La Corte Suprema respinge il caso Trump Admin per arrestare la prova del riscaldamento globale

Corte suprema, Wikipedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
I giovani Oregoniani stanno citando in giudizio i federali per non aver affrontato l'inquinamento da carbonio da combustibili fossili e il caso non è ancora stato respinto dal tribunale. Il caso è incentrato su Eugene, il focolaio di sinistra dell'ambientalismo sulla costa occidentale. ⁃ Editor TN

La Corte Suprema degli Stati Uniti venerdì ha respinto per ora un'offerta dell'amministrazione del presidente Donald Trump per bloccare un processo in una causa intentata da giovani attivisti che hanno accusato il governo degli Stati Uniti di ignorare i pericoli del cambiamento climatico.

La perdita per l'amministrazione significa che ora affronta un esame di alto profilo della politica americana in materia di cambiamenti climatici durante il processo che doveva iniziare l'ottobre 29 a Eugene, Oregon, ma da allora è stato rinviato dal giudice.

Il giudice supremo John Roberts dell'ottobre 19 aveva temporaneamente sospeso il caso mentre il tribunale nel suo insieme aveva deciso come procedere.

L'ordinanza di tre pagine della Corte Suprema ha rilevato che l'amministrazione può ancora avere motivi per portare i suoi argomenti alla 9a Corte d'Appello del Circuito degli Stati Uniti con sede a San Francisco.

I giudici conservatori Clarence Thomas e Neil Gorsuch hanno dichiarato che avrebbero accolto la richiesta dell'amministrazione. Non c'era alcuna indicazione di come il nuovo incaricato alla Corte Suprema di Trump, il conservatore Brett Kavanaugh, abbia votato sulla questione.

Nella causa, gli attivisti di 21, di età compresa tra 11 e 22, hanno dichiarato che i funzionari federali hanno violato i loro diritti al giusto processo ai sensi della Costituzione degli Stati Uniti non riuscendo a contrastare adeguatamente l'inquinamento da carbonio come le emissioni derivanti dalla combustione di combustibili fossili.

La causa è stata presentata a 2015 contro l'ex presidente Barack Obama e le agenzie governative in un tribunale federale di Eugene, Oregon. Entrambe le amministrazioni di Obama e Trump hanno fallito negli sforzi per far respingere la causa.

L'amministrazione ha affermato che un'aula di tribunale non è la sede appropriata per un dibattito sulla politica in materia di cambiamenti climatici.

"Questa causa è un tentativo di reindirizzare le politiche ambientali ed energetiche federali attraverso i tribunali piuttosto che attraverso il processo politico, affermando un diritto nuovo e non supportato di un giusto processo fondamentale a determinate condizioni climatiche", ha detto in tribunale il procuratore generale dell'amministrazione Trump Noel Francisco.

Francisco ha osservato che i querelanti stanno cercando di ritenere il governo degli Stati Uniti responsabile per gli effetti cumulativi delle emissioni di anidride carbonica "da ogni fonte nel mondo per decenni".

Gli avvocati dei giovani attivisti, guidati da Julia Olson di un gruppo con sede a Eugene chiamato Our Children Trust che ha intentato la causa, hanno affermato che i loro clienti hanno subito "danni irreparabili" dagli effetti di un clima che cambia.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti