Rapinato dalla realtà: l'energia verde si trasforma in incubo a Georgetown, in Texas

georgetown
Per favore, condividi questa storia!
Georgetown, in Texas, è stata lanciata dagli ideologi del Green New Deal per diventare una città totalmente verde funzionando al 100% con energia rinnovabile. Mentre i prezzi dell'energia sono saliti rapidamente alle stelle, la città è in piena ritirata e lascia un conto enorme che non può pagare. ⁃ TN Editor

Non doveva essere così. Georgetown, in Texas - popolazione 75,000 - doveva essere il nuovo figlio del movimento verde.

Interesse ambientale nella grande spinta di Georgetown a generare tutta la sua elettricità dall'energia eolica e solare fu amplificata da tre fattori: la città e il suo sindaco erano nominalmente repubblicani; Georgetown è in uno stato ricco di petrolio e gas naturale; e quello stato è il Texas rosso intenso.

L'ex vicepresidente Al Gore e altri luminari dei cambiamenti climatici hanno festeggiato il sindaco di Georgetown, Dale Ross, e Ross è stato protagonista di rilievo nelle rinnovabili energia convegni.

Lo scorso ottobre, mentre il sogno verde era ancora in pieno fiore, la città fece domanda per un Sovvenzione $ 1 milioni dall'associazione no profit Michael Bloomberg, ex sindaco di New York City, Bloomberg Philanthropies, e l'ha vinto.

Apparentemente da utilizzare per l'innovazione dello stoccaggio dell'energia nelle batterie, l'unico vero requisito della sovvenzione era che la città fungesse da piattaforma di pubbliche relazioni nella spinta di Bloomberg per convincere le Americhe ad abbandonare combustibili fossili a prezzi accessibili e passare a energie rinnovabili più costose.

I problemi sono iniziati quando la promessa dei politici di energia rinnovabile più economica è stata aggredita dalla realtà.

Le bollette elettriche di Georgetown aumentarono quando più energia eolica e solare sostituirono il gas naturale più economico nel portafoglio di energia dell'utilità municipale di Georgetown. I politici si affrettarono a cercare riparo. E la fioritura venne fuori dalla rosa rinnovabile di Georgetown.

Ora, i membri in gran parte imbarazzati del Consiglio Comunale stanno cercando di capire come dissipare il disordine rinnovabile in cui hanno votato se stessi e i loro predecessori.

Con la loro utilità comunale che sta affrontando un deficit di $ 7 milioni - denaro che deve essere recuperato dai residenti della città attraverso costi di elettricità più elevati - Il consiglio comunale ha votato 5-1 a luglio per istruire lo staff a capire come uscire dall'accordo di PR di Bloomberg.

Ad agosto 13 il Il Consiglio ha votato 5-0 per uccidere ufficialmente l'accordo. La città sta anche aumentando le tasse sulla proprietà.

Il membro del Consiglio che ha chiesto la votazione ha affermato di non essere contrario alle energie rinnovabili, ma che alla luce del deficit dell'utilità della città, la città dovrebbe concentrarsi sulle basi, piuttosto che "fare esperimenti. "

In effetti, non esiste un'unica città negli stati contigui di 48 che funziona esclusivamente con energia eolica e solare. Il motivo è semplice: l'elettricità arriva alle città tramite una rete e quella rete trae la sua energia da una varietà di fonti, principalmente gas naturale.

Escludendo le dighe su larga scala, che sono cadute in disgrazia con il movimento ambientalista 50 anni fa, le energie rinnovabili hanno alimentato circa il 10 percento della rete statunitense l'anno scorso.

Ciò significa che città come Georgetown, che hanno contratto per prendere energia da parchi eolici e solari a centinaia di miglia di distanza, non rischiano blackout nelle notti senza vento, perché l'energia affidabile viene fornita da una rete che ottiene energia da combustibili fossili.

Come parte dell'accordo di Bloomberg, Georgetown avrebbe assunto un nuovo burocrate per supervisionare l'installazione di pannelli solari sulle case, creando al contempo una fattoria di accumulo di batterie per mantenere la rete energizzata quando il sole non splendeva e il vento non soffiava .

Ma tali accordi non sono affatto all'avanguardia. In effetti, la fisica e l'economia della conservazione della batteria sono ben note. Ed è qui che la spinta rinnovabile percentuale 100 di Georgetown sembra semplicemente una costosa segnalazione di virtù.

La legge di Moore governa il mondo dell'informatica: la velocità e le capacità dei computer raddoppiano ogni due anni. Ma i computer manipolano solo 1 e 0.

Al contrario, usiamo l'energia per manipolare il mondo fisico - per raffreddare e riscaldare le case, per spostarci e commerciare più velocemente e più lontano di quanto potremmo usare i nostri piedi (o cavalli o biciclette) e per portare la luce nell'oscurità. I miglioramenti dell'efficienza nel mondo naturale si muovono più lentamente e portano a rendimenti decrescenti quando raggiungono i limiti fisici.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Elle

Quando leggo articoli come questo mi chiedo sempre: nessuno ha fatto i conti?

Oltre alla matematica di base che ovviamente non è stata calcolata per una popolazione di 75,000 abitanti, i cosiddetti leader (? - Yikes) della comunità hanno ignorato un bisogno fondamentale: riqualificare le persone per essere utenti responsabili di energia - un must quando si usano le energie rinnovabili. Se off-grid, responsabilmente è la chiave per acquisire, utilizzare e immagazzinare energia per una disponibilità continua senza interruzioni del servizio. In TX? Garantisco che NON accadrà. Anche fare scommesse.

Richard

Matematica??? Matematica??? Chi fa più matematica da quando è diventato recentemente uno strumento suprematista bianco non discutibile per mantenere gli oppressi oppressi?

Elle

Cosa significa questo? Interessato.

"... recentemente è diventato uno strumento suprematista bianco indiscutibile per mantenere gli oppressi oppressi (sic)?"

LEONARDO GUTIERREZ

Mulini a vento e pannelli solari La potenza non può funzionare da sola senza la rete elettrica che fornisce energia induttiva e capacitiva a motori e generatori.