Tecnocrate in carica: la "grande narrativa" di Klaus Schwab per The Global Borg

Klaus SchwabPer gentile concessione del WEF
Per favore, condividi questa storia!
Non possiedi nulla ma non sarai felice. Sarai anche assimilato alla versione di Schwab dei Borg, dove la tecnologia impiantata ti renderà un docile servitore della razza dominante. Schwab è il campione indiscusso e il pifferaio magico della tecnocrazia, portando il mondo alla totale dittatura scientifica e al neofeudalesimo. ⁃ Editore TN

Ogni civiltà è costruita su strati di mitologia. Nel suo libro recentemente pubblicato, La grande narrativail fondatore e presidente del World Economic Forum, Klaus Schwab, promuove un nuovo mito globale basato sull'empatia e sulla cooperazione.

Questo è notevole considerando che cinque anni fa, in La quarta rivoluzione industriale, spiegò con calma che le società di successo del futuro sarebbero state colonie di termiti "intelligenti" che brulicavano di cyborg bipedi. Poi un anno e mezzo fa, a Il grande resetha dichiarato che la pandemia di COVID-19 "rappresenta una rara ma ristretta finestra di opportunità per riflettere, reimmaginare e ripristinare il nostro mondo", aprendo il passo a una tecnocrazia policentrica, possibilmente gestita su una valuta digitale cinese.

Poiché la maggior parte di noi non vuole diventare beneficiario del benessere bionico modificato dal gene, neuropotenziato, messo fuori lavoro dai robot, e poiché il suo accento suona come il cattivo della Stasi, Schwab è diventato una calamita per la colpa e l'odio popolare: un fascista per alcuni, comunista per altri, mente tecnocratica per molti.

Ora, come se tutti avessimo dimenticato i nostri sospetti, sta chiedendo una nuova narrazione, a grande narrativa, dove tutto ciò che serve è l'amore:

“Questa narrativa emergente è molto utile perché mostra che questa capacità di prendersi cura, un prerequisito per una collaborazione di successo, dipende da sentimenti, qualità ed emozioni che possono essere incoraggiate, promosse e persino insegnate. L'amore e l'affetto, pur possedendo una dimensione sociale, sono profondamente personali e difficili da emulare a livello sociale, ma altre qualità possono essere sfruttate più facilmente per il bene sociale. L'empatia (la capacità di comprendere e condividere i sentimenti di un altro) è una di queste".

Sapendo che Klaus Schwab controlla il principale hub ideologico globalista, il World Economic Forum, che esercita un'enorme influenza sulla nostra politica, in particolare attraverso i donatori, e sulla cultura aziendale attraverso i consigli di amministrazione, la sua "grande narrativa" è una grave preoccupazione. Segnala un quadro morale strategico, inteso a manipolare allo stesso modo i leader e le masse, in cui la volontà di sottomettersi è un bene e il rifiuto di obbedire è un male.

Mentre Schwab (e il suo co-autore costantemente ignorato, Thierry Malleret) agiscono come se il loro messaggio di empatia e cooperazione fosse un paradigma radicalmente nuovo, stanno attingendo da un pozzo profondo della scienza e della filosofia evoluzionistiche. L'ampia teoria sostiene che l'evoluzione darwiniana ha prodotto due strategie generali di sopravvivenza: competizione e cooperazione. Entrambi i tratti sono espressi, in proporzioni variabili, praticamente in ogni organismo. La chiave di questo quadro teorico è questa: organismi più cooperativi, come lupi, formiche o umani, supereranno gli organismi più solitari e "individualisti".

I pesci grandi mangiano i piccoli, ma un banco di pesci più grande li emargina entrambi.

Queste metafore riflettono abbastanza bene la nostra realtà umana, ma il significato cambia sotto la penna di un tecnocrate globalista che è deciso a diffondere "partenariati pubblico-privato" iperconnessi in tutto il pianeta, un superorganismo digitalizzato simile a un blob che consuma tutto sul suo cammino.

Per coloro che lottano contro la tecnocrazia globale, "cooperazione" significa capitolazione e "empatia" significa altruismo patologico.

La fantasia transumana di Herr Schwab

La grande narrativa si basa su cinque temi fondamentali, tutti familiari dai precedenti libri di Schwab: economia, ambiente, geopolitica e società, con un'enfasi maniacale sulla tecnologia:

“La speranza, e la possibilità di ottimismo, nascono dalla seguente osservazione: siamo in un momento storico in cui nuove scoperte e nuove tecnologie non seguono tassi di crescita lineari ma esponenziali, accelerando drasticamente l'innovazione. … Peter Diamandis [co-fondatore della Singularity University] crede che "nei prossimi 10 anni reinventeremo ogni settore" e "sperimenteremo più progressi rispetto agli ultimi 100 anni".

Sembra fantastico se vuoi un trode nella tua cupola, ma molti di noi non sono troppo entusiasti di fondere i nostri corpi e cervelli con la macchina.

Per comprendere i miti profondi dietro la Grande Narrativa, devi guardare indietro alla tesi di Schwab La quarta rivoluzione industriale, pubblicato nel 2016. Sostiene che le innovazioni delle tre precedenti rivoluzioni industriali - meccanica (motore a vapore, ferrovie), elettrica (lampadine, telefoni) e digitale (computer) - culmineranno in una quarta che trasformerà l'umanità stessa.

"La convergenza dei mondi fisico, digitale e biologico", scrive Schwab, "è al centro della quarta rivoluzione industriale".

Cosa significa in pratica? Nonostante il tono calmo e spassionato del libro - uno che suggerisce che un'IA ha semplicemente scansionato il cervello di Schwab e tradotto i suoi pensieri in testo - di tanto in tanto il lettore viene schiaffeggiato con un esempio stridente. Schwab è particolarmente ossessionato dalla biologia sintetica, dai bambini firmati, dall'intelligenza artificiale, dall'Internet of Things (IoT) e, soprattutto, dall'Internet of Bodies (IoB):

“Prendete in considerazione il monitoraggio remoto, un'applicazione diffusa dell'IoT. Qualsiasi pacco, pallet o container può ora essere dotato di un sensore, trasmettitore o tag di identificazione a radiofrequenza (RFID) che consente a un'azienda di tracciare dove si trova mentre si muove attraverso la catena di approvvigionamento: come sta funzionando, come viene utilizzato . … Nel prossimo futuro, sistemi di monitoraggio simili verranno applicati anche al movimento e al tracciamento delle persone”.

Schwab scrive di sorvegliare i movimenti umani con chip RFID come se prevedesse un clima caldo quest'estate. Vedi, zee rivoluzione industriale forzata “non sta solo cambiando il 'cosa' e il 'come' di fare le cose, ma anche 'chi' siamo. ... In poche parole, le principali innovazioni tecnologiche sono sul punto di alimentare cambiamenti epocali in tutto il mondo, inevitabilmente".

Che tipo di cambiamenti? L'appendice di 52 pagine, che comprende quasi un terzo del libro, ci dà una buona idea. Intitolata "Deep Shift", la sezione elenca ventitré "punti di svolta tecnologici e impatti sociali", attingendo a un sondaggio di 800 dirigenti, ovvero l'élite manageriale. L'elenco inizia con "tecnologie impiantabili", quindi passeggia allegramente tra "auto senza conducente", "esseri di design", "città intelligenti", "intelligenza artificiale e processo decisionale" e così via, con "neurotecnologie" che legano un fiocco nero come il carbonio alla fine.

"L'82% degli intervistati si aspettava [entro il 2025] il primo telefono cellulare impiantabile disponibile in commercio". Gli autori non specificano dove i chirurghi attaccheranno questo dispositivo, ma ho un suggerimento. Continuano a scrivere:

“Le persone stanno diventando sempre più connesse ai dispositivi e questi dispositivi stanno diventando sempre più connessi ai loro corpi. … Tatuaggi intelligenti e altri chip unici potrebbero aiutare con l'identificazione e la posizione. I dispositivi impiantati probabilmente aiuteranno anche a comunicare pensieri normalmente espressi verbalmente attraverso uno smartphone "integrato" e pensieri o stati d'animo potenzialmente inespressi leggendo le onde cerebrali o altri segnali".

In questo scenario cyborg, gli "impatti positivi" degli impianti includono una "riduzione dei bambini scomparsi". Quindi, se i genitori non vogliono essere negligenti, dovrebbero chippare i loro figli. "I tatuaggi digitali non solo hanno un bell'aspetto, ma possono svolgere attività utili, come sbloccare un'auto, inserire codici di telefoni cellulari... o tenere traccia dei processi corporei".

Anche se il 2016 e l'anno successivo hanno visto ondate di copertura del transumanesimo, da Il guardiano National Geographicil fatto che il World Economic Forum avesse dato la sua benedizione a una radicale rivoluzione transumanista restava in silenzio sullo sfondo. È come se nessuno dovesse parlarne.

Poi l'estate scorsa Schwab ha scritto rapidamente COVID-19: Il grande ripristino-così rapidamente, penseresti che avesse già il suo profilo pronto per il rollio. In questo volume sottile, dichiara apertamente un rito di iniziazione globale alla quarta rivoluzione industriale:

“Quasi istantaneamente, la maggior parte delle cose sono diventate 'e-cose': e-learning, e-commerce, e-gaming, e-book, e-presenza. ... Con la pandemia, la "trasformazione digitale" a cui tanti analisti si riferiscono da anni... ha trovato i suoi catalizzatori. Uno dei principali effetti del confinamento sarà l'espansione e la progressione del mondo digitale in modo deciso e spesso permanente".

Mentre gli esseri umani sono stati robotizzati, i robot sono stati umanizzati:

"Dall'inizio del blocco, è diventato evidente che i robot e l'intelligenza artificiale erano un'alternativa 'naturale' quando il lavoro umano non era disponibile. … La nostra paura persistente e forse duratura di essere infettati da un virus (COVID-19 o altro) accelererà così l'inarrestabile marcia dell'automazione. … Coloro che si adattano con agilità e immaginazione finiranno per trasformare la crisi del COVID-19 a proprio vantaggio”.

Senza vergogna, Il grande reset celebra questa "opportunità" senza precedenti di accelerare la "convergenza dei mondi fisico, digitale e biologico". Nella misura in cui Schwab si lamenta di ciò che è andato perso, lo fa come un paleontologo sorridente che scava in un mucchio di ossa di Triceratopo.

Schwab truffatore sta cercando l'amore

Il termine "altruismo patologico" è stato coniato da Barbara Oakley in un volume del 2011 con lo stesso nome. L'idea è che la gentilezza umana può virare verso il suicidio, qualsiasi cosa, dal diventare uno schiavo dell'amore al servizio dei dittatori. Nelle relazioni predatorie, la tua coscienza può essere usata come arma contro di te.

Sebbene il La grande narrativa è presumibilmente basato su conversazioni con "50 tra i più importanti pensatori e opinionisti globali del mondo", è un tentativo così sordo di mungere la gentilezza umana, mi chiedo se Klaus Schwab abbia chiesto a un generatore di testo AI come fare in modo che le persone smettano di odiarlo . Oltre alle "teorie del complotto" e all'automazione del lavoro, la preoccupazione centrale del libro è il cambiamento climatico, una "minaccia esistenziale" che solo gli esperti possono rilevare e solo la conformità globale può risolvere.

"Come possiamo rendere appetibili queste idee", chiede Schwab, "in modo che la grande maggioranza dei cittadini le abbraccino?"

La chiave è aumentare l'empatia e la cooperazione attraverso la narrazione. “[N]arrative modellano le nostre percezioni, che a loro volta formano le nostre realtà e finiscono per influenzare le nostre scelte e azioni. Sono il modo in cui troviamo un significato nella vita”. Schwab presta particolare attenzione alle "visioni distopiche" e ai "pregiudizi impliciti" sulla tecnologia fuori controllo.

Quindi il tecnocrate che ha fatto infuriare metà del pianeta promuovendo chip cerebrali e governance globale sta ora esortando i suoi servi a fare propaganda cosmica. Ad essere onesti, Schwab esprime preoccupazione per la criminalità informatica, la guerra dell'IA e l'uso improprio della biologia sintetica. Ma la sua soluzione? Più tecnologia, governo più forte e storie strappalacrime.

"Il primo passo fondamentale è capovolgere la narrativa dominante... che l'uomo è un lupo per un altro uomo." Chiunque abbia familiarità con la sorveglianza della Big Tech o il porno di omicidio del cartello della droga lo leggerebbe come un'assurdità assoluta, ma solo perché non comprende il "cablaggio" dietro il nostro "circuito" empatico:

“[S]poiché le nostre reti neurali sono predisposte per interagire con le reti neurali degli altri al fine di percepire le loro emozioni e differenziarle dalle nostre, la mancanza di empatia rende molto più difficile convivere senza litigare o sentirsi minacciati dagli altri. ... Un numero crescente di ricerche, in particolare nelle neuroscienze, mostra che "Se cambi idea, puoi cambiare il mondo"."

Pertanto, per imporre la cooperazione, le autorità devono attivare i circuiti di empatia del pubblico attraverso "politiche prosociali". Se questo non ti scalda il cuore, niente lo farà.

Un approccio specifico è stato formulato da Raghuram Rajan. Il suo schema "consiste nel 'rafforzare e responsabilizzare le comunità' [perché] la governance globale deve coesistere con il potere locale in un modo che la renda inclusiva". In caso contrario, rischi una “regressione populista”:

“Escluderanno i mercati globali e diventeranno esclusi, o escluderanno gli immigrati, e sarà l'America per i nativi americani. Quello che ho in mente è quello che chiamo 'localismo inclusivo'. … I confini circondano la tua comunità locale ma sono confini porosi. ... Chiunque voglia unirsi può entrare. "

Qualcosa mi dice che né il World Economic Forum né la Cina adotteranno presto il "localismo inclusivo". Per capire il senso di questa retorica, immagina un mondo in cui l'Occidente populista ha abbandonato le sue difese mentre le élite di tutto il mondo rafforzano le loro.

In definitiva, l'idea che i globalisti manipolino l'empatia per indebolire i loro oppositori dovrebbe essere irritante quanto il desiderio di colpire i crani con frammenti di cervello. Non che il vecchio Klaus si sia dimenticato di quelli:

“[Con la tecnologia] prevale un senso di grande ottimismo, un sentimento espresso da tutti gli scienziati che abbiamo intervistato per questo libro. Michio Kaku è andato più lontano. … 'Brain-net (quando la mente umana viene fusa con i computer) impiegheranno alcuni decenni per decollare, ma gli investitori ci stanno già saltando dentro.'”

Secondo Swindlin' Schwab, The Future™ è una tecnocrazia "inevitabile". Dopo aver tolto l'assurdo caldo e sfocato, il suo Grande narrazione è la storia di bambini di design con le antenne collegate alla testa che vagano per città intelligenti iperconnesse mentre i robot prendono il loro lavoro e gli immigrati invadono i loro confini, a causa del "cambiamento climatico" e della "disuguaglianza". Chiamami cinico, ma la scena finale della sua narrativa cosmica non sembra così bella.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

17 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

coronistan.blogspot.com

Spero che vivrà così a lungo da vedere che questo malato va all'inferno.

sto solo dicendo

Ci deve essere qualcosa nei vaccini Covid, sul serio, che fa impazzire le persone con le nanotecnologie! ECCO PERCHÉ ORA CI È FORZATA. https://en.wikipedia.org/wiki/Nanotechnology https://www.cas.org/resource/blog/understanding-nanotechnology-covid-19-vaccines https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7103321/ IO DICO NO, NESSUN MODO FELLA!

Ultima modifica 7 mesi fa di un utente anonimo
forestiero

Puoi provare che i vasi dell'uomo per natura non sono già a un tipo più avanzato di nanomacchina? Per sua natura è un veicolo biomeccanico di qualche tipo. non credo che l'uomo dovrebbe giocare a "dio", poi di nuovo l'ego dell'uomo ha già fatto uscire quel gatto dalla borsa non è vero? L'uomo per natura, se qualcuno è brutalmente onesto con se stesso, è chiaramente progettato per essere un animale da branco (vaso parlando). Allora quali sono i veri scopi dell'uomo.? O una scorta di cibo per alcune entità nefaste o da colonizzare eventualmente o come forma di... Per saperne di più »

elle

Questo è ciò che c'è nel colpo mortale. Finora scoperto e proprio qui in bianco e nero. La dichiarazione pubblica di Klaus Schwab del 2020 secondo cui "ogni essere vivente sul pianeta sarà saturo di idrogel entro la fine di quest'anno" è inequivocabile. Gli idrogel sono un sistema d'arma altamente sofisticato e una tecnologia di clonazione dell'mRNA diffusa tramite spray ariel o almeno così dicono i brevetti. Il mandato covid mondiale dei predatori spinge a iniettare a tutta l'umanità il loro colpo mortale si presenta così – (registrato in brevetti e confermato da microscopia): idrossido di grafene (lame di rasoio), ossido di grafene (veleno), tecnologia nano-sensore wireless ( sorveglianza e tracciamento), tecnologia di eliminazione dei geni... Per saperne di più »

Ultima modifica 7 mesi fa di elle
elle

Non andare mai su Wikipedia per informazioni. Operano come parte della Narrativa, qualunque sia l'attuale menzogna dello Stato. Non ci si può fidare di nessuna informazione. Il titolare del sito ha capitolato di cancellare tutte le informazioni che non possono contaminare con menzogne ​​senza ricorrere all'inserzionista.

Supportano 'storia revisionista' su base continuativa. Niente da loro è più che un punto di partenza per sillabare una parola o magari ottenere una data per ricercare informazioni veritiere da qualche altra parte. Fanno parte della macchina.

Ultima modifica 7 mesi fa di elle
Mary Baker

La frase migliore in questo articolo è: “Mentre gli esseri umani sono stati robotizzati, i robot sono stati umanizzati".

E prestare attenzione alle parole che usano e capire come le definiscono è illuminante: "Per coloro che lottano contro la tecnocrazia globale, "cooperazione" significa capitolazione e "empatia" significa altruismo patologico".

elle

Definito perfettamente!

[…] Leggi di più: Tecnocrate in carica: "Great Narrative" di Klaus Schwab per The Global Borg […]

[…] Leggi di più: Tecnocrate in carica: "Great Narrative" di Klaus Schwab per The Global Borg […]

Jones

Suggerimento:
The Bait Narrative come gioco di parole per la Great Narrative

elle

L'articolo è eccellente, ma riuscivo a malapena a leggerlo attraverso il mio lacrime di risate. CHE SCHERZO! Amare? L'uomo non ama NESSUNO. È un assassino di massa dell'umanità e dovrebbe essere arrestato, imprigionato e fritto. La mia risposta?

Smettila, Klaus. Non sei adatto per la terra. Per favore, parti con i tuoi amici!

Alfred

"I pesci grandi mangiano i piccoli, ma un banco di pesci più grande li emargina entrambi". Quello che intende veramente è che vogliono emarginare le acciughe in modo che quando lui ei suoi amici globalisti entrino in una frenesia alimentare e si sazino. Vogliono essere assolutamente sicuri che le acciughe non abbiano modo di armarsi e di vendicarsi contro i suoi simili, e siano obbligate ad accettare la loro signoria sull'umanità.

forestiero

Klaus Schwab è solo un front man. I fatti restano le multinazionali accumulano le conoscenze già date all'uomo per rendere verdi i deserti e liberare l'uomo dai "combustibili fossili". Rimane la possibilità che probabilmente vogliano che la CO2 faccia entrare la terra in modalità era glaciale. Mi chiedo come sarebbe la terra se mai un bambino venisse educato come i miliardari, gli ovvi bambini inclini alla meccanica si trasformano facilmente in quello. Mi chiedo come sarebbe la terra se al piccolo contadino venisse data tutta la conoscenza aggiornata delle Arance coltivate in serra in inverno con geotermia e assistenza... Per saperne di più »

Vittoria J

Niente più preoccupazioni! Se hai un programma fitto / stai lottando con i tuoi compiti a scuola, io gatchu
Ottieni il tuo compito/compiti a casa in pochissimo tempo con i migliori esperti con anni di esperienza pratica. Dai un'occhiata!
https://victoryessays.com/

trackback

[…] Tecnocrate in carica: "Great Narrative" di Klaus Schwab per The Global Borg […]