I tecnocrati del Fondo monetario internazionale, della Banca mondiale e di 10 paesi hanno tenuto una "simulazione" allarmante del collasso del sistema finanziario globale

Collasso, immagine illustrativa via Reuters
Per favore, condividi questa storia!
Proprio come la pandemia del Grande panico del 2020 è stata accuratamente sceneggiata e simulata dall'Evento 201 nell'ottobre 2019, di recente si è tenuta un'esercitazione sul collasso del sistema finanziario globale indotto da un attacco informatico sotto la direzione del FMI e della Banca mondiale carichi di tecnocrati. Gli scettici dell'ultimo esercizio sono molto preoccupati che anche questo possa rivelarsi un'altra profezia che si autoavvera.

Affinché la tecnocrazia possa crescere, l'attuale ordine economico deve morire. Questo è ciò che accadde durante la Grande Depressione, quando la tecnocrazia fu codificata per la prima volta da scienziati e ingegneri della Columbia University. Oggi, un collasso finanziario globale spingerebbe miliardi nelle strade causando conflitti senza precedenti e perdite di vite umane per mano di tiranni autoritari. Editor TN

All'inizio di questo mese Reuters ha prodotto un rapporto che non ha ricevuto abbastanza attenzione tra il pubblico americano: il suo contenuto avrebbe sicuramente allarmato la maggior parte delle persone preoccupate per lo scoppio di ancora più "catastrofi globali". Per lo meno è un tempismo curioso: in mezzo alla recente pandemia indotta dall'interruzione delle catene di approvvigionamento globali, nazioni potenti e istituzioni bancarie hanno deciso di unirsi per gestire uno scenario di collasso economico globale.

Il rapporto descritto che Israele ha guidato un "Simulazione in 10 paesi di un grave attacco informatico al sistema finanziario globale nel tentativo di aumentare la cooperazione che potrebbe aiutare a ridurre al minimo eventuali danni ai mercati finanziari e alle banche”. Era incentrato su uno scenario catastrofico in cui "gli hacker erano 10 passi avanti a noi", secondo un funzionario che ha preso parte.

Soprannominato “Collective Strength”, l'esercitazione si è svolta a Gerusalemme (dopo essere stata spostata dalla sede originaria proposta di Dubai) e ha visto la partecipazione anche di Stati Uniti, Regno Unito, Emirati Arabi Uniti, Austria, Svizzera, Germania, Italia, Paesi Bassi e Thailandia. Funzionari del Fondo Monetario Internazionale (FMI), Banca Mondiale e Banca dei Regolamenti Internazionali sono stati coinvolti anche.

La simulazione di gioco finanziario-geopolitica è stata ambientata in uno scenario in cui i dati sensibili erano trapelato sul Dark Web, che si è combinato con i rapporti di "notizie false" che sono diventati virali in tutte le società, con conseguente crollo dei mercati globali e conseguente corsa alle banche. Inoltre, la simulazione prevedeva una serie di attacchi devastanti mirati ai sistemi globali di cambio, che hanno anche interrotto le transazioni tra importatori ed esportatori, secondo Reuters.

La simulazione prevedeva un periodo di grave crisi della durata di circa una settimana e mezza. Gli eventi sono stati guidati da un film e da un narratore che raccontavano il rapido movimento 'eventi dal vivo...

"Questi eventi stanno creando scompiglio nei mercati finanziari", ha detto un narratore di un film mostrato ai partecipanti come parte della simulazione e visto da Reuters.

Inoltre il rapporto dettagliato della simulazione ospitata sotto l'egida del Ministero delle Finanze israeliano:

“Le banche sono appello per l'assistenza di liquidità di emergenza in una moltitudine di valute per porre fine al caos mentre le controparti ritirano i loro fondi e limitare l'accesso alla liquidità lasciando le banche allo sbando e alla rovina", ha detto il narratore.

I partecipanti hanno discusso le politiche multilaterali per rispondere alla crisi, tra cui un giorno festivo coordinato, periodi di grazia per il rimborso del debito, accordi SWAP/REPO e delinking coordinato dalle principali valute.

Apparentemente quello che è stato un esercizio di dieci giorni "di successo" era rivolto a ciascun paese che si preparava a contenere il danno globale proveniente da una sorta di grande evento o minaccia cibernetica. Il punto chiave era che solo attraverso una rapida cooperazione globale e una comunicazione aperta tra le nazioni ci sarebbe stata l'opportunità di prevenire il collasso totale del sistema finanziario globale (o forse piuttosto guidato dall'Occidente).

È interessante notare che alcuni partecipanti hanno affermato che in realtà si sarebbero mossi più velocemente rispetto alla simulazione nel caso di un'interruzione cibernetica di tale portata. Hanno detto che "in una vera situazione di attacco informatico i governi agirebbero più rapidamente rispetto alla simulazione", secondo Reuters. "Un funzionario finanziario europeo ha affermato che in caso di tale attacco, il suo paese non aspetterebbe 10 giorni per agire".

Però, i dubitiamo che gran parte del pubblico occidentale si sentirà "confortato" dalle élite globali impegnate in uno scenario simulato di "prontezza" al tracollo globale. Ancora una volta, come se il 2020 e il 2021 sotto la pandemia non fossero abbastanza uno scenario di disastro e crisi del "mondo reale", ci si interroga sulla necessità di inventare uno scenario "finto" in primo luogo.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
CAWS

Questa è la soluzione finale per l'élite. Non hanno nemmeno bisogno del colpo di coagulo. Una volta che abbiamo centralizzato la criptovaluta, ti chiudono fuori dal tuo account se non fai le loro offerte. Come possono dire da un lato che i sistemi collasseranno a causa di attacchi informatici e poi proveranno a rendere digitali tutti i nostri soldi? Non solo ci rende più vulnerabili all'hacking, ma dà alle banche il controllo completo delle nostre vite. Qualcuno ha notato che i contanti stanno scomparendo? Renderanno inutili le grandi fatture come hanno fatto in India? 1.2 miliardi di persone con... Per saperne di più »

Patriota B

I nostri soldi sono già inutili. Non ha più valore di un Rothschild. Ha valore solo perché qualcuno ha ritenuto che lo facesse. Abbiamo bisogno di nuovo di denaro garantito da metalli preziosi.

Manuela Alexandrescu

Cosa significa esattamente disconnettersi dalle principali valute?

Jayson

in quel contesto, sembra che potrebbe significare solo il disaccoppiamento dal dollaro USA? poiché le principali valute non sono ancorate a nient'altro al giorno d'oggi.

Manuela Alexandrescu

Cosa possiamo fare, dovremmo avere contanti in casa come misura immediata?

Erik Nielsen

Sii il più indipendente possibile. Vengono stabilite utenze di emergenza sicure, qualcosa di fisico di valore con cui barattare in casa: contanti, oro, argento, mm

Jayson

idealmente sì. molte persone credono che i dollari funzioneranno ancora per un po' anche in caso di turbolenze finanziarie. e poiché molte persone lo credono, dovrebbe funzionare. ma se è un problema molto serio, potrebbero non durare così a lungo. si spera che sia sufficiente per riempire i serbatoi e acquistare rifornimenti.