L'autoritarismo scientifico erode la proprietà privata e la libertà umana

Per favore, condividi questa storia!
Questa è una visione globale di un professore di economia che rileva l'importanza dei diritti di proprietà privata e la loro rapida erosione mentre l'autoritarismo scientifico prende il sopravvento nazione dopo nazione. Questa è la tecnocrazia, basata sullo scientismo e di cui si parla sempre più in tutto il mondo. Editor TN

“Una differenza fondamentale tra le dittature moderne e tutte le altre tirannie del passato è che il terrore non è più usato come mezzo per sterminare e spaventare gli avversari, ma come strumento per governare masse di persone perfettamente obbedienti”.

~Hannah Arendt~ (Le origini del totalitarismo, 1966)

In qualità di beneficiario di una borsa di studio per la ricerca EC Harwood presso l'American Institute for Economic Research, sono ispirato dai racconti delle battaglie di principio che il colonnello Harwood ha combattuto a sostegno degli ideali alla base della Costituzione degli Stati Uniti. Prendendo il giuramento di sostenere quel grande documento come una stella polare, il suo sostegno alla causa della libertà umana e della dignità personale lo ha portato ad essere un avversario vocale delle politiche del New Deal di FDR. Come tale, ha continuato a farlo nonostante gli ordini dei suoi comandanti militari di cessare le sue critiche, alla fine scegliendo di prendere pensionamento anticipato da una promettente carriera militare come laureato a West Point.

La mia lezione dai suoi atti coraggiosi contro le istituzioni più potenti negli Stati Uniti è che essere un vero patriota richiede di sostenere un'ideologia della libertà individuale piuttosto che accettare interessi di parte che violano i precetti fondamentali. In quanto tale, gli americani che desiderano un paese unito e prospero dovrebbero seguire l'esempio di Edward Harwood per sfidare l'autorità dei funzionari di governo e mettere in discussione le affermazioni degli "esperti" che usano come supporto.

Questo comportamento contrarian è ancora più urgente data la deriva della politica pubblica negli ultimi anni che espanderebbe i poteri politici oltre i sogni più sfrenati di FDR, a scapito dei diritti di proprietà privata e della libertà umana. Così com'è, le politiche pubbliche sono diventate sempre più orientate verso risposte alle affermazioni secondo cui le azioni irresponsabili degli esseri umani stanno causando il degrado ambientale e il cambiamento climatico.

Mentre l'emergere di un nuovo coronavirus, SARS-CoV-2, e la malattia che potrebbe causare, Covid-19, sono ora al centro della scena, condividono la stessa fatturazione con il primo solo leggermente sullo sfondo. In ogni caso, questa coppia di minacce offre un comodo pretesto ai funzionari del governo per cercare espansioni nei loro poteri che diano loro un maggiore controllo sulle azioni umane e sulle risorse private. Inizialmente, lo spettro del cambiamento climatico non è stato sufficiente per indurre la maggior parte dei cittadini ad accettare un potere politico rafforzato che avrebbe diminuito la loro libertà e ridotto i loro diritti personali.

Tuttavia, la paura insorta durante la recente pandemia sulla base di dichiarazioni che riflettono l'autorità "esperta" ha indotto le persone a smettere di pensare alla salute come a un problema personale e ad abbracciare la "salute pubblica". L'idea che la "salute pubblica" rifletta una realtà oggettiva deve essere messa in discussione, tanto più che tanta attenzione è rivolta a uno solo tra i tanti virus ea una sola malattia tra i tanti disturbi che affliggono l'umanità. È preoccupante che queste imprese politiche di gioco di prestigio abbiano indotto molti cittadini ad accettare un costrutto collettivo artificiale, con la solidarietà che domina l'autonomia individuale e la sicurezza elevata sulla libertà umana.

Mentre la salute umana e la protezione o la riabilitazione dell'ambiente naturale sono obiettivi indiscutibilmente meritevoli, un approccio olistico a queste questioni richiede di considerare il loro impatto sulla vita individuale degli esseri umani.

I limiti al comportamento individuale e all'uso delle risorse per servire la "salute pubblica" o l'ambiente naturale comportano una malsana confusione tra politica e "scienza". Alla fine, gli interventi non farmaceutici relativi alla pandemia di Covid-19 potrebbero rivelarsi una prova generale che funge da tabella di marcia per "l'azione per il clima" per compensare il riscaldamento globale.

Anche se c'è accordo sui problemi derivanti dall'attività umana, il dibattito dovrebbe riguardare l'efficacia della gamma di azioni correttive disponibili. In quanto tale, la ricerca di soluzioni dovrebbe iniziare con la comprensione che gli interventi del governo possono spesso causare problemi piuttosto che essere un rimedio appropriato.

Ad esempio, i governi non sono riusciti a fungere da guardiani dell'ambiente naturale, come si è visto nella distruzione ecologica in nome del socialismo autoritario praticato dal blocco sovietico o dalla Cina continentale (rossa). In quei casi, l'ampliamento della portata delle azioni private e un (parziale) ritiro dal controllo statale sulle risorse hanno portato miglioramenti.

Mentre tali ovvi fallimenti dell'autoritarismo associati al comunismo li hanno portati ad essere ampiamente respinti, c'è il rischio che l'autoritarismo basato sull'ecologia o pseudo-scientifico possa sostituirlo.

Nel suo libro, La contro-rivoluzione della scienza, FA Hayek ha identificato una tale possibilità sotto la rubrica di "scientismo" che ha comportato uno spostamento nel metodo scientifico dal rigoroso empirismo, pensiero critico e obiettività verso un approccio non empirico, puramente soggettivo, elitario e collettivista al fare scienza.

In quanto tale, il consenso sostituisce l'empirismo rigoroso e la critica aperta indipendente normalmente associata al metodo scientifico. Poiché lo scientismo, poiché il "consenso scientifico" ha la meglio su tutto il resto, inclusa la ragione, c'è il pericolo che le falsità, anche quelle precedentemente dimostrate false, possano essere elevate dalla maggioranza degli "scienziati" che le accettino.

Una forma emergente di scientismo segue le linee dei burocrati dell'era comunista che si sono impegnati nell'ingegneria sociale e hanno costretto gli individui ad agire per conto della comunità più ampia. Il perseguimento di obiettivi sociali, che si tratti di "salute pubblica" o ambientalismo, che ignorano i diritti individuali e la libertà umana ha spesso portato a risultati disastrosi. In effetti, i peggiori fallimenti del socialismo nel perseguimento di obiettivi sociali furono causati da conseguenze non intenzionali e impreviste.

Oltre alla depredazione materiale associata agli esperimenti storici con il socialismo, vi è stata una perdita di capitale sociale dall'interferenza con la fiducia reciproca che tende a emergere dagli scambi volontari. Se i cittadini si oppongono ai limiti alla loro libertà e ai diritti individuali per raggiungere obiettivi collettivi, la repressione autoritaria diventa uno strumento inevitabile per "pacificare" le masse.

Tali eccessi e abusi del potere statale si sono verificati su una vasta gamma di regimi collettivisti. Ad esempio, i nazionalsocialisti sotto Adolf Hitler attuarono politiche che potrebbero attrarre alcuni degli ecologisti più estremisti di oggi. Un elemento della filosofia del partito nazista (gemeinnutz vor Eigennutz) ha promosso il bene dell'insieme rispetto al bene del singolo. Da un lato, c'era un'opposizione esplicita al consumo di alcol e tabacco.

Ancora più minacciosamente, era richiesta la sterilizzazione obbligatoria dei malati di mente, che si concluse con la sterilizzazione di 350,000 persone contro la loro volontà nel 1939. I tecnici medici, centrali per le operazioni dello Stato nazista, perpetuarono le basi scientifiche dell'evoluzione e dell'igiene genetica basate sull'eugenetica per far progredire la razza purezza.

Molti sostenitori del nazismo nei primi giorni del regime potrebbero non aver mai immaginato i terribili risultati di seguire questa turpe ideologia. Pertanto, dovrebbe essere applicata cautela nel valutare la saggezza "scientifica" che informa le ansie sul deterioramento dell'ambiente naturale o sulla salute dei membri di una comunità. Proprio come molte delle verità accettate del movimento Green si basano sull'applicazione selettiva della scienza, così sono le "verità" che guidano le politiche sanitarie ai tempi del Covid-19.

Mentre Hitler usava false generalità su ebrei e zingari, gli ambientalisti si affidano a affermazioni esagerate che spesso non sono supportate dalla logica, dalla scienza o dai dati. Considerate le profezie non realizzate di un rapporto del Club di Roma ("Limiti alla crescita") che prevedeva un inevitabile conflitto armato globale derivante dall'esaurimento delle risorse prima della fine del 20th secolo.

Un esempio di "scientismo" che si rivolge all'ambiente naturale potrebbe essere identificato come "ecologismo", cioè interventi, regolamenti e coercizione imposti dallo stato per proteggere il ambiente naturale. Tuttavia, tali azioni devono ridurre al minimo le interferenze con l'esercizio pacifico della libertà di scelta e il perseguimento della dignità personale, o il danno alla ambiente umano potrebbe superare i benefici.

Un effetto dell'ecologismo è quello di incoraggiare l'intolleranza verso la scelta individuale e di opporsi alla proprietà privata delle proprietà e delle risorse. La prova di ciò si trova negli atti di ecoterrorismo e nel fatto che la confisca della proprietà privata per promuovere obiettivi ambientali ha attirato il sostegno.

All'estremo, gli ambientalisti tendono ad affermare che la natura è intrinsecamente e oggettivamente preziosa. Ma questa lamentela è incoerente poiché le azioni umane sono una parte inevitabile della realtà del mondo naturale. Pertanto, i tentativi di evocare ragioni etiche per ingiunzioni contro l'alterazione umana o l'uso di alcune parti del mondo naturale sono arbitrari e inappropriati.

Allo stesso modo, gli editti a sostegno della "salute pubblica" che ignorano l'azione umana hanno causato una rottura nel tessuto sociale inducendo le persone a considerare gli altri come un pericoloso vettore di malattia. I mandati della maschera per un'intera popolazione, i blocchi a livello di comunità e i passaporti dei vaccini contraddicono una nozione fondamentale di giustizia secondo cui si presume l'innocenza fino a quando non viene dimostrata la colpevolezza. Nel frattempo, i governi incoraggiano i cittadini a informare o a svergognare chiunque si rifiuti di accettare le linee tracciate dai loro obiettivi arbitrari di "salute pubblica".

Uno dei peggiori elementi delle politiche pandemiche è l'impatto sui bambini dei mandati di "salute pubblica". I bambini sono stati terrorizzati quando gli è stato detto che le violazioni di queste regole potrebbero causare la morte di una persona cara. A loro volta, tali paure non solo destabilizzano la loro salute mentale, ma potrebbero anche creare un cuneo tra loro e i loro genitori.

È da notare che in meno di un anno quasi tutto lo Stato ha imposto interventi non farmaceutici che contraddicevano decenni di conoscenze mediche e scientifiche consolidate. È quasi come se la "scienza" seguisse la politica, piuttosto che il contrario.

Ad esempio, la chiusura delle frontiere era stata considerata inappropriata, l'uso della maschera come strategia generale inefficace, la messa in quarantena dell'intera popolazione fuorviata e il sistema immunitario umano era visto come la prima linea di difesa contro gli agenti patogeni. Tutti sono stati cancellati allo stesso modo delle statue dei veterani di guerra confederati.

Spostare l'attenzione dalle politiche di “salute pubblica” a quelle che affrontano il ambiente naturale, quelli che ignorano il ambiente umano può essere controproducente per il raggiungimento dei propri obiettivi. Limitare gli individui sulla base della protezione dell'ambiente naturale potrebbe peggiorare le condizioni delle comunità se gli imprenditori non sono in grado di fungere da motori della crescita economica e dell'innovazione.

Così com'è, sopprimere l'accesso alle ricompense basate sul mercato (profitti) tende a rallentare il ritmo del progresso tecnologico e a smorzare i guadagni di reddito. Sebbene un minor numero di progressi tecnologici possa ostacolare l'aumento dei redditi, ciò inibirà anche sia i mezzi che la motivazione per la protezione dell'ambiente.

In ogni caso, l'intervento del governo e la regolamentazione del comportamento umano non sono gli unici modi per risolvere i problemi dell'ambiente naturale o della salute dei membri di una comunità. Una maggiore energia intellettuale dovrebbe essere impiegata in modi per sfruttare gli effetti benefici della scelta volontaria nei mercati in sostituzione della costrizione dei mandati governativi.

Da parte loro, gli economisti hanno compiuto sforzi considerevoli per esaminare i modi in cui il sistema dei prezzi può portare alle riduzioni desiderate dell'inquinamento e di problemi simili. Allo stesso modo, un allineamento delle capacità private con gli interessi pubblici ha portato a progressi notevolmente rapidi nella ricerca sui vaccini (anche se gli effetti a lungo termine rimangono sconosciuti).

Nel caso di problemi ambientali, sono stati proposti meccanismi basati sul mercato come la commercializzazione dei diritti di inquinamento o la privatizzazione delle aree naturali e della fauna selvatica. Esistono anche tecniche innovative come il “tagging” elettronico che consentono di identificare la proprietà di risorse disperse o di rintracciare fonti di inquinamento e fissare un prezzo al comportamento.

Ognuna di queste proposte si basa sulla fornitura di incentivi che incoraggiano un migliore monitoraggio e un migliore utilizzo delle risorse e dell'ambiente. In particolare, la proprietà privata fornisce un forte incentivo per un uso attento delle risorse naturali, consentendo ai proprietari di beneficiare direttamente della conservazione e della conservazione che possono portare valori migliori nel presente e nel futuro.

Mentre questo millennio si svolge, la comunità mondiale affronta presagi contrastanti di speranza e disperazione per il futuro. Mentre la scomparsa globale dei regimi autoritari merita tre applausi, i risultati della maggiore consapevolezza delle questioni ambientali potrebbero meritare solo due applausi, a seconda di dove ci portano. Sfortunatamente, il progresso della "salute pubblica" rispetto alla salute individuale invita a due scherni.

Se la logica dell'ecologismo porta all'erosione dei diritti di proprietà e della libertà umana dai diritti ambientali imposti coercitivamente, quasi certamente indebolirà il sostegno alla conservazione dell'ambiente naturale. Allo stesso modo, i governi e gli organismi internazionali di "autoritarismo scientifico" per controllare il comportamento umano in risposta alla pandemia sono diventati sempre più controversi poiché i cittadini perdono la pazienza e iniziano a resistere alle direttive sulla "salute pubblica".

I tentativi di imporre l'accettazione indiscussa di specifiche affermazioni scientifiche denigrando pubblicamente gli oppositori o negando il sostegno a ricerche e progetti che non supportano la narrativa del "consenso" non promuovono la scienza, di per sé. Soprattutto se mette a tacere il pensiero indipendente.

C'è il rischio di creare una dicotomia tra scienza "buona" e "cattiva", portando a una situazione tossica in cui le posizioni sono guidate e indurite dalla politica di parte. La vera scienza non dovrebbe essere considerata monolitica.

Proprio come con la filosofia, fare scienza richiede una mente aperta e scettica. Gli scienziati che cercano di presentare una voce unificata e autorevole o sono guidati da interessi di parte non dovrebbero essere considerati attendibili quando esprimono opinioni sulla "salute pubblica" o sull'ambiente naturale.

Resistere all'avanzata dell'autoritarismo scientifico è diventata la prima linea per la protezione della libertà umana e la santità della proprietà privata.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Timothy J Weigel

Continua così, amico mio, la tua intuizione sulla situazione attuale in cui ci troviamo sarà presto un pensiero comune. Sei molto prima del tuo tempo, e abbastanza presto il mondo conoscerà la tua verità,

WILLIAM FORTUNE

La maggior parte delle preoccupazioni per la combustione di combustibili fossili e la risultante CO2 cesseranno non appena ThorCon inizierà a testare il reattore a sali fusi progettato e testato negli Stati Uniti. La produzione e lo sviluppo dell'unità di ThorCon e di molti altri avverrà molto prima non appena le persone smetteranno di lamentarsi dei problemi ambientali percepiti e agiranno per sostenere e finanziare i numerosi reattori a sale fuso; non appena le persone chiedono che i regolatori/burocrati aiutino invece di ostacolare. Hanno bisogno di essere detto loro di "portare a termine il lavoro entro 2 mesi o essere licenziati e l'agenzia e... Per saperne di più »

[…] 1 agosto 2021 autoritarismo L'autoritarismo scientifico erode la proprietà privata e la libertà umana […]

[…] Leggi di più – L'autoritarismo scientifico erode la proprietà privata e la libertà umana. […]

[…] Leggi di più – L'autoritarismo scientifico erode la proprietà privata e la libertà umana. […]