Il federalista intervista Patrick Wood: come impedire ai tecnocrati di trasformare gli Stati Uniti in Cina

Per favore, condividi questa storia!
Joe Allen, un giornalista che scrive per The Federalist, mi ha fatto un'intervista approfondita su Technocracy. Questa è una trascrizione facilmente condivisa più un video che dovrebbe ricevere un'ampia distribuzione. ⁃ TN Editor

Per molti aspetti, la tecnologia ha eroso l'autonomia personale. Questa tendenza insidiosa ha solo accelerato a causa della risposta dei governi alla pandemia globale. Il cittadino medio rimane disorientato dai rapidi cambiamenti causati dall'automazione, dalla sorveglianza di massa, dalla propaganda vertiginosa e dalla proliferazione di tecnologie invasive.

Patrick Wood ha dato un senso al movimento tecnocratico per più di un decennio. Il suo libro del 2015 “Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation"Tiene traccia dell'attuale implementazione della pianificazione tecnologica centrale: sorveglianza di massa, tecnologia finanziaria, città intelligenti, spiritualità tecnologica e altre manifestazioni.

JOE ALLEN: Cos'è la "tecnocrazia"?

PATRICK LEGNO: Torno sempre alla definizione che è stata scritta dal movimento della tecnocrazia stesso. Avevano chiamato una rivista negli anni '30 Il tecnocrate. Nel 1938 definirono il proprio movimento: "La tecnocrazia è la scienza dell'ingegneria sociale, l'operazione scientifica dell'intero meccanismo sociale, per produrre e distribuire servizi a tutta la popolazione".

Ci sono due cose qui. Uno è la "scienza" dell'ingegneria sociale. Lo vediamo ovunque nel mondo oggi. Il sistema di punteggio del credito sociale cinese, ad esempio. Passaporti per vaccini, persone che indossano maschere per il viso quando non hanno alcuna scienza dietro. Propaganda ovunque.

Questa è ingegneria sociale, in cui un gruppo di persone cerca di convincere un altro gruppo di persone a fare qualcosa che altrimenti non potrebbero fare. Con un po 'di spinta e spinta, puoi costringerli a farlo. Ovviamente, l'ingegneria sociale non è una scienza, è solo bullismo.

La seconda parte è il funzionamento scientifico dell'intero meccanismo sociale. Vedete che la parola "intero" è menzionata due volte nella loro dichiarazione. È molto importante per la mente del tecnocrate che tutti debbano essere nel sistema per controllare e monitorare il sistema. In altre parole, i valori anomali non sono consentiti.

C'è un enorme movimento in tutto il mondo oggi per portare tutte queste persone nella rete del networking elettronico. Ma nota che la tecnocrazia è un sistema economico. Non è un sistema politico. Alla gente questo manca.

All'inizio degli anni '30, quando iniziò la tecnocrazia, ci fu la Grande Depressione. Gli scienziati e gli ingegneri della Columbia University decisero che il capitalismo era morto e dovevano fare qualcosa al riguardo. Così hanno inventato un sistema economico basato sulle risorse che aveva lo scopo di sostituire il capitalismo e l'economia del libero mercato.

Erano così sicuri che la loro gestione scientifica della società avrebbe risolto tutti i problemi dell'umanità, volevano eliminare del tutto la struttura politica. Hanno detto che non c'è motivo per cui le persone siano rappresentate. Basta nominare tecnocrati per gestire tutto - non eletti e inspiegabili - che usano la "scienza" per prendere tutte le decisioni. Questo è stato il massimo dell'egoismo, secondo me.

In Nord America, c'erano oltre 500,000 membri di Technocracy Incorporated portatori di carte e paganti. Ma quando arrivarono gli anni '40, iniziò la seconda guerra mondiale, l'economia si riprese e gli americani finalmente capirono la natura pazzesca della tecnocrazia.

Puoi tracciare una linea storica dalla fine del movimento originale al riemergere dell'idea negli anni '1970?

I due co-fondatori della Commissione trilaterale erano David Rockefeller e Zbigniew Brzezinski. Rockefeller aveva i soldi, Brzezinski aveva il cervello.

Nel 1970, Brzezinski aveva scritto un libro intitolato "Tra due secoli: il ruolo dell'America nell'era Technetronic. " Ed è così che all'epoca in cui scrisse il libro era professore di scienze politiche alla Columbia University.

Il suo libro era fondamentalmente un knock-off della tecnocrazia originale. La tecnologia avrebbe controllato la società. Poiché le istituzioni antiquate dello stato-nazione erano antiquate, ci sarebbe stata questa nuova era basata sulla tecnologia che sarebbe stata guidata dalle gigantesche corporazioni del mondo. "Il nuovo ordine economico internazionale"È ciò che la Commissione Trilaterale ha inventato per la prima volta, e io pongo ai loro piedi il globalismo moderno.

La famiglia Rockefeller aveva legami molto stretti con le Nazioni Unite. L'anno successivo, il 1974, le Nazioni Unite approvarono la risoluzione generale 3201. Ecco il titolo: "Dichiarazione sulla creazione di un nuovo ordine economico internazionale ". Lo stesso linguaggio usato dalla Commissione Trilaterale sei mesi prima.

Non è stato fino al 1992 che il nome commerciale per questo è stato cambiato in "Sviluppo sostenibile. " Non è stato un cambiamento sostanziale. Era per renderlo più appetibile perché chiunque negli anni '70 avesse sentito la frase "Nuovo ordine economico internazionale" ha immediatamente alzato una bandiera rossa. Quindi cambiare il nome è stato molto astuto.

Chiunque abbia guardato allo sviluppo sostenibile capisce che si tratta di un sistema basato sulle risorse. Non è un sistema politico. È un sistema economico che controlla le risorse.

Quindi abbiamo questo thread in cui hai un gruppo privato di industriali, di élite globali - politiche, legali, media, multinazionali - in piedi da una parte, fornendo i soldi attraverso fondazioni e sovvenzioni e organizzazioni di avviamento. Dall'altro lato, ci sono le Nazioni Unite, una sorta di organizzazione semi-governativa, che ha il potere di diffondere il contagio ad altre nazioni nel mondo.

In che modo tutto questo è correlato ai sistemi di sorveglianza di massa messi in atto negli ultimi due decenni?

Se tu fossi un ingegnere e costruissi una fabbrica, e avessi nastri trasportatori e robotica, metteresti in atto un sistema di monitoraggio per darti una sorta di controllo su quello che sta succedendo. È un concetto molto comune in qualsiasi ambiente industriale.

Più monitoraggio hai, meglio sei, perché puoi evitare le cose più velocemente se hai più sensori e controlli. Bene, quando vedi la società come una macchina o una fabbrica, la prima cosa che ti verrà in mente è: se vuoi controllarla, devi monitorarla.

Ciò si applicherebbe anche agli stati biologici e persino psicologici degli individui all'interno di quella società, giusto?

È esattamente così. Puoi immaginare 50,000 capi di bestiame in una mangiatoia, e ci sono sensori e stanno sparando loro con questo e quello, e li stanno spostando da una penna all'altra. Sono totalmente gestiti. Sono microgestiti.

Il monitoraggio della società oggi è visto ovunque nel mondo, non solo in America. La Cina ha aperto la strada con i suoi 600 milioni di fotocamere, tutte dotate di software di riconoscimento facciale. Il loro sistema di punteggio del credito sociale, che prende quel filmato più tutti i dati privati ​​che possono essere setacciati da Internet, e lo inserisce in un gigantesco programma di intelligenza artificiale per assegnare un punteggio a ogni cittadino nel loro paese.

Sosterrò che la Cina è la tecnocrazia originale nel mondo adesso, e hanno quasi perfezionato l'intera attività di monitoraggio. Hanno anche creato la prima valuta digitale che ha una data di scadenza annullare la singola unità di emissione. Non voglio speculare su come lo useranno, ma probabilmente si integrerà nel sistema di punteggio del credito sociale.

Nel 2001, Time Magazine disse che la Cina è una "tecnocrazia", ​​scrivendone nel contesto storico del movimento tecnocratico originale negli anni '30. Hanno detto che la Cina ha realizzato questo sogno.

Tornando in Occidente, dove vediamo le espressioni più forti dell'impulso tecnocratico?

Oggi ci sono gruppi come il World Economic Forum, con Klaus Schwab che promuove tutte le cose di cui sto parlando qui. Sta parlando di "Il grande reset, "Introducendo il nuovo ordine economico internazionale. Via il capitalismo, via l'economia del libero mercato. Con la nuova tecnologia per cambiare l'umanità stessa, per farla finita con la struttura dello stato-nazione, per portare tutti in questo nuovo Panopticon di controllo.

Ricorda, all'inizio ho parlato di acquisizione di risorse. Potresti ricordare il video di cui il World Economic Forum ha dichiarato: “Non possiedi nulla. E sarai felice! "

L'idea è che se ho bisogno di una padella in ghisa, faccio semplicemente clic sulla mia app e viene visualizzata sulla mia porta di casa. La mattina dopo lo lascio fuori e me lo portano via. Qualcuno ha fatto la domanda: "Bene, chi possiede quelle cose?"

Com'è vivere in una "città intelligente" e perché qualcuno dovrebbe voler vivere lì?

È un bellissimo termine di marketing. Chi vuole vivere in una "città stupida"?

Il concetto alla base di una città intelligente è quello di incorporare sensori che consentirebbero il controllo e il monitoraggio di tutto ciò che accade in città. E questo include le persone in città, cosa stanno facendo le persone, cosa pensano, cosa stanno per fare, se possono prevederlo.

Significa costruire pali della luce con telecamere e sensori, implementare telecamere di riconoscimento facciale per tracciare i movimenti delle persone e utilizzare lettori di targhe. Include il monitoraggio dei record finanziari e dei social media dei cittadini all'interno della città per determinare se c'è una minaccia.

Molte città stanno prendendo tutti i dati della "città intelligente" che stanno raccogliendo attraverso questi sensori e li stanno usando per cercare di prevedere dove si verificherà il crimine e chi lo commetterà, in modo che possano evitarlo prima succede. A proposito, alcune città hanno già buttato via questo software pre-crimine e anche il riconoscimento facciale. I miei complimenti a new Orleans e San Francisco.

Dopo aver dipinto quel quadro oscuro, quali approcci positivi abbiamo per mantenere l'autonomia?

La tecnocrazia può essere scacciata solo a livello del suolo. Qualunque sia la città o il quartiere in cui vivi, hai la possibilità di mettere le mani intorno ai tuoi leader eletti e ad altri leader nominati in quella zona e parlare con loro. Se non lo fai, il tuo silenzio sta dando loro il permesso di fare quello che stanno facendo.

Rafforza la tua mente per non interpretare il ruolo che vogliono che tu interpreti. Non cercare una rissa. Esci e parla con le persone in modo intelligente. Dobbiamo riportare il discorso civile nella comunità civica.

Le Nazioni Unite sono state molto intelligenti su come sono andate dopo l'America. Non sono passati da Washington DC o da governi statali: sono andati direttamente nelle città. E hanno convinto le città e le contee a seguire i loro programmi. Se è lì che è iniziata la battaglia, è qui che deve iniziare l'impegno per respingerla.

Leggi la storia completa qui ...


L'ultimo libro di Wood, Technocracy: The Hard Road to World Order, è disponibile nelle librerie, nei servizi online e su Technocracy News & Trends (clicca sull'immagine sotto).

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Brad

Intervista concisa ben fatta.

Vincent

Il video purtroppo si ferma a 9.21 minuti senza concludersi. Penso che abbiamo bisogno di un tecnocrate per aggiustarlo! Ottimo commento come sempre Patrick