Scienziati corrotti spinti a dimettersi, ma non agli scienziati climatici?

Dr. José Baselga (Wikipedia Commons)
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

I migliori ricercatori e scienziati sono costretti a dimettersi per gravi violazioni etiche e conflitti di interesse, ma sembra che gli scienziati del clima stiano ancora ottenendo un pass gratuito. La scienza del clima è stata piena di dati intenzionalmente falsificati e dello stesso tipo di violazioni etiche che si trovano in questa storia. ⁃ TN Editor

Tre eminenti scienziati statunitensi sono stati spinti a dimettersi negli ultimi 10 giorni dopo aver denunciato rivelazioni sui loro metodi, un segno di maggiore vigilanza e diminuzione della tolleranza per i comportamenti scorretti all'interno della comunità di ricerca.

La caduta più spettacolare ha riguardato Jose Baselga, direttore medico presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York. È autore di centinaia di articoli sulla ricerca sul cancro.

Il gruppo di giornalismo investigativo ProPublica e The New York Times hanno rivelato a settembre 8 che Baselga non ha rivelato in dozzine di articoli di ricerca che aveva ricevuto milioni di dollari da società farmaceutiche e mediche.

Tali dichiarazioni sono generalmente richieste dalle riviste scientifiche.

I collegamenti tra un medico che conduce una sperimentazione clinica e i produttori di farmaci o apparecchiature mediche utilizzati nello studio possono influenzare la metodologia e, in definitiva, i risultati.

Ma le riviste non verificano di per sé la completezza delle dichiarazioni di un autore.

Catturato dallo scandalo, Baselga si è dimesso il 13 di settembre.

Successivamente è arrivato il caso di Brian Wansink, direttore del Food and Brand Lab della prestigiosa Cornell University.

Ha fatto il suo nome grazie a studi che hanno attirato molta attenzione da parte dei media, anche sulla pizza e l'appetito dei bambini.

I suoi problemi sono iniziati lo scorso anno quando gli investigatori scientifici hanno scoperto anomalie e risultati sorprendentemente positivi in ​​dozzine dei suoi articoli.

A febbraio, BuzzFeed ha pubblicato messaggi in cui Wansink incoraggiava una ricercatrice a estrarre dai suoi dati i risultati con maggiore probabilità di diventare "virali".

Dopo un'indagine durata un anno, giovedì Cornell ha annunciato che Wansink ha commesso "cattiva condotta accademica nella sua ricerca e borsa di studio", descrivendo una litania di problemi con i suoi risultati e metodi.

Si dimetterà alla fine dell'anno accademico, ma d'ora in poi non insegnerà più lì.

Wansink ha negato ogni frode, ma 13 dei suoi articoli sono già stati ritirati dalle riviste.

Nel caso finale, Gilbert Welch, professore di sanità pubblica al Dartmouth College, si è dimesso la scorsa settimana.

L'università lo ha accusato di plagio in un articolo pubblicato su The New England Journal of Medicine, la rivista medica americana più rispettata.

"La buona notizia è che stiamo finalmente iniziando a vedere molti di questi casi diventare pubblici", ha detto Ivan Oransky co-fondatore del sito Retraction Watch, un progetto del Center for Scientific Integrity che tiene sotto controllo le ritrattazioni di articoli di ricerca in migliaia di riviste.

Oransky ha detto ad AFP che ciò che è emerso finora è solo la punta dell'iceberg.

Il problema, ha detto, è che scienziati e sostenitori della scienza sono stati spesso riluttanti a sollevare tali controversie “perché temono che parlarne diminuirà la fiducia nella scienza e che aiuterà e favorirà le forze anti-scientifiche. "

Ma il silenzio incoraggia solo i cattivi comportamenti, ha sostenuto. Secondo Oransky, una maggiore trasparenza aiuterà infatti il ​​pubblico a comprendere meglio il processo scientifico.

"Alla fine della giornata, dobbiamo pensare alla scienza come un'impresa umana, dobbiamo ricordare che è fatta dagli esseri umani", ha detto. "Ricordiamoci che gli umani commettono errori, tagliano gli angoli, a volte peggio."

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Tomsen

I “Clima Scientists” sono protetti dalle grandi banche.
“Chi obbedisce alla bufala del Clima sarà premiato profumatamente, mentre chi non salta sul treno verrà lasciato in stazione senza cibo”. CEO Carney, Bank of England.