Scienziati che lavorano su una pillola per curare la solitudine

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
Gli scienziati tecnocrati hanno una risposta scientifica per ogni problema noto all'uomo e al suo universo, eppure ogni soluzione crea altri problemi non intenzionali. La risposta? Più scienza. ⁃ TN Editor

La vita moderna ha portato a un maggiore isolamento, che può alimentare una serie di disturbi. Se ci sono farmaci per dolori sociali come la depressione e l'ansia, perché non la solitudine?

l'unicità fa parte della condizione umana. Un segnale di avvertimento primordiale, come la fame o la sete, per cercare una risorsa primaria: la connessione. Milioni di anni di evoluzione ci hanno plasmati in creature che hanno bisogno di legami sociali nello stesso modo in cui abbiamo bisogno di cibo e acqua.

Eppure ci troviamo sempre più isolati. La solitudine non è più un motore abbastanza potente da farci uscire dai silos creati dalla vita moderna. Come il nostro insaziabile amore per i cibi ipercalorici, quello che una volta era uno strumento adattivo è diventato così disallineato con il modo in cui viviamo che sta causando, nelle parole dell'ex chirurgo generale Vivek H Murthy, un "epidemia".

È difficile confrontare la nostra solitudine collettiva con quella delle generazioni precedenti, poiché semplicemente non l'abbiamo misurata in modo coerente, ma stime recenti suggeriscono che ovunque da 22% a 75% degli adulti americani sono persistentemente soli. La colpa potrebbe essere di una serie di cambiamenti strutturali a livello culturale: più americani vivono da soli che mai; meno di noi si sposano o hanno figli; la dimensione media della nostra famiglia si sta riducendo. In molti casi, questi cambiamenti rappresentano la disponibilità di opzioni dove una volta l'unica via accettata era il matrimonio e una famiglia nucleare. Ma significano anche che trascorriamo più tempo da soli. "Le società occidentali hanno degradato la socievolezza umana da necessità a incidentale", scrive nel suo libro John Cacioppo, un neuroscienziato che ha studiato il dolore sociale ed è morto nel marzo 2018 Solitudine.

Il problema è che la solitudine cronica non ti fa solo sentire malissimo, ma anche terribile per te. La solitudine aumenta il nostro rischio di sviluppare una serie di disturbi, tra cui malattie cardiovascolari, malattie neurodegenerative, declino cognitivo e cancro metastatico. Anche indebolisce il sistema immunitario, rendendoci più suscettibili a infezioni. Se trascurata, anche la solitudine situazionale può ossificarsi in uno stato fisso che cambia strutture e processi cerebrali, afferma Stephanie Cacioppo, direttrice del Brain Dynamics Lab presso la Pritzker School of Medicine dell'Università di Chicago. È anche la vedova di John Cacioppo ed è stata la sua compagna di ricerca fino alla sua morte lo scorso anno.

In quanto scienziata, Stephanie Cacioppo ha spesso visto la sua vita come un esperimento. Quando John morì, gli elementi pratici della loro ricerca congiunta assunsero un'urgente rilevanza personale.

Le persone a volte paragonano la perdita sociale al dolore fisico, ma Stephanie trova l'analogia imprecisa. Dopo la morte di John, fece lunghe corse, spingendosi a temperature quasi gelide finché i suoi muscoli e polmoni non urlarono. "Potevo sopportare il dolore perché sapevo che avrebbe avuto una fine", dice. "Il dolore fisico associato alla corsa era meno intenso del dolore emotivo profondo e sincero della perdita dell'amore della mia vita."

Stephanie dice che ora fa affidamento su molte delle attività sociali esercizi che la coppia ha convalidato insieme, come fare uno sforzo per esprimere gratitudine, fare qualcosa di carino per qualcun altro senza aspettarsi qualcosa in cambio, scegliere di interagire con estranei e condividere buone notizie con gli altri. "Sono la prova vivente della mia scienza", dice. "Lo applico ogni giorno."

A differenza della depressione e dell'ansia, la solitudine non ha una forma clinica riconosciuta; non ci sono diagnosi o cure disponibili per sentirsi cronicamente isolati. Ha anche trovato sollievo nel suo lavoro e nel continuare l'eredità di suo marito: "Se hai un senso di valore e di vita con uno scopo, ti sentirai meno solo", dice Stephanie . Oggi, ciò significa continuare una serie di ricerche che lei e il suo defunto marito stavano iniziando a esplorare: una pillola per la solitudine.

Leggi la storia completa qui ...

 

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti