Ramp Up For Paris: le piattaforme di ghiaccio antartiche potrebbero crollare di 2100

Immagine gentilmente concessa da Wikipedia
Per favore, condividi questa storia!

Nota TN: aspettatevi un drammatico aumento della rotazione dei media sulle questioni del cambiamento climatico con l'avvicinarsi del 20 novembre. Questa è la data in cui il file Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP21) si avvia. La missione della COP21 è creare un "accordo universale sul clima" e trampolini di lancio dalla conferenza dell'Agenda 2030 che si è tenuta il 25 settembre 2015.

Entro la fine dell'anno, i leader mondiali si riuniranno per le Nazioni Unite per discutere su come salvare il pianeta dai catastrofici cambiamenti climatici. Una nuova ricerca del Woods Hole Oceanographic Institute fornisce loro un'altra metrica per vedere esattamente quanto è in gioco. Un documento pubblicato ad ottobre prevede che lo scioglimento delle superfici delle piattaforme di ghiaccio in Antartide raddoppierà di 2050, indipendentemente dal fatto che le emissioni cambino o meno. Ma per 2100, le nostre decisioni sulla politica climatica saranno la differenza tra le piattaforme di ghiaccio antartiche che scompaiono nel mare o no.

Le piattaforme di ghiaccio sono enormi altipiani galleggianti di acqua di mare ghiacciata che sporgono dal continente e fungono da blocchi, trattenendo le gigantesche calotte di ghiaccio continentali. In loro assenza, i ghiacciai del continente accelererebbero la loro marcia verso il mare. Secondo la ricerca, in uno scenario di emissioni come al solito, i prossimi anni 85 di riscaldamento potrebbero portare un tasso di fusione abbastanza alto da innescare la perdita di ghiacciaie in tutto il continente. “Immagina di avere un lavandino pieno d'acqua e di rimuovere il tappo di scarico. Le piattaforme di ghiaccio sono il tappo di scarico ”, spiega Luke Trusel, un glaciologo di Woods Hole e autore principale dello studio.

Trusel e i suoi colleghi hanno scoperto che se le emissioni continuassero al ritmo attuale, le piattaforme di ghiaccio dell'Antartide perderebbero circa 600 gigatoni di acqua di fusione all'anno da parte di 2100. "È l'equivalente di otto anni di cascate del Niagara che corrono continuamente", dice. "Stiamo parlando di un'Antartide completamente diversa". A quel punto, la velocità di fusione sarebbe pari o superiore al punto in cui le piattaforme di ghiaccio si sono storicamente destabilizzate e collassate, come le piattaforme Larsen A e Larsen B, che sono crollate improvvisamente in 1995 e 2002, rispettivamente, ricercatori scioccanti.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti