Il professor Elite Sheri Berman ammette: l'Unione Europea è una tecnocrazia

Youtube
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Con sfumature di Technocrat mormorate dal Dr. Parag Khanna, Berman fa una straordinaria affermazione pubblica che l'UE è una tecnocrazia, che TN ha affermato per anni. L'originale di Berman di questo articolo è apparso in Politica estera, la rivista ufficiale del Council on Foreign Relations. ⁃ Editor TN

La democrazia in Occidente è sotto attacco da parte di populisti e, almeno secondo alcuni studi, non è più molto apprezzato da molti dei suoi cittadini. La maggior parte delle spiegazioni dei problemi della democrazia si concentra sulle sfide che deve affrontare: la globalizzazione ha reso la vita più insicura per i lavoratori e le classi medie, privilegiando gli abitanti delle città altamente istruiti e urbani rispetto a quelli meno istruiti e rurali e ha reso il capitalismo più un gioco a somma zero mentre l'aumento dell'immigrazione - la percentuale di cittadini di origine straniera è ai massimi storici in molti paesi europei e ai livelli visti per ultimi durante l'inizio del X secolo X negli Stati Uniti - ha lasciato molti a disagio nei loro paesi.

Come discuterò in a articolo più lungo in politica estera, il problema con queste spiegazioni è che le sfide da sole non possono spiegare i problemi della democrazia. Proprio come un corpo sano identifica e combatte una miriade di bug e virus mentre uno indebolito cade in preda a loro, così anche i sistemi politici “sani” possono identificare e rispondere alle sfide che affrontano. I problemi della democrazia negli ultimi anni non sono derivati ​​semplicemente o addirittura principalmente dalle sfide che hanno dovuto affrontare, ma piuttosto da una ridotta capacità di riconoscerli e di rispondere ad essi. Per dirla senza mezzi termini, la vera causa degli attuali travagli delle democrazie occidentali è che sono diventati significativamente meno democratici.

Negli Stati Uniti molti fattori hanno contribuito a indebolire i canali di partecipazione e influenza dei cittadini sulla politica. Sia il partito democratico che quello repubblicano hanno subito un declino organizzativo - hanno un minor controllo su candidati e titolari di carica e una minore capacità di organizzare gli elettori a livello locale - riducendo la loro capacità di trasmettere le preferenze degli elettori ai politici e ottenere risultati politici. (Ciò è particolarmente vero per il Partito Democratico, che ha essenzialmente Scomparsoorganizzativamente da molte parti del paese.) Gerrymandering ha deformato la traduzione delle preferenze degli elettori in risultati politici, e anche la facilità e l'efficienza del processo di voto americano sono diminuite. (I ranghi degli Stati Uniti salsiccia tra le democrazie occidentali sulle misure di integrità elettorale.)

Per quanto i cambiamenti istituzionali siano stati negativi, probabilmente la principale causa di decadenza democratica negli Stati Uniti è stata la crescente disuguaglianza economica. I fondatori del paese hanno capito il legame tra uguaglianza economica e democrazia di successo. John Adams, ad esempio, proclamato che "l'equilibrio di potere in una società, accompagna l'equilibrio di proprietà". Forse il più evidente analista straniero della democrazia americana, Alexis de Tocqueville, concordato, notando che le persone in America "erano più uguali nelle loro fortune" rispetto a quelle di "qualsiasi altro paese" e che questo ha subito il successo della sua democrazia. “Quando i ricchi governano da soli, l'interesse dei poveri è sempre in pericolo; e quando i poveri fanno la legge, quella dei ricchi corre grandi rischi. . . . Il vero vantaggio della democrazia. . . è servire il benessere del maggior numero ”.

Ricerca contemporanea conferma la intuizioni di Adams, Tocqueville e altri sulla connessione tra uguaglianza economica e democrazia di successo. Martin Gilens e Benjamin Page, ad esempio, aver mostrato che le élite economiche e i gruppi organizzati che rappresentano i loro interessi modellano potentemente la politica del governo degli Stati Uniti, mentre gli americani meno abbienti e i gruppi di interesse di massa che rappresentano i loro interessi non hanno sostanzialmente alcuna influenza sul governo. Quando i ricchi sostengono fortemente una politica, viene adottata 46 per cento delle volte; quando - esclusivamente. la classe media sostiene fortemente una politica, ha adottato 24 per cento delle volte, hanno concluso.

Dati i controlli e gli equilibri integrati nel sistema politico, forse non sorprende che i ricchi siano ancora più efficaci nel bloccare le politiche che non gli piacciono (ad esempio tasse più alte) che nel realizzare quelle che fanno: quando una politica è fortemente contraria dai ricchi (ma non dalla classe media), viene adottato solo il 4 per cento delle volte. Se la democrazia significa che la politica del governo riflette la volontà dei cittadini medi, piuttosto che un piccolo sottoinsieme di essi, gli Stati Uniti non sono molto democratici. Come affermano Gilens e Page: “Negli Stati Uniti, i nostri risultati indicano che la maggioranza lo fa non regola - almeno non nel senso causale di determinare effettivamente i risultati delle politiche ".

Forse perché riconoscono la scarsa influenza che esercitano sul governo, i cittadini a basso reddito partecipano meno ad ogni fase del processo politico - votando, contattando i candidati, prendendo parte a campagne e manifestazioni - rispetto a quelli con redditi più alti. Basso livelli of partecipazione impianti completi per la produzione di prodotti da forno connesso alla riduzione dell'efficacia del governo e alla maggiore insoddisfazione per la democrazia.

Queste tendenze, ovviamente, esistono anche in gran parte dell'Europa, ma in Europa dovrebbero essere menzionati anche altri due fattori alla base del decadimento democratico. Il primo è il declino dei partiti politici tradizionali. Più che negli Stati Uniti, in Europa i cittadini si sono mobilitati per la politica democratica attraverso i partiti politici. Ma negli ultimi decenni l'adesione dei partiti europei, i legami con le organizzazioni della società civile e le reti di attivisti sono diminuite. Come il compianto Peter Mair metterlo, "L'era della democrazia di partito è passata. Sebbene le parti stesse rimangano, sono diventate così disconnesse dalla società più ampia e perseguono una forma di competizione che è così carente di significato, che non sembrano più in grado di sostenere la democrazia ”.

Un altro fattore cruciale è stata l'Unione europea. L'Unione europea è una tecnocrazia piuttosto che una democrazia[enfasi aggiunta]; È stato progettato come una sfera "protetta" del processo decisionale, libero da pressioni democratiche dirette. (O come ha affermato una astuta osservatrice della politica europea, Kathleen McNamara, è stata progettata per governare, piuttosto che rappresentare.) Negli ultimi decenni, sempre più aree del processo decisionale sono cadute sotto l'ambito dell'Unione Europea, riducendo il poteri e strumenti politici disponibili per i governi nazionali e democratici.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
1 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
0 Autori di commenti
Il professor Elite Sheri Berman ammette: EU Is A Technocracy | Europa ricaricata Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica