Sei giganti dei media controllano il 90% di ciò che leggi, guardi, ascolti

Per favore, condividi questa storia!
I direttori di questi 6 giganti dei media siedono anche in oltre 500 altre grandi società e il 30 percento di questi legami si trovano all'interno delle stesse 6 società. Questo è il nepotismo della natura più disfunzionale che crea una prevedibile camera d'eco che fa il lavaggio del cervello a intere popolazioni. Questo è un rapporto da leggere. ⁃ Editore TN

“Possiamo avere la democrazia in questo Paese, oppure possiamo avere una grande ricchezza concentrata nelle mani di pochi, ma non possiamo avere entrambe”. — Il giudice della Corte Suprema Louis D. Brandeis

In una frizzante giornata di novembre del 2014, mentre sfrecciavo per il Downtown Crossing di Boston nell'ora di punta, ho ricevuto una telefonata che avrebbe cambiato il corso della mia carriera: mi è stato offerto il mio primo lavoro giornalistico a tempo pieno, come reporter di tecnologia e startup per un punto vendita online locale chiamato BostInno. Quando ripenso a quel momento e ricordo la vertiginosa ondata di eccitazione che si è instaurata, vedo una giovane donna idealista che deve ancora capire il modo in cui funziona davvero la macchina dei media. Vorrei poter in qualche modo mitigare le sue aspettative. Vorrei poterla proteggere dalla schiacciante delusione che deriva dal rendersi conto che questo settore che ha scelto non è quello che pensa ingenuamente che sia.

Non molto tempo prima che fossi assunto, BostInno lo era stato acquisita da American City Business Journals, il più grande editore di settimanali di notizie economiche metropolitane negli Stati Uniti Nelle mie prime conversazioni con i colleghi, era evidente che si stavano ancora adattando alla vita post-acquisizione. Certo, c'erano vantaggi derivanti dall'acquisizione, ma la pressione per raggiungere obiettivi di traffico elevati significava che gli scrittori ora dovevano dare la priorità a determinate storie di clickbaity rispetto ad altre. Ricordo inoltre distintamente una fissazione sulla quantità. Ci si aspettava che gli scrittori sfornassero almeno tre o quattro storie al giorno nel tentativo di raggiungere un pubblico il più ampio possibile, il che, in modo frustrante, significava che spesso non avevamo il tempo di trattare argomenti complessi nella profondità richiesta. La nostra esperienza, a quanto pare, non è esattamente unica.

In un recente sondaggio che ho condotto, il 60% dei giornalisti ha affermato di aver lavorato per una pubblicazione che è stata acquistata da un'azienda più grande mentre erano lì, e il 40% di quel gruppo ha ammesso di aver assistito a cambiamenti negativi nelle proprie aspettative di lavoro o nell'ambiente di lavoro dopo l'acquisizione.

Se esamini la storia di innumerevoli fusioni e acquisizioni di media negli ultimi decenni, arriverai a una scoperta inquietante: i punti vendita locali e indipendenti si stanno estinguendo a frotte. Il risultato? La stragrande maggioranza delle notizie che digerisci è su misura per servire gli interessi delle società e dei loro leader, piuttosto che dei cittadini.

Può essere ovvio, ma i media svolgono un ruolo quasi nauseante nella nostra vita quotidiana, specialmente qui negli Stati Uniti. Anzi, americani trascorrere una media di 12 ore e mezza al giorno consumare notizie tramite televisione, Internet, giornali, riviste e radio. I media modellano la nostra società in una miriade di modi. Ci dice quali eventi mondiali meritano la nostra attenzione. Ha il potere di influenzare ciò che compriamo. Nel plasmare le nostre opinioni su tutto, dall'immigrazione, all'assistenza sanitaria, all'istruzione e all'ambiente, ai singoli candidati politici, può anche avere un'influenza significativa quando si tratta di elezioni. Gli studi hanno dimostrato che la copertura mediatica a volte ha un forte impatto sulle decisioni del tribunale penale, in particolare per crimini violenti. E influenzando consumatori e investitori, il nostro attuale ciclo di notizie in tempo reale di 24 ore può influire sul nostro clima economico, guidando i valori di mercato di alcuni settori e aziende (questo è noto come “l'effetto CNN”).

Ma hai mai notato che così tanto di ciò che stai leggendo, vedendo e ascoltando ha iniziato a suonare, beh, esattamente lo stesso? Non stai immaginando le cose. C'è anche un nome per questo fenomeno: "l'illusione della scelta". Ci viene presentata quella che sembra una gamma infinita di opzioni su dove ottenere le nostre notizie. Ma in realtà, le informazioni provenienti dalla maggior parte di queste fonti provengono dagli stessi pochi conglomerati. Anno dopo anno, il potere economico è diventato sempre più concentrato in numerosi settori, tra cui tecnologia, sanità, banche, compagnie aeree e farmaceutici. Insomma, fusioni ha raggiunto il record di $ 5.8 trilioni nel 2021. Se hai mai preso Economia 101, probabilmente sei ben consapevole del fatto che i monopoli sono ottimi per i fornitori e cattivi per i consumatori: eliminando la concorrenza, non danno alle aziende che hanno il controllo alcun incentivo a migliorare, innovare o soddisfare in altro modo i nostri bisogni, desideri e aspettative.

Allora, come siamo arrivati ​​qui? Negli anni '1940 fu adottata la Federal Communications Commission (FCC). una serie di regole per limitare la proprietà di più emittenti radiofoniche e televisive locali, nonché di più reti di trasmissione nazionali. Poi, negli anni '70, la FCC ha bandito una società possedere sia un giornale che una stazione televisiva o radiofonica nello stesso mercato. Ma negli anni '80, grandi manovre di deregolamentazione realizzato dal Congresso e dalla FCC sotto l'amministrazione dell'allora presidente Ronald Reagan aumentato il numero di emittenti televisive che una singola entità potrebbe possedere, innescando un'ondata di fusioni mediatiche.

Il vero bacio della morte alla cronaca locale è avvenuto nel 1996 quando il presidente Bill Clinton ha firmato il Legge sulle telecomunicazioni, che ha consentito alle grandi società che già dominavano il mercato dei media di espandere ulteriormente il proprio controllo tramite acquisizioni e fusioni. Solo 3% del Congresso votò contro questo disegno di legge, incluso l'allora membro della Camera dei rappresentanti Bernie Sanders. Negli anni seguenti, sempre più piccoli punti vendita e stazioni sono stati divorati dai grandi o addirittura hanno fallito perché semplicemente non potevano competere con loro.

Poi, nel 2017, la FCC ha annullato un regolamento che ha aperto ulteriormente le porte al consolidamento. Tale regolamento aveva impedito a un'azienda di possedere più stazioni televisive in mercati che non avevano almeno otto stazioni indipendenti e ha impedito a un'azienda di possedere sia un giornale che una stazione radiofonica o una stazione televisiva e radiofonica nello stesso mercato. Infine, nel 2021, la Corte di Cassazione ha ribaltato una sentenza d'appello chiedendo alla FCC di studiare il potenziale impatto sulla proprietà femminile e delle minoranze nell'industria dei media prima di allentare le restrizioni sulla proprietà. All'epoca, il giudice Brett Kavanaugh – che scrisse la sentenza – ha affermato che non solo c'erano zero prove che l'allentamento di queste regole potrebbe causare danni, ma che il consolidamento potrebbe beneficio consumatori.

Per quanto riguarda le conseguenze di tutta questa deregolamentazione, mentre Aziende 50 ha dominato il panorama dei media nel 1983, che negli anni '1990 è sceso a nove società. Da lì è peggiorato.

Oggi, solo sei conglomerati — Comcast, Disney, AT&T, Sony, Fox e Paramount Global (precedentemente noto come ViacomCBS) — controllano il 90% di ciò che guardi, leggi o ascolti. Per mettere questo in prospettiva: ciò significa circa 232 dirigenti dei media hanno il potere di decidere a quali informazioni possono accedere 277 milioni di americani. Nel 2021, i "sei grandi" hanno incassato un totale di oltre $ 478 miliardi di entrate. È più del PIL della Finlandia e dell'Ucraina messi insieme.

Il problema si estende anche ai giganti della stampa e della radio: iHeartMedia possiede 863 stazioni radio a livello nazionale, mentre Gannett possiede oltre 100 quotidiani statunitensi e quasi 1,000 settimanali.

As il pool che controlla i media continua a ridursi, così come l'ampiezza delle informazioni riportate. Ecco perché le migliaia di testate giornalistiche di oggi spesso sfornano contenuti duplicati in modo imbarazzante.

Un problema evidente con queste modifiche normative radicali è che sono state approvate con poca pubblicità, il che significa che i cittadini hanno avuto poca o nessuna opportunità di respingere. Infatti, un 2003 Pew Research studio ha scoperto che un enorme 72% degli americani non ha sentito assolutamente nulla sul cambiamento delle regole per la proprietà dei media. Ma quando gli è stato chiesto come si sentivano riguardo all'allentamento delle regole su quanti mezzi di comunicazione possono possedere le società, molti più americani hanno affermato che pensavano che avrebbe avuto un impatto negativo rispetto a uno positivo.

Secondo Jeff Cohen, Fondatore della Equità e accuratezza nella segnalazione (FIERA) e RootsAction e autore di "Cable News Confidential: le mie disavventure nei media aziendali", la legge sulle telecomunicazioni è progredita in gran parte sotto il radar.

"Il pubblico non l'ha votato, né lo sapeva", mi ha detto in un'intervista. "Il conglomerato e il restringimento della diversità dei media sono avvenuti a causa della legislazione e delle regole dietro le quinte, fuori dalla vista del pubblico".

In effetti, quando un gruppo di consumatori ha cercato di acquistare uno spazio pubblicitario sulla CNN per criticare il disegno di legge sulle telecomunicazioni, Cohen afferma che la CNN non avrebbe venduto loro il tempo. Non è poi così sorprendente se si considera quanto siano potenti i lobbisti dei Big Media: Un rapporto OpenSecrets mostra che NCTA - The Internet & Television Association (che rappresenta oltre il 90% del mercato dei cavi negli Stati Uniti) ha speso più di 14 milioni di dollari nel tentativo di influenzare la politica del governo nel 2021, mentre Comcast ha sborsato 13.38 milioni di dollari, mettendoli entrambi tra i primi 15 spendaccioni per lobbismo.

Non solo gli americani sono stati tenuti per lo più all'oscuro di queste mosse normative, ma le informazioni sulle loro implicazioni potrebbero essere state nascoste intenzionalmente. Nel 2006, l'ex avvocato della FCC Adam Candeub avrebbe rivendicato la FCC seppellì uno studio federale dimostrare che una maggiore concentrazione della proprietà dei media danneggerebbe la copertura delle notizie locali. Secondo Candeub, gli alti dirigenti hanno ordinato al personale di distruggere "ogni pezzo fino all'ultimo" del rapporto. Tuttavia, altre ricerche da allora hanno rivelato gli stessi preoccupanti risultati: a uno studio del 2019  ha mostrato che le stazioni appena acquisite da Sinclair hanno aumentato la loro attenzione sulla politica nazionale di circa il 25%, a scapito della copertura della politica locale.

Al giorno d'oggi, ci sono intere città e paesi in tutto il paese senza copertura locale. Secondo a uno studio del 2018 , più di 2,000 contee degli Stati Uniti (63.6%) non hanno quotidiano, mentre 1,449 contee (46%) ne hanno solo una. Nel frattempo, 171 contee, per un totale di 3.2 milioni di residenti, non hanno giornali di sorta. Queste aree sono conosciute come "notizie deserte", e gli studi hanno dimostrato di sì meno candidati in corsa per la carica di sindaco, minore affluenza alle urne e maggiore corruzione del governo. Quando i cittadini hanno un colossale divario informativo, sono costretti a rivolgersi ai social media per ottenere le loro notizie.

Uno dei giganti dei media responsabile di questa tendenza è Sinclair Broadcast Group, che ora possiede o gestisce 185 stazioni televisive su 620 canali in 86 mercati statunitensi. Nel video della compilation sopra, i conduttori che ripetevano lo stesso identico copione sui pericoli delle "notizie false" lavoravano tutti per le stazioni di proprietà di Sinclair. Pur esprimendo preoccupazione per gli effetti negativi del consolidamento dei media in a Intervista 2017 a Democracy Now!, l'ex commissario della FCC Michael Copps ha definito Sinclair "l'azienda più pericolosa là fuori di cui la gente non ha mai sentito parlare" non solo per la portata del suo controllo, ma anche per la sua ben nota agenda ideologica.

Nel suo libro "Il monopolio dei nuovi media", il compianto autore Ben Bagdikian afferma che i sei grandi di oggi si sono accumulati maggiore potenza di comunicazione di quanto non sia mai stato esercitato da nessuna dittatura nella storia. Peggio ancora, osserva che gerarchie affiatate come queste trovano il modo di "cooperare" per continuare ad espandere il proprio potere.

"Investono congiuntamente nelle stesse iniziative e fanno anche mozioni che, in effetti, si prestano denaro a vicenda e scambiano proprietà quando è reciprocamente vantaggioso", scrive Bagdikian.

Cristoforo Terry, un assistente professore di diritto dei media presso l'Università del Minnesota, ha iniziato la sua carriera nel settore radiofonico come produttore per Hearst e ClearChannel a metà degli anni '90, durante il culmine di questa frenesia di consolidamento.

"Ho visto cosa ha fatto per le stazioni per cui ho lavorato e non mi è piaciuto", mi ha detto in un'intervista.

Terry lavorava per una stazione di conversazione conservatrice a Milwaukee quando è stata acquisita da ClearChannel, provocando drastici tagli al personale.

"Prima del consolidamento, eravamo una fonte legittima con una redazione completamente operativa", ha spiegato. “Non ero necessariamente sempre d'accordo con la nostra politica, ma mi piaceva che fosse incentrata sulle cose su cui le persone hanno bisogno di informazioni e che avesse legami locali. Era un'operazione che stava contribuendo al bene pubblico».

Esperti come Terry e Cohen ti diranno che ci sono numerose ragioni per cui il consolidamento dei media è dannoso per la nostra democrazia. Nel documentario "La stampa è davvero libera?" Il professore di sociologia ed ex direttore di Project Censored, il dottor Peter Phillips, sottolinea che, come risultato diretto dei tagli al personale causati dal consolidamento, i giornalisti spesso diventano sempre più dipendenti dalle persone addette alle pubbliche relazioni per le storie. Lo chiama una forma di censura strutturale: quando gran parte delle notizie è stata pre-scritta da un professionista delle pubbliche relazioni che lavora per una burocrazia pubblica o privata, significa che le storie sono inventate per soddisfare le esigenze delle società o del governo in avanzare.

Nolan Higdon, docente di studi sui media e storia e autore di "L'anatomia delle fake news", osserva inoltre che questa concentrazione di potere ha comportato meno controlli e contrappesi: senza la pressione che deriva dalla concorrenza, è improbabile che i conglomerati vengano sfidati per le loro pratiche discutibili.

"Quando la maggior parte delle notizie è controllata da sei società e il traffico Internet è controllato da cinque o sei società che privilegiano quelle società con l'auspicio di combattere le 'notizie false', puoi mentire impunemente", mi ha detto Higdon. “E peggio, perché siamo un pubblico frammentato, se mi viene mentito ogni singolo giorno Il Washington Post, non ho intenzione di accendere Fox o leggere The Wall Street Journal sentire che mi hanno mentito. Sarò nella mia piccola bolla di informazioni".

Mentre queste società dei media continuano ad espandere il loro potere, ottengono profitti sempre crescenti, che si traducono quindi in una maggiore influenza politica. Non solo i proprietari di giganti dei media contribuire con denaro direttamente alle campagne, ma i loro sbocchi controllano il discorso che li circonda. E più grande è il conglomerato, più facilmente ed efficacemente possono fare pressioni per eliminare i regolamenti e approvare leggi che favoriscano il loro dominio.

Ma questo consolidamento del potere si estende oltre i soli monopoli e le fusioni in abbondanza: ad aggravare la questione sono i membri del consiglio condivisi. Tutte le società di media hanno un consiglio di amministrazione, che è responsabile di prendere decisioni a sostegno degli interessi delle parti interessate. Quando qualcuno siede nel consiglio di amministrazione di più società, si crea un "interblocco". Scorri Il New York Times Consiglio di Amministrazione, per esempio, e scoprirai che un certo membro è anche nel consiglio di McDonald's e Nike ed è presidente di Ariel Investments. Fino allo scorso anno, a Presidente Disney è successo nel consiglio di amministrazione del colosso del private equity The Carlyle Group.

uno studio del 2021  pubblicato nella Comunicazione di massa e società (MCS) ha rivelato che le testate giornalistiche americane quotate in borsa erano collegate da 1,276 connessioni a 530 organizzazioni. I dati hanno mostrato che circa il 36% di questi collegamenti riguardava altre organizzazioni di media, il 20% a inserzionisti pubblicitari, il 16% a istituzioni finanziarie, il 12% a società tecnologiche e il 2% a enti governativi e politici.

Più precisamente, un 2012 elenco compilato da FAIR ha rivelato i seguenti incastri:

  • CBS/Viacom: Amazon, Pfizer, CVS, Dell, Cardinal Health e Verizon
  • Fox/News Corp: Rothschild Investment Corporation, Phillip Morris, British Airways e Borsa di New York
  • ABC/Disney: Boeing, City National Bank, FedEx e HCA Healthcare
  • NBC: Anheuser-Busch, Morgan Chase & Co., Coca-Cola e Chase Manhattan
  • CNN/TimeWarner: Citigroup, American Express, Fannie Mae, Colgate-Palmolive, Hilton Hotels, PepsiCo, Sears e Pfizer
  • Il New York Times Co: Johnson & Johnson, Ford, Texaco, Alcoa, Avon, Campbell Soup, Metropolitan Life e Starwood Hotels & Resorts

(E questi sono solo alcuni esempi degli oltre 300 crossover scoperti dalla FAIR.)

Alcuni dicono che sarebbe ingenuo non sospettare che le direzioni interconnesse non causino un grave conflitto di interessi, consentendo i contenuti delle notizie possono essere potenzialmente modellati da motivazioni guidate dal profitto. Come l'ex amministratore delegato di Walt Disney Michael Eisner ha affermato in un famigerato nota interna trapelata: “Non abbiamo alcun obbligo di fare la storia. Non abbiamo alcun obbligo di rendere l'art. Non abbiamo alcun obbligo di fare una dichiarazione. Fare soldi è il nostro unico obiettivo”.

A quanto pare, ci sono prove per legittimare questa preoccupazione. In un 2021 MCS studio, oltre il 30% dei redattori ha riferito di aver subito una qualche forma di pressione sulla redazione da parte della società madre o del consiglio di amministrazione. E il 29% ha affermato di sapere che i giornalisti si erano "autocensurati" a causa di tali interferenze. I redattori sotto pressione hanno ammesso di aver adottato un approccio più rilassato nelle pratiche di segnalazione quando individui o organizzazioni interconnessi erano l'argomento della copertura delle notizie. Hanno anche ammesso di aver abbassato le loro aspettative per l'equilibrio nella copertura dei membri del consiglio.

Higdon ha notato che può essere particolarmente problematico quando i membri del consiglio di amministrazione dei media siedono anche nei consigli di amministrazione delle società di difesa, perché un tale interblocco può portare a una spinta crescente per narrazioni a favore della guerra. (A partire dal 2011, prima che le truppe statunitensi si ritirassero dall'Iraq, Raytheon ha interbloccato con Il New York Timese Lockheed Martin ha interbloccato con Il Washington Post). Il recente video di Intercept di una conferenza stampa della Casa Bianca sul conflitto Ucraina-Russia lo illustra perfettamente. Nel video, vengono mostrati membri dei media che fanno ripetutamente domande inquadrate sul motivo per cui il presidente Biden non sta fornendo all'Ucraina più supporto militare. Se sai quali domande stanno ponendo, puoi praticamente indovinare quale angolazione prenderà la loro storia. E in questo caso, ogni giornalista è concentrato su ciò che deve accadere per degenerare nel coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra con la Russia. Ryan Grim di Intercept è letteralmente l'unico membro dei media che chiede cosa stanno facendo gli Stati Uniti per incoraggiare i negoziati per la pace.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

9 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

MICHAEL

GRANDE ARTICOLO…LA RISPOSTA A TUTTO QUESTO È SEMPLICE SE NON FACILE. SMETTETE DI CONSUMARE MAINSTREAM MEDIA. AVVIA UNA CAMPAGNA PER “FERMARE I MEDIA” E “SOLO DIRE NO AI MEDIA” – CI SONO SEMPRE PIÙ PUNTI MEDIA INDIPENDENTI NON PROFIT SOSTENUTI DIRETTAMENTE DALLE PERSONE. QUESTO È IL NUOVO MODELLO E DEVE ESSERE UNIVERSALMENTE SUPPORTATO.

L. Giovanni Robinson

Sarebbe vero se avessi qualcosa a che fare con qualcuno di questi diffusori di propaganda. Non andare al cinema, tutte le mie notizie provengono da siti conservatori fidati, non guardare la televisione, non avere Direct TV o i cloni. Credi solo in parte a ciò che sento. Sono maledettamente difficile da controllare

[…] Leggi di più: Sei giganti dei media controllano il 90% di ciò che leggi […]

Elle

Vecchie notizie. Buon articolo che spiega la collusione propagandistica, tuttavia.

Ultima modifica 7 mesi fa di Elle

[…] Sei giganti dei media controllano il 90% di ciò che leggi, guardi, ascolti […]

Phil

Sfortunatamente, questa tendenza è iniziata quando JP Morgan ha iniziato ad acquistare giornali o ad acquisire una partecipazione di controllo sufficiente a influenzare la politica editoriale. Frederick Lewis Allen ha pubblicato un paio di libri, "Only Yesterday" Harper Bros., 1931, e "Since Yesterday", Harper Bros., 1940. Questa coppia di libri informativi, perspicaci e illuminanti che coprono rispettivamente i decenni degli anni '1920 e '1930 , gettando molta luce sul nostro attuale dilemma. “Solo ieri” ha una sezione dedicata alla standardizzazione della stampa. In precedenza i media indipendenti, con i propri reparti editoriali, hanno iniziato a ottenere le loro storie pre-scritte dai nuovi servizi di "notizie" con sede a New York, sindacati, e una trasformazione... Per saperne di più »

Oren

Questo è vero solo se scegli di leggere o ascoltare questi conglomerati per scelta. Io non. Nessun MSM è consentito a casa mia. Sono tutte bugie e propaganda.