Sharyl Attkisson: come i propagandisti hanno cooptato i "fattori di verifica" e la stampa per controllare il panorama delle informazioni

Per favore, condividi questa storia!
La propaganda è stata l'arma scelta dai tecnocrati per applicare la loro cosiddetta "scienza dell'ingegneria sociale" al fine di indurre le persone ad accettare la tecnocrazia. Questa è un'iniziativa globale e i dettagli sono analizzati da Sharyl Attkisson, cinque volte vincitrice dell'Emmy Award. ⁃ Editore TN

"Praticamente ogni informazione che può essere cooptata è stata, che si tratti di Wikipedia online, dei fact-checker, delle notizie", afferma la giornalista investigativa Sharyl Attkisson, cinque volte vincitrice di un Emmy Award. "Tutto questo fa parte di un panorama molto ben finanziato e ben organizzato che detta e inclina le informazioni che vogliono che abbiamo".

Attkisson è l'ospite di Misura piena e autore di "Slanted: come i media ci hanno insegnato ad amare la censura e l'odio al giornalismo".

Signor Jekielek: Sharyl Attkisson, è un vero piacere riaverti su American Thought Leaders.

Signora Attkisson: Grazie per avermi

Signor Jekielek: Sharyl, ho pensato al tuo libro Slanted. Hai scritto questo pre-COVID. Il sottotitolo, questo è vicino: come i media ci hanno insegnato ad amare la censura e ad odiare il giornalismo. Penso che stavi vedendo qualcosa di molto profondo, prima di molti.

Signora Attkisson: Parte del motivo, non è che io sia così preveggente, è che il tipo di reportage che faccio mi si presta a vedere o essere soggetto a tendenze nei media e nella propaganda che in seguito diventano più diffuse. Sono un po' all'avanguardia nel vederlo a volte. E posso guardarlo e vedere cosa sta succedendo nel paesaggio.

Quando dico come i media ci hanno insegnato ad amare la censura e a odiare il giornalismo, mi riferisco al fenomeno che prima del 2015, 2016, e ho guardato questo per assicurarmi di essere in linea con la mia memoria, non c'era nessun grande movimento che chiedeva l'elemosina. Tech o terze parti o verificatori di fatti per mettersi tra noi e le nostre informazioni aperte online o sulle notizie. Nessuno ci avrebbe pensato, almeno su larga scala.

Eppure, ora eccoci qui solo un paio d'anni dopo, dopo un'importante campagna per controllare le informazioni sui notiziari e online, in cui molte persone abbracciano l'idea che qualche terza parte non sa nulla i cui fili sono tirati da qualche azienda o gli interessi politici si stanno inserendo e ci dicono cosa possiamo e non possiamo vedere e leggere, e cosa dovremmo credere. Eppure, le persone lo stanno abbracciando, anche nei media, e ne chiedono di più. Non avrei mai pensato che, solo un paio di anni fa, sarebbe stato così.

Signor Jekielek: Alcune delle cose che sono verificate sono bizzarre. Screenshot queste cose periodicamente. Ti "verificano" e poi si posiziona sul tuo feed". Rimane su Twitter per due giorni.

Signora Attkisson: Destra.

Signor Jekielek: Cosa stai cercando di farmi qui? L'intero fenomeno è strano. Avrai queste persone che in realtà non sono persone qualificate per il controllo dei fatti come il dottor Robert Malone, un esperto di tecnologia dei vaccini. È solo un po' bizzarro.

Signora Attkisson: Bisogna capire, come ho cercato di descrivere, che quasi ogni modalità di informazione è stata cooptata, se può essere cooptata, da qualche gruppo. Anche i fact-check non sono diversi. Sono stati cooptati in molti casi o creati allo scopo di distribuire narrazioni e propaganda. Il tuo buon senso è accurato quando ti dice che il modo in cui hanno scelto questo fact-check e come hanno deciso di esprimerlo in modo da poter dire che questa cosa non è vero. In fondo il fatto è proprio vero, ma il messaggio che stanno cercando di inviare è che non dovresti crederci.

Il tuo buon senso ha ragione. Questo è stato creato come parte di uno sforzo di propaganda da parte di qualcuno, da qualche parte, come parte di una narrativa da distribuire al pubblico. Quindi praticamente ogni informazione che può essere cooptata è stata, che si tratti di Wikipedia online, dei fact-checker, delle notizie o di Snopes. Molte persone andavano a Snopes e dicevano: "Questo è un posto in cui posso trovare la verità".

Potrebbero non capire che anche Snopes in molti casi è stato cooptato. Guardo healthfeedback.org, che è un falso gruppo scientifico utilizzato da Facebook e altre società Big Tech per sfatare cose scientifiche che spesso sono effettivamente vere e tenerle dove verranno ritirate dal tuo feed. Qualcuno potrebbe essere ritirato dai social media sulla base di questi falsi fact-checker, queste persone che si definiscono scienziati dicendo che qualcosa è o non è corretto. Tutto questo fa parte di un panorama molto ben finanziato e ben organizzato che detta e inclina le informazioni che vogliono che abbiamo.

Signor Jekielek: Hai detto che nel 2015, 2016 c'è stato uno strano punto di svolta. Questo è quello che ricordo anche io. Stavo guardando emergere queste narrazioni molto comuni tra molti media aziendali, in cui tutti parlavano all'unisono. Mi ha ricordato il tipo di attività dei media nella Cina comunista, dove l'agenzia di stampa Xinhua dice a tutti i punti di discussione corretti. Alcune persone mi hanno detto: “Oh, questo è esistito prima. “ Ma qualcosa è cambiato allora. Cosa è cambiato?

Signora Attkisson: C'è stato a lungo uno sforzo, ovviamente, per dare forma alle informazioni. E si spera che i media che mi spingono, ti tirano indietro siano stati i giornalisti che cercavano di respingere gli sforzi organizzati per assicurarsi che alcune informazioni non venissero fuori. l'ho notato. Direi all'inizio degli anni 2000 che invece di cercare solo di dare forma alle informazioni - è stata una sorpresa per me mentre raccontavo storie dell'industria farmaceutica, cosa che mi era stato assegnato di fare al notiziario della CBS, insieme a molte persone nei media - il respingimento è diventato più di impedire che una storia andasse in onda o impedire che uno studio fosse riportato nelle notizie, non solo dare l'altra parte, non solo assicurarsi che fosse riportato accuratamente. Questi sforzi di queste grandi società di PR globali che sono state assunte dall'industria farmaceutica e di partner governativi che lavorano con l'industria farmaceutica hanno impedito che la storia venisse riportata. Ora, è abbastanza comune.

Ma in quel momento ricordo di aver pensato: "Chi non vuole affatto le informazioni là fuori?" È decollato davvero in grande stile, invece che in modo più sottile, nel periodo del 2015 e 2016 con Donald Trump percepito come un pericolo unico sia dai democratici che dai repubblicani. Con questo, intendo davvero con gli interessi che li supportano e li pagano per essere in carica e prendere determinate decisioni.

Perché Donald Trump era al di fuori sia dell'establishment democratico che repubblicano. Non sto dicendo che non abbia i suoi interessi e le sue corde che cercherebbe di tirare. Ma non esisteva come fenomeno, come figura politica, come risultato di decenni di lavarsi le mani e di pagare denaro attraverso questi gasdotti organizzati nei partiti politici. Quindi c'erano interessi acquisiti davvero forti che non volevano vedere un Donald Trump in carica - un jolly come lo chiamavo io - che avrebbe fatto cose al di fuori degli interessi monetari, siano essi democratici o repubblicani.

Organizzarono una campagna mediatica e sfruttarono i cambiamenti che stavano avvenendo nel decennio o due precedenti, quando i media stavano diventando più conflittuali e meno propensi a riferire in modo indipendente cosa stava succedendo. Tutto questo si è unito per creare questo pazzo panorama informativo che abbiamo oggi in cui i giornalisti non pensano nemmeno di essere giornalisti. Sono scrittori che stanno cercando di amplificare qualsiasi cosa gli scienziati dell'establishment oi politici dell'establishment vogliono che dicano, acriticamente e spesso a scapito dell'accuratezza.

Stanno solo spifferando ciò che è stato detto loro di distribuire al pubblico. Stanno agendo più come propagandisti che come giornalisti e giornalisti. Sì, penso che sia iniziato in quel periodo. C'è stato uno sforzo ben finanziato che ho seguito nei miei libri che mostra come la Big Tech sia stata coinvolta con una campagna di lobby da parte di alcuni importanti propagandisti che lavorano dietro le quinte. Si sono incontrati con Facebook e hanno detto: "Devi iniziare a censurare e verificare le informazioni". All'epoca, ciò significava un certo tipo di informazione politica. È così che è iniziato tutto.

Se posso amplificarlo un po'. Dico che quando le persone guardano dall'esterno e qualcosa non ha senso per loro, dovresti ascoltare la tua dissonanza cognitiva. Nel periodo di tempo del 2015, e nel 2016, quando tutto questo stava cambiando, ricordo di aver sentito un discorso tenuto dal presidente Obama al Carnegie Mellon nel settembre del 2016. Ha detto qualcosa come se qualcuno avesse bisogno di intervenire e curare le informazioni in questo ambiente selvaggio e selvaggio Panorama dei media occidentali. E ricordo di aver pensato che fosse una cosa così strana da dire, perché non c'era un grande movimento tra il pubblico in cui le persone avevano bisogno di curare le loro informazioni, dove qualcuno doveva intervenire e dire loro cosa pensare e curare ciò che era online.

Dopodiché, per un uomo, se hai guardato i media giorno dopo giorno, c'erano titoli su notizie false e curatela e cosa dovrebbe e non dovrebbe essere riportato. Ho lavorato a ritroso e ho scoperto che solo un paio di settimane prima del discorso del presidente Obama, c'era un'organizzazione no profit chiamata First Draft che introduceva - era la prima volta che potevo documentarlo - il concetto di fake news nel suo contesto moderno e come doveva essere controllato. E sto pensando: "È interessante, chi è il First Draft?"

Quindi guardo i loro registri fiscali, che non erano ancora stati tutti archiviati, ed è un'organizzazione no profit abbastanza nuova. E li ho chiamati. Perché quando segui i soldi, trovi molte risposte. Ho detto: "Chi ti finanzia?" First Draft ha affermato che sono iniziati verso l'inizio del ciclo elettorale nel 2015 e che sono stati finanziati da Google. La società madre di Google, Alphabet, all'epoca era guidata da Eric Schmidt, che era uno dei principali donatori di Hillary Clinton e che era un attivista che lavorava alla sua campagna presidenziale.

È una coincidenza che un attivista politico, proprio prima della campagna presidenziale, avvii un'organizzazione no profit che riprende il concetto di fake news? Se hai guardato il sito web dell'organizzazione no profit, quando hanno detto notizie false, intendevano interamente notizie false basate sui conservatori. Dal loro punto di vista, non esisteva una versione liberale delle notizie false.

Poi, nel giro di poche settimane, il presidente Obama pronuncia questo discorso e i media decollano e corrono con esso. È interessante notare che quello che è successo con Donald Trump che è il jolly che è, ogni volta che accusavano lui o la sua parte di fake news, prendeva la palla e gliela lanciava indietro dicendo: "Sei una fake news". Quindi la loro idea di fake news era costituita da storie inventate su siti conservatori che dicevano che erano dannose e non vere.

L'idea di Trump di fake news era: "Voi ragazzi state commettendo errori o errori che non sono veri e che sono di parte. Questo è ciò che io chiamo fake news”. Ed essendo il maestro del marketing che è, in un periodo di tempo piuttosto breve, aveva cooptato la frase con così tanto successo che nel gennaio del 2017 dopo essere stato eletto, il Washington Post, che era stato sul carro del repressione fake news, ha improvvisamente pubblicato un editoriale che diceva: "Dobbiamo sbarazzarci di questo termine fake news". Perché ora era diventato qualcosa che il presidente Trump aveva usato con successo. Oggi, se chiedi alla maggior parte delle persone, pensano che Trump abbia inventato quella frase. In realtà è ben documentato essere un'invenzione di attivisti politici di sinistra durante il periodo che ho descritto.

Signor Jekielek: Questo è assolutamente affascinante. Cerco di non usare mai il termine: parlo di parole usate come armi.

Signora Attkisson: Sì.

Signor Jekielek: Ma siamo in questa guerra dell'informazione in cui è molto difficile dire cosa sia vero. La teoria del complotto di oggi, come abbiamo visto più volte negli ultimi anni, diventa una cosa ragionevole, come per esempio con le origini dei virus. Questo è qualcosa che stavi seguendo. È difficile funzionare in un ambiente come questo. Ogni giorno c'è un assalto di informazioni su ciò che dovresti pensare.

Signora Attkisson: Lo documento in The Smear, il mio secondo libro. Ho intervistato persone che operano in questo universo. Si guadagnano da vivere distribuendo propaganda e narrazioni, e ne sono piuttosto orgogliosi. Alcuni di loro mi hanno permesso di nominarli nel libro, e alcuni di loro non volevano che lo facessi. Ma sono piuttosto orgogliosi del loro lavoro manuale e di quello che fanno. Mi hanno spiegato che se non fanno altro che confondere il panorama dell'informazione - forse non compri completamente quello che dicono, ma hanno fatto abbastanza per non essere sicuro di nulla - ciò serve ancora allo scopo in molti casi.

Perché se non vogliono che tu creda a qualcosa e possono mettere in dubbio facendoti dubitare di tutto, in un certo senso hanno raggiunto il loro obiettivo, perché ancora non credi alla cosa da cui stavano cercando di distrarti. E ho pensato che fosse davvero interessante, che a volte la confusione può effettivamente essere l'obiettivo.

Signor Jekielek: L'altra cosa a cui ho pensato molto ultimamente è che c'è questo strano circolo vizioso di feedback tra le agenzie anonime e i media corporativi al punto in cui è come credere alla propria propaganda o ai propri argomenti di discussione, che siano veri o meno. Forse in alcuni casi sono anche vere. Ma viene respinto e rafforzato al punto che diventa difficile per le persone coinvolte capire quale sia la realtà. Cominciano a credere alle proprie storie.

Signora Attkisson: È un buon punto. Una delle mie più grandi critiche a ciò che siamo diventati nei notiziari, rispetto a non molto tempo fa, è che non avremmo mai ripetuto nei media mainstream semplicemente ciò che il governo/l'industria ha detto acriticamente, e poi abbiamo cercato di convincere la gente che era il verità, e non credere a certe altre cose. Avremmo giocato più di un ruolo opposto.

Un pubblico ragionevole ma scettico chiederebbe giustificazioni e la presentazione di altri punti di vista, piuttosto che servirci semplicemente da portavoce del governo e dell'industria. La più grande svolta per me da vedere è che i media prendono volontariamente una posizione ufficiale da parte di persone che hanno tutti i tipi di conflitti di interesse. Ciò non significa che ciò che stanno dicendo non sia vero, ma ci sono sicuramente molte cose da considerare. Ma poi cercano acriticamente di convincere il pubblico a credere a quel punto di vista ea non ascoltare nient'altro, e censurano anche altre informazioni.

È molto difficile in un ambiente confuso e caotico come questo arrivare alla verità sul coronavirus. Forse abbiamo commesso degli errori perché non conoscevamo meglio, perché questa cosa sta accadendo, si sta sviluppando ed emergendo. Ma poi cercare di arrivare alla verità quando l'informazione è chiusa e sentiamo solo una parte e ci viene detto che non possiamo ascoltare altre cose o altri studi o altri scienziati, è stata una cosa molto dannosa .

È difficile sapere in ogni caso se i giornalisti siano complici semplicemente perché credono che questa sia la cosa giusta e non gli è stato insegnato nessun altro modo di pensare in modo critico alle informazioni e ai rapporti, o se sono stati messi lì di proposito. Poi non sono più giornalisti. In uno dei miei libri sostengo che molti propagandisti sono diventati parte dei media. Li abbiamo invitati nelle nostre redazioni.

C'è stato un momento in cui avevamo un po' di un firewall tra le persone di cui abbiamo riferito e noi giornalisti, ma è passato molto tempo. Non li abbiamo solo invitati a influenzare ciò che riferiamo, ma li abbiamo assunti. Ancora una volta, non solo come esperti e analisti, ma come giornalisti. Sono una presenza editoriale all'interno delle nostre redazioni. Ora siamo la stessa cosa. È difficile dire che ci sia una differenza distintiva in molti casi tra le persone che cercano di inviare un messaggio e i messaggeri nei media che dovrebbero svolgere un lavoro più indipendente di segnalazione accurata.

Signor Jekielek: Pensiamo qui al coronavirus. Usiamolo come caso di studio. Diamo un'occhiata all'inizio del 2020. Ci sono molte informazioni diverse che volano in giro. Sappiamo che il regime cinese sta fondamentalmente facendo una censura di massa e impedendo a questi informatori di parlare. Stanno eseguendo una grande operazione di informazione. C'è questa paura che questo coronavirus sia molto grave. Sono stati realizzati modelli che dicono che ci saranno vittime di massa.

Le politiche di blocco vengono istituite molto rapidamente. Ma poi, anche molto rapidamente, vengono raccolti dati che mostrano che non è poi così male. Eri in mezzo a tutto questo. So che stavi guardando questo attentamente. Quando hai capito che c'era qualcosa che non andava nel modo in cui stavamo pensando a questo?

Signora Attkisson: Come la maggior parte delle persone, all'inizio non sapevo in cosa credere. Cerco di essere abbastanza attento come giornalista nel trarre conclusioni e nel parlare di cose. Le persone mi chiedevano all'inizio cosa pensassi del coronavirus, quanto fosse grave e cosa avrebbe funzionato? Ho detto che non lo sapevo.

Ma il modo in cui lavoro è che parlo con tonnellate di persone, tutti i tipi di scienziati all'interno e all'esterno del governo, chiunque io possa. In un periodo di tempo abbastanza breve inizi a vedere chi ha ragione e chi ha torto e chi ha una storia migliore. Abbastanza rapidamente ho potuto vedere che alcune cose che venivano dette pubblicamente si stavano rivelando non vere. E alcune cose che altri scienziati mi dicevano in privato suonavano vere e con il senno di poi si sono effettivamente dimostrate vere. Puoi iniziare a chiedere: "Okay, chi sembra avere più il polso del polso di quello che sta succedendo?"

Abbastanza presto, ho avuto un bel po' di domande da parte di scienziati, compresi gli scienziati del governo, che hanno messo in dubbio i consigli forniti dal dottor Fauci e dagli scienziati di punta che stavano assumendo il controllo. Avevano differenze importanti con la politica e ciò che stavamo facendo. Ho detto: "Non dovresti dire qualcosa? Non dovresti parlare e almeno essere una voce e un'opinione?

Un paio di persone diverse, che per quanto ne so, non si conoscevano nemmeno, dicevano qualcosa di simile. Hanno detto che non osavano parlare per paura di essere controversi e per paura di essere chiamati negazionisti del coronavirus, perché quella frase stava iniziando a essere usata dai media. In secondo luogo, temevano di contraddire il dottor Fauci, che secondo loro era stato idolatrato o canonizzato dalla stampa per ragioni che non potevano capire, perché non pensavano davvero che la sua guida che stava dando pubblicamente fosse la guida giusta. Ora, in quel momento chi può dire se aveva ragione lui o avevano ragione loro?

Ma stavo semplicemente dicendo che questi stimati scienziati che avevano opinioni diverse che avevano un senso per me, certamente anche quelle opinioni dovrebbero essere ascoltate. Eppure non erano ammessi e in molti casi avevano paura di parlare per paura di perdere le sovvenzioni. Le persone non capiscono come il mondo scientifico sia così guidato dai soldi che possono ottenere per la ricerca, e praticamente tutto questo viene dal governo o attraverso il governo.

Se al governo non piace quello che dici e fai, questo può farti licenziare dal tuo istituto o fare in modo che non riceverai mai più una sovvenzione. Molte persone hanno paura di parlare di queste cose. Quindi, questo ha iniziato a sembrarmi un ambiente davvero pericoloso quando stimati scienziati che hanno informazioni e opinioni preziose hanno paura di fornirle. E invece stiamo ascoltando una linea di partito con cui molti di loro non sono d'accordo ma non lo diranno.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Fonte Notizie e tendenze sulla tecnocrazia gennaio […]