Tecnocrazia: come i mandati sui vaccini sono diventati un'arma politica

Immagine: Adobe Stock
Per favore, condividi questa storia!
Sebbene questo articolo si concentri sull'attuale amministrazione, è una strategia globale impiegata dai tecnocrati in tutto il mondo. Sicuramente le iniezioni hanno uno scopo separato ma correlato, si osserva chiaramente l'uso dei governi per imporre politiche distopiche. Quando la loro utilità sarà finita, questi stessi governi saranno scaraventati sotto il bus Technocrat. ⁃ Editore TN

Poco prima di Natale, mentre l'ondata di Omicron stava prendendo piede, il coordinatore della risposta al coronavirus della Casa Bianca Jeffrey Zients rilasciato una dichiarazione notevole. Ha iniziato rassicurando "i vaccinati" che "hai fatto la cosa giusta e ce la faremo", ma ha seguito questo ottimismo bromuro con una dose di fuoco e zolfo: "Per i non vaccinati, stai guardando un inverno di gravi malattie e morte per voi stessi, per le vostre famiglie e per gli ospedali che presto potreste travolgere”.

Sembrava improbabile che questa retorica spaventasse qualcuno dei riluttanti al vaccino a farsi prendere a pugni. Dopotutto, sono già stati esposti a molti terribili avvertimenti sul virus ed è improbabile che siano ricettivi agli ammonimenti di un'amministrazione che hanno già ignorato. Piuttosto, i veri destinatari del sermone di Zients erano i vaccinati, che potevano assicurarsi di essere dalla parte dei buoni.

All'inizio dell'era del Covid, molti credevano che il virus avesse chiarito che "siamo tutti insieme". La pandemia, ci è stato detto, avrebbe instillato un senso di responsabilità collettiva basato sulla nostra interconnessione biologica. Eppure la realtà, chiaramente rivelata dalla proclamazione di Zients, è che siamo entrati in una nuova era di balcanizzazione biopolitica, evidente non solo nella drastica divergenza politica tra stati rossi e blu, ma anche nei tentativi di questi ultimi di escludere i non vaccinati dalla vita pubblica.

Il capo di Zients, Joe Biden, ha condotto una campagna sull'idea che la competenza tecnocratica e la fiducia nelle competenze avrebbero posto fine alla pandemia. Ha anche promesso di ridimensionare le guerre culturali dell'era Trump. "Possiamo", ha detto nel suo discorso inaugurale, "unire le forze, fermare le urla e abbassare la temperatura". Questo potrebbe essere stato un normale pablum politico, ma rifletteva una genuina speranza che quattro anni meno divisivi - anche piacevolmente noiosi - potessero seguire la tumultuosa era di Trump.

Invece, a un anno dall'inizio dell'amministrazione Biden, abbiamo assistito all'intensificarsi dell'armamento propagandistico della “scienza” e una serie di colpi autoinflitti alla credibilità degli esperti. Molto è stato detto sulla messaggistica incoerente del CDC e durante l'attuale ondata di Omicron, come durante le precedenti ondate, l'amministrazione è stata criticata sia per essere eccessivamente aggressiva che eccessivamente timida. Ma alla base di queste incongruenze c'è una nuova modalità di governo tecnocratico liberale, guidata dal fervore moralistico e dall'animo partigiano piuttosto che dalla calma neutralità e dal calcolo razionale.

Questa nuova strategia di governo pone l'amministrazione di Biden in contrasto con quella di Barack Obama, in cui ha servito come vicepresidente. Sebbene la retorica impennata della sua campagna elettorale del 2008 a volte suggerisse il contrario, Obama era motivato dalla convinzione che una gestione competente, non discorsi visionari, potesse unire la nazione. Gli impulsi stravaganti e le connessioni accademiche dell'ex professore di giurisprudenza lo hanno portato nel fiorente campo dell'economia comportamentale, in particolare il lavoro del suo ex collega dell'Università di Chicago Cass Sunstein, che ha servito come suo zar di regolamentazione tra il 2009 e il 2012.

Sunstein ha aperto la strada all'approccio noto come "nudge", che ha dato il titolo al libro del 2008 di cui è coautore con Richard Thaler. Invece di imporre o vietare comportamenti, ha suggerito Sunstein, i governi potrebbero alterare "l'architettura della scelta" per incentivare tacitamente i comportamenti desiderati e scoraggiare quelli indesiderati. Un esempio spesso citato è l'accettazione dell'impostazione predefinita su determinate decisioni, come l'iscrizione ai contributi pensionistici o al registro dei donatori di organi. Questi cambiamenti apparentemente piccoli, credevano i "nudger", potrebbero riprogettare il comportamento di massa in una direzione prosociale. Sunstein e Thaler, David V. Johnson note, ha affermato di aver "trovato la via d'oro tra il conservatorismo del libero mercato di Reagan e il liberalismo guidato dallo stato di FDR". Le loro idee avevano un naturale appeal su un presidente che aveva promesso di superare le divisioni tra l'America rossoblù.

Durante il suo secondo mandato, Obama ha firmato un ordine esecutivo che impegna il governo a "usare le intuizioni delle scienze comportamentali" e lanciato un Social and Behavioral Science Team che mette in pratica la “teoria del nudge”. I risultati di queste iniziative furono modesti. Ad esempio, l'amministrazione ha tentato di utilizzare i promemoria dei messaggi di testo per aumentare l'immatricolazione universitaria tra i diplomati delle scuole superiori a basso reddito. Tali sforzi, un promemoria del periodo precedente al 2016, quando armeggiare ai margini del possibile era ancora visto come una modalità di governo nobile e vitale, sembrano oggi bizzarri.

Nei suoi scritti, Sunstein contrappone direttamente gli sforzi di tipo spinta ai mandati e sostiene che i primi sono preferibili perché "preservano la scelta". Ad esempio, l'impostazione predefinita delle preferenze per l'energia verde sui servizi pubblici predispone i consumatori a scelte favorevoli dal punto di vista ambientale, ma dà loro comunque una via di fuga. A coloro che si irritano contro i mandati del Covid, questo "paternalismo libertario" potrebbe sembrare preferibile all'attuale stile di governo democratico.

Ma anche l'economia comportamentale ha ricevuto la sua parte di critiche al culmine della sua influenza. I critici hanno sostenuto che le politiche di tipo nudge sono spesso tentativi di aggirare la deliberazione collettiva su questioni di interesse comune. Eppure questa è stata una delle fonti del loro appello: dopo il midterm del 2010, la Casa Bianca ha affrontato un Congresso ostile che ha vanificato le ambizioni di Obama. Per un dirigente inscatolato in questo modo, come Johnson osservato negli ultimi mesi dell'amministrazione, "una spintarella può garantire il successo politico senza richiedere l'approvazione del Congresso".

Nell'era del Covid, l'amministrazione Biden e i suoi alleati a livello statale hanno fatto un duro passo dall'approccio spinto verso l'abbraccio dei mandati. La presunta giustificazione di questo spostamento è che la gravità della crisi del Covid ha richiesto misure più drastiche. Ma qualcos'altro differenzia la tecnocrazia Covid dai suoi predecessori: una notevole incuriosita sul fatto che le restrizioni che impone funzionino davvero. Questa curiosità è diventata ancora più evidente nelle ultime settimane, poiché Omicron ha portato i casi a livelli senza precedenti in città come New York, dove sono in vigore sia i passaporti per i vaccini che i mandati delle maschere.

L'approccio nudge, d'altra parte, è almeno apparentemente orientato al risultato: valuta gli interventi sulla base del loro impatto misurabile. Quindi uno dei problemi con i mandati, dal punto di vista dei nudger, è che rischiano di confondere intenzione e risultato. I mandati sono spesso difficili da far rispettare e generano contraccolpi e quindi possono rivelarsi controproducenti. Ma possono rimanere in vigore, nonostante non riescano a raggiungere i loro obiettivi, perché dimostrano un impegno morale per uno scopo desiderato.

E come ha dimostrato l'annuncio delle vacanze di Zients, quando i mandati non ottengono i risultati sperati, è colpa di chi non segue le regole, non di chi le ha imposte. Un approccio più empirico tratterebbe la realtà della non conformità come parte di ciò che deve essere misurato per valutare l'efficacia di una politica proposta. Ma una tale strategia implicherebbe che gli stessi tecnocrati, piuttosto che gli anti-vaxxer o gli anti-mascheratori, dovrebbero essere ritenuti responsabili dei fallimenti politici. Non c'è da stupirsi che sia caduto in disgrazia.

Prima dell'anno scorso poteva sembrare ovvio che l'ethos guida della tecnocrazia fosse il freddo calcolo utilitaristico, ma negli ultimi due anni è diventato qualcosa di simile al contrario: il fervore morale. Vari fattori hanno determinato questo cambiamento, ma la reazione dei tecnocrati e dei loro elettori a Trump, con la sua "guerra allo stato amministrativo" e l'amore per i "poco istruiti", è stata probabilmente quella cruciale. Armeggiare dietro le quinte, come era favorito nell'era Obama, non era più un approccio praticabile per una classe che sentiva i propri interessi minacciati.

All'inizio della pandemia, lo scrittore Alex Hochuli descritta la pandemia come “il rally di fine vita della tecnocrazia”. Almeno temporaneamente, aveva rimesso al posto di guida gli esperti diffamati nel corso del mezzo decennio precedente. Ma il fervore populista che aveva guidato il movimento Trump si è rianimato in reazione ai blocchi e ai mandati di maschere e vaccini. Inizialmente, questo sembrava mettere i tecnocrati in una posizione inattaccabile, poiché potevano impugnare i loro alleati come aiutanti e sostenitori della malattia e della morte.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti