Insostenibile: le pale delle turbine eoliche si accumulano in discarica

Youtube
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Ripensamento: queste gigantesche pale del mulino a vento non possono essere riciclate, quindi finiscono in discarica. Alcuni sono lunghi quanto un campo da calcio e possono essere trasportati solo uno alla volta. Quanti? Oltre 8,000 vengono sepolti ogni anno negli Stati Uniti ⁃ TN Editor

Le pale di una turbina eolica possono essere più lunghe di un'ala Boeing 747, quindi alla fine della loro vita non possono essere trascinate via. Per prima cosa, devi segare attraverso la lissome vetroresina usando una sega industriale incrostata di diamanti per creare tre pezzi abbastanza piccoli da essere legati a un rimorchio del trattore.

La discarica comunale di Casper, nel Wyoming, è l'ultima dimora di 870 lame i cui giorni per la produzione di energia rinnovabile sono finiti. I frammenti tagliati sembrano ossa di balena sbiancate accoccolate l'una contro l'altra.

"È la fine di questo inverno", ha detto il tecnico dei rifiuti Michael Bratvold, osservando un bulldozer seppellirli per sempre nella sabbia. "Avremo il resto quando il tempo si romperà questa primavera."

Decine di migliaia di vecchie lame stanno scendendo dalle torri d'acciaio di tutto il mondo e la maggior parte non ha altro posto dove andare se non le discariche. Solo negli Stati Uniti, circa 8,000 saranno rimossi in ciascuno dei prossimi quattro anni. L'Europa, che ha affrontato il problema più a lungo, ha circa 3,800 che cadono ogni anno almeno nel 2022, secondo BloombergNEF. La situazione peggiorerà: la maggior parte è stata costruita più di un decennio fa, quando le installazioni erano meno di un quinto di quello che sono ora.

Costruito per resistere ai venti di uragano, le pale non possono essere facilmente frantumate, riciclate o riutilizzate. Ciò ha creato una ricerca urgente di alternative in luoghi privi di praterie spalancate. Negli Stati Uniti vanno alla manciata di discariche che li accettano, a Lake Mills, Iowa; Sioux Falls, South Dakota; e Casper, dove saranno sepolti in pile che raggiungono 30 piedi sotto.

"La pala della turbina eolica sarà lì, alla fine, per sempre", ha dichiarato Bob Cappadona, Chief Operating Officer dell'unità nordamericana della Veolia Environnement SA con sede a Parigi, che è alla ricerca di modi migliori per gestire i massicci rifiuti. "La maggior parte delle discariche sono considerate una tomba a secco."

"L'ultima cosa che vogliamo fare è creare ancora più sfide ambientali".

Per prevenire i catastrofici cambiamenti climatici causati dalla combustione di combustibili fossili, molti governi e società si sono impegnati a utilizzare solo energia pulita entro il 2050. L'energia eolica è uno dei modi più economici per raggiungere tale obiettivo.

L'elettricità proviene da turbine che fanno girare i generatori. I modelli moderni sono emersi dopo l'embargo petrolifero arabo del 1973, quando le carenze hanno costretto i governi occidentali a trovare alternative ai combustibili fossili. Il primo parco eolico negli Stati Uniti fu installato nel New Hampshire nel 1980 e la California dispiegò migliaia di turbine a est di San Francisco attraverso l'Altamont Pass.

I primi modelli erano costosi e inefficienti, giravano veloci e bassi. Dopo il 1992, quando il Congresso approvò un credito d'imposta, i produttori investirono in progetti più alti e più potenti. I loro tubi d'acciaio si sollevavano 260 piedi e sfoggiavano lame sinuose in fibra di vetro. Un decennio più tardi, la General Electric Co. realizzò il suo modello da 1.5 megawatt - abbastanza per fornire 1,200 case in una brezza rigida - uno standard industriale.

L'energia eolica è priva di carbonio e circa l'85% dei componenti della turbina, tra cui acciaio, filo di rame, elettronica e ingranaggi, può essere riciclato o riutilizzato. Ma le lame in fibra di vetro rimangono difficili da smaltire. Con alcuni lunghi quanto un campo da calcio, i grandi impianti possono trasportarne solo uno alla volta, rendendo proibitivi i costi di trasporto per i viaggi a lunga distanza. Gli scienziati stanno cercando di trovare modi migliori per separare le resine dalle fibre o per dare nuova vita a piccoli pezzi come pellet o pannelli.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
1 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
0 Autori di commenti
Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica