Il robot killer autonomo fa il suo debutto nella caccia al pesce leone per salvare le barriere coralline

vuotoISTITUTO POLITECNICO DI WORCESTER
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Mentre il riscaldamento globale causato dall'uomo è sempre accusato di decadimento delle barriere coralline del mondo, il pesce leone è emerso come un cospiratore. La soluzione Technocrat è inventare un robot killer AI autonomo per cacciare e uccidere il pesce leone. Se riescono a cacciare e uccidere una specie, non possono fare lo stesso per un'altra (es. Umani) Altri scienziati stanno cercando di usare la tecnologia CRISPR per modificare geneticamente i coralli. ⁃ Editor TN

Di solito la conservazione degli animali è uno sforzo passivo, creando zone protette o prendendo altre misure per proteggere piante e animali dall'uomo. Ma scienziati e studenti del Politecnico del Massachusetts vogliono aiutare a proteggere le barriere coralline da una specie invasiva in modo più aggressivo: stanno costruendo un robot progettato per cacciare e raccogliere autonomamente leone minacciose barriere coralline.

vuoto

Pesce leone

Lionfish ha minacciato le barriere coralline al largo delle coste americane e caraibiche per anni. L'amministrazione nazionale oceanica e atmosferica li descrive come "predatori flessibili potenzialmente in grado di ridurre l'abbondanza di un'ampia varietà di pesci nativi associati alla barriera corallina".

Originario dell'Indo-Pacifico e del Medio Oriente, il pesce leone ha caratteristiche distintive che li rendono preziosi animali da acquario. Dopo essere stati probabilmente scaricati nell'Atlantico da proprietari che non li valutano più, le loro uova hanno la Corrente del Golfo in direzione sud per consentire loro di diventare cattivi predatori tra gamberetti, piccoli granchi, cernia Nassau e dentice dalla coda gialla, solo per citare alcune specie che sono venute sotto attacco.

Il loro stile di attacco è unico per le loro acque ritrovate. Il pesce leone ha ossa vuote nelle pinne dorsali e pettorali che iniettano tossine. Montando le pinne verso un bersaglio, NOAA stima di aver creato una dieta di circa le specie 40.

Ecco dove entrano i robot.

"L'obiettivo è quello di essere in grado di gettare il robot sul lato di una barca e farlo scendere sulla barriera corallina, tracciare un percorso e iniziare la sua ricerca", afferma Craig Putnam, istruttore senior di informatica presso WPI, in un Comunicato stampa. “Deve creare un modello di ricerca e volare lungo la barriera corallina, senza imbattersi in esso, mentre cerca il pesce leone. L'idea è che i robot potrebbero far parte della soluzione ambientale ".

Un robot per la caccia al pesce ha molti requisiti complessi. Quando si progetta un robot per cacciare un pesce specifico, è essenziale ottenere il giusto processo di identificazione. Il cacciatore robotico deve essere in grado di distinguere il pesce leone dagli altri pesci all'interno dell'ecosistema della barriera corallina per scegliere l'obiettivo giusto. Idealmente, le barriere coralline sono ambienti affollati e fiorenti pieni di vista e suono. Il robot deve ridurre un'enorme quantità di rumore per trovare il suo obiettivo.

Tale formazione deriva dall'apprendimento automatico. Gli studenti di WPI hanno mostrato al loro robot migliaia di foto di pesci leone di diversi colori, prese da angolazioni diverse e con condizioni di illuminazione variabili, addestrandolo a riconoscere un pesce leone con una precisione maggiore del 95. Il robot ha anche ottenuto foto di subacquei umani per addestrarlo in ciò che non deve assolutamente evitare di sparare.

Il robot utilizzerà un carosello girevole che WPI confronta con il cilindro di un revolver, conterrà otto punte di lancia staccabili. Un meccanismo motorizzato spingerà la punta della lancia nel corpo del pesce. Quando questo albero meccanizzato si ritrae, lascerà la punta della lancia all'interno del corpo del pesce e la giostra andrà avanti.

Quando si opera con sistemi di attacco meccanizzati come questo, il galleggiamento soffre. Gli studenti WPI che lavorano al robot come Major Qualifying Project (MQP) hanno deciso di compensare ciò attraverso una camera a tenuta stagna riempita d'aria che si allarga leggermente dopo ogni lancia.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
Sottoscrivi
Notifica