La strada verde per i blackout energetici

Generazione solare dopo una tempesta in Porto Rico
Per favore, condividi questa storia!
Ovviamente, la California nega con veemenza che le loro politiche e / o installazioni energetiche alternative abbiano qualcosa a che fare con blackout o abbassamenti di tensione durante l'estate. Tuttavia, chiunque abbia mezzo cervello può immediatamente collegare i punti che circondano la politica energetica fallimentare della California. L'unico rimedio ovvio è invertire la rotta finché è ancora possibile farlo. ⁃ TN Editor

La California apre la strada ai blackout elettrici, seguita da vicino dall'Australia Meridionale, entrambi hanno creato questo problema tassando, vietando, ritardando o demolendo generatori affidabili di carbone, nucleare, gas o idroelettrico, mentre sovvenzionavano e promuovevano l'elettricità inaffidabile dai gemelli verdi malati: vento. Tutti dovrebbero risolvere una crisi del riscaldamento globale che esiste solo nei modelli di computer accademici.

La politica energetica dovrebbe essere guidata da comprovate affidabilità, efficienza e costi, non da politiche verdi.

Il vento e il solare saranno sempre soggetti a blackout per tre motivi.

In primo luogo sono intermittenti, producendo zero potenza quando il vento cala o la luce solare viene meno.

In secondo luogo, l'energia verde è diluita, quindi l'area di raccolta deve essere enorme. Sia i pannelli solari che le turbine eoliche sono vecchie tecnologie e ora stanno per raccogliere la massima energia da una data area terrestre di vento e sole, quindi sono possibili guadagni tecnologici limitati. Le turbine eoliche non generano nulla da brezze leggere e devono spegnersi in caso di burrasca. Per raccogliere più energia i gemelli verdi devono raccogliere da aree più vaste utilizzando una diffusione diffusa di pannelli e torri collegati da una fragile rete di strade e linee di trasmissione. Questo sistema costoso, esteso ma fragile è molto più suscettibile ai danni da cicloni, grandine, neve, fulmini, incendi boschivi, inondazioni e sabotaggi rispetto a una centrale elettrica tradizionale grande, ben costruita, in posizione centrale e ben mantenuta con muri robusti, un tetto e protezione contro i fulmini. L'energia verde richiede anche molti più investimenti in linee di trasmissione e interconnessioni che i consumatori devono pagare e le perdite di trasmissione di energia sono maggiori.

In terzo luogo, l'energia verde è come un virus in una rete di distribuzione.

Quando il sole splende, l'energia solare inonda la rete, facendo precipitare i prezzi dell'energia. Gli impianti del carbone e del gas sono costretti a funzionare in perdita di cassa o a chiudere. I venti irregolari peggiorano questo problema poiché sono meno prevedibili e le modifiche possono essere più rapide. Ma quando tutta l'energia verde viene a mancare improvvisamente, come in un periodo di picco della domanda serale dopo un tramonto ancora freddo, il carbone non può aumentare rapidamente a meno che non sia stato tenuto in standby con le caldaie calde, in attesa di un'opportunità per generare un flusso di cassa positivo. Il gas e l'idroelettrico possono accendersi rapidamente, ma chi vuole possedere / costruire / mantenere una costosa centrale elettrica Fair-Dinkum che funziona a intermittenza?

Attualmente le turbine a gas idroelettriche, o le turbine a gas stop-start in standby, oi generatori di carbone accesi ma non generano stanno mantenendo le luci australiane accese durante i blackout di energia verde. Ma nessuno costruirà nuovi generatori affidabili per funzionare part-time. Presto avremo il giorno in cui ci sono cumuli di elettricità che non producono profitti per nessun generatore e la notte quando i prezzi dell'elettricità aumenteranno e minacceranno i blackout.

Le autorità hanno la loro soluzione: il razionamento. Utilizzeranno una crisi di blackout per afferrare il potere di dettare blackout continui di interi sobborghi, aree o fabbriche o blackout selettivi dei consumatori utilizzando contatori intelligenti.

Naturalmente gli "ingegneri" verdi hanno anche una soluzione: "Batterie più grandi"

Ci sono molti concorrenti nell '"industria" della crescita delle batterie tra cui idroelettrico pompato, batterie al litio, aria compressa, grandi volani, accumulo di idrogeno, condensatori e sale fuso. Devono essere tutti in grado di far fronte a qualche giorno senza vento-solare, il che li rende enormi e costosi. E tutti sono consumatori netti di energia durante il ciclo di carica / scarica.

Le batterie Li / Co / Pb da mezza tonnellata sono enormi consumatori di energia: energia per l'esplorazione / estrazione / raffinazione di metalli e per calcestruzzo, produzione di batterie, trasporto e costruzione; energia per caricarli e assorbire le inevitabili perdite nel ciclo di carica / scarica; energia per costruire magazzini per batterie e infine energia per riciclare / seppellire batterie esaurite (che si consumano molto più rapidamente delle centrali a carbone, gas, idroelettriche o nucleari).

Poche persone considerano la capacità di generazione aggiuntiva necessaria per mantenere le batterie cariche. L'energia solare nella migliore delle ipotesi fornisce energia per circa 8 ore al giorno quando non ci sono nuvole, fumo o polvere nell'aria. Quindi un array solare ha bisogno di batterie con una capacità doppia rispetto a quella indicata in targa solo per coprire le ore di buio, ogni giorno. Queste batterie necessitano quindi di una capacità di generazione aggiuntiva per caricarle durante le ore diurne.

Ma un sistema solare deve anche essere in grado di sopportare fino a 7 giorni di tempo nuvoloso. Ciò richiede 7 volte più batterie più la capacità di generazione per caricarle.

La Big Battery nel South Australia ha una capacità di 150 MW e costa 160 milioni di dollari. La domanda della costa orientale in questi giorni è di circa 22,500 MW che richiederebbero 150 batterie SA e l'aggiunta di un fattore di sicurezza del 10% = 165 batterie. Il costo potrebbe essere 165 x 160 milioni di dollari = 26.4 miliardi di dollari.

Indipendentemente dal fatto che la batteria sia immagazzinata a idrogeno o idroelettrica pompata, il costo per stabilizzare l'energia verde al 100% sarebbe proibitivo. Prima di saltare oltre questa scogliera verde, coloro che affermano il contrario devono essere obbligati a dimostrare un impianto pilota funzionante senza carbone, gas o diesel.

L'energia eolica soffre degli stessi problemi ma è molto meno prevedibile. La siccità del vento è una caratteristica comune. A volte le turbine eoliche drenano elettricità dalla rete.

Per mantenere la stabilità della rete, i generatori devono caricare le batterie che possono quindi fornire un flusso costante di elettricità alla rete. Ciò richiede molte più linee di trasmissione e collegamenti della batteria.

A questo punto la matematica / i costi delle emissioni zero con il 100% solare / eolico diventano assurdi. E il disagio ecologico diventa enorme.

Quando i mulini a vento danesi stanno zitti, importano energia idroelettrica dalla Scandinavia. Quando i pannelli solari tedeschi sono coperti di neve, importano elettricità nucleare dalla Francia. E la California può trarre energia dal Canada.

Ma l'Australia è un'isola. Quando la rete fallisce, l'idroelettrico della Tasmania o il geotermico neozelandese sono i vicini di energia affidabile più vicini.

L'incombente Covid Depression non ha spazio per altre sciocchezze energetiche verdi. Non possiamo permetterci di molestare una tecnologia obsoleta e fallimentare. Un nuovo mondo difficile e pericoloso sta arrivando. Per sopravvivere avremo bisogno di energia affidabile ea buon mercato: carbone, gas, nucleare o idroelettrico.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Michael J

Quando i mulini a vento danesi stanno zitti, importano energia idroelettrica dalla Scandinavia. 

In realtà nel 2018 abbiamo avuto un'estate calda con poco o nessun vento per 3 mesi e molta elettricità proveniva da centrali a carbone tedesche.