Scienziati uniscono i geni umani nei cervelli delle scimmie

Wikimedia Commons, Leszek Leszczynski
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Gli scienziati tecnocrati sperimentano perché possono, non perché vi sia una dimostrata necessità di farlo. Lo splicing genetico tra le specie sta diventando sempre più comune e accettato. Pochi stanno valutando i pericoli fisici o le implicazioni etiche. ⁃ TN Editor

Gli scienziati hanno ingrandito i cervelli delle scimmie unendoli a geni umani in un esperimento che ricorda Il pianeta delle scimmie.

Gli esperti hanno preso il gene noto come ARHGAP11B - che dirige le cellule staminali nel cervello umano - e lo hanno inserito nel cervello dei comuni uistitì.

L'esperimento si è concluso con i feti delle scimmie con cervelli più grandi, più avanzati e più umani, secondo lo studio pubblicato su Scienze.

Gli scienziati, tuttavia, hanno scelto di abortire il feto a causa di possibili "conseguenze impreviste".

Fa eco alla trama della serie di film Il pianeta delle scimmie, in cui una nuova razza di primati intelligenti geneticamente modificati conquista la Terra.

L'umanità conduce esperimenti sulle scimmie per renderle più intelligenti, solo perché la società umana crolla mentre le creature insorgono contro di loro.

Gli esseri umani vengono quindi lasciati a vivere in una società primitiva e tribale che è cacciata e messa in gabbia dalle stesse creature che hanno contribuito a creare.

L'Istituto Planck di biologia e genetica cellulare molecolare in Germania e l'Istituto centrale per animali sperimentali in Giappone hanno condotto i nuovi esperimenti.

Gli scienziati hanno detto che le scimmie di prova erano lasciate con neocorteccia più grandi, l'area del cervello collegata a funzioni come la cognizione e il linguaggio.

È la parte più recente del cervello ad evolversi ed è uno degli elementi chiave che rende gli esseri umani unici.

Le immagini pubblicate dagli scienziati mostrano un confronto tra un normale cervello di scimmia e quello gonfio dopo essere stato pompato con ARHGAP11B.

Si può vedere che il cervello della scimmia modificato ha quasi raddoppiato le sue dimensioni a circa 101 giorni dalla gestazione.

È stato anche scoperto che il cervello di scimmia ha sviluppato le "pieghe" o "rughe" che consentono a un cervello più grande di adattarsi all'interno dello spazio restrittivo del cranio.

L'autore dello studio Michael Heide ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che la neocorteccia del cervello comune di uistitì era ingrandita e la superficie del cervello piegata. "

Gli scienziati hanno affermato che lo studio mostra che ARHGAP11B potrebbe aver causato l'espansione del cervello nell'evoluzione umana.

Precedenti esperimenti sui topi avevano mostrato risultati simili e portato alla teoria che il gene fosse la chiave per i cervelli più grandi degli esseri umani.

Ulteriori studi hanno anche scoperto che ARHGAP11B conteneva una sequenza di 47 aminoacidi unica per l'uomo.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
John

Perché diavolo dovrebbero andare così ??? Queste persone sono proprio così malate !!! Joseph Mengele sarebbe orgoglioso di questi bastardi.

Ultima modifica 10 giorni fa di John