La tecnocrazia sta già portando decine di milioni verso la povertà estrema

AP Photo / Mulugeta Ayene
Per favore, condividi questa storia!
L'aumento globale della povertà estrema era del tutto prevedibile poiché i tecnocrati hanno chiuso l'intera economia globale in risposta al COVID-19. Alla fine, centinaia di milioni saranno costretti a vivere in un abietto squallore.

In America, la popolazione dei senzatetto sta esplodendo mentre le persone vengono sfollate da case e appartamenti. Anche questo era del tutto prevedibile. Ciò sottolinea l'assoluta mancanza di preoccupazione per qualsiasi altra vita eccetto quelle "salvate" da COVID-19. ⁃ TN Editor

Come collaboratrice domestica, Amsale Hailemariam conosceva dall'interno le ville di lusso che erano cresciute intorno al suo semplice rifugio di metallo grezzo e teli di plastica. E in loro vedeva come si era trasformata il suo paese, l'Etiopia.

La madre single si disse: "Oh Dio, verrà un giorno in cui anche la mia vita sarà cambiata". La chiave sta nella figlia, a pochi mesi da una carriera nella sanità pubblica, che ha studiato come combattere le malattie del bisogno e della fame.

Poi è arrivato un virus menzionato in nessuno dei suoi libri di testo ei sogni sono svaniti per le famiglie e per interi paesi, come il loro. Decenni di progressi in una delle più grandi conquiste della storia moderna, la lotta contro la povertà estrema, rischiano di svanire a causa della pandemia COVID-19. Il mondo potrebbe vedere il suo primo aumento della povertà estrema in 22 anni, acuendo ulteriormente le disuguaglianze sociali.

"Viviamo in uno stato in cui siamo al di sopra dei morti e al di sotto dei vivi", ha detto Amsale, vicino alle lacrime. "Questa non è la vita."

Con il virus e le sue restrizioni, fino a 100 milioni di persone in più a livello globale potrebbero cadere nell'amara esistenza di vivere con solo 1.90 dollari al giorno, secondo la Banca Mondiale. Questo è "ben al di sotto di ogni ragionevole concezione di una vita dignitosa", ha scritto quest'anno il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla povertà estrema. E si aggiunge ai 736 milioni di persone già presenti, metà delle quali in soli cinque paesi: Etiopia, India, Nigeria, Congo e Bangladesh.

L'India è alle prese con uno dei più grandi casi di virus al mondo e gli effetti di un blocco così brusco e punitivo che il primo ministro Narendra Modi ha chiesto ai poveri di perdonarlo. La Nigeria, la nazione più popolosa dell'Africa, ha superato l'India con il maggior numero di persone in estrema povertà, circa la metà dei suoi cittadini. E il Congo rimane uno dei paesi più colpiti dalla crisi, con focolai di Ebola e morbillo.

Si prevede che anche Cina, Indonesia e Sud Africa avranno più di 1 milione di persone ciascuna in condizioni di estrema povertà, afferma la Banca mondiale.

"È un enorme, enorme battuta d'arresto per il mondo intero", ha detto all'Associated Press Gayle Smith, presidente della campagna ONE per porre fine alla povertà estrema. Smith, un ex amministratore dell'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, ha definito la risposta globale alla crisi "incredibilmente scarsa".

La maggior parte dei milioni di nuovi a rischio si trova nell'Africa sub-sahariana, una regione che, contro innumerevoli probabilità, ha avuto negli ultimi anni alcune delle economie in più rapida crescita al mondo. La Banca Mondiale ha condiviso con l'AP i primi dati fuori dall'Etiopia poiché prende una misura globale degli effetti diretti della pandemia nell'arco di diversi mesi, dimostrando che il dolore è già diffuso. Sforzi simili sono in corso in più di 100 paesi.

Nel 1991, quando l'Etiopia iniziò la sua trasformazione, il paese era stremato dalla guerra. Un nuovo leader, Meles Zenawi, si stava scrollando di dosso anni di dittatura marxista e terrificante siccità, le cui immagini di bambini avvizziti lasciavano il mondo inorridito. L'ex ribelle ha avuto una visione che è diventata la sua eredità, quella di portare milioni di connazionali fuori dalla povertà estrema.

Amsale era appena arrivata nella capitale, Addis Abeba, da quella che oggi è la vicina Eritrea, con la sua bambina in braccio. Per lei il bambino, Bethlehem Jafar, è diventato un piccolo simbolo dell'ascesa della città.

Betlemme ha beneficiato del benessere dello Stato e della carità di coloro che vedevano in lei un futuro migliore. Sua madre era passata attraverso il lavoro manuale, giurando che la sua ragazza non avrebbe mai fatto lo stesso.

I compagni etiopi si stavano spostando nel mondo, mentre il governo cercava di emulare il sorprendente sollevamento di oltre 800 milioni di persone dalla povertà da parte della Cina. Alcuni hanno abbracciato nuovi lavori di produzione. Altri lasciarono le fattorie di sussistenza per i settori in crescita dell'ospitalità, dei servizi e dell'aviazione che si adattavano ai tempi che cambiano, sperando di unirsi alla classe media in espansione dell'Africa.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti