Enciclica: Papa Francesco parla di tecnocrazia

Per favore, condividi questa storia!

Papa Francesco ha recentemente pubblicato la sua promessa Lettera Enciclica sui cambiamenti climatici intitolata, Laudato Si 'del Santo Padre Francesco sulla cura della nostra casa comuneche cerca specificamente di influenzare l'esito della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si terrà da novembre 30 a dicembre 11 a Parigi.

Lo scopo esatto del Summit √® quello di ‚Äúraggiungere, per la prima volta in oltre 20 anni di negoziati ONU, a accordo vincolante e universale sul clima, da tutte le nazioni del mondo. (1) "[Enfasi aggiunta] In effetti, questa √® la convenzione pi√Ļ importante mai tenuta dall'ONU, con l'intento di cementare le politiche di sviluppo sostenibile e Agenda 21 in tutto il mondo.

Il contributo di Papa Francesco al consenso globale è lungo solo 98 pagine, ma è un chiaro appello allo sviluppo sostenibile e alla governance globale per applicarlo. Vede le Nazioni Unite come la scelta chiara per promuovere entrambe.

La Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ha istituito a sito di notizie speciali per tenere traccia degli sviluppi in corso. La seguente dichiarazione appare sulla home page:

Queste nuove prime pagine e sezioni di approfondimento catturano notizie sui cambiamenti climatici e storie sulla base dell'azione per il clima da parte di governi, aziende, città, Nazioni Unite e società civile in tutto il mondo.

L'analisi del Papa dell'attuale status quo, come la cosa pi√Ļ dannosa per l'ecologia, √® che la colpa √® principalmente della tecnocrazia. Scrive nel paragrafo 194, ad esempio,

It (parlare di crescita sostenibile) assorbe il linguaggio e i valori dell'ecologia nelle categorie della finanza e tecnocraziae la responsabilità sociale e ambientale delle imprese viene spesso ridotta a una serie di misure di marketing e di miglioramento dell'immagine.

Nel paragrafo successivo, propone la posizione ortodossa delle Nazioni Unite della "green economy":

Il principio della massimizzazione dei profitti, spesso isolato da altre considerazioni, riflette un fraintendimento del concetto stesso di economia. Fintanto che la produzione è aumentata, non viene data molta attenzione al fatto che sia a scapito delle risorse future o della salute dell'ambiente; fintanto che la bonifica di una foresta aumenta la produzione, nessuno calcola le perdite derivanti dalla desertificazione della terra, i danni arrecati alla biodiversità o l'aumento dell'inquinamento. In una parola, le imprese traggono profitto calcolando e pagando solo una parte dei costi in questione. Tuttavia, solo quando "i costi economici e sociali dell'utilizzo delle risorse ambientali condivise sono riconosciuti con trasparenza e interamente sostenuti da coloro che li sostengono, non da altri popoli o generazioni future", tali azioni possono essere considerate etiche.

Nei paragrafi precedenti, il Papa afferma di "a tecnocrazia che non vede alcun valore intrinseco negli esseri inferiori coesiste con l'altro estremo, che non vede alcun valore speciale negli esseri umani ".  Ha inoltre affermato: "La politica non deve essere soggetta all'economia, n√© l'economia dovrebbe essere soggetta ai dettami di un paradigma guidato dall'efficienza di tecnocrazia."

Sei confuso dal suo posizionamento della parola tecnocrazia ancora? Bene, dovresti essere!

Mentre il Papa si scaglia contro le "efficienze" e la freddezza di tl'ecnocrazia, raccomanda di correre dritto tra le braccia di Tl'ecnocrazia, che è il cuore del cambiamento climatico, dello sviluppo sostenibile e dell'Agenda 21. (Per una discussione completa della tecnocrazia e delle sue relazioni con questi argomenti, consultare Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation di questo scrittore)

Questo si vede pi√Ļ chiaramente in questa dichiarazione dal paragrafo 111: "Liberazione dal paradigma tecnocratico dominante accade infatti a volte, ad esempio, quando le cooperative di piccoli produttori adottano mezzi di produzione meno inquinanti, e optano per un modello di vita, svago e comunit√† non consumistico ‚ÄĚ.

Il principale consigliere scientifico di Papa Francesco, che è in gran parte responsabile della creazione di questa enciclica, è Hans Schellnhuber, che è un panteista (una forma di ateismo). Schellinhuber crede in Gaia, o Madre Terra, in quanto organismo vivente, autocosciente e autoregolante di cui l'uomo è responsabile. Questa è una posizione polare opposta alla tradizionale credenza cattolica secondo cui Dio ha dato la terra all'uomo per il suo sostentamento e godimento.

Se fosse davvero Schellnhuber a introdurre i concetti di tecnocrazia e paradigma tecnocratico nell'Enciclica, ha poi reso al Papa un grande disservizio, dipingendolo come ignorante della storia e ignorante della natura attuale dello Sviluppo sostenibile. D'altra parte, Schellnhuber si √® identificato come un maestro della non informazione contro questo autore che sta cercando di esporre la tirannia storica e moderna associata alla tecnocrazia.

Qualunque sia l'intento di Schellnhuber, è interessante notare che ha effettivamente scritto di tecnocrazia nello stesso momento in cui l'unico libro pubblicato di recente su tecnocrazia e tecnocrazia è il lavoro di questo autore, Technocracy Rising.

Note finali:

1. "Problemi e ragioni alla base dell'offerta francese di ospitare la 21a Conferenza delle Parti sul Cambiamento Climatico 2015". Ministro degli Affari Esteri. 22 maggio 2013. URL consultato il 31 gennaio 2014.

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood √® un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. √ą autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti