Technobabble e tecnocrati: The Rise Of The Smart City

vuotoYoutube
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
I tecnocrati sono ingegneri sociali e non progettisti urbani, ma in qualche modo pensano di essere più qualificati per determinare il destino di milioni. Se una piccola città messicana può fermare il rullo compressore Technocrat, anche qualsiasi città può farlo. ⁃ Editor TN

Nelle città di tutto il mondo, il drone dei martelli pneumatici viene accolto dal rumore di tastiere e dal ronzio dei computer incaricati di costruire una nuova generazione di metropoli, costruite con silicio anziché cemento. Una nuova generazione di utopie sfacciate e flash da Masdar a Songdo sta già emergendo in Estremo e Medio Oriente, alimentata da petrodollari e tassi di crescita a doppia cifra. Tuttavia, il retrofitting piuttosto più prosaico di sensori e banda larga in fibra in luoghi come Bristol e Glasgow offre una visione più illuminante, se non immediatamente immediatamente evidente, del nostro futuro. Queste visioni fantascientifiche possono mantenere le promesse di città di orologi in cui servizi pubblici come i trasporti, i servizi igienico-sanitari e la salute lavorano armoniosamente a beneficio di tutti?

Intorno a questi sviluppi c'è il nebuloso concetto di città intelligente, un termine generico che comprende qualsiasi coinvolgimento digitale nel nostro mondo analogico che promette di rimodellare il nostro rapporto con il nostro ambiente. Nel tentativo di avvolgere la testa su alcune delle opportunità e delle minacce che queste tecnologie rappresentano, The Drum ha incontrato Tony Mulhall, direttore associato del gruppo professionale di pianificazione e sviluppo presso il Royal Institution for Chartered Surveyors (RICS). Dice: “Vogliamo sensibilizzare le persone sul legame tra i componenti su cui si basano i big data e il migliore utilizzo dei beni e delle infrastrutture immobiliari dal punto di vista della gestione, della costruzione e degli investimenti.

“Le città costruite appositamente sono un fenomeno interessante perché le città in genere non sono arrivate in quella forma. So che abbiamo costruito New Towns, ma questo tipo di nuova città, altamente abilitato tecnologicamente, è diverso. È molto interessante osservare i piani di Masdar disposti con cura su una griglia quadrata, ma al di là della piazza non accade nulla. La città intelligente come costrutto individuale sta solo rispondendo a un'esigenza di minoranza. "

Con l'esplosione delle popolazioni delle più grandi città del mondo, il World Economic Forum calcola che Delhi gareggerà con Tokyo per il titolo di 2030 come la città più popolosa del mondo. Le autorità stanno facendo pressione per garantire che lo sviluppo delle infrastrutture possa tenere il passo con la crescita demografica. Mulhall aggiunge: “La sfida è più su come ottenere i benefici delle tecnologie delle città intelligenti in luoghi molto poveri. Hai enormi popolazioni che si presentano in città di tutto il mondo senza piani per accoglierle. "

Per far fronte a queste sfide, organizzazioni come RICS si trovano sempre più in compagnia di giganti della tecnologia come IBM e Accenture, così come architetti e ingegneri. Mulhall osserva: “Molte di queste aziende tecnologiche hanno in realtà avuto un'associazione molto lunga con le città. Siemens, ad esempio, ha fornito sistemi sotterranei e semafori. ”Ciò che sta cambiando, trova Mulhall, è una democratizzazione di gran parte delle informazioni precedentemente suddivise in compartimenti tra settori diversi, con una categorizzazione molto più ampia di dati, conoscenza e comprensione ora possibile.

Mulhall continua: “La comunità dell'architettura è in un punto critico, nel senso che ora abbiamo tutti questi dati. Ma solo perché abbiamo l'opportunità non significa che troviamo soluzioni migliori. Avevamo molti dati negli 1960 su come costruire città fantastiche, ma alla fine abbiamo fatto un salto dalle informazioni analitiche alle soluzioni senza una corretta comprensione di ciò di cui le persone avevano realmente bisogno. Alla base di proposte architettoniche come Songdo e Masdar, qualcuno sta progettando spazi che le persone devono occupare.

“L'altra area è il trasporto. Se le persone muovono altre persone senza che i loro piedi tocchino il suolo, ciò ha enormi implicazioni per il benessere umano. Potrebbe essere un città intelligente ma non è molto salutare. "

In Gran Bretagna, Bristol ha superato Londra come "città intelligente" leader del paese Secondo indice delle Smart Cities nel Regno Unito di Huawei. Ciò è dovuto, in parte, alla creazione di un centro operativo che unifica le risposte del servizio di emergenza e vanta un sistema di gestione del traffico che controlla più di 200 gruppi di semafori.

Pete Anderson, capo del centro operativo della città, afferma: “Ci sono cinque pilastri di una città intelligente sotto forma di energia, spazio pubblico, trasporti, acqua e salute. Nasce da ciò che possiamo fare con i dati e da come possono essere utilizzati per informare il flusso del traffico o un uso più efficiente dell'energia e della distribuzione.

“A Bristol stiamo esaminando l'uso dei dati e il modo in cui questi vengono spostati, siano essi wifi o fibra fisica. E con il partner del settore privato First Bus, ora disponiamo di una piattaforma che riunisce i dati provenienti da spazi pubblici, telecamere a circuito chiuso, monitoraggio degli allarmi e traffico in un unico spazio. All'improvviso abbiamo la capacità di essere intelligenti con il processo decisionale da ciò che vediamo e ascoltiamo, nonché dai dati. "

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti