I tecnocrati sono i silenziosi rivoluzionari nel governo?

Wikimedia, Phil Whitehouse
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La tecnocrazia si sta affermando con forza in tutto il mondo e non sorprende che i tecnocrati abbiano teso questa trappola per decenni. Iniziata negli anni '1930, l'ideologia è cresciuta con l'avanzare della tecnologia per raggiungere il suo obiettivo di controllo totale sulla società.

In Australia, la rivoluzione della Tecnocrazia è molto visibile ei cittadini stanno subendo la pressione mentre scivolano nella tirannia e nella dittatura scientifica. ”TN Editor

La vista familiare sugli schermi televisivi degli ultimi mesi del primo ministro e dei capi di stato e di territorio affiancati, e spesso rinviando, ai loro esperti di salute senior, suggerisce una relazione comoda e totalmente praticabile tra coloro che sono stati eletti a governare e quelli con particolare competenza per contribuire.

C'è poco in ciò che abbiamo osservato che indichi tensioni, ma il dibattito in corso sul ruolo appropriato degli esperti in una democrazia rivela tensioni in abbondanza. In effetti, si potrebbe sostenere che non c'è problema più urgente sia nell'ordine pubblico che nel pensiero democratico di questo rapporto tra i governanti e gli esperti e, di conseguenza, tra ciò che la gente vuole e ciò su cui gli esperti concordano.

Non è solo un arido argomento accademico. Il ruolo altamente contestato degli esperti nel governo è ora ampiamente visto come un importante fattore che contribuisce all'aumento globale del populismo poiché i leader populisti esortano le persone a "riprendersi la vita". È un fattore significativo nell'attuale ascesa del nazionalismo in Europa, con i populisti che guidano l'accusa contro la "tecnocrazia antidemocratica" dell'Unione europea; ha svolto un ruolo cruciale nel dibattito sulla Brexit che ha portato la Gran Bretagna fuori dall'UE; ed è parte integrante dell'America di Donald Trump.

I parametri della discussione sono estremi all'estremo. Esse vanno dagli zeloti ad un'estremità dello spettro che sostengono la sostituzione dei politici con esperti in un sistema in cui i leader sono scelti per le loro abilità rilevanti e comprovate prestazioni, al contrario se si adattano o meno agli interessi della maggioranza della popolazione, a l'altra estremità dello spettro rappresentata da Donald Trump che, secondo Philip Rucker e Carol Leonnig nel loro libro, A Very Stable Genius, ha ripetutamente detto al suo capo dello staff John Kelly quando ha messo in fila esperti per informarlo: “Non voglio per parlare con chiunque. Ne so più di loro. Conosco meglio di chiunque altro. "

L'idea di tecnocrazia iniziò a svilupparsi all'inizio del XX secolo come un concetto di politica pubblica progettato per sostenere l'applicazione del metodo scientifico per risolvere i problemi sociali. Il termine fu coniato dall'ingegnere americano William Henry Smyth nel 20 e adottato come tema chiave dal sociologo ed economista Thorstein Veblen nel suo influente libro, Engineers and the Price System (1919).

Fu ulteriormente reso popolare da James Burnham nel suo largamente letto The Managerial Revolution (1941). Il termine è arrivato a significare "governo mediante processi decisionali tecnici". Come movimento sociale, la tecnocrazia ha guadagnato importanza, prevalentemente negli Stati Uniti e in Canada (ma anche in Germania e Unione Sovietica) brevemente negli anni '1930, sostenendo la sostituzione di politici eletti e uomini d'affari con scienziati, ingegneri ed economisti che avevano le conoscenze tecniche competenza per gestire l'economia e affrontare i problemi della Grande Depressione.

Il movimento è stato ispirato da Howard Scott, un ingegnere americano che considerava il governo e l'industria come uno spreco e ingiusto e sosteneva che un'economia gestita da ingegneri sarebbe stata sia efficiente che equa. Il movimento perse slancio con lo scoppio della seconda guerra mondiale, ma subì una rinascita più tardi nel secolo, in particolare in Francia negli anni '1960, dove si identificò con le prime teorie di Henry de Saint-Simon (1760-1825) che aveva predetto una società governato da scienziati e ingegneri. La sua attuale rinascita deve molto al lavoro dell'esperto di politiche pubbliche americano Frank Fischer, che, nel suo libro del 1990, Technocracy and the Politics of Expertise, ha sostenuto che la democrazia era "semplicemente incompatibile con le realtà di una complessa società post-industriale".

Per Fischer, la tecnocrazia era un "sistema di governo in cui esperti tecnicamente preparati governano in virtù della loro conoscenza specializzata e della loro posizione nelle istituzioni politiche ed economiche dominanti". Fischer ha sostenuto che non era tanto un'idea per il futuro, ma in realtà stava già accadendo, descrivendo un passaggio verso una "rivoluzione" tecnocratica "silenziosa" e "senza volto" mentre i nuovi tecnocrati sono emersi in una forma diversa.

Non si spacciano più come i "nuovi uomini" del futuro con grandi dichiarazioni sul progresso tecnologico e scientifico e il rifiuto schietto della politica convenzionale, questi tecnocrati attuali "si fanno modestamente avanti" come "servitori" organizzativi in ​​un linguaggio sommesso e pragmatico rivolto all'organizzazione e "imperativi" tecnici.

Questa rivoluzione silenziosa, secondo Fischer, non fu tanto una rottura con il passato, ma piuttosto servì come una "sorprendente continuità di idee tecnocratiche di base", facendo eco all'idea che la tecnocrazia fosse semplicemente una "dottrina intellettuale sempre ricorrente".

La crescente influenza tecnocratica sul processo decisionale è necessariamente sovversiva della democrazia? Ripensando ai tre decenni trascorsi da quando Fischer scrisse quelle parole, Anders Esmark dell'Università di Copenaghen, in un documento del 2017, ha sostituito l'idea di una rivoluzione silenziosa con un'affermazione più specifica: ciò a cui abbiamo assistito dagli anni '1980 è una rivoluzione tecnocratica portata avanti principalmente attraverso il paradigma della governance della politica pubblica e della riforma del settore pubblico.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti