Sondaggio: il mondo sta girando contro il capitalismo

CapitalismoWikimedia Commons, Jonny White
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La guerra di propaganda delle Nazioni Unite contro il capitalismo e la libera impresa sta dando i suoi frutti mentre un nuovo sondaggio globale mostra che il 56% concorda sul fatto che il capitalismo fa più male che bene. Lo sviluppo sostenibile, noto anche come Technocracy, è l'unica alternativa offerta. ⁃ Editor TN

Una maggioranza di persone in tutto il mondo crede che il capitalismo nella sua forma attuale stia facendo più male che bene, un sondaggio trovato prima dell'incontro di Davos di questa settimana tra leader politici e commerciali.

Quest'anno è stata la prima volta che il "Barometro della fiducia di Edelman", che per due decenni ha interrogato decine di migliaia di persone sulla loro fiducia nelle istituzioni centrali, ha cercato di capire come fosse visto il capitalismo stesso.

Gli autori dello studio hanno affermato che precedenti sondaggi che mostravano un crescente senso di disuguaglianza li spingevano a chiedere se i cittadini stavano iniziando a nutrire dubbi più fondamentali sulle democrazie occidentali a base capitalista.

"La risposta è sì", David Bersoff, ricercatore capo dello studio prodotto dalla società di comunicazione americana Edelman.

"Le persone si chiedono a quel livello se ciò che abbiamo oggi, e il mondo in cui viviamo oggi, sia ottimizzato per avere un buon futuro".

Il sondaggio ha contattato oltre 34,000 persone in 28 paesi, dalle democrazie liberali occidentali come gli Stati Uniti e la Francia a quelle basate su un modello diverso come la Cina e la Russia, con il 56% che ha concordato che "il capitalismo come esiste oggi fa più male che bene in il mondo".

L'indagine è stata lanciata nel 2000 per esplorare le teorie dello scienziato politico Francis Fukuyama, che dopo il crollo del comunismo dichiarò che la democrazia capitalista liberale aveva scardinato le ideologie rivali e rappresentava quindi "la fine della storia".

Tale conclusione è stata successivamente contestata dai critici che puntano a tutto, dalla crescente influenza della Cina alla diffusione di leader autocratici, protezionismo commerciale e peggioramento della disuguaglianza sulla scia della crisi finanziaria globale del 2007/08.

A livello nazionale, la mancanza di fiducia nel capitalismo è stata la più alta in Tailandia e India rispettivamente nel 75% e nel 74%, con la Francia vicina al 69%. La maggioranza prevalse in altri stati asiatici, europei, del Golfo, dell'Africa e dell'America Latina.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
3 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
2 Autori di commenti
justsayinvia di mezzo Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica
via di mezzo
ospite
via di mezzo

Se hai un "gruppo" che detiene le redini dell'offerta di moneta globale da oltre cento anni e il denaro non è il suo obiettivo principale, sembra che siamo ben all'interno del cerchio della fine del gioco.

justsayin
ospite
justsayin

Che peccato che il lavaggio del cervello funzioni. Quando lo stato possiede tutto, terra, aria, mare e ogni singola cosa vivente, e anche tu. Non solo cose viventi, ma tutti i materiali che sono realizzati e coltivati, acquistati e venduti. Ora questo è quello che succederà di sicuro, puoi sicuramente contare su di esso. “E fa sì che tutti, sia piccoli che grandi, ricchi e poveri, liberi e obbligati a ricevere un segno nella loro mano destra o nella loro fronte: E che nessun uomo possa comprare o vendere, salvo colui che aveva il marchio o il nome... Leggi di più "