L'esperto della privacy si dimette dal progetto Smart City sostenuto da alfabeto per motivi di sorveglianza

Paul Barker Hemings (Flickr)
Per favore, condividi questa storia!
Quayside e Sidewalk Labs sono già stati discussi qui. Doveva essere una "città intelligente della privacy", ma fin dall'inizio è stato un mito. Una punta di cappello per l'esperta di privacy, la dottoressa Ann Cavoukian, per essersi allontanata da loro e aver smascherato il loro inganno. ⁃ TN Editor

Un esperto di privacy incaricato di aiutare lo sviluppo di una nuova città intelligente a proteggere la riservatezza dei dati dei residenti si è dimesso per timori che le sue linee guida sarebbero state ampiamente ignorate.

"Ho immaginato di creare una Smart City of Privacy, al contrario di una Smart City of Surveillance", riferisce Ann Cavoukian, ex commissario per la privacy dell'Ontario, nella sua lettera di dimissioni della consociata di Google Sidewalk Labs, riporta Notizie globali.

Un anno fa, Waterfront Toronto ha arruolato i Sidewalk Labs sostenuti dall'alfabeto per creare un piano per un quartiere cittadino intelligente nello sviluppo della banchina della città. Come consulente per lo sforzo, Cavoukian ha sviluppato un piano chiamato Privacy by Design che aveva lo scopo di garantire che i dati personali dei cittadini fossero protetti.

Ma il progetto ha dovuto affrontare scetticismo e critiche sin dall'inizio. In un op-ed pubblicato all'inizio di questo mese, l'ex CEO di BlackBerry Jim Balsillie ha definito lo sviluppo "un esperimento colonizzante nel capitalismo di sorveglianza che tenta di demolire importanti questioni urbane, civili e politiche".

Cavoukian ha detto al Notizie globali che le sue dimissioni sono state intese come una "dichiarazione forte" sull'approccio del progetto alla privacy dei dati. "Sentivo di non avere scelta perché mi era stato detto dai Sidewalk Labs che tutti i dati raccolti sarebbero stati identificati alla fonte", ha detto a Global News. Ma poi, durante una riunione di giovedì, Cavoukian avrebbe realizzato che tali protocolli di anonimizzazione non potevano essere garantiti. Ha detto al notiziario Candian che Sidewalk Labs ha rivelato in quell'incontro che la loro organizzazione poteva impegnarsi a seguire le sue linee guida, ma ad altri gruppi coinvolti non sarebbe stato richiesto di rispettarle.

Cavoukian ha realizzato che terze parti potrebbero avere accesso a dati identificabili raccolti attraverso il progetto. “Quando l'ho sentito, ho detto: 'Mi dispiace. Non posso supportarlo. Devo dimettermi perché ti sei impegnato a integrare la privacy in base alla progettazione in ogni aspetto della tua operazione '”, ha dichiarato a Global News.

In una dichiarazione condivisa con Gizmodo e altri punti vendita, Sidewalk Labs ha spiegato che durante l'incontro con il Digital Strategy Advisory di Waterfront Toronto, "è diventato chiaro che Sidewalk Labs avrebbe svolto un ruolo più limitato nelle discussioni a breve termine su un quadro di governance dei dati a Quayside. "Sidewalk Labs ha dichiarato di essersi impegnato a seguire le linee guida suggerite da Cavoukian.

"Sebbene questa domanda sia risolta, è improbabile che la questione se altre società coinvolte nel progetto Quayside siano obbligate a farlo, sarà probabilmente risolta presto e potrebbe essere fuori dalle mani di Sidewalk Labs", si legge nella dichiarazione di Sidewalk Labs. "Per questi e altri motivi, il Dr. Cavoukian ha deciso che non ha senso continuare a lavorare come consulente retribuito per i Sidewalk Labs."

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti