Le preoccupazioni aumentano per le esportazioni globali cinesi di tecnologia di sorveglianza

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La maggior parte degli scrittori e analisti non è a conoscenza della tecnocrazia in Cina, anche se agisce in perfetto accordo con la "scienza dell'ingegneria sociale" ed esporta i suoi sistemi di controllo della popolazione a chiunque li prenda. ⁃ Editor TN

La Cina ha creato a casa un vasto apparato di sorveglianza composto da milioni di telecamere dotate di tecnologia di riconoscimento facciale.

Ora, alcune delle più grandi aziende del paese hanno firmato accordi in tutto il mondo per vendere la loro tecnologia all'estero.

Gli esperti hanno espresso preoccupazione per il fatto che i dati vengano trasferiti in Cina, che i regimi autoritari utilizzano la tecnologia per aumentare il loro potere e, in definitiva, il Partito comunista cinese esercita maggiore influenza all'estero.

Cina la spinta ad esportare la sua tecnologia di sorveglianza attraverso alcune delle sue più grandi compagnie, comprese le democrazie liberali, ha sollevato preoccupazioni a causa del rischio che i dati vengano trasferiti a Pechino e la crescente influenza del Partito Comunista, hanno detto gli esperti alla CNBC.

La seconda economia più grande del mondo ha costruito un vasto stato di sorveglianza composto da milioni di telecamere con software di riconoscimento facciale. I dispositivi, appollaiati sui lampioni e all'esterno di edifici e strade, sono in grado di riconoscere gli individui.

Alcune delle aziende tecnologiche più preziose della Cina sono state coinvolte in tali progetti in tutto il paese. Ma questa tecnologia viene ora esportata mentre le aziende tecnologiche della nazione espandono la loro impronta globale.

Aziende tecnologiche cinesi - in particolare Huawei, Hikvision, Dahua e ZTE - fornire la tecnologia di sorveglianza dell'intelligenza artificiale nei paesi 63, secondo un rapporto di settembre del think tank Carnegie Endowment for International Peace. Di queste nazioni, 36 ha aderito al massiccio progetto infrastrutturale cinese, la Belt and Road Initiative, afferma il rapporto, aggiungendo che Huawei fornisce tecnologia al maggior numero di paesi.

Alcuni di questi cosiddetti progetti di "città intelligenti", che includono tecnologie di sorveglianza, sono in corso nei paesi occidentali, in particolare in Europa, tra cui Germania, Spagna e Francia, secondo l'analisi dell'Australian Strategic Policy Institute (ASPI).

Gli esperti hanno avvertito di una serie di rischi, incluso il potenziale accesso ai dati da parte del governo cinese.

"Penso che a volte si presuma che 'vabbè quando implementeremo questa tecnologia non la useremo in modo negativo, la stiamo usando per fornire servizi o la stiamo usando in un modo che si vede come accettabile, socialmente accettabile nella nostra società ", Samantha Hoffman, un collega del Cyber ​​Center dell'ASPI, ha detto al podcast" Beyond the Valley "della CNBC.

"Ma in realtà (noi) non possiamo esserne certi perché la differenza non è necessariamente il modo in cui la tecnologia viene distribuita, ma chi ha accesso ai dati che sta raccogliendo", ha detto. "Se si tratta di un'azienda cinese come Huawei, e che ... i dati tornano in Cina e possono essere utilizzati dalla parte in qualunque modo scelga."

Leggi e regolamenti cinesi

Hoffman citò le leggi in Cina che sembra costringere le imprese cinesi a consegnare i dati al governo, se richiesto. Non ha accusato Huawei di aver commesso un illecito, ma ha solo usato la società come esempio.

All'inizio di quest'anno, Ren Zhengfei, CEO di Huawei, ha affermato "direbbe assolutamente di no" a qualsiasi richiesta di dati dei clienti da Pechino.

“Penso che non comprendiamo nemmeno del tutto il problema che stiamo affrontando quando si tratta della tecnologia di sorveglianza cinese quando viene esportata. Non è solo che altri regimi possono usarlo in modi simili, è che quando viene esportato anche il Partito (comunista cinese) può attaccare i suoi interessi ”, ha aggiunto Hoffman.

In nessun luogo lo stato di sorveglianza della Cina è più visibile che nello Xinjiang, sede della minoranza uigura cinese. Il il territorio ha fatto notizia per i suoi campi di detenzione e di "rieducazione" quella presa circa 1.5 milioni di musulmani, molti di loro per aver violato cosa Amnesty International descrive come una legge "altamente restrittiva e discriminatoria" che la Cina afferma sia progettata per combattere l'estremismo.

Maya Wang, ricercatrice cinese presso Human Rights Watch, si concentra sullo Xinjiang e sulle attività di sorveglianza lì. Ha messo in guardia dai pericoli della tecnologia di sorveglianza cinese destinata agli stati autoritari.

"Penso che il futuro peggiore potrebbero essere questi governi che adottano queste tecnologie e aggiungono l'arsenale a quelli esistenti per il controllo delle persone", ha detto Wang alla CNBC.

All'inizio di quest'anno, un Rapporto ASPI ha messo in evidenza altre preoccupazioni della Cina che esportava la sua tecnologia di sorveglianza, compresa la capacità di minare le democrazie, ottenere un vantaggio sulle nuove tecnologie e nelle aree militari.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
Sottoscrivi
Notifica