Gli scienziati cercano un dispositivo per intercettare voci e pensieri segreti nella tua testa

Per favore, condividi questa storia!

Nota TN: i tecnocrati hanno lavorato su macchine per la lettura della mente da diversi anni e con passione da quando è stata annunciata la Brain Initiative di Obama. Il video qui sotto è andato in onda 5 anni fa ed è stato rivoluzionario. Da allora sono stati compiuti progressi radicali. I presunti benefici sono sempre inquadrati in termini di condizioni mediche che impediscono alle persone di parlare o esprimersi, come ad esempio le vittime di ictus. Questa è una tecnologia estremamente pericolosa che implora letteralmente di essere abusata. 

Una macchina che raggiunge la mente in grado di tradurre i pensieri in parole si sta avvicinando alla realtà.

La ricerca è in corso da diversi anni e, di recente, gli scienziati sono riusciti a riprodurre una parola che qualcuno sta pensando monitorando la propria attività cerebrale.

Sebbene ci sia ancora molta strada da fare, dicono che questo potrebbe aiutare le vittime di ictus e altri con paralisi del linguaggio a comunicare con i loro cari.

Il professor Robert Knight e il suo team dell'UC Berkeley hanno studiato come ascoltare parole, pronunciare ad alta voce e immaginare parole coinvolge aree cerebrali che si sovrappongono.

"Ora, la sfida è riprodurre un discorso comprensibile da registrazioni cerebrali dirette fatte mentre una persona immagina una parola che vorrebbe dire", ha detto Knight, che è anche l'editore fondatore di Frontiers in Human Neuroscience.

Knight afferma che l'obiettivo del dispositivo è aiutare le persone affette da malattie motorie come la paralisi e la malattia di Lou Gehrig.

"Ci sono molti disturbi neurologici che limitano la parola nonostante i pazienti siano pienamente consapevoli di ciò che vogliono dire", ha detto Knight.

"Vogliamo sviluppare un dispositivo impiantabile che decodifichi i segnali che si verificano nel cervello quando pensiamo a una parola, quindi trasformi questi segnali in un file audio che può essere riprodotto da un dispositivo vocale".

Un dispositivo così nuovo comunicherebbe i pensieri intenzionali delle persone tramite un altoparlante elettronico o un dispositivo di scrittura, ma il team ha ancora molte più ricerche da condurre.

Sono stati in grado di riprodurre una parola che una persona ha appena sentito su una macchina, monitorando l'attività del lobo temporale in un ambiente neurochirurgico.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti