Pfizer cerca beni sovrani come garanzia per azioni legali per lesioni da vaccino

Per favore, condividi questa storia!
Con l'accumulo di casi di lesioni e morte da vaccino, gli avvocati della Pfizer hanno avuto l'ottone per chiedere alle nazioni di impegnare i loro beni sovrani contro potenziali cause legali di responsabilità e di non applicare le leggi del loro paese contro di loro. Questo è un articolo da leggere.

Pfizer sta usando la sua posizione di fornitore globale di vaccini per abbattere le nazioni sovrane al fine di ottenere l'accesso genetico ai corpi dei cittadini. Poiché tutte le attuali iniezioni di mRNA sono terapia genica sperimentale piuttosto che veri vaccini, queste aziende devono affrontare pesanti sanzioni civili e penali. ⁃ TN Editor

Come riportato da World Is One News (WION) con sede a Nuova Delhi,1 Pfizer sta chiedendo che i paesi presentino beni sovrani come garanzia per le cause legali di lesioni da vaccino previste derivanti dalla sua inoculazione COVID-19. In altre parole, vuole che i governi garantiscano che la società sarà risarcita per qualsiasi spesa derivante da azioni legali contro di essa.

WION riferisce che l'Argentina e il Brasile hanno respinto le richieste di Pfizer. Inizialmente, la società ha chiesto che venisse promulgata una legislazione in materia di indennizzo, come quella di cui gode negli Stati Uniti. L'Argentina ha proposto una legislazione che limiterebbe la responsabilità finanziaria di Pfizer per gli infortuni a quelli derivanti da negligenza o dolo.

Pfizer ha respinto la proposta. Ha inoltre respinto una proposta riscritta che includeva una definizione più chiara di negligenza. Pfizer ha quindi chiesto al governo argentino di mettere in garanzia beni sovrani - comprese le sue riserve bancarie, le basi militari e gli edifici delle ambasciate. L'Argentina ha rifiutato. Una situazione simile si è verificata in Brasile. Pfizer ha chiesto al Brasile:

  1. "Rinuncia alla sovranità dei suoi beni all'estero a favore di Pfizer"
  2. Non applicare le sue leggi nazionali alla società
  3. Non penalizzare la Pfizer per i ritardi nella consegna dei vaccini
  4. Esenzione Pfizer da ogni responsabilità civile per effetti collaterali

Il Brasile ha respinto le richieste di Pfizer, definendole "abusive". Come notato da WION, Pfizer ha sviluppato il suo vaccino con l'aiuto di finanziamenti governativi, e ora - una società privata - chiede ai governi di consegnare beni sovrani per garantire che la società non perda un centesimo se il suo prodotto danneggia le persone, anche se quelle gli infortuni sono il risultato di pratiche aziendali negligenti, frode o dolo.

A parte l'Argentina e il Brasile, altri nove paesi sudamericani avrebbero negoziato accordi con Pfizer. Non è chiaro se abbiano effettivamente finito per cedere i beni nazionali in cambio.2

A parte l'Argentina e il Brasile, altri nove paesi sudamericani avrebbero negoziato accordi con Pfizer. Non è chiaro se abbiano effettivamente finito per cedere i beni nazionali in cambio.2

Produttore di vaccini accusato di aver abusato del suo potere

Secondo STAT News,3 "Esperti legali hanno espresso la preoccupazione che le richieste di Pfizer equivalgano a un abuso di potere". Lawrence Gostin, professore di diritto presso la Georgetown University e direttore del Collaborating Center on National and Global Health Law dell'Organizzazione mondiale della sanità, ha dichiarato a STAT:4

“Le aziende farmaceutiche non dovrebbero usare il loro potere per limitare i vaccini salvavita nei paesi a basso e medio reddito. [Questo] sembra essere esattamente quello che stanno facendo ... Una certa protezione dalla responsabilità è garantita, ma certamente non per frode, negligenza grave, cattiva gestione, mancata osservanza delle buone pratiche di produzione. Le aziende non hanno il diritto di chiedere indennità per queste cose ".

Mark Eccleston-Turner, docente di diritto sanitario globale presso la Keele University in Inghilterra, ha aggiunto:5

"[Pfizer] sta cercando di ottenere il maggior profitto e minimizzare il suo rischio in ogni momento con questo sviluppo del vaccino e poi con questo lancio del vaccino. Ora, lo sviluppo del vaccino è già stato ampiamente sovvenzionato. Quindi c'è un rischio minimo per il produttore coinvolto. "

Non aspettarti un risarcimento se ferito dal vaccino COVID-19

Negli Stati Uniti, i produttori di vaccini godono già della piena indennità contro gli infortuni derivanti da questo o qualsiasi altro vaccino pandemico ai sensi della legge PREP. Se sei ferito, dovresti presentare una richiesta di risarcimento al Programma di risarcimento per lesioni contromisure (CICP),6 che è finanziato dai contribuenti statunitensi tramite stanziamenti del Congresso al Dipartimento della salute e dei servizi umani (DHHS).

Sebbene simile al National Vaccine Injury Compensation Program (NVICP), che si applica ai vaccini non pandemici, il CICP è ancora meno generoso quando si tratta di risarcimento. Ad esempio, mentre NVICP paga alcuni dei costi associati a una determinata richiesta, il CICP non lo fa. Ciò significa che sarai anche responsabile delle spese legali e dei testimoni di esperti.

Un problema significativo con il CICP è che viene somministrato all'interno del DHHS, che sponsorizza anche il programma di vaccinazione COVID-19. Questo conflitto di interessi rende meno probabile che il CICP trovi difetti nel vaccino.

La tua unica via di ricorso è all'interno del DHHS, dove il tuo caso verrebbe semplicemente esaminato da un altro dipendente. Il DHHS è anche responsabile del pagamento, quindi il DHHS funge effettivamente da giudice, giuria e imputato. Come riportato dalla dottoressa Meryl Nass,7 la vincita massima che puoi ricevere - anche in caso di invalidità permanente o morte - è di $ 250,000 a persona; tuttavia, dovresti esaurire la tua polizza assicurativa privata prima che il CICP ti dia un centesimo.

Il CICP pagherà solo la differenza tra ciò che copre la tua assicurazione e l'importo totale del pagamento stabilito per il tuo caso. Per la disabilità permanente, anche $ 250,000 non andranno lontano. Il CICP ha anche una prescrizione di un anno, quindi devi agire rapidamente.

Anche questo è un problema significativo, poiché nessuno sa veramente quali lesioni potrebbero derivare dal vaccino COVID-19, o quando, e questo rende il legare la ferita alla vaccinazione una prospettiva difficile. I datori di lavoro che richiedono il vaccino COVID-19 saranno anche indennizzati dalla responsabilità per gli effetti collaterali. Invece, le richieste verranno indirizzate attraverso i programmi di compensazione dei lavoratori.

Se i vaccini COVID-19 sono sicuri come affermano i produttori, perché insistono su così tanti indennizzi? Sospettano o sanno qualcosa che si rifiutano di ammettere pubblicamente?

Gli effetti collaterali sono inevitabili

Naturalmente, quelli di noi che hanno esaminato la scienza alla base della tecnologia dell'mRNA utilizzata per creare questi nuovi "vaccini" si sono resi conto da tempo che esistono enormi rischi. Per cominciare, i vaccini a mRNA sono più precisamente indicati come terapie geniche, poiché questo è quello che sono.

Trasformano efficacemente le tue cellule in bioreattori che producono proteine ​​virali per stimolare una risposta immunitaria e non c'è interruttore di spegnimento.8 Sulla base di prove storiche e preliminari, effetti collaterali significativi a breve e lungo termine sono, francamente, inevitabili.

Per cominciare, il tuo corpo vede l'mRNA sintetico come "non-sé", che può indurre gli autoanticorpi ad attaccare i tuoi stessi tessuti. Judy Mikovits, Ph.D., lo ha spiegato nella sua intervista, pubblicata in "In che modo i "vaccini" COVID-19 possono distruggere la vita di milioni di persone. "

L'mRNA libero è anche responsabile delle malattie infiammatorie, motivo per cui è probabile che rendere termostabile l'mRNA sintetico, ovvero rallentare la scomposizione dell'RNA racchiudendolo in nanoparticelle lipidiche, sia problematico. Anche le nanoparticelle stesse rappresentano un rischio. I vaccini COVID-19 utilizzano nanoparticelle lipidiche PEGilate, note per causare reazioni allergiche e anafilassi.9,10

Inoltre, i precedenti tentativi di sviluppare un farmaco basato sull'mRNA nanoparticelle lipidiche fallì e dovette essere abbandonato perché quando la dose era troppo bassa, il farmaco non aveva alcun effetto, e se dosato troppo alto, il farmaco divenne troppo tossico.11 Una domanda ovvia è: cosa è cambiato che ora rende questa tecnologia abbastanza sicura per l'uso di massa?

Come dettagliato nella mia intervista con Mikovits, l'RNA sintetico influenza il gene sincitina, che può portare a:

  • Infiammazione cerebrale
  • Comunicazione disregolata tra le microglia del cervello, fondamentali per l'eliminazione di tossine e agenti patogeni
  • Sistema immunitario disregolato
  • Sistema endocannabinoide disregolato (che calma l'infiammazione)

Priming patogeno e potenziamento dipendente da anticorpi

Un altro problema significativo è che non sappiamo se la produzione di anticorpi sia protettiva o patogena nelle infezioni da coronavirus. Se patogeni, gli individui vaccinati possono essere maggiormente a rischio di malattie gravi se sono esposti a SARS-CoV-2 in futuro. Come riportato in un documento dell'11 dicembre 2020, Vaccine: X:12

"Il primo vaccino / i SARS-CoV-2 sarà probabilmente concesso in licenza sulla base di anticorpi neutralizzanti negli studi di Fase 2, ma ci sono preoccupazioni significative sull'utilizzo della risposta anticorpale nelle infezioni da coronavirus come unica metrica dell'immunità protettiva.

La risposta anticorpale è spesso un indicatore debole di una precedente infezione da coronavirus, in particolare nelle infezioni lievi, ed è più breve rispetto ai linfociti T reattivi al virus ... Una forte risposta anticorpale è correlata a una malattia clinica più grave mentre la risposta delle cellule T è correlata a una malattia meno grave ; ed è stato descritto il potenziamento della patologia e della gravità clinica dipendente dall'anticorpo.

In effetti, non è chiaro se la produzione di anticorpi sia protettiva o patogena nelle infezioni da coronavirus. I primi dati con SARS-CoV-2 supportano questi risultati. I dati sulle infezioni da coronavirus negli animali e nell'uomo sottolineano la generazione di una risposta delle cellule T di alta qualità nell'immunità protettiva ".

Numerosi rapporti nella letteratura medica hanno infatti evidenziato il rischio di priming patogeno e potenziamento dipendente dall'anticorpo (ADE). Come spiegato in “Fuori dalla padella e nel fuoco? Garanzia di due diligence per ADE in COVID-19 ":13

“L'ADE è un fenomeno immunologico per cui una precedente risposta immunitaria a un virus può rendere un individuo più suscettibile a una successiva infezione analoga.

Piuttosto che il riconoscimento e la clearance virale, può farlo il precedente sviluppo di anticorpi specifici per il virus a un livello non neutralizzante facilitare l'assorbimento virale, migliorando la replicazione; una possibile strategia di evasione immunitaria evitando sensori immunitari innati intracellulari o recettori di riconoscimento di pattern ...

È stata anche descritta l'ADE di SARS-CoV14 attraverso un nuovo meccanismo di ingresso cellulare dipendente da FcγRII e ACE2-indipendente. Gli autori affermano15 che questo giustifica preoccupazione nella valutazione della sicurezza di qualsiasi vaccino umano candidato contro la SARS-CoV. "

Allo stesso modo, "Pathogenic Priming Likely Contributes to Graious and Critical Illness and Mortality in COVID-19 Via Autoimmunity", pubblicato nel Journal of Translational Autoimmunity, avverte che:16

“Il fallimento dei vaccini SARS e MERS negli studi sugli animali ha comportato una patogenesi coerente con un priming immunologico che potrebbe coinvolgere l'autoimmunità nei tessuti polmonari a causa della precedente esposizione alla proteina SARS e MERS spike. La patogenesi dell'esposizione a SARS-CoV-2 in COVID-19 probabilmente porterà a risultati simili ".

Quindi, per essere chiari, tutto ciò significa che se vieni vaccinato, potresti effettivamente essere maggiormente a rischio di malattie gravi se / quando sei esposto a un numero qualsiasi di ceppi di SARS-CoV-2 mutati in futuro.

Questo è il motivo per cui la raccomandazione di vaccinare gli individui che sono stati precedentemente infettati da SARS-CoV-2, o che hanno un'infezione attiva da SARS-CoV-2, può effettivamente essere piuttosto pericolosa. Il dottor Hooman Noorchashm ha recentemente inviato una lettera pubblica17 al commissario per la Food and Drug Administration degli Stati Uniti che dettaglia questi rischi.

Come le iniezioni di mRNA possono innescare la malattia da prioni

Inoltre, in un giornale18 intitolato "COVID-19 RNA Based Vaccines and the Risk of Prion Disease", pubblicato su Microbiology & Infectious Diseases, il Dr. Bart Classen avverte che ci sono anche prove preoccupanti che suggeriscono che alcuni dei colpi di mRNA possono causare malattie da prioni come l'Alzheimer e la SLA. Lui scrive:

“Nel presente documento, viene sollevata la preoccupazione che i vaccini COVID a base di RNA abbiano il potenziale di causare più malattie rispetto all'epidemia di COVID-19. Questo documento si concentra su un nuovo meccanismo di potenziali eventi avversi che causa la malattia da prioni che potrebbe essere ancora più comune e debilitante dell'infezione virale che il vaccino è progettato per prevenire ...

L'analisi del vaccino Pfizer contro COVID-19 ha identificato due potenziali fattori di rischio per l'induzione della malattia da prioni nell'uomo. La sequenza di RNA nel vaccino contiene sequenze che si ritiene inducano TDP-43 e FUS ad aggregarsi nella loro conformazione basata sui prioni portando allo sviluppo di malattie neurodegerative comuni.

In particolare è stato dimostrato che le sequenze di RNA GGUA, le sequenze ricche di UG, le ripetizioni in tandem di UG e le sequenze di quadruplex G hanno una maggiore affinità per legare TDP-43 e / o FUS e possono far sì che TDP-43 o FUS assumano le loro configurazioni patologiche nel citoplasma.

Nell'analisi corrente sono state identificate un totale di sedici ripetizioni in tandem UG e sono state identificate sequenze ricche di UG aggiuntive. Sono state trovate due sequenze GGΨA. È possibile che siano presenti sequenze quadruplex, ma per verificarle sono necessari programmi per computer sofisticati.

La proteina spike codificata dal vaccino si lega all'enzima di conversione dell'angiotensina 2 (ACE2), un enzima che contiene molecole di zinco. Il legame della proteina spike all'ACE2 ha il potenziale per rilasciare la molecola di zinco, uno ione che fa sì che TDP-43 assuma la sua trasformazione prionica patologica ".

La tecnologia mRNA ha il potenziale di causare lesioni microvascolari

Inoltre, il dottor J. Patrick Whelan, un reumatologo pediatrico specializzato in sindrome infiammatoria multisistemica, ha presentato un commento pubblico19 alla FDA nel dicembre 2020, in cui ha espresso preoccupazione per il fatto che i vaccini a mRNA hanno "il potenziale di causare lesioni microvascolari a cervello, cuore, fegato e reni in modi che non sono stati valutati negli studi di sicurezza".

Ha citato la ricerca che mostra che "la proteina spike nelle cellule endoteliali del cervello è associata alla formazione di microtrombi (coaguli)" e che, poiché non è stato trovato alcun RNA virale nell'endotelio cerebrale, "le proteine ​​virali sembrano causare danni ai tessuti senza replicare attivamente il virus. "

"È possibile che la proteina spike stessa provochi il danno tissutale associato a Covid-19?" lui chiede. "In 13/13 cervelli di pazienti con COVID-19 fatale, pseudovirioni (spike, busta e proteine ​​di membrana) senza RNA virale sono presenti nell'endotelio dei microvasi cerebrali ...

Sembra che la proteina del picco virale che è l'obiettivo dei principali vaccini SARS-CoV-2 sia anche uno degli agenti chiave che causano il danno agli organi distanti che possono includere cervello, cuore, polmoni e reni.

Prima che uno qualsiasi di questi vaccini sia approvato per un uso diffuso nell'uomo, è importante valutare nei soggetti vaccinati gli effetti della vaccinazione sul cuore ... I pazienti vaccinati potrebbero anche essere testati per danni ai tessuti a distanza nelle biopsie cutanee dell'area deltoidea ... "

I rapporti sugli effetti collaterali stanno aumentando rapidamente

In tutto il mondo, stanno arrivando rapporti di persone che muoiono poco dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19. In molti casi, muoiono improvvisamente poche ore dopo aver ricevuto lo sparo. In altri, la morte avviene nell'arco di un paio di settimane.

Sulla scia di 29 decessi di cittadini anziani,20 Secondo quanto riferito, la Norvegia sta considerando di escludere i malati molto anziani e terminali dall'ottenere il vaccino AstraZeneca. Secondo l'Agenzia norvegese per i medicinali:21

"La maggior parte delle persone ha sperimentato gli effetti collaterali attesi del vaccino, come nausea e vomito, febbre, reazioni locali nel sito di iniezione e peggioramento delle condizioni di base".

L'Istituto norvegese di sanità pubblica ha inoltre osservato che "per coloro che hanno la fragilità più grave, anche gli effetti collaterali del vaccino relativamente lievi possono avere gravi conseguenze", e che "Per coloro che hanno comunque una vita residua molto breve, il beneficio del vaccino può essere marginale o irrilevante. "22

Leggi la storia completa qui ...

 

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
sto solo dicendo

Gollie, hai visto questo? L'ho visto su RR, scusa la lingua: https://www.youtube.com/watch?v=S-U-VnBdtyQ

rosepete@webtv.net

Caro Patrick, perché in nome di Dio hai partecipato allo show di JiMBOS? è SPECIALE se hai ascoltato il suo spettacolo da quando eri in onda e l'ultima NOTTE con quella MISSIONE tutto quello che fa è SPINGERE l'ordine del giorno la NARATIVA la BUGIA e i VACCINI

Rodney

Wow, un'arrogante azienda manifatturiera che dichiara di volere beni per un cattivo prodotto per salvarli dalla causa, quando quella società ha bisogno che la risorsa si spogli da sola dopo che l'amministratore delegato e i principali azionisti devono essere processati per crimini contro l'umanità ..

Diane DiFlorio
Brad

e pensavamo che le grandi banche fossero operazioni criminali organizzate. Sembra che questi produttori di vaccini CV vogliano dare ai banchieri una corsa per il titolo.