Rich Technocrats Pianificazione Fuga dal giorno del giudizio ai bunker della Nuova Zelanda

Costruzione di un bunker presso lo stabilimento Rising S di Murchison, Texas
Per favore, condividi questa storia!
I super ricchi come Peter Theil e Sam Altman, hanno fatto le valigie e sono pronti a fuggire nei loro nascondigli sotterranei in Nuova Zelanda in un attimo. Si aspettano e temono l'Armageddon e stanno prendendo tutte le precauzioni per salvare la propria pelle, anche se sono tutti complici nel futuro che non vogliamo. ⁃ TN Editor

Anni di discorsi del giorno del giudizio universale durante le cene della Silicon Valley si sono trasformati in azione.

Negli ultimi mesi, due bunker di sopravvivenza 150-ton hanno viaggiato via terra e via mare da un magazzino del Texas fino alle coste della Nuova Zelanda, dove sono sepolti sotto i piedi di 11.

Sette imprenditori della Silicon Valley hanno acquistato bunker da Rising S Co. e li hanno piantati in Nuova Zelanda negli ultimi due anni, ha affermato Gary Lynch, direttore generale del produttore. Al primo segno di un'apocalisse - una guerra nucleare, un germe killer, una rivolta in stile Rivoluzione francese che punta contro il 1 percento - i californiani hanno in programma di salire su un jet privato e accovacciarsi, ha detto.

"La Nuova Zelanda non è nemica di nessuno", ha detto Lynch in un'intervista dal suo ufficio a Murchison, Texas, a sud-est di Dallas. "Non è un obiettivo nucleare. Non è un bersaglio per la guerra. È un posto dove le persone cercano rifugio. "

La remota nazione insulare, aggrappata alla parte meridionale del globo 2,500 miglia al largo della costa australiana, ha 4.8 milioni di persone e sei volte più pecore. Ha una reputazione per bellezza naturale, facilità di collegamento in rete, politici di basso profilo che vanno in bicicletta al lavoro e prezzi di noleggio pari alla metà di quelli della Baia di San Francisco. Ciò la rende una destinazione sempre più popolare non solo per coloro che si preoccupano dell'imminente distopia, ma per gli imprenditori tecnologici che cercano incubatori per nutrire le startup.

"È diventato uno dei le luoghi per le persone nella Silicon Valley, soprattutto perché non è affatto come la Silicon Valley ”, ha dichiarato Reggie Luedtke, un ingegnere biomedico americano che si trasferirà in Nuova Zelanda a ottobre per Sir Edmund Hillary Fellowship, un programma creato per attirare gli innovatori tecnologici.

Luedtke, 37, ha detto che la gente in California gli ha chiesto se si sta trasferendo come parte di un piano di emergenza del giorno del giudizio, perché "è per questo che è noto il Paese".

Tale notorietà ha reso l'isolamento della Nuova Zelanda, un tempo considerato un handicap economico, uno dei suoi maggiori beni. La nazione consente agli emigrati di acquistare essenzialmente la residenza attraverso i visti degli investitori, e i ricchi americani hanno riversato una fortuna nel paese, spesso acquisendo proprietà sontuose.

L'oncho hedge fund miliardario Julian Robertson possiede un lodge che si affaccia sul lago Wakatipu a Queenstown, la destinazione resort di lusso dell'Isola del Sud. Il presidente di Fidelity National Financial Inc., Bill Foley, ha una fattoria nella regione di Wairarapa, a nord di Wellington, e titanico il regista James Cameron acquistò un palazzo vicino al lago Pounui.

L'Investor Plus Visa, che richiede un investimento minimo di NZD $ 10 milioni ($ 6.7 milioni) in tre anni, ha attratto i candidati 17 negli Stati Uniti in bilancio 2017, dopo l'elezione del presidente Donald Trump. In precedenza, aveva una media di sei candidati all'anno.

Più di 10 americani della West Coast hanno acquistato proprietà da milioni di dollari nella regione di Queenstown negli ultimi due anni, ha affermato Mark Harris, amministratore delegato dell'ufficio immobiliare locale di Sotheby.

Ad agosto, in parte in risposta agli americani che hanno inghiottito una serie di immobili di prima qualità, il governo della Nuova Zelanda ha vietato agli stranieri di acquistare case, con le restrizioni che entreranno in vigore nei prossimi mesi.

Peter Thiel, il miliardario co-fondatore di PayPal, ha suscitato un tumulto quando gli è stata concessa la cittadinanza dopo aver trascorso solo giorni 12 nel paese, suscitando accuse che il passaporto della Nuova Zelanda fosse in vendita. Thiel, 50, possiede una casa da $ 13.8 milioni su acri 477 (ettari 193) nella città sul lago di Wanaka, con vista sulle montagne innevate, e ha acquistato un'altra proprietà a Queenstown, dotata di una stanza sicura.

"Se sei il tipo di persona che dice" Avrò un piano alternativo quando Armageddon colpisce ", allora sceglieresti la posizione più lontana e l'ambiente più sicuro - e che è uguale alla Nuova Zelanda se la cerchi su Google", ex Il primo ministro John Key ha detto in un'intervista telefonica.

"È conosciuta come l'ultima fermata dell'autobus sul pianeta prima di colpire l'Antartide", ha detto. "Ho avuto molte persone che mi hanno detto che vorrebbero possedere una proprietà in Nuova Zelanda se il mondo va all'inferno in un cestino."

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Petrichor

Quindi gli architetti dell'utopia socialista globalista si aspettano un armageddon distopico? Questo mi dice che sebbene tendano ad essere assertivamente atei, prestano attenzione alla profezia cattolica. Odio dirtelo ragazzi, quando l'Agenda 2030 diventa a forma di pera, potete correre ma non potete nascondervi nei bunker sotterranei in Nuova Zelanda,
–Che è soggetto a terremoti. [rimbomba, scuoti, - * Squish! *] 🙂