Safety Nowhere: la Cina estende il suo registro umano globale al suolo americano

Wikipedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
TN ha avvertito che la Cina sta esportando la sua tecnocrazia in tutto il pianeta. In questo caso, stanno ora creando un database globale di cittadini e mappando le loro connessioni sociali. L'uso attuale di questi dati è per intimidire i cittadini cinesi che hanno famiglia o amici all'estero. ⁃ TN Editor

Una grave crisi dei diritti umani si sta svolgendo nella Cina nord-occidentale, secondo le Nazioni Unite, che disse la scorsa settimana ci sono state notizie credibili che il governo cinese trattiene un milione o più di minoranze etniche in campi di detenzione segreti.

Eppure anche per coloro che sono fuggiti Cina, hanno seguito sorveglianza e intimidazione. Nell'ambito di una massiccia campagna per monitorare e intimidire le sue minoranze etniche, non importa dove si trovino, le autorità cinesi stanno creando un registro globale di uiguri che vivono fuori dalla Cina, minacciando di trattenere i loro parenti se non forniscono informazioni personali e identificative ai cinesi polizia. Questa campagna sta raggiungendo anche gli uiguri che vivono negli Stati Uniti.

Alcuni mesi fa, Barna, che vive in una grande città degli Stati Uniti e ha chiesto che il suo vero nome non venisse rivelato, ha ricevuto uno strano messaggio da sua madre, che vive in Cina. La madre di Barna le ha chiesto di inviare il numero di targa della sua auto statunitense, il suo numero di telefono, il suo numero di carta di credito statunitense e una foto della sua carta d'identità. La madre di Barna ha affermato che la Cina sta creando un nuovo sistema di carte d'identità che include tutti i cinesi, anche quelli che si trovano all'estero.

"Dalla sua voce inquieta, posso dire che è stata spinta dalle autorità ... Per la sicurezza di mia madre, ho detto OK."
- "Barna"

Dal momento che sua madre si trovava in Cina e stavano parlando tramite WeChat, un'app di chat cinese consentita dall'autorità di regolamentazione cinese in quanto fornisce alle autorità l'accesso a messaggi e telefonate, Barna sapeva che probabilmente la loro conversazione sarebbe stata monitorata. Quindi disse a sua madre che non aveva una macchina negli Stati Uniti e che usa solo la sua carta di credito cinese, anche se sua madre sa che non è così.

Ma Barna ha accettato di inviare la foto della sua carta d'identità. "Dalla sua voce inquieta, posso dire che è stata spinta dalle autorità", ha detto Barna. "Per motivi di sicurezza di mia madre, ho detto OK."

Negli ultimi mesi, molti altri uiguri vivere negli Stati Uniti ha ricevuto richieste simili dalle autorità cinesi, trasmesse da familiari in Cina a cui sono state pagate visite ufficiali da funzionari dell'ufficio di pubblica sicurezza locale. Un uiguro che viveva sulla costa orientale disse a The Daily Beast che la polizia cinese aveva richiesto una copia del contratto di lavoro dell'individuo con la sua università; un altro è stato detto che dovevano fornire una lettera dal loro supervisore accademico. Se non rispettano, questi Uiguri sanno che i loro parenti potrebbero essere detenuti.

"Ho sentito parlare di molti di questi casi di influenza e intimidazione da parte delle autorità cinesi estese agli uiguri all'estero, siano essi studenti o giornalisti o gente comune", ha affermato James Millward, professore di storia cinese e centroasiatica alla Georgetown University. "In molti casi sono residenti permanenti, possessori di green card o persino cittadini negli Stati Uniti, in Australia o altrove."

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti