Rivelato: la Cina è finanziata e sostenuta da Wall Street e dalle società occidentali

Wikipedia Commons, Alex Proimos, (https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Wall_Street_(5899300483).jpg)
Per favore, condividi questa storia!
Ascolta attentamente il video qui sotto. Steve Bannon rivela chiaramente che l'ascesa della Cina come una minaccia esistenziale per l'America è grazie a Wall Street e alla mega-corporazione occidentale, che ho detto per anni.

Questa è una continuazione di una lunga tendenza che l'Occidente viene distrutto all'interno dei suoi stessi ranghi. Il professor Antony C. Sutton ha esposto per la prima volta questa nefasta collusione con i suoi capolavori simili Wall Street e l'ascesa di Hitler, Wall Street e la rivoluzione bolscevica, Il miglior denaro nemico può comprare, Suicidio nazionale, trilateri sopra Washington, ecc.

La soluzione di Bannon per "sostenere Trump" è fuorviante: la soluzione è rifiutare la tecnocrazia, che è integrata in queste stesse organizzazioni. ⁃ Editor TN

Forse per la preoccupazione che il suo ex capo potesse spingere Robert Lighthizer e Steve Mnuchin a crollare sull'applicazione, i trasferimenti di tecnologia e l'accesso al mercato per garantire un accordo con Pechino, l'ex capo stratega della Casa Bianca Steve Bannon è apparso insieme al manager di hedge fund Kyle Bass , L'orso cinese più visibile di Wall Street, per cercare di spiegare perché Washington deve attenersi alle sue armi e assicurarsi che Pechino sia tenuta a rispondere dei suoi decenni di abusi commerciali.

Bass, che proprio l'altro giorno ha distribuito la sua prima lettera agli investitori in tre anni avvertendo di un imminente scoppio della bilancia dei pagamenti di Hong Kong, ha affermato che l'immensa pressione affinché Trump giunga a un accordo non proviene dagli elettori, ma da Wall Street e l'America aziendale, che ha aiutato Pechino nei suoi sforzi per mantenere lo status quo sul commercio, svendendo il proprio paese nel processo.

Attirando l'attenzione su qualcosa che pochi analisti politici sono stati disposti a discutere da quando lo scontro commerciale USA-Cina è scoppiato all'inizio dello scorso anno, Bass ha interrotto la strategia di lobbying cinese, che abbiamo evidenziato per saperne di più, clicca qui.

Per anni, Pechino ha cercato di ingraziarsi le singole aziende e industrie concedendo loro concessioni frammentarie, principalmente sotto forma di accesso al mercato. E dall'inizio della guerra commerciale, Pechino non ha avuto timore di chiedere favori, motivo per cui la maggior parte della comunità economica e finanziaria americana vuole solo che Trump metta fine alla guerra commerciale, anche se questo significa accontentarsi di un accordo che vada a buon fine. nessuno degli obiettivi di Washington sulla `` riforma strutturale '', calcia il possibile sull'applicazione al successore di Trump, e promette di acquistare miliardi di dollari di beni agricoli invece di cambiamenti significativi.

"Tutta la pressione su Trump per concludere un accordo commerciale proviene da Wall Street e dalle aziende americane", Litigò il basso. “Guardate chi ha combattuto la riforma del CFIUS… alcune delle più grandi aziende degli Stati Uniti e di Wall Street si sono unite per combatterla. Steve ha ragione su chi sta combattendo ... è l'America aziendale che combatte per convincere Trump a concludere un accordo ... e la Cina gioca quella carta e loro la giocano meglio di chiunque altro ... aprono un mercato a persone molto specifiche per influenzare il tribunale ".

Al. inizio dell'intervista, Bannon ha avvertito che gli americani stanno sottovalutando la minaccia rappresentata dalla Cina, sollevando Huawei, 5G, "One Belt, One Road" e China 2025 ′. Come ha ripetutamente avvertito durante la campagna del 2016, la Cina rappresenta "La minaccia esistenziale più significativa che abbiamo mai affrontato."

“Guarda cosa stanno facendo ... hanno una strategia geopolitica per unire la massa terrestre eurasiatica in un unico mercato e poi costringere gli Stati Uniti ad uscire dal Pacifico occidentale e poi dal Pacifico in generale. I quadri radicali - questo non è il popolo cinese - si tratta di un quadro radicale che si prende cura del Partito Comunista guidato dal presidente Xi ... hanno condotto una guerra economica contro le democrazie industriali da 20 anni ".

Interrogato su cosa sia così diverso nell'approccio della Cina al modo in cui gli Stati Uniti sono saliti al dominio globale quasi un secolo fa, Bannon ha messo in guardia sul sistema di Pechino di "capitalismo predatorio" e "trappole del debito". Nel frattempo, le aziende americane e Wall Street hanno ripetutamente abilitato Pechino.

E a proposito, il finanziamento - l'intera operazione del Partito Comunista Cinese e ciò che stanno conducendo in Cina è finanziato da Wall Street, che Kyle può attraversare, essendo finanziato da Wall Street. E le aziende americane - ricordate, l'altro giorno PBS o NPR avevano questa cosa sulle intrusioni nel furto della proprietà intellettuale nelle società americane. Hanno parlato con un funzionario del Tesoro circa 200 società. Nessuna azienda sarebbe stata derubata e avrebbe sporto denuncia perché non voleva essere bloccata fuori dalla Cina. Oggi l'America corporativa è il braccio di pressione del Partito comunista cinese e Wall Street è il dipartimento delle relazioni con gli investitori. Puoi vederlo sul presidente Trump - sui negoziati commerciali del presidente Trump, che dico è un armistizio della guerra economica. Quando Liu He viene negli Stati Uniti, dove va per primo?

Sia i democratici che i repubblicani non sono riusciti a capire o hanno ignorato volontariamente questa minaccia. Ma per la prima volta, gli Stati Uniti hanno un presidente che è stato disposto ad affrontare i cinesi.

"Ora abbiamo un approccio globale al governo per affrontare davvero la Cina in una guerra economica, questo non è mai successo ... la classe politica permanente ei suoi padroni di Wall Street hanno posseduto il dialogo politico".

Alla domanda di Brian Sullivan della CNBC se poteva davvero incolpare le aziende americane per aver lavorato con la Cina, citando i loro obblighi fiduciari nei confronti degli azionisti, Bannon ha insistito sul fatto che le società hanno anche un impegno verso le parti interessate come il popolo americano.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Vladimir

Questo articolo è una fake news? ...

Patrick Wood

No, non sono notizie false. Puoi riprodurre il video e guardare Steve Bannon muovere le labbra mentre ascolti i suoi commenti?

Elle

Se risiedi negli Stati Uniti, questo è un compito semplice e piacevole per te. Guarda la serie Spice Kingdom di Yan Can Cook creata, credo, nei primi anni 2000. Ha filmato una serie di programmi di cucina in Cina mentre cercava sempre la sua terra natale. Anche se vive e lavora in America. Per tutto il tempo, ha espresso il suo parere sulla grandezza della Cina che mostra cibo cinese felice e conforme da aree di cibo innovative, cammina nell'edificio principale dell'evento e partecipa alle mostre. Tuttavia, ciò che ha fatto rizzare i capelli sul mio collo, oltre ai cartelli "approvati" dal governo, era a... Per saperne di più »

Skipper

Tutto è iniziato con Pres Jimmy Carter che ha dato il nostro interesse per il Canale di Panama, seguito dalla Cina che è intervenuta e controllata. Eppure nessuno, nemmeno i politici più conservatori degli Stati Uniti, vuole evidenziare come il controllo del canale possa mettere un freno alla nostra nazione, sia economicamente che militarmente.

David White

Tutto è iniziato quando gli agenti di Rockefeller e Harriman hanno appoggiato Mao.

peso

I capitalisti sostengono i comunisti perché il comunismo è un sistema di controllo delle persone. Le grandi imprese sono grandi governi.

Erik Nielsen

Spiacente, ma la parte sulla Cina come Big Billy Goat Gruff suona un po' sottile dopo gli ultimi 20 anni di atrocità statunitensi in ME e altrove, e Wall Street sembra essere in qualche modo intrappolata in Cina oggi alla fine del 2021.
Come dice la Cina: “Non produciamo rifugiati” (come certi altri continenti) ;-).

Ultima modifica 10 mesi fa di Erik Nielsen