Resistenza non futile: lezione di storia su come porre fine ai mandati di vaccinazione

Per favore, condividi questa storia!
Le lezioni e la forza della storia sono saldamente alla base della resistenza popolare ai mandati dei vaccini. Anche se molte persone sono morte inutilmente e le persone sono stufe degli impulsi dittatoriali dei leader megalomani e tirannici, la gente dovrebbe prendere coraggio che è possibile liberarsi della tirannia e tornare a un senso di normalità. ⁃ Editore TN

STORIA IN BREVE

> Se ti stai chiedendo come potremo mai porre fine a questi draconiani mandati COVID-19 che stanno distruggendo vite e sanità mentale in tutto il mondo, fatti coraggio. La storia può servirci in questo senso

> Oltre 135 anni fa, nel 1885, l'Inghilterra ha ospitato un massiccio movimento anti-vaccinazione che alla fine ha portato le persone a ribaltare la regola di vaccinazione obbligatoria del governo

> Decine di migliaia di persone sono scese in piazza per opporsi alle vaccinazioni obbligatorie contro il vaiolo. Molti furono multati e incarcerati, ma alla fine il governo cedette e abolì il mandato

> La protesta dei camionisti in Canada e altrove è quasi identica a quanto accadde durante le campagne di vaccinazione contro il vaiolo più di un secolo fa, quando proteste di massa e disobbedienza pacifica ruppero la presa tirannica del governo

> Il modello Leicester ha avuto successo sulla scia di quella protesta anti-vaccinazione del 1885 e da allora è diventato uno standard. Mettendo in quarantena i pazienti infetti e migliorando l'igiene pubblica, il vaiolo è stato finalmente eradicato

Se ti stai chiedendo come potremo mai porre fine a questi draconiani mandati COVID-19 che stanno distruggendo vite e sanità mentale in tutto il mondo, fatti coraggio. La storia può servirci in questo senso. I parallelismi tra la pandemia di COVID-19 e le sue contromisure e quelle delle precedenti pandemie di vaiolo sono affascinanti da vedere, e in esso possiamo anche trovare la risposta alla nostra attuale situazione difficile.

Il vaiolo, una malattia altamente infettiva e deturpante con un tasso di mortalità intorno al 30%,1 è con noi da molti secoli, probabilmente migliaia di anni. Negli ultimi quattro secoli, la vaccinazione di massa forzata è stata una contromisura ricorrente su cui il governo ha fatto affidamento durante questo tipo di focolai, spesso con risultati devastanti, e ci sono sempre state ampie porzioni della società che si sono opposte.

Nel 1700, Boston, Massachusetts, fu colpita da una serie di focolai e l'introduzione di un vaccino portò a violente ribellioni da parte di coloro che credevano che fosse pericoloso e una violazione della volontà di Dio. I giornali locali erano pieni di controversie a favore e contro il vaccino.2

L'ago ipodermico non era ancora stato inventato in questo momento, quindi la vaccinazione consisteva nello strofinare del pus del vaiolo bovino in una ferita aperta sul braccio. Il dottor Zabdiel Boylston, che ha introdotto l'inoculazione su sollecitazione del reverendo Cotton Mather, è stato costretto a nascondersi e alla fine è stato arrestato. La casa di Mather è stata bombardata.

Nel 1862 fu la volta di Los Angeles, in California. La vaccinazione obbligatoria è stata nuovamente lanciata e chiunque si fosse rifiutato è stato soggetto all'arresto. Le persone infette erano terrorizzate dall'essere messe in quarantena con la forza in una "casa dei parassiti", miglia fuori dai confini della città, e per una buona ragione. Era un posto in cui venivi scaricato a morire, senza nemmeno un lenzuolo per stare tranquillo.3

La ribellione anti-vaccinazione del 1885

Nei decenni a venire, focolai di vaiolo si stavano verificando in tutto il mondo e l'inoculazione forzata era in genere la risposta, anche se presentava i suoi rischi. Nel 1885, l'Inghilterra divenne l'ospite di un massiccio movimento anti-vaccinazione che alla fine portò le persone a ribaltare la regola di vaccinazione obbligatoria del governo.

Come riportato dalla BBC, il 28 dicembre 2019, poche settimane prima che il COVID-19 fosse dichiarato pandemia globale:4

“Alla fine del 19° secolo, decine di migliaia di persone sono scese in piazza per opporsi alle vaccinazioni obbligatorie contro il vaiolo. Ci sono stati arresti, multe e persone sono state persino mandate in prigione. Sono stati sventolati stendardi chiedendo "Abrogare gli atti di vaccinazione, la maledizione della nostra nazione" e giurando "Meglio la cella di un criminale che un bambino avvelenato". Copie di leggi odiate sono state bruciate per le strade e l'effigie è stata linciata dell'umile medico di campagna che è stato ritenuto responsabile del programma di prevenzione del vaiolo".

Un utente di Substack che si fa chiamare "A Midwest Doctor"5,6 dettaglia questa parte della storia, spiegando perché è importante per noi oggi. Lui scrive:7

"Quello che sta accadendo ora in Canada e in altri luoghi è quasi identico a quello che è successo con le campagne di vaccinazione contro il vaiolo più di un secolo fa, e credo che sia fondamentale comprendere queste lezioni del passato ed è fondamentale che questo messaggio venga trasmesso ai camionisti .

In breve, il vaccino contro il vaiolo originale era una vaccinazione insolitamente dannosa che non è mai stata testata prima di essere adottata. È aumentato, anziché diminuire, i focolai di vaiolo. Quando il pericolo e l'inefficacia sono diventati noti, si è sviluppata una crescente protesta pubblica nei confronti della vaccinazione. Tuttavia, con l'aumento del vaiolo, i governi di tutto il mondo hanno invece adottato politiche di vaccinazione obbligatoria più draconiane.

Alla fine, una delle più grandi proteste del secolo avvenne nel 1885 a Leicester (una città inglese). Il governo di Leicester è stato sostituito, la vaccinazione obbligatoria è stata abolita e sono state implementate misure di salute pubblica respinte dalla comunità medica. Queste misure hanno avuto un grande successo e, una volta adottate a livello globale, ha posto fine all'epidemia di vaiolo, qualcosa che la maggior parte erroneamente crede sia derivato dalla vaccinazione".

La contromisura alternativa implementata a Leicester prevedeva la messa in quarantena delle persone infette e la notifica a chiunque fosse stato in stretto contatto con il paziente. Hanno anche utilizzato la "vaccinazione ad anello" in cui erano stati vaccinati gli operatori ospedalieri che si prendevano cura dei pazienti infetti.8

Di conseguenza, quando il vaiolo scoppiò di nuovo tra il 1892 e il 1894, Leicester se la svignò leggermente, con un tasso di casi di 20.5 casi su 10,000. In tutto, la città ha avuto 370 casi e 21 morti, molto più bassi delle città di Warrington e Sheffield, dove i tassi di vaccinazione erano alti.

D'altra parte, c'erano aree ben vaccinate che avevano tassi di casi più bassi e un minor numero di decessi, e aree con bassi tassi di vaccinazione che andavano anche peggio in questo senso, quindi la vaccinazione probabilmente non era il fattore determinante in entrambi i casi.

Nel 1898, il Regno Unito ha implementato una nuova legge che consentiva alle persone di rinunciare alla vaccinazione per motivi morali. Come riportato dalla BBC, questa è stata "la prima volta che l'"obiezione di coscienza" è stata riconosciuta nella legge britannica".9 Ora, dobbiamo lottare per riconquistare quel diritto ancora una volta, in tutto il mondo.

Illusioni dissolventi

“Un dottore del Midwest”10 prosegue discutendo il libro del 2009 della dottoressa Suzanne Humphries, "Dissolving Illusions: Disease, Vaccines, and the Forgotten History", in cui infrange l'idea che i vaccini (e alcuni altri interventi medici) siano stati da soli responsabili del miglioramento della salute e una maggiore durata della vita. In qualità di nefrologa (specialista dei reni), Humphries ha notato uno schema tra i suoi pazienti.

Molti di coloro che hanno subito danni renali o insufficienza renale avevano recentemente ricevuto un vaccino antinfluenzale. Era un unico comune denominatore. Così, ha iniziato a sfidare la pratica di routine dell'ospedale di vaccinare i pazienti. Humphries fu completamente ignorato e alla fine fu costretto ad andarsene. Il libro è nato dalla sua frustrazione nei confronti delle persone che insistevano sul fatto che i vaccini avessero eliminato flagelli come la poliomielite e il vaiolo. Una volta che ha approfondito la ricerca, quello che ha trovato era qualcos'altro.

Per quanto riguarda la vaccinazione contro il vaiolo e il vaiolo, le condizioni di vita durante la rivoluzione industriale erano orribili. Le piaghe e le epidemie infettive erano all'ordine del giorno, non a causa della vaccinazione insufficiente, ma perché i servizi igienici erano quasi inesistenti e le persone, compresi i bambini, erano oberati di lavoro e denutriti. I primi progressisti credevano che le piaghe mortali potessero essere prevenute migliorando le condizioni di vita e di lavoro, e avevano ragione.

Lo sappiamo perché altre piaghe per le quali non esistevano vaccini sono scomparse insieme al vaiolo e alla poliomielite. Mentre l'industria medica alla fine ha abbracciato la vaccinazione, e sempre più nel tempo l'ha trattata come qualcosa che non poteva essere contestato o messo in discussione, il libro di Humphries descrive in dettaglio l'opposizione.

Opposizione al vaiolo

A quanto pare, molti medici si sono espressi contro la vaccinazione contro il vaiolo e hanno pubblicato dati che ne dimostrano i pericoli. Per esempio:11

Nel 1799, il dottor Woodville, dopo aver somministrato la vaccinazione a molti bambini, affermò che “in diversi casi il vaiolo bovino si è rivelato una malattia molto grave. In tre o quattro casi su 500, il paziente è stato in grave pericolo e un bambino è effettivamente morto”.
Nel 1809, l'osservatore medico riportò più di una dozzina di casi di vaiolo spesso fatale, contratto fino a un anno dopo la vaccinazione. L'osservatore medico del 1810 conteneva 535 casi di vaiolo dopo la vaccinazione (di cui 97 mortali) e 150 casi di gravi lesioni da vaccino.
Un London Medical Repository Monthly Journal and Review del 1817 riportava che molti di coloro che avevano ricevuto la vaccinazione contro il vaiolo si stavano ancora ammalando di vaiolo.
Nel 1818 Thomas Brown, chirurgo di 30 anni e fervente sostenitore della vaccinazione, dopo aver vaccinato 1,200 persone dichiarò: “I resoconti da tutte le parti del mondo, ovunque sia stata introdotta la vaccinazione … i casi di fallimenti sono ora aumentati a una proporzione allarmante .”
Nel 1829, The Lancet descrisse una recente epidemia di vaiolo, affermando: “Attaccò molti che avevano già avuto il vaiolo, e spesso gravemente; quasi a morte; e di quelli che erano stati vaccinati, ne lasciò alcuni soli, ma cadde su un gran numero”.
Nel 1845 George Gregory MD riferì: "Nell'epidemia di vaiolo del 1844, circa un terzo dei vaccinati contrasse una forma lieve di vaiolo, ma circa l'8% di quelli vaccinati morì ancora e quasi due terzi avevano una malattia grave".
Nel 1829, William Cobbett, un agricoltore, giornalista e scrittore di pamphlet inglese, scrisse: “Perché, in centinaia di casi, persone colpite dal vaiolo bovino da JENNER SÉ STESSO hanno in seguito preso il vero vaiolo e sono morte per il disturbo, oppure scampati per un pelo con le loro vite!”
Una lettera del 1850 all'Hampshire Telegraph e al Sussex Chronicle affermava che c'erano più ricoveri al London Small-Pox Hospital nel 1844 che durante l'epidemia di vaiolo del 1781, prima dell'inizio della vaccinazione, e che un terzo dei decessi per vaiolo era in persone che era stato precedentemente vaccinato.

Il palo mobile della porta

Quando è diventato chiaro che il vaccino contro il vaiolo non era in grado di fornire un'immunità duratura come inizialmente promesso, la professione medica ha spostato il palo della porta e ha iniziato a giustificare la vaccinazione sulla base del fatto che poteva proteggere da malattie più gravi, anche se non poteva fornire immunità "perfetta" per tutta la vita come potrebbe fare il recupero dall'infezione.

Da allora questo è stato un mantra di base e ne abbiamo ricevuto una doppia dose durante questa pandemia di COVID. In pochi mesi, il palo della porta è stato spostato da "due dosi sono efficaci quasi al 100%" a "due dosi svaniscono in sei mesi e ti lasciano più vulnerabile a malattie gravi in ​​seguito". Qualche affare!

La corruzione delle statistiche vitali protegge la narrativa sulla vaccinazione

Quel che è peggio, la tendenza a non riportare danni da vaccino a causa della "fedeltà alla pratica", come notato da Henry May nel Birmingham Medical Review nel gennaio 1874, è continuata senza sosta. Secondo May, le persone vaccinate che sono morte sono state in genere registrate come morte per qualche altra condizione o sono state erroneamente elencate come "non vaccinate".12 Come notato da "A Midwest Doctor":13

"Questa corruzione delle statistiche vitali crea molte sfide nella valutazione dell'efficacia dell'immunizzazione, ed è anche il motivo per cui molti autori hanno notato che nessuna metrica può essere utilizzata per valutare le vaccinazioni COVID-19 tranne il numero totale di decessi (indipendente dalla causa) poiché questo non può essere fondente.

Da notare, esiste una diversa significativa sovrapposizione con le prime campagne contro la poliomielite (anch'esse dettagliate in "Dissolving Illusions"), in cui i criteri diagnostici della "polio" sono stati ripetutamente adattati per soddisfare l'esigenza politica dei casi di polio.

I governi hanno risposto a questo scetticismo usando progressivamente sempre più forza per imporre la vaccinazione. La vaccinazione è stata resa obbligatoria in Inghilterra nel 1853, con leggi più severe approvate nel 1867. Negli Stati Uniti, il Massachusetts ha creato una serie di leggi complete sulla vaccinazione nel 1855 (che ha creato il caso della Corte Suprema Jacobson v. Massachusetts, un caso che è spesso citato sullo stato vaccinazione obbligatoria).

Lemuel Shattuck ha sottolineato la necessità della vaccinazione e ha spinto affinché la vaccinazione casa per casa fosse applicata dall'autorità della città di Boston in un rapporto del 1856, osservando anche "La città ha già previsto che nessun bambino non vaccinato debba essere ammesso al pubblico scuole.'

È emersa una situazione che chiamo "ciclo di feedback positivo del vaccino". Tieni presente che la maggior parte dei sistemi in natura sono invece sistemi di feedback negativo. In questi, quando qualcosa accade, corregge automaticamente il sistema e lo spegne invece di accelerarlo, come accade in un sistema di feedback positivo. Il ciclo è il seguente:

Esiste una malattia preoccupante.

L'immunizzazione è citata come una potenziale soluzione al problema.

Viene condotta una campagna di immunizzazione e peggiora il problema.

Poiché il problema è ora peggiore, la necessità di vaccinazioni per affrontarlo aumenta e viene condotta un'altra campagna.

Questo peggiora il problema.

Ciò aumenta la necessità di misure più aggressive per aumentare l'immunizzazione.

Ciò aggrava il problema e perpetua ulteriormente il ciclo, portando in breve tempo a politiche governative molto discutibili progettate per costringere le parti riluttanti a vaccinare.

I fattori alla base di questo processo sembrano essere un'indiscutibile fiducia nella vaccinazione, una convinzione che risale ai tempi del vaiolo, che vaccinare una parte sempre crescente della popolazione attraverso la vaccinazione può porre fine alle epidemie (ora chiamate immunità di gregge) e il governo avendo opzioni limitate per affrontare il problema oltre alle vaccinazioni e alla forza del governo”.

Gli effetti delle vaccinazioni forzate contro il vaiolo

"Un medico del Midwest" continua descrivendo gli effetti dell'insistenza del governo sulla vaccinazione forzata contro il vaiolo:14

“Secondo il ciclo di feedback positivo, questi risultati sono stati trovati ovunque. All'interno degli Stati Uniti, con l'aggravarsi del vaiolo a Boston, nel 1855, il governo ha emanato una rigida applicazione della vaccinazione.

Fu seguita dalle epidemie del 1859-1860, 1864-1865, 1867 (queste erano tutte di dimensioni simili alle precedenti epidemie), e poi dalla famigerata epidemia del 1872-1873 che fece impallidire tutte le precedenti epidemie (risultando fatale per 1040 persone, a un ritmo di 280 morti ogni 100,000 persone).

Entro la fine del 1868, oltre il 95% degli abitanti di Chicago era stato vaccinato. Dopo il Grande Incendio del 1871... furono approvate rigide leggi sui vaccini e la vaccinazione divenne una condizione per ricevere aiuti umanitari. Chicago è stata poi colpita da una devastante epidemia di vaiolo nel 1872 in cui oltre 2,000 persone hanno contratto il vaiolo, con oltre il 25% di morte e il tasso di mortalità tra i bambini sotto i 5 anni è stato il più alto mai registrato.

Un articolo medico del 1900 discuteva la vaccinazione in tre nazioni europee. In Inghilterra, su 9392 pazienti con vaiolo negli ospedali di Londra, 6,854 erano stati vaccinati e il 17.5% dei 9,392 era morto.

In Germania "i dati ufficiali mostrano che tra il 1870 e il 1885 un milione di vaccinati è morto di vaiolo". In Francia, 'ogni recluta che entra nell'esercito francese viene vaccinata. Durante la guerra franco-prussiana ci furono 23,469 casi di vaiolo in quell'esercito».

Un articolo del 1888 nell'Enciclopedia Britannica che descrive le rigide pratiche di vaccinazione della Prussia in tutta la popolazione (compresa la vaccinazione obbligatoria per gli alunni delle scuole), osservava: "Nonostante il fatto che la Prussia fosse il paese più rivaccinato (potenziato) d'Europa, la sua mortalità per vaiolo in l'epidemia del 1871 fu più alta (59,839) che in qualsiasi altro stato settentrionale'”.

Altri paesi hanno riportato le stesse tendenze del vaiolo, tra cui Italia e Giappone, dove i tassi di mortalità per vaiolo dopo il successo delle campagne di vaccinazione erano senza precedenti. Anche le lesioni da vaccino, compresi i decessi, erano comuni. È scioccante quanto da vicino i miserabili fallimenti dei vaccini contro il vaiolo rispecchino i colpi di COVID.

Una delle cause più comuni di morte dopo la vaccinazione contro il vaiolo era l'erisipela, una dolorosa malattia batterica della pelle. Un articolo dell'Enciclopedia Britannica del 1890 riportava che la vaccinazione contro il vaiolo aveva innescato una disastrosa epidemia di erisipela. Altri effetti collaterali includevano ittero, sifilide, tubercolosi, eczema vaccinatum (una condizione della pelle rara e letale).

Massicce proteste pubbliche storiche oltre 135 anni fa

Con l'aumento dello scetticismo e dell'opposizione alla vaccinazione contro il vaiolo, l'applicazione è aumentata. Coloro che rifiutavano il vaccino venivano multati, incarcerati e talvolta vaccinati con la forza. I genitori sono stati addirittura costretti a vaccinare il secondo figlio anche se il primo è morto per l'inoculazione. A intermittenza, scoppiavano rivolte. Un medico del Midwest descrive in dettaglio cosa è successo dopo:15

“Nel 1884 erano state emesse 5,000 citazioni in giudizio contro i non vaccinati, un carico di casi che sovraccaricava completamente il sistema giudiziario. Le lettere sui giornali locali in questo momento rivelavano un diffuso disprezzo per l'irrazionalità della procedura e la ferma difesa della professione medica di una pratica pericolosa che era chiaramente fallita negli ultimi 80 anni.

Le tensioni raggiunsero un punto di ebollizione e il 23 marzo 1885 scoppiò una grande protesta stimata tra le 80,000 e le 100,000 persone. Era composto da cittadini di tutte le professioni provenienti da tutta l'Inghilterra e riceveva sostegno da cittadini di tutta Europa che non potevano frequentarlo.

La processione era lunga 2 miglia, con display che mostravano i sentimenti popolari contro la vaccinazione presenti tra la folla. La manifestazione ha avuto successo e il governo locale ha aderito e ha riconosciuto le loro richieste di libertà. Molte delle descrizioni di questa protesta (e dello stato d'animo esultante) sono estremamente simili ai rapporti che ho letto sulla protesta del Trucker.

Il consigliere Butcher di Leicester ha affrontato la protesta e ha parlato della crescente opinione che il modo migliore per sbarazzarsi del vaiolo e delle malattie infettive mortali fosse usare molta acqua, mangiare buon cibo, vivere in case luminose e ariose, mentre era il dovere del comune di mantenere pulite le strade e in ordine le fognature. Ha sottolineato che, se ciò non fosse stato fatto, era improbabile che un atto del Parlamento o una vaccinazione potessero prevenire le malattie.

Quell'anno, in seguito alla protesta, il governo fu sostituito, i mandati furono revocati e nel 1887 i tassi di copertura vaccinale erano scesi al 10%. Per sostituire il modello di vaccinazione, gli attivisti di Leicester hanno proposto un sistema di messa in quarantena immediata dei pazienti affetti da vaiolo, disinfezione delle loro case e messa in quarantena dei loro contatti insieme al miglioramento delle strutture igienico-sanitarie pubbliche.

La comunità medica rifiutò con veemenza questo modello e predisse con zelo che il "gigantesco esperimento" di Leicester si sarebbe presto tradotto in un terribile "massacro", specialmente nei bambini non protetti, che erano visti dai medici del governo come "sacchi di polvere da sparo" che potevano facilmente far saltare in aria le scuole (insieme a molta altra retorica odiosa e iperbolica diretta contro di loro).

Questa apocalisse del vaiolo servirà per sempre come lezione contro il rifiuto del vaccino su cui la professione medica ha scommesso. [Ma] la catastrofe prevista non è emersa e Leicester ha avuto tassi di vaiolo notevolmente inferiori nelle epidemie successive rispetto ad altre città completamente vaccinate (che vanno da 1/2 a 1/32).

Sono state avanzate varie razionalizzazioni per spiegare questo, ma con il passare dei decenni è emersa una graduale accettazione pubblica dei metodi di Leicester, ma anche 30 anni dopo, un articolo del New York Times prevedeva ancora che un disastro era dietro l'angolo ed era imperativo Leicester cambiare i loro metodi.

Fortunatamente, il valore del nuovo approccio di Leicester della messa in quarantena e del miglioramento dell'igiene pubblica è stato riconosciuto e gradualmente adottato in tutto il mondo, portando all'eventuale eradicazione del vaiolo".

Tieni presente che queste proteste sono avvenute quando la popolazione era molto più bassa, quindi come percentuale della popolazione era molto più alta. Nel 1885, la popolazione del Regno Unito era solo 36,015,500,16 quindi una protesta con 100,000 era poco meno dello 0.3% dell'intera popolazione. Al 16 febbraio 2022, la popolazione odierna del Regno Unito è 68,471,390,17 quindi per eguagliare quella protesta, in percentuale, circa 205,400 dovrebbero scendere in piazza.

La storia si ripete

Chi non conosce la propria storia è destinato a ripeterla, e sembra che sia proprio ciò che abbiamo permesso che accadesse negli ultimi due anni. Molti medici hanno previsto e avvertito che la pandemia sarebbe stata prolungata e aggravata dall'introduzione di vaccini non sterilizzanti (ovvero vaccini che non prevengono l'infezione e la trasmissione). Ed è esattamente ciò a cui abbiamo assistito.

Anche le previsioni di effetti collaterali devastanti si sono avverate. E, con l'aumentare della resistenza ai colpi, sono seguiti mandati draconiani. La storia ci dice che la vaccinazione forzata non è la risposta. La storia ci dice anche come uscire da sotto l'insistenza di un governo tirannico sulla vaccinazione forzata.

La risposta è una pacifica non conformità. La risposta è stare insieme, in massa, e dire “Non più. Basta." I camionisti in Canada, negli Stati Uniti, in Belgio e altrove hanno l'idea giusta e il resto di noi deve unirci e supportarli, in ogni modo possibile.

“Come le campagne di vaccinazione contro il vaiolo, la campagna di immunizzazione contro il COVID-19 è stata così eclatante da aver ispirato un grande movimento di protesta globale con le attuali proteste su larga scala molto simili a quelle che si sono verificate 135 anni fa”, Scrive un medico del Midwest.18

"La mia speranza è che questo movimento possa ricordare le lezioni del passato e portarle avanti fino ad ora, così che la generazione futura non debba ripetere i nostri errori".

Se vuoi saperne di più sulla frode di tutti i vaccini, ti incoraggio a leggere attentamente l'eccellente libro di Suzanne Humphries, "Illusioni dissolventi.” A mio avviso è il miglior libro in circolazione sull'argomento.

Fonti e riferimenti

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

11 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
sto solo dicendo

“La resistenza non è futile”. Il problema è che la maggior parte delle persone NON sta resistendo! La nostra contea era al 65% vaxxata solo un paio di mesi fa, ora è all'80%! Quando entro in negozio oltre il 95% delle persone indossa ancora la mascherina! Abbiamo ancora un mandato di maschera nel nostro stato che secondo loro potrebbe essere revocato entro il 31 marzo. Non ne ho indossato uno dal primo giorno. Come mai? Non partecipo alle bugie! Se indossi una maschera stai partecipando alle bugie!

coronistan.blogspot.com

La normalità tornerà solo quando la gente capirà che il virus non c'è e che io i microbi sono lì per aiutarci.

Freeland_Dave

Ottimo articolo e pacifica non conformità è la strada per il successo. In questo senso, anche se i camionisti in Canada e i Convogli di camionisti in formazione negli Stati Uniti, tutti quelli che sostengo, stanno affrontando la cosa nel modo più duro. Basandosi sul fatto "se non si sposta in camion non si sposta lontano per essere venduto", se tutti i camionisti hanno semplicemente parcheggiato i loro mezzi a casa e sono rimasti lì fino a quando i mandati del governo e le seccature su di loro non sono stati ridotti, i mandati finirebbe in poco più di una settimana. Come mai? Semplice. È a causa della distribuzione della popolazione e delle mentalità... Per saperne di più »

alisia

Non ricordo di essere stato insegnato nella storia medica della scuola e certamente avrebbe dovuto essere insegnato, altrimenti come potremmo non cadere nello stesso pensiero fallace come è successo a causa di un disprezzo per la storia?

Ian Allan

Sono stupito di come trovi il tempo per fare tutto ciò che fai e scrivere ancora questi articoli informativi e molto utili! Grazie molto.

Pulce

Indubbiamente uno dei migliori articoli che hai pubblicato fino ad oggi. Vorrei solo che fosse uscito nel 2020. Perché le persone hanno davvero dimenticato la storia (o meglio, non l'hanno mai imparata).

Il giovane Ricardo Stanton

La differenza tra le proteste contro il vaiolo e l'inosservanza di allora e la follia del COVID di oggi è che oggi i sovrani stanno raddoppiando la loro follia, non si tirano indietro. Il convoglio di camionisti ha dato a Trudeau la scusa per dispiegare una legge sullo stato di emergenza che non credo sarà abrogata a breve. Il Parlamento canadese ha venduto i canadesi e ha votato per il suo utilizzo! Pensateci, durante le proteste contro il vaiolo nell'1800 le persone furono arrestate e incarcerate; oggi in Canada oltre agli arresti e al carcere il governo canadese ha congelato i conti bancari e i beni di chi... Per saperne di più »

Anne

Ho letto questo articolo l'altro giorno sul sito web del Dr. Mercola. Non sapevo che la follia del mandato del vaccino fosse così grave 100 anni fa come lo è stata negli ultimi anni. Senza dubbio nella mia mente le persone vivranno la paura, il bullismo e il ricatto fintanto che lo sopporteremo. Ultimamente ho sentito che il prossimo grande spavento sarà l'HIV/AIDS. In realtà le mie fonti di notizie mi dicono che la paura dell'HIV non sarà altro che un insabbiamento per il VAIDS (sindrome da carenza di immunità acquisita da vaccino). Dal momento che i colpi covid sono incolpati di tutto ciò... Per saperne di più »

[…] Resistenza non futile: lezione di storia su come porre fine ai mandati sui vaccini […]

[…] Resistenza non futile: lezione di storia su come porre fine ai mandati sui vaccini […]