La demolizione controllata dell'Europa

Eugène Delacroix Libertà che guida il popolo 1830 (Rivoluzione francese del 1830)
Per favore, condividi questa storia!
Ci sono rimbombi tettonici in tutta Europa e non c'è ancora un risultato chiaro. Leader e confini possono cambiare. Tuttavia, è chiaro che esiste un piano orchestrato per decostruire l'ordine mondiale esistente per prepararsi al “nuovo”, ovvero il Grande Reset del WEF, noto anche come Tecnocrazia. ⁃ Editore TN

Mentre leggo la moltitudine di articoli quotidiani su Russia, Ucraina, NATO e UE, sta diventando sempre più difficile sfuggire all'idea che sta avvenendo una demolizione controllata del continente. E che né i suoi "leader", e certamente non la sua gente, hanno voce in capitolo. Tutto ciò che otteniamo da quei "leader" sono argomenti di discussione della NATO o del World Economic Forum. L'unica voce indipendente è Victor Orban. Chi viene messo a tacere dai media occidentali o dipinto come completamente pazzo.

Ma gli ungheresi di Orban non si congeleranno il prossimo inverno. Ha appena firmato un nuovo accordo sul gas con la Russia. La ragione principale fornita a tutti gli altri che non lo fanno è ovviamente l'operazione militare speciale della Russia in Ucraina. Il che è folle quanto lo è Orban e "totalmente non provocato", affermano i media occidentali. Noam Chomsky lo ha riassunto meglio: “Naturalmente è stato provocato. Altrimenti non la considererebbero sempre un'invasione non provocata".

E no, non era solo Russia/Ucraina, molto prima che l'Europa avesse già rovinato le sue economie in modo irriconoscibile, se ti interessava guardare sotto il cofano. Ma perché peggiorare le cose? Ho la sensazione molto forte che quei “leader” dell'UE si siano alienati troppo dalle persone che pretendono di servire, e se ne pentiranno. Per ora è ovvio tra gli agricoltori, per esempio, ma quando le persone iniziano a congelare, vorranno sapere perché. E se non arriva una risposta che sia sia onesta che soddisfacente, molti "leader" la riceveranno per loro.

L'intera crisi energetica e alimentare viene venduta come "inevitabile", ma non è niente del genere. Sono il risultato di scelte fatte a Bruxelles, Berlino, Amsterdam ecc., sulle quali nessuno ha chiesto la tua opinione. Qualcosa che ho annotato qualche giorno fa:

L'Occidente sta usando l'Ucraina come scusa per commettere un suicidio economico di massa? E, sai, soddisfare alcuni obiettivi relativi al WEF? Perché altrimenti dovrebbero tagliare tutti i legami economici con Mosca, in un momento in cui è ovvio che non hanno fonti alternative per gran parte di ciò che importano dalla Russia? Inoltre, perché un paese come l'Olanda mira a chiudere 10,000 delle sue fattorie quando è chiaro che ciò aggraverà le prossime crisi alimentari globali?

Se non ti piace Putin, va bene, ma perché la tua stessa gente dovrebbe soffrire per quello che ti piace o no? E naturalmente puoi chiedere se è una buona idea che un paese delle dimensioni di un francobollo sia il n. 2 esportatore di prodotti alimentari. Ma è. E se provi a cambiarlo facendo un 180º, anche su un francobollo, è molto ovvio che non andrà bene. E tutti i cosiddetti leader lo sanno. Ma lo fanno ancora.

I prezzi del riscaldamento, della benzina, ma anche dei generi alimentari, sono destinati a salire molto più di quanto non siano già stati, mitigati solo -forse- dal fatto che sempre meno persone potranno permettersi prezzi sempre più alti. Ma ora sta iniziando a sembrare come se fosse tutto sceneggiato. Poiché "noi" avremmo potuto mantenere aperti i canali di comunicazione con la Russia, "noi" avremmo potuto negoziare la pace negli ultimi 6 mesi. Non farlo è stata una scelta deliberata. Una scelta in cui io e te, un altro "noi", non avevamo voce in capitolo.

Gli olandesi avrebbero potuto negoziare con i loro agricoltori e affrontare lentamente i loro problemi percepiti con gli ossidi di azoto, mantenendo attiva la produzione alimentare. E avremmo potuto trovare un modo per mantenere i raccolti russi e ucraini disponibili anche sui mercati mondiali. Ma non sembra affatto che "noi" lo volessimo.

Qualcuno ha fatto un elenco di ciò che l'UE non otterrà più con il boicottaggio della Russia: “gas nat, terre rare, gas inerti, potassio, zolfo, uranio, palladio, vanadio, cobalto, coke, titanio, nichel, litio, plastica , vetro, ceramica, prodotti farmaceutici, navi, inchiostri, aeroplani, polimeri, gas medicali e industriali, anelli e membrane di tenuta, trasmissione di potenza, oli per trasformatori e lubrificanti, gas neon per incisione di microchip, ecc., ecc.

E non è tutto. Fertilizzante!! Perché lo fanno, non lo so. Vogliono uccidere le loro stesse economie? Non ha senso. E questo non finirà presto.

La Reuters ovviamente cerca di incolpare Putin. Ma non è lui che ha introdotto le sanzioni. Si è offerto di lasciare che le esportazioni di gas e petrolio continuino.

Putin scommette che Chokehold di gas invernale produrrà la pace in Ucraina – alle sue condizioni

I freddi inverni aiutarono Mosca a sconfiggere Napoleone e Hitler. Il presidente Vladimir Putin sta ora scommettendo che i prezzi dell'energia alle stelle e le possibili carenze quest'inverno convinceranno l'Europa ad armare con forza l'Ucraina in una tregua, alle condizioni della Russia. Questo, affermano due fonti russe che hanno familiarità con il pensiero del Cremlino, è l'unica via per la pace che Mosca vede, dato che Kiev afferma che non negozierà fino a quando la Russia non lascerà tutta l'Ucraina

"Abbiamo tempo, possiamo aspettare", ha detto una fonte vicina alle autorità russe, che ha rifiutato di essere nominata perché non autorizzata a parlare con i media. “Sarà un inverno difficile per gli europei. Potremmo vedere proteste, disordini. Alcuni leader europei potrebbero pensarci due volte prima di continuare a sostenere l'Ucraina e pensare che sia ora di un accordo".

Il capo della politica estera dell'UE Josep Borrell vuole che gli europei siano piccoli animaletti obbedienti e prendano la punizione per le politiche che lui e i suoi simili hanno elaborato. Perché “noi” siamo destinati a vincere. Il signor Borrell ha intenzione di fare bene quest'inverno, badate bene. Con la bistecca migliore i tuoi soldi possono comprare, vero vino pregiato, da consumare in case, ristoranti e uffici comodamente riscaldati. Mi viene in mente una foto di Maria Antonietta.

Gli europei "stanchi" devono "sopportare le conseguenze" della guerra in Ucraina poiché Putin alla fine sbatterà le palpebre: Borrell dell'UE

L'alto rappresentante dell'UE e capo della politica estera Josep Borrell ha fornito una valutazione sorprendentemente schietta della guerra in Ucraina e della posizione precaria dell'Europa in un'intervista all'AFP pubblicata martedì, ammettendo che il presidente russo Vladimir Putin sta scommettendo sulla frattura di una risposta unitaria dell'UE nell'attuale situazione di crisi in aumento vertiginoso l'estrema incertezza dei prezzi e dell'energia si è diretta verso un lungo inverno. Le parole di Borrell sembravano avvicinarsi all'ammissione che la tattica di Putin sta funzionando a un certo livello, o almeno intaccherà la determinazione europea nel breve e nel lungo periodo, dato che ha scelto parole come le popolazioni dell'UE che devono "sopportare" il profondo dolore economico e forte crisi energetica. Ha citato la "stanchezza" degli europei mentre invitava la leadership e la gente comune a "sopportarne le conseguenze" con continua determinazione.

Borrell ha spiegato all'AFP che Putin vede "la stanchezza degli europei e la riluttanza dei loro cittadini a sopportare le conseguenze del sostegno all'Ucraina". Ma Borrell ha suggerito che l'Europa non si tirerà indietro, indipendentemente dall'influenza che Mosca potrebbe avere, in particolare quando si tratta di "armare l'energia", e ha invitato i cittadini a continuare a farsi carico dei costi. Chi sbatterà le palpebre per primo? ...sembra essere il sottotesto qui. Ha esortato: "Dovremo sopportare, distribuire i costi all'interno dell'UE", ha detto Borrell all'AFP, avvertendo che tenere insieme i 27 Stati membri era un compito da svolgere "giorno dopo giorno".

Eppure, come alcuni come l'ungherese Viktor Orbán hanno costantemente sostenuto fin dall'inizio dell'invasione del 24 febbraio, è inevitabile che alcuni saranno costretti a sostenere i “costi” molto più di altri. Questo è già stato visto con iniziative fuori Bruxelles come il razionamento del consumo di gas, che ha ulteriormente portato a scenari come città tedesche e persino residenze obbligate a spegnere luci o risorse per periodi designati di notte. “Più docce fredde” – si dice anche a molti. Mentre giriamo l'angolo dell'autunno ed entriamo nei mesi più freddi, è probabile che vedremo solo altri titoli come questo: "Le città tedesche impongono docce fredde e spengono le luci durante la crisi del gas russa".

Parlando di Maria Antonietta. Emmanuel Macron è l'ometto dalla grande visione. Prevede la 'End Of Abundance', un vero e proprio “punto di svolta” della storia. Ed è solo l'uomo che ti guiderà attraverso di essa. Gli do questo: ha dei bravi scrittori di discorsi. Ma gli autori di discorsi non tengono le persone al caldo e nutrite.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] La demolizione controllata dell'Europa […]

Oscar

Sono europeo. Ho 33 anni e studio da quando ne avevo 17 tutto ciò che questo sito espone da anni. Nonostante sia intellettualmente preparato a tutto questo... nonostante lo veda arrivare a poco a poco... nonostante tutto, quando arriva, non sei preparato. C'è un razionamento delle risorse in corso, e molti europei probabilmente moriranno congelati quest'inverno... a meno che gli Stati non intervengano pesantemente, e sappiamo cosa significa veramente... DITTATURA. Sicurezza in cambio di libertà, giusto? Sono terrorizzato. Quindi ecco l'unico contributo che posso... Per saperne di più »

SACunliffe
trackback

[…] La demolizione controllata dell'Europa 26 AGOSTO 2022 https://www.technocracy.news/the-controlled-demolition-of-europe/ [...]

[…] La demolizione controllata dell'Europa […]

pensionato22

Niente di così complesso, i poteri finanziari della NWO nell'UE usano l'Ucraina come una pedina per arrivare a Mosca. Hanno bluffato finanziariamente i russi con sanzioni e i russi hanno chiamato il loro bluff lanciando un sistema finanziario basato sulle materie prime guidato dall'oro! Questo nuovo rivale finanziario distruggerà i banchieri di Londra/Bruxelles e il loro sistema di moneta cartacea fiat basato sul debito! Questo è ciò che l'Europa occidentale ha lasciato dopo la seconda guerra mondiale e la perdita delle colonie di cui vivevano in precedenza! Furono temporaneamente salvati dall'accordo di Bretton Woods nel 2 Piggy Backing on the US Dollar... Per saperne di più »

Grande fan

Puoi solleticare qualcuno e loro rispondono tagliandoti a metà. Non si può dire che non sia stato provocato. Questo ragazzo è uno scemo, ovviamente. Ma che stupidità! Ad ogni modo, grida a tutti quelli che non riescono a immaginare com'è una zona di guerra e pensano che questo sia tutto in qualche modo un lavoro per "logica".