Shock: il nonno di Elon Musk era a capo del movimento tecnocratico canadese

Dr. Joshua Haldeman con sua moglie Winnifred. Foto: Scott Haldeman
Per favore, condividi questa storia!
Questa è una storia da leggere. TN ha identificato Elon Musk come un tecnocrate sulla base di credenze e azioni. Quello che non sapevamo è che suo nonno canadese, Joshua Haldeman, era un avido sostenitore di Technocracy, è stato direttore della ricerca e alla fine è diventato il capo del partito Technocracy, Inc. in Canada. Per tutti i dettagli sulla moderna tecnocrazia, si consiglia al lettore di leggere Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation di Patrick Wood. ⁃ Editor TN

Uno dei temi ricorrenti della storia è che la tecnologia a volte supera la società, lasciando senza fiato i politici al passo con le conseguenze. Così è stato con l'impatto della macchina da stampa, del motore a vapore e del computer. Probabilmente, così è ancora oggi con l'editing genetico, i social media e l'intelligenza artificiale.

Mentre i tecnologi spesso sostengono che i politici semplicemente non "ottengono" la tecnologia, i politici contrastano che i tecnologi troppo raramente afferrano la politica.

Un esempio affascinante di entrambe le parti del dibattito è stata la storia del movimento tecnocratico che fiorì brevemente in Nord America negli 1930. La "rivolta degli ingegneri", come veniva chiamata, contiene alcune lezioni interessanti per oggi.

Era comprensibile che i movimenti radicali emersero negli Stati Uniti negli 1930 in risposta alla Grande Depressione, proprio mentre il comunismo e il fascismo proliferavano in Europa. Il movimento per la tecnocrazia ha sostenuto che il modo migliore per uscire dalla crisi era rifiutare il disordine del mercato e la politica vecchio stile e adottare un "punto di vista scientifico moderno".

Nella loro introduzione alla tecnocrazia, pubblicata su 1933, i leader del movimento hanno dichiarato che il "riff-raff" delle istituzioni sociali obsolete stava bloccando il progresso e che i politici dovevano essere spazzati via, proprio come gli alchimisti e gli astrologi avevano precedentemente ceduto il passo alla scienza. L'economia tradizionale, ossessionata dai meccanismi arbitrari di determinazione dei prezzi piuttosto che dalla produzione razionale, non era altro che la "patologia del debito".

“In contrasto con i modi subdoli della politica, i metodi instabili della finanza e degli affari. . . abbiamo i metodi della scienza e della tecnologia ", ha dichiarato il manifesto del movimento. "Il buon senso moderno sta ora invocando la scienza e la tecnologia fisica per estendere le frontiere del loro dominio."

Lo storico William E Akin ha identificato tre sorgenti per tecnocrati in erba: una moda crescente per una pianificazione centralizzata tra i riformisti progressisti; la mitologia popolare dell'ingegnere come salvatore della società americana; e le teorie della gestione scientifica di Frederick W Taylor.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

17 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
trackback

[…] Nel frattempo, ecco alcune informazioni di base per il nonno canadese di Elon Musk, Joshua Norman Haldeman, che ho appreso per la prima volta da Patrick Wood “era un avido sostenitore della tecnocrazia, è stato direttore della ricerca e alla fine è diventato il capo di il partito Technocracy, Inc. in Canada”. Fonte: https://www.technocracy.news/shock-elon-musks-grandfather-was-head-of-canadas-technocracy-movement/ [...]

Ammiraglio Nimby

Ho appena trovato questo URL
è un sito web di Technocracy Inc.?

Patrick Wood

Assolutamente no. Technocracy News & Trends offre un'analisi critica della tecnocrazia.

[…] America, la tecnocrazia si sarebbe diffusa in altre parti del mondo e in particolare in Canada, dove il suo capo, il dottor Joshua Haldeman, era il nonno di Elon Musk. Il movimento proponeva di riorganizzare la società su una serie di […]

[…] America, la tecnocrazia si sarebbe diffusa in altre parti del mondo e in particolare in Canada, dove il suo capo, il dottor Joshua Haldeman, era il nonno di Elon Musk. Il movimento proponeva di riorganizzare la società su una serie di […]

[…] America, la tecnocrazia si sarebbe diffusa in altre parti del mondo e in particolare in Canada, dove il suo capo, il dottor Joshua Haldeman, era il nonno di Elon Musk. Il movimento proponeva di riorganizzare la società su una serie di […]

[…] America, la tecnocrazia si sarebbe diffusa in altre parti del mondo e in particolare in Canada, dove il suo capo, il dottor Joshua Haldeman, era il nonno di Elon Musk. Il movimento proponeva di riorganizzare la società su una serie di […]

[…] Großvater von Elon Musk, Joshua Haldeman, war der Präsident der in Kanada verbotenen Partei Technocracy Inc. Die von […]

trackback

[…] Elon Musks bedtefar, Joshua Haldeman, var formand for partiet Technocracy Inc., qualche forbudt in Canada. Det teknokrati, som mange totalitære fortalere går ind for, er troen på brugen af ​​​​videnskab, Automatisering og social teknik til at allokere naturressourcer og økonomi samt til at styre samfundet fra oven og ned. […]

trackback

[…] Elon Musks bedtefar, Joshua Haldeman, var formand for partiet Technocracy Inc., qualche forbudt in Canada. Det teknokrati, som mange totalitære fortalere går ind for, er troen på brugen af ​​​​videnskab, Automatisering og social teknik til at allokere naturressourcer og økonomi samt til at styre samfundet fra oven og ned. […]

trackback

[…] hatte dort zunächst den Posten des Forschungsdirektors inne und wurde später gar langjähriger Vorsitzender der “Technocracy, Inc.” […]

[…] Per saperne di più: il nonno di Elon Musk era a capo del movimento tecnologico canadese […]

[…] Per saperne di più: il nonno di Elon Musk era a capo del movimento tecnologico canadese […]

[…] Per saperne di più: il nonno di Elon Musk era a capo del movimento tecnologico canadese […]

trackback

[…] hatte dort zunächst den Posten des Forschungsdirektors inne und wurde später gar langjähriger Vorsitzender der “Technocracy, Inc.” […]

[…] Shock: il nonno di Elon Musk era a capo del movimento tecnologico canadese […]