La propaganda e l'attrazione fatale del fascismo tecnocratico

Fonte dell'opera d'arte: audioxide.com
Per favore, condividi questa storia!
La tecnocrazia impiega l'ultima mischia mentale della dissonanza cognitiva inquadrando le falsità come verità e poi spingendoti a credere nella loro "verità". Quando l'ancora della realtà viene rimossa, i soggetti possono essere alimentati con un flusso infinito di bugie e falsità fino a quando i loro cervelli non sono più in grado di distinguere la verità dall'errore. Editor TN

La bellezza duratura del fascismo è che richiede così poco da noi ... così poco pensiero indipendente; solo la nostra convinzione di base e l'adesione a un insieme limitato di direttive e narrazioni condivise dal popolo che, una volta pienamente accettate, ci sollevano dalla necessità di affrontare domande ostinate o di preoccuparci di sottili differenze di opinioni e sentimenti.

La propaganda ci rassicura che siamo completi, che sappiamo tutto quello che c'è da sapere, che siamo razionali, pragmatici e puri, che la scienza è stata stabilita e che siamo parte di qualcosa di speciale.

Una simile resa alle narrazioni riduzioniste riguarda tutte le classi e le fasce di reddito. Né i più istruiti né i meno istruiti conservano alcun vantaggio speciale di fronte a una potente propaganda che modella il consenso.

La PROPAGANDA è, ovviamente, la linfa vitale del controllo fascista. Mantenere le strutture economiche, governative e scientifiche di un "sistema operativo" tecnocratico-fascista è impensabile senza propaganda e disinformazione. Quando la verità è vista come una responsabilità nei confronti del potere, deve sempre essere respinta e tutte le sue istanze devono essere effettivamente penalizzate.

La radio e la televisione e la loro costante "scienza" popolare, operano oggi come le loro religioni, che dipendono per il loro successo dalla devozione delle masse. Come ci ha detto McLuhan, l'esperienza dei media elettronici è sempre più potente del messaggio specifico che contiene.

La valuta che usiamo per pagare lo spettacolo elettronico è la nostra attenzione, e in tempi così iper-mediati come questi, le accuse aumentano in modo esponenziale, finché non ci troviamo gravati di negazione e disconnessione che schiacciano l'anima.

Tre momenti storici determinanti (tra i tanti) hanno definito la confluenza di fascismo, propaganda e tecnologia.

  1. I principi fondamentali della propaganda furono definiti per la prima volta 100 anni fa da Edward Bernays, spesso definito il padre delle pubbliche relazioni.
  2. Joseph Goebbels servì come Ministro della Propaganda del Reich della Germania nazista dal 1933 al 1945. Le straordinarie lezioni di successo dei suoi programmi di propaganda nazista non andarono perse ai leader politici ed economici del mondo nel dopoguerra e nel tempo da allora.
  3. La Central Intelligence Agency (CIA) è stata fondata nel 1947, con lo scopo esplicito di condurre operazioni di intelligence segrete che potessero servire a scopi politici e allo stesso tempo generavano profitti enormi e irrintracciabili. La portata delle attività illegali della CIA ha reso necessaria la creazione e il mantenimento di un ministero permanente della disinformazione, gestito dal nostro "Governo ombra" e "Stato profondo", finanziato dai contribuenti.

In retrospettiva, quindi, è chiaro che queste campagne di propaganda si sono dimostrate così efficaci, che ancora oggi pochi di noi si rendono conto di quanto siano continue, vaste e diffuse.

L'efficacia della propaganda è talmente indiscutibile, che comunemente accade che coloro che sono più certi di NON essere tra i propagandati, siano in realtà le sue vittime più palesi.

I media aziendali si concentrano su quelle storie che sono pagati per diffondere, vale a dire, quelli che supportano le agende finanziarie e ideologiche dei loro proprietari, che sono tutti, senza eccezione, parti centrali della più ampia oligarchia dominante globale.

Una parte fondamentale del manuale del propagandista è semplicemente lasciare storie inesplorate che NON hanno ricevuto l'approvazione per la gestione e il controllo; storie che, potremmo supporre, non generano un vantaggio sufficiente per i proprietari. Tali calcolati peccati di omissione sono essenziali per mantenere la massa dei credenti imperturbata dai capricci della complessità nella consegna dei loro dogmi quotidiani.

Se un individuo dovesse insistere per saperne di più su una qualsiasi di queste storie meno discusse, presto arriverebbe alla consapevolezza che mentre un'abbondanza di fatti rilevanti può essere facilmente trovata, e spesso nascosta in bella vista, la verità è che la maggior parte delle persone semplicemente NON VOGLIONO conoscere, pensare o parlare di tali verità che differiscono da quelle accettate dai loro coetanei, per i quali la dissonanza cognitiva causa un tale dolore e disorientamento letterale, da mantenerli docili e conformi ai dettami dei media.

Come ha detto McLuhan:

“Solo i piccoli segreti devono essere protetti. I grandi sono tenuti segreti dall'incredulità pubblica”.

Forse, la più grande illusione di tutte, e che deve essere mantenuta a tutti i costi, è che sia il mondo che le storie che ne raccontiamo devono essere fatte apparire come se fossero generate casualmente. Deve sempre apparire che la copertura mediatica ei commenti degli esperti siano del tutto privi di qualsiasi manipolazione preconcetta.

Nella terminologia dei media, le notizie devono sempre essere "Breaking!" – anche se in realtà, sappiamo che la notizia ricorda più da vicino un programma di cucina, in cui gli ingredienti vengono tagliati e affettati in anticipo, dopodiché vengono mescolati e serviti in diretta davanti alla telecamera in modi che mantengono il pubblico agganciato all'hash-sling felice e ricette allettanti.

Il tecnocratico-fascismo, la fusione avanzata della corporatocrazia multinazionale dominata dalla tecnologia con lo stato autoritario globale e di sorveglianza, consente ai suoi iniziati di credere di essere parte di qualcosa di più grande di loro. Testimonianza della fede di blocco della magica sinistra nella pura malvagità di Donald Trump, o della fede altrettanto solida della destra magica in Trump come un eroe nazionale che si sacrifica.

Chiaramente entrambe le parti alla costante rapina della libertà umana hanno bisogno l'una dell'altra per gestire meglio la loro avidità per il profitto dei consumatori e il controllo civile. Tali assalti mentali richiedono in secondo luogo che tutti i motivi veritieri rimangano nascosti e offuscati in una nebbia di narrazione armata.

Questo spiega ovviamente il valore costante delle stronzate, non è vero? Le cazzate ingannano efficacemente senza sconvolgere l'ordine naturale delle cose, senza lacerare irreversibilmente il tessuto della credibilità. Nulla può ostacolare il flusso costante di messaggi, profitto e crescita, che dopo tutto sono le giustificazioni primarie di tutto questo disordine ingannevole.

Questo è un altro aspetto di ciò che rende il fascismo tecnocratico così irresistibile; nel rendersi conto di quanto sia efficace conoscerci meglio di quanto conosciamo noi stessi. Il presupposto è che se conoscessimo noi stessi meglio delle storie che ci vengono raccontate, non saremmo sedotti da bugie così ovvie. Dal momento che non lo facciamo, i nostri "migliori" non hanno altra scelta che mantenere la costante raffica di bugie, almeno fino a quando il nostro pensiero alla fine si blocca e capitodiamo e crolliamo, come una pila di blocchi di legno.

 

Se, ad esempio, non sempre obbedissimo o prestassimo la nostra attenzione alla propaganda, ci allarmaremmo presto per le tante contraddizioni che ci dicono esistano, diciamo tra il mostro del Covid e le statistiche quotidiane della malattia vaporosa, o tra mascherati e non mascherati. , tra vaxxer e anti-vaxxer, tra schiacciante distruzione economica e lagnante bisogno di sicurezza, tra lunatica sinistra e lunatica destra, tra bianchi e neri, tra maschi e femmine... tra una cazzata ortogonale e un'altra altrettanto contrapposta cazzate.

TUTTE queste dicotomie, ovviamente, sono a un livello fondamentale FALSE... ognuna di esse, ognuna costruita da abili professionisti dei media e messa in atto per sopraffare il nostro pensiero critico e quello di milioni di altri dal vedere cosa sta realmente accadendo nel sfondo illimitato.

In questo modo straordinariamente efficiente in termini di costi, l'energia e l'intelligenza umane vengono sottratte e indirizzate verso il compito di trasformarci in "topi da laboratorio" impotenti, confusi e facilmente controllabili, tagliati fuori con la forza l'uno dall'altro, per timore che ci sperimentiamo come intelligenti e esseri sovrani. Se qualcosa del genere dovesse accadere, le agende guida delle grandi imprese e della governance globale per mantenerci in marcia di pari passo verso un destino più diviso e privo di poteri, si disintegrerebbero presto.

È in un tale stato di resa debilitante che siamo divisi tra un sottoinsieme demografico "mirato" contro un altro; tutti ammassati in una malvagia trappola mentale con una parte che pensa una cosa, mentre l'altra parte pensa qualcos'altro, in modo tale che metà di noi odia l'altra e l'altra metà odia l'altra a sua volta.

A questo punto, e dopo tanti anni di vittorie senza riserve per le industrie supportate dall'industria della propaganda, la patetica verità è che la propaganda non ha bisogno nemmeno più di essere così divertente. Sapendo di avere la situazione al seguito, i fornitori di propaganda possono risparmiare un sacco di soldi semplicemente essendo sensazionali, conflittuali e ridondanti nelle loro narrazioni.

Ricorda questa citazione dal singolare Frank Zappa:

“L'illusione della libertà continuerà finché sarà redditizio continuare l'illusione. Nel punto in cui l'illusione diventa troppo costosa da mantenere, abbatteranno semplicemente il paesaggio, tireranno indietro le tende, sposteranno i tavoli e le sedie e vedrai il muro di mattoni sul retro del Teatro."

Una volta che abbiamo imparato a portare avanti senza bisogno di verità verificabili, o senza la necessità di discernere voci autentiche e oneste da voci ingannevoli e manipolatrici, perdiamo gradualmente il nostro interesse per la cosiddetta "verità", preferendo invece continuare a sguazzare in speculazioni infondate, giudizi pomposi e sciocchezze supponenti.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Marie Inman

Questo è uno degli articoli più profondi che abbia mai letto.

Kerry L. Redmond

Questo spiega tutti gli sciocchi che si sono innamorati dell'agenda dei virus del PCC e delle BS. Purtroppo, le vere vittime sono i figli di quegli sciocchi, soffriranno per la stupidità dei loro genitori per il resto della loro vita!

Vai vivo

Questa esternalizzazione dei nostri sensi crea ciò che de Chardin chiama la "noosfera" o un cervello tecnologico per il mondo. Invece di tendere verso una vasta biblioteca alessandrina il mondo è diventato un computer, un cervello elettronico, esattamente come in un pezzo di fantascienza infantile. E poiché i nostri sensi sono usciti da noi, il Grande Fratello entra dentro. Quindi, a meno che non siamo consapevoli di questa dinamica, entreremo subito in una fase di terrore di panico, che si addice esattamente a un piccolo mondo di tamburi tribali, interdipendenza totale e coesistenza sovrapposta.

https://en.wikipedia.org/wiki/The_Gutenberg_Galaxy

https://arato.inf.unideb.hu/fazekas.gabor/oktatas/multimedia/BOOKS/(by-Marshall-McLuhan)-The-Gutenberg-Galaxy.pdf

sto solo dicendo

Anche se questa è una buona informazione, c'è una citazione dal tuo link: “L'invenzione dei caratteri mobili è stato il momento decisivo nel passaggio da una cultura in cui tutti i sensi partecipavano a un'interazione comune a una tirannia del visivo. Ha anche sostenuto che lo sviluppo della stampa ha portato alla creazione di nazionalismo, dualismo, dominio del razionalismo, automatizzazione della ricerca scientifica, uniformazione e standardizzazione della cultura e alienazione degli individui. Il mio commento: questa meravigliosa invenzione ha permesso a tutto il mondo di leggere la Bibbia e di possederne una. In... Per saperne di più »