Studio: l'isolamento sociale aumenta del 50% il rischio di morte per tutte le cause

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
I modelli al computer che prevedono la morte di COVID-19 sono essi stessi armati verso un'agenda specifica perché riflettono solo un piccolo segmento di rischi per la società. Se avessero davvero lavorato per il bene dell'umanità, tutti questi fattori molto noti sarebbero stati inclusi. ⁃ Editor TN

Al giorno d'oggi, l'isolamento sociale è una parola sulla punta della lingua di tutti. Stare via dagli altri durante questa pandemia ci tiene al sicuro, ma un nuovo studio rileva che un prolungato isolamento sociale è anche abbastanza pericoloso.

I ricercatori avvertono che le persone socialmente isolate hanno oltre il 40% in più di probabilità di soffrire di infarto, ictus o altri importanti eventi cardiovascolari. Inoltre, socialmente isolato hanno quasi il 50% di probabilità in più di morire per qualsiasi causa.

È stata inoltre osservata una relazione tra mancanza di sostegno finanziario e aumento del rischio cardiovascolare.

Lo studio è stato condotto dalla dott.ssa Janine Gronewold e dal professor Dirk M. Hermann dell'ospedale universitario di Essen, in Germania. Hanno analizzato i dati su 4,316 persone (età media: 59 anni) che erano stati reclutati per la ricerca tra il 2000 e il 2003.

Tutti quei partecipanti inizialmente non avevano problemi cardiovascolari noti e sono stati monitorati per una media di 13 anni. Inizialmente, ogni adulto ha risposto alle domande sui propri sistemi di supporto sociale (stato civile, numero di amici stretti, appartenenza a vari gruppi, club, organizzazioni, ecc.).

“Lo sappiamo da tempo sentirsi soli o la mancanza di contatto con amici e parenti può avere un impatto sulla salute fisica ”, spiega il dott. Gronewold in a rilasciare. "Ciò che questo studio ci dice è che avere forti relazioni sociali è di grande importanza per la salute del tuo cuore e simile al ruolo dei classici fattori protettivi come avere una pressione sanguigna sana, livelli di colesterolo accettabili e un peso normale."

“Questa osservazione è di particolare interesse nella presente discussione sulla pandemia di COVID-19, dove sono o sono stati i contatti sociali pertinentemente limitato nella maggior parte delle società ", aggiunge il professor Jöckel, uno dei PI dell'HNR.

Nel corso di quel periodo di follow-up di 13.4 anni, si sono verificati 339 eventi cardiovascolari maggiori (infarti, ictus) e 530 decessi. Anche dopo che il team di ricerca ha tenuto conto di altri fattori di rischio potenzialmente contribuenti (anamnesi, programma di esercizi, ecc.), L'isolamento sociale era ancora collegato a un aumento del 44% del rischio di eventi cardiovascolari e un aumento del 47% del rischio di morte per qualsiasi causa. La mancanza di sostegno finanziario è stata associata ad un aumento del 30% del rischio cardiovascolare.

"Non capiamo ancora perché le persone socialmente isolate abbiano risultati di salute così scarsi, ma questa è ovviamente una scoperta preoccupante, in particolare durante questi periodi di prolungato allontanamento sociale", afferma Gronewold.

"Quello che sappiamo è che dobbiamo prenderlo sul serio, capire come le relazioni sociali influenzano la nostra salute e trovare modi efficaci per affrontare i problemi associati all'isolamento sociale per migliorare la nostra salute e la nostra longevità complessive", conclude il professor Hermann.

Lo studio è pubblicato nel Giornale europeo di neurologia.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti