Invasione domestica tecnocratica: perché Smart Grid non è intelligente per noi

Per favore, condividi questa storia!

Nota TN: Smart Grid è un componente fondamentale e un requisito necessario per implementare la tecnocrazia, ed è stato accuratamente specificato negli anni '1930 dal corso di studio sulla tecnocrazia: controllo totale della distribuzione e del consumo di tutta l'energia. 

Quando l'installazione di contatori intelligenti è diventata un problema, Elias Leak Quinn, allora studente di giurisprudenza presso l'Università del Colorado, ha condotto uno studio di ricerca sulle questioni relative alla privacy inerenti alla rete intelligente. Il rapporto prodotto da Quinn, Misurazione intelligente e privacy: legge esistente e politiche in materia  è stato presentato alla Colorado Public Utilities Commission (CPUC). Il CPUC ha aperto il numero di socket 09 ‐ 593EG per il problema.

Una sinossi del metodo di invasione della privacy in casa documentata da Quinn era che all'inizio degli anni '1980 i ricercatori del MIT scoprirono il "monitoraggio del carico non intrusivo" (NALM). In sostanza, la registrazione del consumo di energia elettrica a livello granulare può essere interpretata per identificare il dispositivo e, di conseguenza, l'attività. Quello che segue è un estratto dal rapporto Quinn che discute la teoria del progetto MIT:

L'intuizione di NALM era semplice nella forma, ma di conseguenza profonda:

Se un dispositivo potesse essere aggiunto all'infrastruttura di misurazione esistente che consentirebbe la registrazione in tempo reale del consumo di elettricità (l'hardware semplice), le informazioni sull'uso dell'appliance potrebbero essere ricostruite dai dati di carico complessivi (attraverso l'applicazione di software complessi) e quindi rimuovere la necessità di intromettersi nello spazio residenziale e installare nuove apparecchiature all'interno della casa.

Al fine di disaggregare il profilo di utilizzo dell'elettricità di un cliente nei suoi eventi di appliance costitutivi, i ricercatori hanno iniziato a compilare librerie di firme di carico dell'appliance che potevano essere abbinate ai segnali trovati nel rumore dell'uso aggregato di elettricità di un cliente. Sebbene inizialmente si pensasse un compito arduo lavorare a ritroso dalla richiesta di un dispositivo all'identità dell'appliance stessa, le firme di carico di varie categorie di elettrodomestici sono sorprendentemente uniche, (4) e una quantità impressionante di dettagli sulle abitudini di utilizzo dei clienti potrebbe essere individuata da NALM -informazioni generate.

Con la capacità di archiviazione dei dispositivi di oggi, la registrazione dei consumi elettrici a livello di granularità per produrre una mappa delle attività quotidiane di una famiglia basata sulle firme degli apparecchi utilizzando NALM, non è un problema.

La capacità di trasmettere tali dati alla società di servizi indipendentemente dal metodo (cioè PLCC o wireless) costituisce un'invasione della privacy a differenza di qualsiasi invasione domestica prima nella storia. Indipendentemente dal fatto che la società di servizi dica di essere interessata o meno a questi dati, il contatore intelligente fornisce la capacità e ci sono sempre acquirenti e / o hacker disponibili per questo tipo di informazioni e la deregolamentazione delle utility ha creato lo "spazio di mercato" per attraverso entità denominate società di “servizi energetici”. Inoltre, il Dipartimento dell'Energia sta incoraggiando in modo proattivo gli sviluppatori di software a trovare usi per i dati fornendo fondi per lo sviluppo.

La Idaho Public Utilities Commission è un'organizzazione membro della National Association of Regulatory Utility Commissioners (NARUC). NARUC ha riconosciuto la potenziale grave violazione della privacy dei clienti delle utility con a Risoluzione su Smart Grid, patrocinato dai Comitati per le telecomunicazioni, le risorse energetiche e l'ambiente adottato dal Consiglio di amministrazione della NARUC il 21 luglio 2010. Chiede che sia tutelata la privacy dei consumatori elettrici assicurando al contempo l '"accesso al mercato" delle informazioni generate dal rete intelligente.

Deregolamentazione

L'interesse pubblico è stato il motivo per cui i principali segmenti infrastrutturali dell'economia sono stati regolamentati. Sebbene siano state avanzate alcune legittime argomentazioni per lo scioglimento di AT&T, col senno di poi, non è chiaro che il beneficio della rottura abbia compensato i costi ma senza dubbio la deregolamentazione del settore energetico non ha servito l'interesse pubblico e di fatto , ha messo il pubblico in grave pericolo.

Come AT&T, la struttura verticale delle utilities è stata scomposta per creare "mercati competitivi" nelle operazioni sui componenti, ma ciò che ha fatto è stato quello di consentire la cartellizzazione delle operazioni sui componenti, aumentare i costi generali per i consumatori elettrici e dare solo l'illusione della concorrenza aumentando numero di "operatori di mercato" che non sono realmente in concorrenza - ma piuttosto sono in collusione per aumentare il costo dell'elettricità garantendo profitti per tutti attraverso la tariffa regolamentare e la struttura di recupero dei costi garantita.

L'ondata di deregolamentazione dei monopoli infrastrutturali (e ufficialmente sanzionati) iniziò con una causa contro AT&T nel 1974. Fu risolta nel 1982 quando AT&T acconsentì a cedere le società operative interamente possedute da Bell. La cessione è stata completata entro il 1 gennaio 1984. Il Telecommunications Act del 1996 ha ulteriormente deregolamentato il sistema di telecomunicazioni per consentire a "chiunque di entrare nel settore delle comunicazioni e di competere su qualsiasi mercato con gli altri". Ha influenzato il servizio telefonico - locale e interurbano, programmazione via cavo, servizi di trasmissione e servizi forniti alle scuole.

La successiva ondata di deregolamentazione è stata quella dei gasdotti. Nel 1985, l'Ordine FERC n. 436 ha disaccoppiato i gasdotti per gas naturale dai produttori e dai distributori, consentendo una nuova attività nei gasdotti per l'accesso aperto al "vettore comune". Ciò ha causato un problema che è stato risolto dall'Ordine 500 FERC che ha incoraggiato le società di gasdotti interstatali ad acquistare contratti "take-or-pay" per il gas naturale. Houston Gas Company (Ken Lay) e Inter-North, un conglomerato, si sono fuse per formare la Enron. Insieme, avevano 37,000 miglia di gasdotto. L'idea di una "banca del gas" - sistema di intermediazione commerciale è stata proposta da Ken Lay per risolvere il problema del "prendere o pagare" stabilendo un mercato virtuale delle materie prime per il gas naturale.

Nel 1996, FERC ha emesso gli ordini 888 e 889 trasformando il sistema di trasmissione elettrica della nazione in un "vettore comune" - mercato aperto per la trasmissione di elettricità. Questa deregolamentazione è ciò che ha permesso alla Enron di arbitrare il mercato all'ingrosso della California per l'elettricità. Richiedeva alle società di servizi che costruivano e possedevano le linee di trasmissione "di consentire l'accesso e l'uso ai sistemi di trasmissione di servizi non pubblici o indipendenti dai produttori di energia". Quanto segue è un estratto dalla storia di PJM - il primo gestore di sistema indipendente per la rete di trasmissione elettrica:

PJM iniziò la transizione verso un'organizzazione indipendente e neutrale in 1993 quando fu costituita la PJM Interconnection Association per amministrare il pool di potenza. In 1997, PJM è diventata un'organizzazione completamente indipendente. A quel tempo, l'adesione è stata aperta alle non utilities ed è stato eletto un consiglio di amministrazione indipendente.

Ad aprile 1, 1997, PJM ha aperto il suo primo mercato dell'energia basato sulle offerte. Più tardi quell'anno la Federal Energy Regulatory Commission (FERC) ha approvato PJM come primo operatore di sistema indipendente (ISO) completamente funzionante della nazione. Gli ISO gestiscono, ma non possiedono, sistemi di trasmissione al fine di fornire un accesso aperto alla rete per utenti non utilitari.

http://www.pjm.com/about-pjm/who-we-are/pjm-history.aspx

L'Energy Policy Act del 2005, Titolo XII-Electricity ha autorizzato la creazione di un'organizzazione di autoregolamentazione per l'affidabilità elettrica (ERO) che si estende in Nord America con la supervisione del FERC negli Stati Uniti L'organizzazione che è stata autorizzata era NERC - North American Energy Reliability Council e include sia il Canada che il Messico.

L'entità della corruzione diventa evidente nell'Energy Independence and Security Act di 2007 in cui il Congresso impone standard specifici per gli elettrodomestici, tra cui l'integrazione di tecnologie intelligenti in casa, tecnologie per il picco della rasatura, politica della rete, denaro federale per lo sviluppo di "tecnologie intelligenti" e “Condurre ricerche per promuovere l'uso di reti di misurazione e controllo su vasta area, tra cui data mining, visualizzazione, elaborazione avanzata e comunicazioni sicure e affidabili in un ambiente altamente distribuito ”e molto altro ancora. Quello che segue è Sez. 1306 (d) - Funzioni Smart Grid:

(d) FUNZIONI SMART GRID. Il termine "funzioni di smart grid" indica una delle seguenti:

(1) La capacità di sviluppare, archiviare, inviare e ricevere informazioni digitali sull'uso dell'elettricità, i costi, i prezzi, tempo di utilizzo, natura dell'uso, archiviazione o altre informazioni rilevanti per le operazioni del dispositivo, della rete o dell'utilità, verso o da o tramite il sistema elettrico di utilità, attraverso uno o una combinazione di dispositivi e tecnologie.

(2) La capacità di sviluppare, archiviare, inviare e ricevere informazioni digitali relative all'uso dell'elettricità, i costi, i prezzi, i tempi di utilizzo, la natura dell'uso, la conservazione o altre informazioni rilevanti per le operazioni del dispositivo, della rete o dell'utilità da o verso un computer o altro controllo dispositivo.

(3)  La capacità di misurare o monitorare l'uso dell'elettricità in funzione dell'ora del giorno, delle caratteristiche di qualità dell'alimentazione quali livello di tensione, corrente, cicli al secondo o fonte o tipo di generazione e di archiviare, sintetizzare o comunicare tali informazioni con mezzi digitali.

(4) La capacità di rilevare e localizzare interruzioni o cambiamenti nei flussi di corrente sulla rete e di comunicare tali informazioni istantaneamente e automaticamente allo scopo di consentire risposte protettive automatiche per sostenere l'affidabilità e la sicurezza delle operazioni della rete.

(5) La capacità di rilevare, prevenire, comunicare riguardo a, rispondere o recuperare dalle minacce alla sicurezza del sistema, comprese le minacce alla sicurezza informatica e il terrorismo, utilizzando informazioni digitali, media e dispositivi.

(6) La capacità di qualsiasi apparecchio o macchina di rispondere a tali segnali, misurazioni o comunicazioni automaticamente o in un modo programmato dal suo proprietario o operatore senza intervento umano indipendente.

(7) La capacità di utilizzare le informazioni digitali per utilizzare funzionalità sulla rete elettrica elettrica precedentemente elettromeccaniche o manuali.

(8) La capacità di utilizzare i controlli digitali per gestire e modificare la domanda di elettricità, consentire la gestione della congestione, assistere nel controllo della tensione, fornire riserve operative e fornire la regolazione della frequenza.

(9) Altre funzioni che il Segretario può identificare come necessarie ...

Piuttosto ovviamente, il Congresso non ha scritto la legislazione EISA del 2007. Non c'è abbastanza esperienza al Congresso per scriverlo. Doveva essere il risultato della lista dei desideri del cartello dei servizi di pubblica utilità "autoregolamentato". L'insulto aggiunto al danno è che il Congresso sta spendendo miliardi di dollari per sovvenzionare un sistema che aumenterà notevolmente il costo della vita su tutta la linea senza alcun vantaggio di compensazione e, in effetti, è un netto negativo considerando la perdita di autonomia e privacy individuali e aumento dei costi personali per l'equipaggiamento della vita moderna con "tecnologie intelligenti" integrate e obbligate dal Congresso.

Abbiamo davvero bisogno di frigoriferi in grado di "parlare" alla rete?

L'autore

Vicky Davis
Vicky Davis era un analista / programmatore di sistemi informatici diventato ricercatore e scrittore di Internet. Ha ricevuto la sua formazione in programmazione informatica a Santa Clara, California, a metà degli 1970. Ha lavorato principalmente, ma non interamente su sistemi mainframe IBM per grandi aziende ed enti governativi. Come ricercatrice su Internet, continua ad applicare le sue abilità di analista di sistemi concentrando le sue ricerche sulla rivoluzione del governo dal punto di vista dei sistemi. Ha due siti Web: www.thetechnocratictyranny.com (nuovo sito Web - tecnologia più recente) www.channelingreality.com (bloccato a causa del cambiamento della tecnologia)
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Marilynne Martin

Hai dimenticato di menzionare alcuni punti importanti (audit trail) di questa storia. In primo luogo, il piano strategico per lo smantellamento dell'industria elettrica attraverso lo sviluppo della “Smart Grid” è stato sviluppato negli anni '1990 e pubblicato nel 2003 e denominato “Grid 2030”. L'anno successivo hanno pubblicato maggiori dettagli attraverso un rapporto di follow-up chiamato "Technologies Roadmap". Le utility sono state protagoniste di questo piano strategico, che prevede un ampio utilizzo del solare. (Quindi questo finto teatro sulle utilità contro il solare è solo un teatro, non reale). Hanno pubblicato il loro piano strategico solare un decennio dopo chiamato... Per saperne di più »

Martin Gugino

Penso che questa sia una reazione eccessiva. Un contatore intelligente è un dispositivo in grado di segnalare l'elettricità con maggiore frequenza rispetto a ogni due mesi. Per la gestione della domanda, aiuta se una parte del carico è su una tariffa oraria e meglio se la domanda risponde a segnali di prezzo in tempo reale per aumentare o diminuire l'utilizzo (sotto il controllo dell'algoritmo o del computer dell'utente) . Certamente per l'uso domestico, sarebbero sufficienti incrementi di un minuto di utilizzo, anche se al cliente potrebbe piacere ottenere dati più precisi, per identificare che è stata la pompa del pozzetto che si è appena attivata. Il contatore intelligente... Per saperne di più »

Patrick Wood

Ciò che dici fino a un certo punto è corretto, ma ciò che non viene detto è che i servizi pubblici e il governo federale intendono utilizzare questi dati come mezzo per raccogliere dati sui cittadini. Questo è già stato chiaramente accennato qui: https://www.technocracy.news/index.php/2016/02/10/u-s-director-of-national-intelligence-we-might-use-smart-home-devices-to-spy-on-you/. Inoltre, la chiara specifica di Technocracy è quella di controllare e monitorare tutta la distribuzione e il consumo di energia. Quindi, la carota che offri per aiutare i consumatori suona bene, ma è un'aringa rossa per un'immagine più ampia.