Rutherford: ciò che resta della "libertà è minacciata da ogni direzione"

Per favore, condividi questa storia!
L'America è arrivata al punto di svolta in cui tutte le libertà sono a rischio di estinzione totale. La risposta: "spegnete le televisioni, escludete i politici e fate la vostra parte per difendere i principi di libertà nelle vostre comunità". Le linee di battaglia sono impegnate e la resistenza deve aumentare. Editor TN

“Il potere esecutivo nel nostro governo non è l'unico, forse nemmeno il principale, oggetto della mia sollecitudine. La tirannia del legislatore è davvero il pericolo più da temere, e continuerà ad esserlo per molti anni a venire. La tirannia del potere esecutivo arriverà a sua volta, ma in un periodo più lontano.”― Thomas Jefferson, Democracy in America

È tempo di ricalibrare il governo.

Da anni subiamo le ingiustizie, le crudeltà, la corruzione e gli abusi di una burocrazia governativa radicata che non ha riguardo per la Costituzione né per i diritti dei cittadini.

Per "governo", non mi riferisco alla burocrazia bipartitica e altamente partigiana dei repubblicani e dei democratici. Piuttosto, mi riferisco al "governo" con la "G" maiuscola, il Deep State radicato che non è influenzato dalle elezioni, non è alterato dai movimenti populisti e si è posto al di fuori della portata della legge.

Siamo in ritardo per un controllo sistematico sugli eccessi e le prese di potere del governo.

Abbiamo indugiato troppo a lungo in questa strana zona crepuscolare dove l'ego vince la giustizia, la propaganda perverte la verità e i presidenti imperiali - autorizzati a assecondare le loro tendenze autoritarie da tribunali legalisti, legislature corrotte e una popolazione disinteressata e distratta - governano per legge piuttosto che per regola di diritto.

Questa pandemia di COVID-19 ha fornito al governo la scusa perfetta per rivendicare una lunga lista di terrificanti poteri di blocco (sia a livello federale che statale) che scavalcano la Costituzione: la capacità di sospendere la Costituzione, detenere a tempo indeterminato i cittadini americani , aggirare i tribunali, mettere in quarantena intere comunità o segmenti della popolazione, scavalcare il Primo Emendamento vietando le riunioni e le assemblee religiose di più di poche persone, chiudere intere industrie e manipolare l'economia, imbavagliare i dissidenti, rimodellare i mercati finanziari, creare valuta (e quindi limitare ulteriormente l'uso del denaro), determinare chi dovrebbe vivere o morire e imporre mandati sanitari su ampi segmenti della popolazione.

Questi tipi di crisi tendono a far emergere le tendenze autoritarie nel governo.

Non è una sorpresa: il potere corrompe e il potere assoluto corrompe assolutamente.

Il punto in cui ci troviamo ora è nella non invidiabile posizione di dover tenere a freno tutti e tre i rami del governo - Esecutivo, Giudiziario e Legislativo - che hanno superato la loro autorità e si sono ubriacati di potere.

Questo è esattamente il tipo di potere concentrato e assoluto da cui i fondatori hanno cercato di guardarsi stabilendo un sistema di controlli di equilibrio che separa e divide il potere tra tre rami coeguali: l'esecutivo, il legislativo e il giudiziario.

"Il sistema di controlli e contrappesi immaginato dai Framers ora manca di controlli efficaci e non è più in equilibrio", conclude il professore di diritto William P. Marshall. “Le implicazioni di questo sono gravi. I Framers hanno progettato un sistema di separazione dei poteri per combattere gli eccessi e gli abusi del governo e per frenare l'incompetenza. Credevano anche che, in assenza di un'effettiva struttura di separazione dei poteri, tali mali sarebbero inevitabilmente seguiti. Sfortunatamente, però, il potere una volta preso non si cede facilmente”.

Il potere puro in qualsiasi ramo del governo è una minaccia alla libertà.

Non ha senso discutere quale sarebbe il partito politico ancora di più pericoloso con questi poteri.

Il fatto che qualsiasi individuo, o ramo di governo, di qualsiasi convinzione politica abbia il potere di agire come un dittatore è già abbastanza pericoloso.

Quindi cosa possiamo fare per riprendere il controllo su un governo in fuga e una presidenza imperiale?

Non sarà facile.

Siamo le vittime inconsapevoli di un sistema così corrotto che coloro che si battono per lo stato di diritto e aspirano alla trasparenza nel governo sono in minoranza.

Questa corruzione è così vasta che abbraccia tutti i rami del governo: dalle agenzie assetate di potere sotto il ramo esecutivo e le marionette corporative all'interno del ramo legislativo a una magistratura che è, il più delle volte, elitaria e prevenuta nei confronti di enti e società governative.

Siamo governati da una classe d'élite di individui che sono completamente fuori dal contatto con i travagli dell'americano medio.

Siamo visti come relativamente sacrificabili agli occhi del governo: numeri senza volto di individui che servono a uno scopo, che è quello di mantenere la macchina del governo in funzione attraverso il nostro lavoro e le nostre tasse. Chi è al potere non perde il sonno per gli oltraggi che ci vengono fatti subire o per i possibili rischi per la nostra salute. Tutto ciò di cui sembrano preoccuparsi sono il potere e il controllo.

Siamo costretti a subire innumerevoli abusi per mano del governo.

Abbiamo poca protezione contro gli eserciti permanenti (domestici e militari), sorveglianza invasiva, predoni squadre SWAT, un travolgente arsenale governativo di veicoli d'assalto e potenza di fuoco, e una raffica di leggi che criminalizzano tutto, dagli orti alle bancarelle di limonate.

In nome della sicurezza nazionale, siamo sottoposti ad agenzie governative come la NSA, l'FBI e altri che ascoltano le nostre telefonate, leggono la nostra posta, controllano le nostre e-mail ed effettuano perquisizioni senza mandato nelle nostre case. . In aggiunta all'abuso, abbiamo a che fare con telecamere di sorveglianza montate agli angoli delle strade e nei semafori, satelliti meteorologici cooptati per essere utilizzati come telecamere spia dallo spazio e dispositivi di imaging sensoriale termico in grado di rilevare il calore e il movimento attraverso le pareti del nostro le case.

Questo non inizia nemmeno a toccare i molti modi in cui i nostri diritti del Quarto Emendamento sono calpestati dalla polizia militarizzata e dalle squadre SWAT autorizzate ad agire come leggi a se stesse.

In altre parole, la libertà, o ciò che ne rimane, è minacciata da ogni parte.

I predatori dello stato di polizia stanno devastando le nostre libertà, le nostre comunità e le nostre vite. Il governo non ascolta la cittadinanza, si rifiuta di rispettare la Costituzione, che è il nostro stato di diritto, e tratta la cittadinanza come una fonte di finanziamento e poco altro. Gli agenti di polizia stanno sparando a cittadini disarmati e ai loro animali domestici. Gli agenti del governo, compresa la polizia locale, vengono armati fino ai denti e incoraggiati ad agire come soldati su un campo di battaglia. Le agenzie governative gonfie stanno derubando i contribuenti. I tecnici del governo stanno spiando le nostre e-mail e telefonate. Gli appaltatori del governo stanno facendo una strage conducendo guerre senza fine all'estero.

In altre parole, lo stato di polizia americano è vivo, vegeto e fiorente.

Nulla è cambiato e nulla cambierà se non insistiamo su questo.

Siamo arrivati ​​al futuro distopico rappresentato nel film del 2005 V per Vendetta, che non è affatto futuro.

Ambientato nell'anno 2020, V per Vendetta (scritto e prodotto dai Wachowski) offre uno sguardo inquietante su un universo parallelo in cui un virus progettato dal governo provoca il caos nel mondo. Sfruttando la paura della gente, arriva al potere un governo totalitario che sa tutto, vede tutto, controlla tutto e promette soprattutto sicurezza e protezione.

Sono stati istituiti campi di concentramento (carceri, prigioni private e strutture di detenzione) per ospitare prigionieri politici e altri ritenuti nemici dello stato. Le esecuzioni di persone indesiderabili (estremisti, piantagrane e simili) sono comuni, mentre altri nemici dello stato vengono fatti "scomparire". Le rivolte e le proteste populiste vengono affrontate con estrema forza. Le reti televisive sono controllate dal governo con lo scopo di perpetuare il regime. E la maggior parte della popolazione è agganciata a una modalità di intrattenimento e non ha idea.

Suona dolorosamente familiare, vero?

Come ha osservato il regista James McTeighe a proposito del regime tirannico in V per Vendetta, “Ha davvero mostrato cosa può succedere quando la società è governata dal governo, piuttosto che il governo è gestito come una voce della gente. Non credo che sia un salto così grande dire che cose del genere possono accadere quando i leader smettono di ascoltare le persone".

Chiaramente, i nostri leader hanno smesso di ascoltare il popolo americano.

Siamo - e siamo da tempo - le vittime inconsapevoli di un sistema così corrotto che coloro che si battono per lo stato di diritto e aspirano alla trasparenza nel governo sono in minoranza. Questa corruzione è così vasta che abbraccia tutti i rami del governo, dalle agenzie assetate di potere sotto il ramo esecutivo e i burattini aziendali all'interno del ramo legislativo a una magistratura che è, il più delle volte, elitaria e prevenuta nei confronti di enti e società governative.

Siamo governati da una classe d'élite di individui che sono completamente fuori dal contatto con i travagli dell'americano medio. Siamo relativamente sacrificabili agli occhi del governo: un numero anonimo di individui che servono a uno scopo, che è quello di mantenere la macchina del governo in funzione attraverso il nostro lavoro e i nostri soldi delle tasse.

Cosa ci vorrà per il governo? inizia a ascoltare di nuovo la gente?

In V per Vendetta, come nel mio nuovo romanzo I diari di Erik Blair, ci vuole un atto di terrorismo perché il popolo si mobiliti finalmente e si opponga alla tirannia del governo: in Vendetta, V crociato mascherato del film fa esplodere la sede del governo, mentre in Erik Blair, i combattenti per la libertà tramano per smascherare il Deep State.

Questi atti di disperazione e di totale anarchia sono ciò che accade quando un governo parassitario imbavaglia i cittadini, li recinta, li ammassa, li marchia, li frusta alla sottomissione, li costringe ad alzare il sudore delle loro sopracciglia dando loro poco in cambio, e poi fornisce loro poco o nessuno sfogo per esprimere il loro malcontento: le persone si disperano, i cittadini perdono la speranza e la resistenza legale e non violenta lascia il posto a una resistenza illegale e violenta.

In questo modo sta la follia.

D'altra parte, questa follia potrebbe essere inevitabile a meno che non riusciamo a riprendere il controllo del nostro governo in fuga a partire dal livello locale.

Come fare questo? Non è scienza missilistica.

Non esiste un piano in 10 fasi. Se ci fosse un piano in 10 fasi, tuttavia, il primo passo sarebbe il seguente: spegnere le televisioni, escludere i politici e fare la propria parte per difendere i principi di libertà nelle proprie comunità.

Difendi i tuoi diritti, ovviamente, ma soprattutto, difendi i diritti di coloro con cui potresti non essere d'accordo. Difendi la libertà a tutti i costi. Difendi la giustizia a tutti i costi. Non fare eccezioni in base a razza, religione, credo, politica, status di immigrazione, orientamento sessuale, ecc. Vota come gli americani, tanto per cambiare, non repubblicani o democratici.

Soprattutto, usa il tuo potere - e c'è potere nei nostri numeri - per annullare qualsiasi cosa il governo faccia che mina i principi di libertà su cui è stata fondata questa nazione.

Non giocare alla semantica. Non giustificare. Non politicizzarlo. Se porta anche solo un odore di tirannia, opponetevi. Chiedi ai tuoi rappresentanti al governo di farti un accordo migliore, che rispetti la Costituzione e non cerchi solo di eluderla.

Questo è il loro lavoro: farglielo fare.

Come chiarisco nel mio libro Battlefield America: The War on the American People, tutte le libertà stanno insieme. Anche loro cadono insieme.

Lo stato di polizia non discrimina. Alla fine, subiremo tutti la stessa sorte.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
sto solo dicendo

Dobbiamo avere un'armatura come ho detto prima. Una nazione che dimentica Dio non riceverà alcun aiuto da lui. E non possiamo biasimarlo per ciò che sta accadendo in questo mondo. Lo ha raccontato nella Bibbia, e poiché la maggior parte delle persone ne ha uno e non lo legge, non ha idea degli eserciti invisibili contro di loro. I cristiani conoscono questo fatto: siate sobri, siate vigili; perché il tuo avversario il diavolo, come un leone ruggente, che va in giro cercando chi può divorare: l'armatura viene solo quando uno eccetto Gesù come il loro personale salvatore (tutto quello che devono fare... Per saperne di più »

Anne

Mi sembra che le violazioni dei diritti umani e le libertà continueranno fino al ritorno di Gesù. Sono sicuro che i padri fondatori degli Stati Uniti sapevano che qualsiasi nazione sarebbe crollata sotto il peso di una leadership politica senza legge e di una società amorevole senza legge.

Ren

Sembra piuttosto senza speranza, umanamente parlando. Prego che questo finisca presto.

Anne

Volevo dire la perdita delle libertà nella prima frase.

Elle

Tutto vero. Azzeccato.

Matthew Davison

Il capitalismo può essere corrotto proprio come il governo, il libero mercato è come la libertà individuale gestita dal popolo.