Positivismo e scienza della tirannia, alias tecnocrazia

Foto di Justin Lewis
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Creato nel 1800 da Henri de Saint-Simon e dal suo discepolo Auguste Comte, il positivismo è una filosofia in bancarotta che sta alla base sia della tecnocrazia che del transumanesimo. Afferma che la verità si scopre solo attraverso e che deve essere obbedita. ⁃ TN Editor

Non c'è niente di peggio della politicizzazione della scienza. Se c'è una cosa che il 2020 ci ha insegnato è che viviamo all'interno di questo quadro di base.

La scienza oggi non è niente se non politica.

Ma è al di là anche di questo. Questo è un quadro di esperti in tutte le principali arene intellettuali, che si tratti di economia, psicologia, dieta o salute. E sono stati tutti legati in qualche modo fondamentale alla sicurezza pubblica e al ruolo del governo nell'amministrare quell'obiettivo, presumibilmente per il miglioramento di tutti noi.

Ora, l'uso della scienza e del metodo scientifico è perfettamente applicabile quando si illuminano le leggi fisiche sottostanti dell'universo. Ma è un mezzo per un fine, non un fine a se stesso.

E la politica non è altro che ossessionata dai fini piuttosto che dai mezzi.

Il problema, tuttavia, è quello positivismo, di cui il metodo scientifico è l'attuazione di detta filosofia, in ultima analisi, ha un'applicazione limitata nel mondo reale.

Questo perché rifiuta l'illuminazione della verità attraverso l'uso dell'intelletto e della logica, basandosi esclusivamente sull'esperienza.

Perché positivismo non può creare ipotesi, solo testarle. Il processo di generazione delle ipotesi è noto come a priori - la derivazione della conoscenza da ciò che è venuto prima, alcune ma non tutte derivate dai risultati della metodologia positivista, cioè sperimentazione ed esperienza.

Gli argomenti a priori si basano sul rigore intellettuale e sulla logica per produrre ipotesi basate su ciò che è noto. La sperimentazione, tramite il positivismo, cioè il metodo scientifico, viene quindi utilizzata per "provare" o "smentire" detta ipotesi.

Dalla teoria al teorema

Per fare un esempio. L'equazione di Gibbs Free Energy è stata derivata da un file a priori insieme di postulati costruiti sui teoremi provati attraverso i quali è stata derivata la matematica.

In breve, abbiamo costruito la matematica attraverso la logica e la ragione, a priori, e uomini come Gibbs usavano quegli strumenti matematici per derivare le loro equazioni che governano il modo in cui la materia interagisce.

Dove positivismo entra in gioco è nel testare l'equazione di Gibbs per vedere se, effettivamente, regge al controllo. E in condizioni al contorno molto specifiche lo fa.

Teoria? A priori. Pratica e applicazione? Positivismo.

Questa distinzione è davvero la cosa più importante che deve essere reinserita nel nostro discorso politico. Diavolo, vorrei che tornasse nel nostro discorso scientifico, vedere le sciocchezze sulla materia oscura, il riscaldamento globale ecc.

Il problema che abbiamo oggi con il liberalismo moderno, specialmente quelli nelle scienze, è questa cattiva applicazione positivismo a soggetti in cui le variabili sono esplicitamente al di là della sua capacità di controllo.

Questo è il motivo per cui gli appelli a "credere a tutti gli scienziati" e "la scienza ha parlato" sono, nel migliore dei casi, pretestuosi, anche se hanno una patina di verità. Perché quando imposti un esperimento senza controlli adeguati, nessuna delle conclusioni che ne trai è difendibile.

Potrebbero indicarti di indagare ulteriormente, certamente, e questa è una buona cosa senza riserve nella ricerca della verità. Ma non può essere un colpo di frusta con cui quella ricerca della verità finisce semplicemente perché qualcuno ha ottenuto il suo biscotto intellettuale.

Nel mondo basso e sporco della politica le conclusioni tratte frettolosamente da una "scienza" scarsamente controllata possono essere usate per scrivere titoli davvero provocatori in grado di influenzare l'opinione pubblica.

Ancora una volta, ti indico entrambe le teorie sulla materia oscura e sul riscaldamento globale.

Poiché viviamo in un'epoca di esperti, è facile farlo e creare sia isteria di massa che armare marginalmente, se non del tutto, persone inesperte con pessime discussioni su come elaborare la politica.

Peggio ancora, ora li abbiamo scatenati su Twitter per garantire che non sia possibile una vera conversazione.

Consenso alla produzione

Ascolta con molta attenzione la maggior parte degli argomenti politici che iniziano con "i dati suggeriscono" o "dicono gli esperti" e ciò che molto probabilmente sentirai è qualcuno che parla dal culo ma sembra avere i fatti dalla loro parte.

Perché usando positivismo nelle scienze sociali è semplicemente inappropriato. In medicina è la grande frontiera e per definizione è difficile ottenere qualsiasi tipo di risposta definitiva.

Una volta che hai fatto scienza vera, come me, e ti sei fatto prendere a calci in culo da sistemi semplici come un bagno galvanico o un campione di acque sotterranee, ti rendi conto che la nostra conoscenza della chimica sottile degli esseri umani è, nella migliore delle ipotesi, arroganza.

Quindi, sostenere qualsiasi discussione politica con "ciò che dice la scienza" non è solo disonesto, è pericoloso.

Perché, in sostanza, è tutto un gigante appello all'autorità errore logico. La mia argomentazione è giusta perché l'ha detto lui. L'intera industria della "scienza come politica" non è altro.

E quando si tiene conto della natura corruttiva del finanziamento governativo della scienza che sceglie vincitori e vinti per sovvenzioni, devi davvero chiederti cosa pensi di sapere praticamente su tutto ciò che ti è stato detto.

Ora, non sono riduzionista nel dire che non dovremmo usare la "scienza", non importa quanto specioso possa informare la politica.

Al contrario. Accetto che la politica abbia a che fare con la pressione del tempo, dopotutto, sicuramente in una situazione fluida come una pandemia. Ma, allo stesso tempo, dobbiamo essere consapevoli dei suoi limiti e usarlo solo per sostenere i principi fondamentali dei diritti umani.

Al contrario, ciò significa che non li usiamo esplicitamente come scusa per calpestare i diritti umani per paura, ignoranza o buona vecchia opportunità.

La politica è dove la filosofia e la scienza si incontrano e, a volte, esplodono.

Per più di 100 anni progressisti e "persone di sinistra" di vario genere hanno fatto appello alla scienza per progettare una società migliore attraverso l'applicazione errata del metodo scientifico per costruire i loro argomenti.

Hanno perseguito questo ad esclusione di tutte le altre considerazioni per "dimostrare" al mondo che la comunità nel suo insieme è sempre migliorata dalla soppressione dell'individuo attraverso obiettivi politici condivisi e definizioni mal definite / in continua espansione dei diritti umani.

E poiché sono guidati ideologicamente e non intellettualmente, ignorano tutti i fallimenti delle politiche adottate in nome dei loro obiettivi dichiarati.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Binra

L'identità è un'auto-immaginazione investita o una realtà modellata. L'immagine, il modello o la forma definita delle relazioni di modello non è mai la realtà o il fatto a cui punta o presume di rappresentare. Ma opera come un costrutto attraverso il quale sperimentiamo un mondo di relazione in apparente contrappunto all'assoluto di cui tutte le qualità e quantità di esistenza sono date e ricevute alla consapevolezza - che è l'esistenza a priori di qualsiasi espressione relazionale di auto-differenziazione della rappresentazione come Coscienza o riconoscimento. Lo sviluppo o il dispiegamento della coscienza è un dispiegarsi di temi che procedono da parametri attivamente mantenuti... Per saperne di più »

Mark

Blurb di apertura: "... quella verità si scopre solo attraverso e che deve essere obbedita."

Solo attraverso cosa? Ho perso una parola lì, credo. Puoi eliminarlo dopo aver corretto ...

Ultima modifica 1 mese fa di Mark