Turno elettorale tettonico in Svizzera mentre il partito verde ottiene un punto d'appoggio

SvizzeraI membri del Swiss Green Party reagiscono dopo l'annuncio dei primi risultati durante le elezioni generali di ottobre 20, 2019 nella capitale svizzera Berna. - La Svizzera contava i voti in un'elezione che poteva vedere guadagni senza precedenti per i partiti che chiedevano un'azione coraggiosa per il clima e una possibile scivolata per la destra anti-immigrata. (Foto di Fabrice COFFRINI / AFP)
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La follia dei cambiamenti climatici ha permeato la cultura politica europea vista con l'ascesa del Partito verde in Svizzera. Per la prima volta, ha raggiunto l'13.2% del voto nazionale, superando notevolmente i risultati precedenti e persino le proprie aspettative. ⁃ Editor TN

Il Partito verde svizzero ha fatto progressi storici alle elezioni nazionali di domenica, mentre l'ala destra anti-immigrazione è rimasta il più grande partito in parlamento nonostante il suo sostegno.

I risultati definitivi hanno confermato una previsione pre-votazione secondo cui le crescenti preoccupazioni sui cambiamenti climatici scateneranno una "onda verde" elettorale.

I risultati segnano "uno spostamento tettonico", ha detto il presidente del Green Party Regula Rytz, e il partito di sinistra ha chiesto la "convocazione urgente di un vertice nazionale sul clima".

I Verdi hanno ottenuto il supporto 13.2 percentuale, superando la loro proiezione pre-elettorale e segnando un aumento di sei punti sulle loro prestazioni 2015.

Anche i Green Liberals - un partito ambientalista con politiche socio-economiche libertarie - hanno guadagnato terreno, prendendo 7.8 percento dei voti rispetto a meno del cinque percento in 2015.

"È più di un'onda, un'onda di marea su scala svizzera", ha detto lo scienziato politico Pascal Sciarini all'AFP.

L'attenzione si sposterà rapidamente sul fatto che i Verdi - o una coalizione dei due partiti ambientalisti - richiederanno una delle sette posizioni di gabinetto condivise tra i principali partiti politici.

Lo Swiss People's Party (SVP), che è stato più volte accusato di demonizzare i migranti, ha chiesto il 25.6 percento dei voti.

Ma questo è in calo rispetto alla percentuale 29.4 ottenuta in 2015.

Oscar Mazzoleni, politologo dell'Università di Losanna, ha dichiarato ad AFP che i risultati hanno mostrato che l'SVP ha lottato per attirare i giovani elettori, mentre la sua vecchia base elettorale era meno motivata a votare rispetto a 2015, quando la crisi migratoria dell'Europa era sulla "prima pagina".

L'SVP è anche l'unico grande partito che non si è impegnato a perseguire un'azione sul clima più audace, avendo denunciato costantemente "isteria climatica" nella politica svizzera.

"Sapevamo che avremmo avuto una battuta d'arresto", ha detto il senatore uscente SVP Oscar Freysinger su RTS.

"Ma il punto importante rimane che prima di salvare il pianeta dobbiamo salvare la sovranità svizzera", ha aggiunto.

A parte l'avvertimento sulle minacce dell'immigrazione, l'SVP ha anche costruito il suo marchio condannando l'influenza dell'Unione europea nella Svizzera di paesi terzi.

Sotto il sistema politico unico della Svizzera, le elezioni decidono che i legislatori della Camera bassa 200 e i senatori 46 sono eletti per un mandato di quattro anni, ma la composizione del Consiglio federale esecutivo non sarà decisa fino a dicembre.

Secondo la cosiddetta "formula magica" per la ripartizione del potere, sei seggi di gabinetto sono divisi equamente da SVP, Partito socialista e Partito democratico libero (PLR), con il centristo Democratico Cristiano che detiene il settimo posto.

La presidenza ruota ogni anno.

I Verdi sono arrivati ​​al quarto posto, battendo leggermente i Democratici Cristiani, ma non è chiaro quando si uniranno al governo.

La governance svizzera si basa fortemente sul consenso e molti hanno espresso riluttanza a rimuovere i cristiani democratici, che hanno prestato servizio in gabinetto da quando la formula è stata implementata in 1959 e rappresentano il blocco centrista della Svizzera.

I Verdi di sinistra preferirebbero prendere un seggio del Consiglio Federale dal PLR di destra, ma per farlo potrebbe dover stringere una difficile alleanza con i Green Liberals.

Ma il leader del partito Rytz ha chiarito che crede che i Verdi appartengano al governo.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
Sottoscrivi
Notifica