi della tecnologia hanno dichiarato guerra alle persone stupide. [/ Tweet]

Alcuni miei amici che hanno frequentato il MIT negli anni '1970 mi hanno detto che si chiamavano "strumenti", il che ci ha detto qualcosa su come si consideravano ed erano considerati. I tecnologi erano chiaramente persone brillanti che altri usavano per risolvere problemi o fare soldi. Divorziate da ogni valore mistico, le loro innovazioni tecniche, nelle parole del sociologo francese Marcel Mauss, costituivano "un'azione tradizionale resa efficace". Le loro abilità potrebbero essere applicate all'agricoltura, alla metallurgia, al commercio e all'energia.

Negli ultimi anni, come Skynet in the Terminator, gli strumenti hanno raggiunto la coscienza, infondendosi qualcosa di una missione che altera la società. In larga misura, hanno creato ciò che il sociologo Alvin Gouldner ha chiamato "La nuova classe" di professionisti altamente istruiti che rifarebbero la società. Inizialmente hanno migliorato la vita, rendendo possibile il volo spaziale, creando dispositivi medici avanzati e migliorando le comunicazioni (Internet); costruirono macchine più efficienti e crearono grandi strumenti di ricerca sia per le imprese che per i privati. Eppure non hanno cercato di sconvolgere tutte le industrie - come energia, cibo, automobili - che ancora impiegavano milioni di persone. Sono rimasti "strumenti" anziché righelli.

Con l'enorme ricchezza che ora hanno acquisito, gli strumenti in alto ora mirano a dominare quelli che un tempo servivano. Netflix sta gradualmente minando Hollywood, proprio come iTunes ha essenzialmente ucciso il settore musicale. Uber sta spazzando via il vecchio ordine dei tassisti e Google, Facebook e i social media stanno gradualmente soppiantando i giornali. Amazon ha già minato l'industria del libro e sta cercando di fare lo stesso per l'abbigliamento, i supermercati e l'elettronica.

Le rivoluzioni economiche passate - dal motore a vapore al motore a reazione e ad Internet - hanno creato sulla loro scia una rivoluzione della produttività. A dire il vero, poiché la forza bruta o le tecnologie più lente hanno perso, così hanno fatto alcune aziende e classi di persone. Ma in generale l'economia è diventata più forte e più produttiva. La gente ha ottenuto luoghi prima, i flussi di informazioni sono stati accelerati e sono stati creati nuovi posti di lavoro, molti dei quali pagano un salario alla gente della classe media e operaia.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti