Ratman: cellule cerebrali umane coltivate nei ratti

Wikimedia Commons, Pemelet
Per favore, condividi questa storia!
I tecnocrati inventano perché possono, non perché hanno un mandato per farlo. Mescolare e abbinare geni e cellule di specie diverse è il risultato finale della biologia sintetica senza vincoli etici o morali. Peggio ancora, la maggior parte di questi scienziati viene pagata con i soldi dei contribuenti per mantenere i loro laboratori a vomitare frankenspecie. ⁃ Editore TN

Gli scienziati hanno trapiantato cellule cerebrali umane nel cervello di piccoli ratti, dove le cellule sono cresciute e hanno formato connessioni.

Fa parte di uno sforzo per studiare meglio lo sviluppo del cervello umano e le malattie che colpiscono questo organo più complesso, che ci rende ciò che siamo ma è stato a lungo avvolto nel mistero.

"Molti disturbi come l'autismo e la schizofrenia sono probabilmente unicamente umani", ma "il cervello umano non è stato certamente molto accessibile", ha affermato il dottor Sergiu Pasca, autore senior di uno studio che descrive il lavoro, pubblicato mercoledì sulla rivista Nature.

Gli approcci che non implicano l'estrazione di tessuto dal cervello umano sono "promettenti strade nel tentativo di affrontare queste condizioni".

La ricerca si basa su quella del team lavoro precedente creando "organoidi" cerebrali, minuscole strutture che ricordano organi umani che sono state fatte anche per rappresentare altri come fegati, reni, prostata o parti fondamentali di essi.

Per creare gli organoidi cerebrali, gli scienziati della Stanford University hanno trasformato le cellule della pelle umana in cellule staminali e poi le hanno persuase a diventare diversi tipi di cellule cerebrali. Quelle cellule si sono poi moltiplicate per formare organoidi simili alla corteccia cerebrale, lo strato più esterno del cervello umano, che svolge un ruolo chiave in cose come la memoria, il pensiero, l'apprendimento, il ragionamento e le emozioni.

Gli scienziati hanno trapiantato quegli organoidi in cuccioli di ratto di 2 o 3 giorni, una fase in cui le connessioni cerebrali si stanno ancora formando. Gli organoidi sono cresciuti in modo che alla fine hanno occupato un terzo dell'emisfero del cervello del topo dove sono stati impiantati. I neuroni degli organoidi formavano connessioni funzionanti con i circuiti nel cervello.

I neuroni umani sono stati trapiantati in roditori in precedenza, ma generalmente in animali adulti, di solito topi. Pasca, professore di psichiatria presso la Stanford School of Medicine, ha affermato che questa è la prima volta che questi organoidi sono stati inseriti nei primi cervelli di ratto, creando "il circuito cerebrale umano più avanzato mai costruito da cellule della pelle umana e una dimostrazione che i neuroni umani impiantati possono influenzare il comportamento di un animale”.

Per esaminare un uso pratico di questo approccio, gli scienziati hanno trapiantato organoidi in entrambi i lati del cervello di un ratto: uno generato dalle cellule di una persona sana e un altro dalle cellule di una persona con la sindrome di Timoteo, una rara condizione genetica associata a problemi cardiaci e spettro autistico disturbo.

Cinque o sei mesi dopo, hanno visto gli effetti della malattia legati all'attività dei neuroni. C'erano differenze nell'attività elettrica delle due parti e i neuroni della persona con sindrome di Timothy erano molto più piccoli e non facevano germogliare tante estensioni che raccolgono input dai neuroni vicini.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
David

A patto che non siano Technoc-rat.

Madre natura

PERCHÉ? questa franchezza deve essere messa al bando.

Jeff M

Ratfink?

Jana

Tutti questi scienziati otterranno per quello che hanno fatto è l'eternità all'inferno per aver interpretato Dio. Per fare ciò che accadrebbe solo all'INFERNO qui sulla terra, sono satanisti. Tutto ciò che accadrebbe solo all'Inferno e mai in Paradiso è un rituale satanico e coloro che eseguono rituali satanici diventano posseduti dai demoni e appartengono al diavolo. Quando le persone fanno il contrario, (ciò che si fa in Cielo) accade il contrario, ma questo accade raramente sulla terra. Madre Teresa di Calcutta, Padre Pio, ecc. In quale altro modo possono creare Kuru per il trapianto negli esseri umani, a meno che non... Per saperne di più »

Plebney

Ratti con intelligenza umana. Cosa potrebbe andare storto?