Ripensare COVID: dovresti fidarti del governo con la tua vita?

Per favore, condividi questa storia!
Questo è un articolo da leggere e da condividere di un investigatore razionale che conclude correttamente: "Finché crediamo al mito, evitiamo la responsabilità di gestire questo virus come hanno sempre fatto le società intelligenti". È tempo che l'America fermi la boxe delle ombre e torni a vivere.

E chi sta stimolando l'azione del governo se non i Tecnocrati che sono profondamente impegnati a trasformare il mondo in una dittatura scientifica, alias Tecnocrazia. Qualcuno pensa davvero che Bill Gates si preoccupi per te quando ha giocato veloce e sciolto con la vita di milioni di persone in Africa e in India? Anthony Fauci si preoccupa davvero della salute degli americani quando terrorizza milioni di persone nell'evitare le strutture sanitarie quando in realtà dovrebbero ricevere cure? I governatori degli stati e i sindaci delle città si preoccupano della tua salute quando approvano mandati che indeboliscono la libertà di indossare maschere quando non ci sono prove scientifiche chiare che sia necessario farlo?

Il governo non si è mai corretto da qualsiasi illecito o abuso di potere. Tuttavia, è tempo di fermare la farsa, e solo i cittadini americani hanno il potere e la posizione per farlo. ⁃ TN Editor

Le menti leggendarie hanno sostenuto che l'incapacità di esaminare criticamente le nostre convinzioni ci rende colpevoli di esiti negativi. Le convinzioni portano ad azioni che hanno un impatto sulle altre persone.

Come scrisse Voltaire durante l'Illuminismo - quando la società aveva ancora tempo lontano dallo schermo per riflettere su filosofia, moralità e verità fondamentale - "chi può farti credere alle assurdità, può farti commettere atrocità".

Questo non è mai stato più vero che nell'era dei social media, quando informazioni e opinioni ci bombardano costantemente da tutte le parti, isolandoci dai nostri pensieri e valori. Abbiamo il dovere morale di esaminare criticamente le nostre convinzioni, in particolare la nostra convinzione nel "blocco", la politica pubblica più oppressiva e universalmente distruttiva implementata nelle nostre vite.

È il mezzo meno restrittivo disponibile per ridurre al minimo le vittime di questa pandemia?

La nostra fede in esso si è formata quando abbiamo sentito una paura legittima - questo può portare all'irrazionalità - quindi non possiamo davvero rispondere a questa domanda in buona coscienza a meno che e fino a quando non ci prendiamo il tempo di condurre un esame adeguato e onesto con il senno di poi.

Qualsiasi numero di atrocità può verificarsi quando gli esseri umani agiscono in base a convinzioni infondate e non esaminate.

Considera l'esempio dell'armatore nel saggio del 1876 di William Kingdon Clifford, "The Ethics of Belief". Turbato dalle condizioni della sua vecchia nave, che altri hanno suggerito non è ben costruita e necessita di riparazioni, alla fine si calma con questi pensieri confortanti: "Aveva attraversato in sicurezza così tanti viaggi e superato così tante tempeste che era inutile supporre che non sarebbe tornata a casa anche da questo viaggio." L'armatore sviluppa una sincera convinzione che lei non affonderà e agisce in base alla sua convinzione.

“Ha guardato la partenza [della nave] con un cuore leggero, e benevoli desideri per il successo degli esiliati nella loro strana nuova casa che doveva essere; e ha ottenuto i soldi dell'assicurazione quando lei è scesa in mezzo all'oceano e non ha raccontato storie.

“Cosa diremo di lui? Sicuramente questo, che era veramente colpevole della morte di quegli uomini. Si ammette che credesse sinceramente nella solidità della sua nave; ma la sincerità della sua convinzione non può in alcun modo aiutarlo, perché non aveva il diritto di credere a tali prove come lo era prima di lui. Aveva acquisito la sua fede non guadagnandosi onestamente in indagini pazienti, ma soffocando i suoi dubbi ".

La convinzione dell'armatore era costruita sulla sabbia: sapeva di avere delle domande a cui rispondere, ma invece ha preso la strada più comoda e altre persone hanno dovuto pagare con la vita per questo. Sebbene possa sembrare che personalmente se la sia cavata facilmente, la sua reputazione, fiducia e coscienza ne hanno sicuramente sofferto.

Le persone che nutrono false credenze e ignorano i segnali di pericolo finiscono regolarmente per essere gravemente danneggiate: considera gli investitori nella truffa Theranos di Elizabeth Holmes, o lo schema Ponzi di Bernie Madoff, oi genitori delle ginnaste ragazzine di Larry Nassar. Questi esempi dimostrano quanto sia facile sfruttare la fiducia e la credulità di persone molto intelligenti. Succede come per magia, in pieno giorno - si perdono o si guadagnano milioni, vengono intraprese azioni irreparabili - con la vittima che crede di voler partecipare a una relazione o situazione benefica.

I passeggeri si fidavano dell'armatore. Gli investitori si fidavano degli imprenditori. I genitori si fidavano del dottore. Dovremmo fidarci del governo?

Forse, invece di prendere il facile sentiero della fede cieca, dovremmo sfidare le affermazioni del nostro governo su COVID-19 e su come affrontarlo. Dopotutto, i governi hanno già ammesso di manipolarci scrittura:

Minaccia percepita: un numero considerevole di persone non si sente ancora sufficientemente minacciato personalmente; potrebbe essere che siano rassicurati dal basso tasso di mortalità nel loro gruppo demografico. . . Il livello percepito di minaccia personale deve essere aumentato tra coloro che sono compiacenti, utilizzando messaggi emotivi incisivi.

Mi sottometto rispettosamente a te: chiunque sia disposto ad adottare questa losca tattica non è degno della tua cieca fiducia. I governi sanno che le persone emotive sono facili da manipolare. Come ha scritto Robert Greene nell'autorevole tomo su la natura umana, "Ti piace immaginare di avere il controllo del tuo destino, pianificando consapevolmente il corso della tua vita ... [ma] ma sei in gran parte inconsapevole di quanto profondamente le tue emozioni ti dominano. Ti fanno virare verso idee che calmano il tuo ego. Ti fanno cercare prove che confermino ciò che già vuoi credere ... "

Logicamente, le persone terrorizzate vogliono credere nell'esistenza di una robusta ancora di salvezza. A loro piace ancora di più quell'ancora di salvezza se aggrapparsi ad essa li rende "brave persone" e trasforma coloro che preferiscono nuotare con la marea in "assassini". Sapendo ciò che sa sulla natura umana, possiamo essere certi che il nostro governo sapeva che proporre il blocco a noi in questo particolare momento era praticamente garantito per avere successo.

Sarebbe saggio incaricare il governo ora che ci siamo calmati. Cosa ci hanno chiesto di credere, perché ci hanno chiesto di crederlo e quali sono i motivi per dubitare?

Credenza n. 1: "Lockdown salva vite".

La fede cieca nel blocco ha preso piede rapidamente nel marzo 2020 come un fuoco in un pagliaio. La scintilla che l'ha innescata è stata il terrore, acceso dai resoconti sensazionalistici dei media sul “disastro” nel Nord Italia, seguito a breve dalle previsioni apocalittiche di modellisti dal suono stravagante (“Imperial College! London!”). Quegli stessi modellisti offrivano un'ancora di salvezza: - lockdown, the laspettavo un'opportunità nella vita reale per testare una teoria sugli animali domestici. Peccato che non ci siamo mai fermati a mettere in discussione la loro credibilità ("suonano così fantasiosi!") E le motivazioni ("abbiamo aspettato questo momento!") Prima di intraprendere qualsiasi azione - azione particolarmente drastica, che altera la vita.

“Ogni uomo che ha accettato la dichiarazione di qualcun altro, senza egli stesso testarla e verificarla, è stragiudiziale; la sua parola non vale niente. Due domande serie devono essere fatte riguardo a colui che l'ha fatto per primo: si è sbagliato nel pensare di essere a conoscenza di questa faccenda o stava mentendo? " ~ William Kingdon Clifford

Un secondo problema di credibilità, ancora più grande, si riscontra se consideriamo la prima lezione che abbiamo mai imparato sul "blocco". Quella lezione è arrivata dalla Cina. Nessuno di noi - o nemmeno i nostri genitori - aveva mai sentito parlare di una quarantena a livello di popolazione fino a quando il governo cinese non ha impiantato l'idea con un proprio "blocco" altamente pubblicizzato.

Questo ha normalizzato il concetto, preparando le nostre menti ad accettarlo come misura scientificamente supportata per gestire le malattie infettive. Poi, dopo averci bombardato con immagini dei sacrifici dei suoi cittadini, la Cina prevedibilmente ha dichiarato: “Ha funzionato! Abbiamo sconfitto il virus! La malattia è sparita! "

L'ancora di salvezza. Il isola di fuga. Grazie, Cina - grazie a te, non moriremo.

Non sapevamo che decenni di lavoro di sanità pubblica stabilissero inequivocabilmente il contrario: "Non ci sono basi [nella scienza] per raccomandare la quarantena a gruppi o individui".

Dal Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie:

“È difficile immaginare che misure come quelle all'interno della categoria del distanziamento sociale non avrebbero alcun impatto positivo riducendo la trasmissione di un'infezione respiratoria umana che si diffonde da uomo a uomo tramite goccioline e contatto indiretto. Però, la base di prove a sostegno di ogni singola misura è spesso debole."

Dal Linee guida per la pianificazione della pandemia provvisoria 2007 del Centro degli Stati Uniti per il controllo delle malattie (pagina 25):

“[M] modelli atematici che hanno esplorato potenziali strategie di mitigazione della fonte che fanno uso di. . . Il controllo delle infezioni e le misure di allontanamento sociale da utilizzare in un'epidemia di influenza hanno identificato soglie temporali critiche per il successo. . . l'efficacia delle strategie di mitigazione della pandemia diminuirà rapidamente poiché il tasso cumulativo di malattie prima dell'implementazione supera l'1% della popolazione in un'area colpita ".

Anche le Il Washington Post, alla fine di gennaio 2020, ha pubblicato un articolo che condanna duramente il blocco cinese:

"Questo è semplicemente sbalorditivo: questa è la madre di tutte le quarantene. Non avrei mai potuto immaginarlo. " ~ Howard Markel, storico della medicina dell'Università del Michigan

“La verità è che questi tipi di blocchi sono molto rari e mai efficaci. . . Lo stanno facendo perché le persone che sono nella leadership politica pensano sempre che se fai qualcosa di drammatico e visibile otterrai il sostegno popolare. Non potevano avere alcun valido consiglio sulla salute pubblica ". ~ Lawrence O. Gostin, professore di diritto sanitario globale alla Georgetown University

Ora possiamo confermare l'accuratezza di queste affermazioni con i dati in tempo reale del nostro esperimento di blocco. Abbiamo persino il gold standard scientifico - un gruppo di controllo - la Svezia. I dati svedesi sulla mortalità dimostrano che non solo il blocco non "salva vite", ma porta ad un aumento della mortalità. La Svezia ha una mortalità per tutte le cause molto inferiore (superiore alla media) nel 2020 rispetto ad aree fortemente bloccate come New Jersey, Michigan, Spagna, Italia, Belgio e Regno Unito La mortalità per tutte le cause della Svezia quest'anno è simile a quella dei suoi vicini scandinavi: ognuno di loro ha un eccesso di mortalità moderato, in linea con le medie storiche.

La Svezia dimostra anche che il vero impatto sulla mortalità di COVID - quando non si perdono vite aggiuntive a causa di una propaganda terrificante e azioni governative draconiane che portano alla paura, alla disperazione e alla distruzione dei sistemi medici e sociali - è quello di una grave influenza. Per le settimane 1-32 del 2018, la Svezia ha avuto 56,770 morti. Per le stesse settimane del 2020, ha registrato 59,346 morti, una differenza di 2,576 o ~ 4%, e da lì in poi poiché la mortalità è ora al di sotto della media.

In breve, molti dei cittadini più deboli in Svezia sono purtroppo morti pochi mesi prima. Anche se tutto il tempo perso è deplorevole, è improbabile che un uomo di 86 anni in fin di vita, al fine di prolungare la propria vita di 5-9 mesi (l'aspettativa di vita media rimanente del 70% dei decessi da COVID svedese), proporrebbe che un padre di 30 anni sia condannato a perdere la sua attività e impiccarsi.

Eppure è esattamente quello che è successo nei paesi che sono stati bloccati. Gli anziani che avremmo dovuto "salvare" non sono riusciti a parlare della questione - invece, hanno ricevuto COVID segretamente inviato direttamente nei loro luoghi di residenza, come una volpe al pollaio. Secondo i funzionari governativi che hanno emesso questi ordini e i loro media ideologicamente allineati, la Svezia è il cattivo. Accettiamo questa affermazione perversa, apertamente distorta e la conseguente atrocità solo perché crediamo fermamente nell'efficacia dei blocchi. Altrimenti, ci ribelleremmo per le strade, riconoscendo che le stesse persone che hanno creato il problema ci hanno venduto il rimedio. Vostro rimedio.

"Tutti noi soffriamo gravemente a causa del mantenimento e del sostegno di false credenze e delle azioni fatalmente sbagliate a cui esse portano, e il male che nasce quando una di queste convinzioni è intrattenuta è grande e vasto". ~ William Kingdon Clifford

Credenza n. 2: È imperativo PER TUTTI evitare l'infezione da COVID-19.

Alcune persone, in particolare le persone molto anziane con gravi comorbidità, dovrebbero effettivamente cercare di evitare l'infezione. Ma per i milioni di persone a basso rischio, COVID dovrebbe essere trattato come l'influenza. Dovrebbero circolare normalmente, servendo l'umanità esponendosi al virus senza isteria, come hanno fatto gli svedesi. Ciò ridurrà al minimo la mortalità complessiva riducendo la durata dell'epidemia, liberando prima gli anziani ad alto rischio dal partoed evitare tutte le morti di blocco e altri traumi. È un fatto scientifico che ogni epidemia finisce alla soglia dell '"immunità di gregge" - non prima.

L'alternativa che abbiamo scelto - un'epidemia di dimensioni identiche, ma di durata più lunga, con persone statisticamente a rischio zero che si nascondono nelle loro case diventando più stressate, più grasse e più malate - è una follia assoluta. La parte più tragica è che Imperial ce l'ha spiegato il 16 marzo e lo ha pubblicato online affinché tutti possano vederlo:

“Una volta che gli interventi sono rilassati. . . le infezioni iniziano ad aumentare, determinando un picco epidemico previsto più avanti nel corso dell'anno. Maggiore è il successo di una strategia nella soppressione temporanea, più grande è prevista l'epidemia successiva in assenza di vaccinazione, a causa del minore accumulo di immunità della mandria ".

Sebbene Imperial abbia progettato il blocco come una strategia di gestione della capacità di terapia intensiva, apparentemente non prevedeva la difficoltà nel persuadere le persone terrorizzate dal blocco a tornare indietro e vivere due settimane dopo. "Tutto chiaro! Abbiamo migliaia di letti in terapia intensiva pronti per te! In bocca al lupo!"

Buona fortuna davvero.

Per fortuna, ora sappiamo che COVID è molto meno mortale di quanto Imperial, WHO e i media mainstream ci abbiano fatto credere. La maggior parte di noi non conosce nessuno che è morto, dopotutto solo lo 05% della popolazione. Abbiamo davvero il tutto chiaro e dovremmo sentirci perfettamente a posto comportandoci esattamente come uno svedese - e ringraziando gli altri per aver fatto proprio questo, invece di opprimerli con mandati autoritari e che sconfiggono la vita.

Credenza n. 3: se non indossa una maschera, non sarò al sicuro.

Vedi sopra. Se contrasta l'infezione e si riprende, sarai più al sicuro di prima. A meno che tu non sia regolarmente attaccato da estranei che starnutiscono, puoi indossare la tua maschera e mantenere le distanze. Non hai bisogno dell'aiuto di nessun altro. La scienza affermata afferma che le maschere e le distanze non funzionano, comunque - COVID-19 si presenta spontaneamente sulle navi militari per 49 giorni di isolamentoe virus simili sono comparsi durante la diciassettesima settimana di quarantene antartiche perfette. Ma almeno ti sentirai come se stessi facendo qualcosa.

Convinzione n. 4: se mi sbagliavo riguardo al lockdown, questo mi rende credulone e poco intelligente.

No, ti rende umano. Errare è umano. Ammetterlo è nobile e altruistico, mentre perseverare nonostante le bandiere rosse è patologico e dannoso. Tutti dovremmo aspirare ad essere come Socrate, che comprendeva le sue fallibilità umane: "So di essere intelligente perché so di non sapere nulla".

Non c'è da vergognarsi di innamorarsi di un piano di propaganda così sofisticato. La maggior parte delle persone lo ha fatto. Da allora sono emerse alcune stelle splendenti ammettere il loro errore, adottando tranquillamente l'approccio svedese. Faresti bene a unirti a loro, evitando il destino di Don Chisciotte:

“Finché ha combattuto contro giganti immaginari, Don Chisciotte era solo una recitazione. Tuttavia, una volta che uccide davvero qualcuno, si aggrappa alle sue fantasie per tutto ciò che vale, perché solo loro danno un significato al suo tragico misfatto. Paradossalmente, più sacrifici facciamo per una storia immaginaria, più tenacemente ci aggrappiamo ad essa, perché vogliamo disperatamente dare un senso a quei sacrifici e alla sofferenza che abbiamo causato ". ~ Yuval Noah Harari, Homo Deus: A History of Tomorrow

Credenza n. 5: COVID-19 è molto più pericoloso dell'influenza.

Nope. Come affermato sopra, in termini di impatto sulla mortalità, la Svezia ha già dimostrato che il COVID-19 è effettivamente simile all'influenza. Le malattie sono simili sotto altri aspetti - entrambe possono avere a lungo termine effetti sulla salute, entrambi uccidono valori anomali casuali (l'influenza uccide anche i giovani insegnanti) ed entrambi può causare il trabocco degli ospedali, come ha fatto l'influenza fino a due anni fa. Hanno tassi di sopravvivenza simili: ~997 su 1,000 per COVID, ~ 999 su 1,000 per l'influenza. Oltre il cinquanta per cento degli americani non riceve nemmeno il vaccino antinfluenzale, eppure abbiamo distrutto il pianeta per "fermare" COVID-19.

Perchè è successo? Perché i media hanno scelto di descrivere questo virus come Black Plague - e noi ci abbiamo creduto. Ora che sappiamo che i media possono farlo, possiamo capire perché il Primo Ministro britannico - e altri nella sua posizione - avevano paura dei suoi poteri. Secondo quanto riferito, ha imposto il blocco perché è stato minacciato come segue: "IoSe non si è bloccato, i giornalisti gli chiederanno alla televisione nazionale di assumersi la responsabilità e chiedere scusa alle famiglie di coloro che sono morti a causa del Covid-19, perché la retorica sarebbe stata che è stata colpa sua per non aver bloccato giù."In altre parole, i media avevano un piano in tre fasi: (1) convincerci che i politici hanno il potere di fermare la morte, (2) mettere i politici nella posizione di dover fare ciò che i media suggeriscono" salverà le nostre vite , "(3) guarda mentre guidiamo noi stessi su una scogliera.

I media non possono farlo senza la nostra partecipazione. Possiamo fermarli immediatamente rifiutandoci di credere alla loro proposizione superstiziosa e pseudo-scientifica secondo cui questa è l'unica malattia nella storia che necessitava di un blocco imposto dai politici per placarsi. Non possono indurci a bruciare le nostre case una volta che smettiamo semplicemente di credere che i politici hanno il potere di fermare la morte. Stando fermamente su questa base di verità scientifica, saremo finalmente in pace, rendendoci conto che COVID-19, come ogni malattia nella storia, infetterà un certo numero di persone, ne ucciderà una percentuale minuscola e poi procederà, bloccando o nessun blocco.

Dobbiamo davvero smetterla di credere il contrario. La nostra credulità ci sta distruggendo. Finché crediamo nel mito, evitiamo la responsabilità di gestire questo virus come hanno sempre fatto le società intelligenti, consentendo ai professionisti medici di trattare le persone malate come individui, una malattia alla volta. Non si può semplicemente scatenare uno stato totale sull'intera società, anche su quasi tutto il pianeta, nel futile tentativo di spaventare il virus e farlo scomparire.

Questo è un pensiero completamente mistico che scatena la catastrofe che l'eradicatore del vaiolo Donald A. Henderson aveva previsto in la sua richiesta del 2006 non chiudere mai.

“Il pericolo per la società non è semplicemente che dovrebbe credere a cose sbagliate, anche se questo è abbastanza grande; ma che diventi credulo e perda l'abitudine di testare le cose e di indagare su di esse; perché allora deve ricadere nella barbarie ". ~ William Kingdon Clifford

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti