Snowden: Facebook è una società di sorveglianza rinominata "social media"

La proverbiale "porta sul retro" della sorveglianza
Per favore, condividi questa storia!
"Segui i dati, segui il potere." I tecnocrati si fanno conoscere quando grandi quantità di dati vengono aspirati, non necessariamente per dare un senso a qualcosa, ma semplicemente per la raccolta e l'accumulo di dati. Questo è il segno distintivo della Tecnocrazia. Tutte le principali piattaforme di social media sono state cooptate per fornire dati a chiunque pagherà per questo. ⁃ TN Editor

Edward Snowden, informatore della NSA ed ex dipendente della CIA, ha sbattuto Facebook in un tweet di sabato a seguito della sospensione di Strategic Communication Laboratories (SCL) e della sua società di analisi dei dati politici, Cambridge Analytica, su quello che Facebook afferma come imporoper l'uso dei dati raccolti.

In poche parole, nel 2015 Cambridge Analytica ha acquistato i dati da un professore di psicologia dell'Università di Cambridge, il dottor Aleksandr Kogan, che aveva sviluppato un'app chiamata "thisisyourdigitallife" che ha aspirato un sacco di informazioni sugli utenti e sui loro contatti. Dopo aver fatto promettere a Kogan e Cambridge Analytica di eliminare i dati raccolti dall'app, Facebook ha ricevuto segnalazioni (da fonti che non avrebbero identificato) che affermavano che non tutti i dati erano stati eliminati, il che ha portato il gigante dei social media a eliminare Cambridge Analytica e il genitore. conti della società SCL.

“Trasmettendo informazioni a terzi, tra cui SCL / Cambridge Analytica e Christopher Wylie di Eunoia Technologies, ha violato le politiche della nostra piattaforma. Quando abbiamo appreso di questa violazione in 2015, abbiamo rimosso la sua app da Facebook e richiesto le certificazioni da Kogan e da tutte le parti a cui aveva fornito i dati per la distruzione delle informazioni. Cambridge Analytica, Kogan e Wylie ci hanno certificato di aver distrutto i dati. ”-Facebook

Da notare, Cambridge Analytica ha lavorato per Ted Cruz e Ben Carson durante le elezioni di 2016 prima di contrattare con la campagna di Trump. Cruz ha smesso di usare CA dopo che la modellizzazione dei dati non è riuscita a identificare i probabili sostenitori. 

Cambridge Analytica ha con veemenza negato qualsiasi illecito in un comunicato.

In risposta al divieto, Edward Snowden sabato ha lanciato due tweet criticando Facebook, e ha affermato che le società di social media erano semplicemente "società di sorveglianza" che si sono impegnate in un "inganno di successo" cambiando il marchio.

Snowden non è il primo grande nome a chiamare in causa le aziende della Silicon Valley per le loro pratiche di raccolta e monitoraggio dei dati, o per la loro famigerata intersezione con il governo degli Stati Uniti.

Nel suo libro 2014: Quando Google Met WikiLeaks, Julian Assange descrive lo stretto rapporto di Google con la NSA e il Pentagono.

Più o meno nello stesso periodo, Google veniva coinvolta in un programma noto come "Enduring Security Framework" (ESF), che prevedeva la condivisione di informazioni tra le società tecnologiche della Silicon Valley e le agenzie affiliate al Pentagono "alla velocità della rete". Le e-mail ottenute in 2014 in base alle richieste di Freedom of Information mostrano che Schmidt e il suo collega Googler Sergey Brin corrispondono in termini di nome con il capo generale dell'NSA Keith Alexander a proposito dell'ESF Reportage sulle e-mail incentrate sulla familiarità nella corrispondenza: “Generale Keith. . . così bello vederti. . . ! ”Ha scritto Schmidt. Ma la maggior parte dei rapporti ha trascurato un dettaglio cruciale. “Le tue intuizioni come membro chiave della base industriale della difesa ", ha scritto Alexander a Brin," sono preziose per garantire che gli sforzi dell'FSE abbiano un impatto misurabile ". -Julian Assange

Kim Dotcom ha anche espresso un'opinione sugli stretti legami dei social media con il governo, twittando a febbraio “Sfortunatamente tutte le grandi società Internet statunitensi sono a letto con lo stato profondo. Google, Facebook, YouTube, Twitter e così via forniscono backdoor ai tuoi dati ".

In 2013, l' Il Washington Post e Il guardiano ha rivelato che la NSA ha accesso backdoor a tutte le principali società di social media della Silicon Valley, tra cui Microsoft, Yahoo, Google, Facebook, PalTalk, AOL, Skype, YouTube e Apple, il tutto attraverso il famigerato programma PRISM avviato nel 2007 sotto Protect America Atto. L'esistenza di PRISM è trapelata da Edward Snowden prima che entrasse in un asilo in corso a Mosca. Microsoft è stata la prima azienda ad aderire al programma PRISM.

L'NSA ha la capacità di estrarre qualsiasi tipo di dato che gli piace da queste aziende, ma afferma di non tentare di raccoglierli tutti. Il programma PRISM va ben oltre le leggi esistenti secondo cui le società statali devono conformarsi alle richieste di dati del governo, in quanto fornisce alla NSA accesso diretto ai server di ciascuna società, essenzialmente lasciando che la NSA faccia ciò che vuole. -La Verge

Dopo che Snowden ha fatto trapelare l'esistenza di PRISM, il direttore della National Intelligence ha rilasciato una dichiarazione in cui si afferma che le uniche persone prese di mira dai programmi sono "fuori dagli Stati Uniti" e che il programma "non consente" di prendere di mira i cittadini all'interno dei confini degli Stati Uniti. .

Nel 2006, Wired La rivista ha pubblicato prove di un tecnico delle comunicazioni AT&T in pensione, Mark Klein, che ha rivelato una stanza segreta utilizzata per "dividere" i dati di Internet in un ufficio di San Francisco come parte delle tecniche di raccolta dati di massa della NSA utilizzate su milioni di americani.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] i ren okunskap, för jag tror inte de tjänar pengar på det, men Facebook kan varken jag, Edward Snowden, Rob Braxman e Richard Stallman […]