Aggiornato: sette importanti tendenze Smart City per il 2020

Per favore, condividi questa storia!
La tendenza principale è la n. 6, "Hub di mobilità e zone senza auto", discussa in diversi articoli su TN. Vietare le auto dal centro città e costringere le persone a camminare, in bicicletta, in scooter o nei mezzi di trasporto di massa sarà enorme nel 2020. Questo meme è stato originariamente covato nel programma Agenda 21 nel 1992, ma ora sta diventando una realtà.

L'editore di Smart Cities Dive mi ha contattato dicendo che sta prendendo in considerazione la quantità di testo dal loro sito web inclusa in questo articolo. Anche se ho il diritto, in base agli statuti del "fair use", di includere il testo che rivedo e sul quale faccio commenti, sto scegliendo di rimuovere la maggior parte del loro articolo e quindi dovrai andare sul loro sito web per leggerlo .

Questa è solo la seconda volta nella storia di TN che qualcuno ha sollevato una controversia sul copyright. Considerando che ho pubblicato e commentato oltre 3,600 storie relative alla tecnocrazia, dimostra che TN è ben all'interno dei confini operativi del fair use e della legge sul copyright.

I redattori di Smart Cities Dive (e delle altre serie di Dive come Industry Dive) sono ovviamente turbati dal fatto che TN avrebbe sollevato la copertura della loro dedizione per Agenda 21 e Sviluppo sostenibile, aka Technocracy.

Infine, poiché ora la lunghezza del mio testo supera la loro, sto ritornando a me stesso. ⁃ Editor TN

È la svolta di un nuovo decennio, e seguenti un anno selvaggio di trasformazione nel 2019, gli anni 2020 sono destinati ad affrontare più rischi di innovazione, speculazione e sicurezza che mai.

Per iniziare l'anno nel modo giusto, Smart Cities Dive ha raccolto approfondimenti dai leader del settore per identificare le tendenze che dovrebbero influenzare lo spazio delle smart city nel 2020.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti