Snap: i fisici Microsoft pensano che l'universo sia un computer ad autoapprendimento

Immagine: Nasa
Per favore, condividi questa storia!
Questo è un perfetto esempio di una mente tecnocratica andata all'estremo, persa nella teoria e che gira incautamente fuori controllo. In breve, il design dell'universo e la vita in esso è un prodotto dell'intelligenza e del design spontanei, mentre negano l'esistenza di Dio come un mito sciocco. ⁃ TN Editor

Un team di fisici teorici che lavorano con Microsoft oggi ha pubblicato un fantastico documento di ricerca pre-stampa descrivere l'universo come un sistema di autoapprendimento delle leggi evolutive.

In altre parole: viviamo all'interno di un computer che impara.

La grande idea: Bostrom's Argomento di simulazione ultimamente è stato un argomento caldo nei circoli scientifici. Abbiamo pubblicato "E se vivessi in una simulazione, ma non ci fosse un computer"Di recente per ipotizzare una teoria diversa, ma Microsoft ha tirato un" tieni la mia birra "cosmico con questo documento.

Soprannominato "The Autodidactic Universe" e pubblicato su arXiv oggi, il giornale si estende su 80 pagine e presenta un argomento superficiale abbastanza buono per una teoria del tutto inedita e sfumata.

Ecco la mia opinione: Sulla base della mia interpretazione di questo articolo, l'universo sarebbe esistito o non sarebbe esistito. Il fatto che esista ci dice come ha funzionato. Qualunque artifizio (legge) abbia fatto sì che ciò accadesse, preparò il terreno per qualunque cosa sarebbe accaduta dopo.

L'articolo sostiene che le leggi che governano l'universo sono un sistema di apprendimento evolutivo. In altre parole: l'universo è un computer e, anziché esistere allo stato solido, si perpetua attraverso una serie di leggi che cambiano nel tempo.

Come funziona? Questa è la parte difficile. I ricercatori spiegano l'universo come un sistema di apprendimento invocando sistemi di apprendimento automatico. Proprio come possiamo insegnare alle macchine a svolgere funzioni di dispiegamento nel tempo, cioè a imparare, le leggi dell'universo sono essenzialmente algoritmi che funzionano sotto forma di operazioni di apprendimento.

Secondo i ricercatori:

Ad esempio, quando vediamo strutture che assomigliano ad architetture di apprendimento profondo emergere in semplici sistemi autodidattici, potremmo immaginare che l'architettura della matrice operativa in cui il nostro universo evolve leggi, essa stessa si è evoluta da un sistema autodidatta che nasce dalle condizioni di partenza più minime possibili?

È poetico, se ci pensi. Comprendiamo le leggi della fisica mentre le osserviamo, quindi ha senso che la legge fisica originale sia incredibilmente semplice, che si autoalimenta e in grado di apprendere ed evolversi.

Forse l'universo non è iniziato con un Big Bang, ma una semplice interazione tra particelle. I ricercatori alludono a questa umile origine affermando che "le architetture dell'informazione in genere amplificano i poteri causali di raccolte piuttosto piccole di particelle".

Cosa significa? Se me lo chiedi, il gioco è truccato. Gli scienziati descrivono le leggi dell'universo in continua evoluzione come irreversibili:

Un'implicazione è che se l'evoluzione delle leggi è reale, è probabile che sia unidirezionale, perché altrimenti sarebbe comune per le leggi tornare a stati precedenti, forse anche più probabile che per loro di trovare un nuovo stato. Questo perché un nuovo stato non è casuale, ma piuttosto deve soddisfare determinati vincoli, mentre lo stato passato immediato ha già soddisfatto i vincoli.

Un sistema reversibile ma in evoluzione esplorerebbe frequentemente il suo passato immediato. Quando vediamo un sistema in evoluzione che mostra periodi di stabilità, probabilmente si evolve unidirezionalmente.

Nell'illustrare questi punti, i ricercatori invocano l'immagine di un esperto di medicina legale che tenta di ricreare il modo in cui un determinato programma è arrivato a un risultato. In un esempio, l'esperto potrebbe semplicemente controllare i segni magnetici lasciati sul disco rigido. In questo modo, i risultati del programma sono reversibili: esiste una cronologia della loro esecuzione.

Ma se lo stesso esperto cercasse di determinare i risultati di un programma esaminando la CPU, probabilmente l'entità più responsabile della sua esecuzione, sarebbe molto più difficile da fare. Non esiste una registrazione interna intenzionale delle operazioni eseguite da una CPU.

Dovresti esaminare come ogni particella che ha interagito con le sue porte logiche durante le operazioni è cambiata per iniziare a dipingere il quadro storico di un programma per computer attraverso l'osservazione interna della sua CPU al lavoro.

Le conseguenze: Se l'universo funziona tramite un insieme di leggi che, sebbene inizialmente semplici, sono autodidattiche (autoapprendimento) e quindi capaci di evolversi nel tempo, potrebbe essere impossibile per gli esseri umani unificare la fisica.

Secondo questo documento, le regole che hanno governato concetti come la relatività potrebbero aver avuto conseguenze operative funzionalmente diverse 13.8 miliardi di anni fa rispetto a 100 trilioni di anni da oggi. E questo significa che la "fisica" è un bersaglio in movimento.

Naturalmente, questa è tutta una speculazione basata sulla fisica teorica. Sicuramente i ricercatori non intendono letteralmente che l'universo sia un computer, giusto?

Secondo il giornale:

Stiamo esaminando se l'Universo è un computer che apprende.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Stephen Langley

Nel contesto tecnologico odierno questa è una metafora appropriata. Tuttavia, il "tema della creazione" è stato delineato più accuratamente in un contesto spirituale moderno da un "Maestro perfetto" spirituale (e imo, l'autorità spirituale della nostra epoca attuale), Meher Baba. Nel suo libro "God Speaks" spiega l'evoluzione della coscienza "dalla Divinità inconscia alla Divinità cosciente" attraverso l'evoluzione della coscienza individualizzata. E non si basa su metafora o teoria. L'intelligenza infinita e l'immaginazione infinita stanno creando, attraverso di noi, l'universo fenomenico, cioè la grande illusione ("maya") della realtà "falsa fenomenica" ... un grande paradosso che include sia le attuali illusioni... Per saperne di più »

sto solo dicendo

Il tuo Meher Babas è solo un altro anti-Cristo tra i tanti. “Allora se qualcuno vi dirà: Ecco, qui è Cristo, o là; non ci credo. Poiché sorgeranno falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi segni e prodigi; tanto che, se fosse possibile, inganneranno gli stessi eletti ". Matteo 24: 23-24. Perché non leggere la Bibbia? https://www.kingjamesbibleonline.org/

Giorgio

Questo è ciò che accade quando gli atei iniziano a gestire le cose.

Val Valeriana

I tecnocrati meccanicistici sono intellettualmente miopi e bloccati nel riduzionismo materiale. L'idea di altri livelli di realtà e la natura dello Spirito individuale li sfuggirà sempre. È un problema con questi reincarnati ... stessa psiche ... vita dopo vita ... un processo LENTO e sono ciechi a qualsiasi cosa diversa da ciò a cui sono abituati. Una volta che progrediscono, lo vedranno in modo diverso, ma per ora sono un dolore esperienziale nel sedere per gli altri. Mi piacerebbe vedere cosa pensano quando avanzano nella loro evoluzione e hanno incarnazioni (spirito che usa un corpo per raccogliere esperienze)... Per saperne di più »

Devon Wesley

“Gli scienziati di oggi pensano profondamente invece che chiaramente. Bisogna essere sani di mente per pensare chiaramente, ma si può pensare profondamente ed essere abbastanza pazzi "- Nikola Tesla Mi piace come questa storia dell'origine coinvolga l'interazione di due particelle, nonostante i fisici sappiano che le particelle sono solo costituite da una forma elettromagnetica frequenza, quindi chiaramente le particelle non hanno dato inizio all'universo. Questo articolo scientifico sembra più una riscrittura della Kabbalah che uno sforzo scientifico. Il cambiamento delle leggi fisiche è solo la rivisitazione della storia di Marte e Giove che sconfiggono Saturno? La caduta di... Per saperne di più »

Fred Herschelman

Bene, abbiamo fatto molta strada. Quando ero molto più giovane ho imparato che l'universo cavalcava sul dorso di una tartaruga gigante. E, quando qualcuno ha chiesto con curiosità dove si trovava la tartaruga gigante, è stato spiegato che la tartaruga gigante cavalcava sul dorso di un'altra tartaruga gigante e così via. Ora, le nostre nuove intuizioni hanno dimostrato che no, questo non è corretto. Invece, abbiamo imparato che l'universo vive nelle viscere di una simulazione al computer. E, naturalmente, è ovvio a tutti che la simulazione al computer esiste all'interno di un'altra simulazione al computer... Per saperne di più »