Zone di opportunità: un inganno tecnocrate per saccheggiare l'America

zone di opportunità
Per favore, condividi questa storia!

Quanto più saccheggio finanziario possono sopportare gli americani prima che l'America venga dichiarata Oligarchia e la classe media dichiarata morta?

L'amministrazione Trump ha collaborato in modo aggressivo con i miliardari di Big Tech per diversificare le loro fortune in "aree sottoservite", consentendo il differimento fiscale delle plusvalenze realizzate derivanti dalla liquidazione dei loro investimenti principali. Questa è una massiccia operazione di partenariato pubblico-privato che potrebbe spingere fino a $ 6 trilioni di "capitale sbloccato" in aree che verrebbero capovolte e, peggio ancora, inondate dalla tecnologia Smart City progettata per creare una stravaganza di estrazione dei dati per anni venire.

In breve, questa è un'operazione di Big Tech, per Big Tech e Big Tech, ma il presidente Trump ha aiutato e favorito i loro sforzi per manipolare le regole del governo per il proprio interesse personale. Le conseguenze indesiderate seguiranno sicuramente.

Introduzione

Quando il presidente Trump ha firmato il Legge sui tagli fiscali e sull'occupazione di 2017 a dicembre 2017, pochi hanno letto o capito la piccola stampa che autorizzava la creazione di Opportunity Zones. Un anno dopo, 12, 2018 di dicembre, Trump ha creato e firmato un ordine esecutivo intitolato, Ordine esecutivo sull'istituzione del Consiglio Opportunità e rilancio della Casa Bianca, che ha creato un comitato di alto livello che include la massima leadership dell'Amministrazione: i Segretari del Tesoro, Agricoltura, Interni, Commercio, Lavoro, Salute e servizi umani, Trasporti, Energia ed Istruzione; gli amministratori dell'EPA e della Small Business Administration; i presidenti del Council of Economic Advisers e del Council on Environmental Quality e alcune altre grandi parrucche assortite.

L'EO incarica il Consiglio di "lavorare attraverso le agenzie" per "valutare le azioni che ciascuna agenzia può intraprendere sotto le autorità esistenti per dare la priorità o concentrare gli investimenti ei programmi federali sulle comunità urbane ed economicamente in difficoltà, comprese le zone di opportunità qualificate". L'obiettivo è "ridurre al minimo tutti i costi e gli oneri normativi e amministrativi". Inoltre, l'EO usa la frase "investimenti pubblici e privati" non meno di sei volte e poi sottolinea che il Consiglio deve valutare,

“Se e come possono essere l'assistenza tecnica federale, la pianificazione, gli strumenti finanziari e le strategie di attuazione coordinato tra le agenzie assistere le comunità nell'affrontare i problemi economici, impegnandosi in una pianificazione globale e promuovere la collaborazione regionale. "

Ci sono tre problemi immediati con questo Ordine esecutivo. In primo luogo, negli anni i partenariati pubblico-privato si sono sviluppati come pilastro delle Nazioni Unite per finanziare lo sviluppo sostenibile e, in particolare, le infrastrutture a sostegno dei suoi obiettivi di sviluppo sostenibile. In secondo luogo, il coordinamento generale tra agenzie può essere un veicolo pericoloso per creare politiche che non rappresentano nessuna agenzia in particolare e che nessuna singola agenzia potrebbe mai creare da sola. Terzo, il termine collaborazione è una parola d'ordine per governance collaborativa ciò porta sul tavolo molti tipi di stakeholder per prendere decisioni vincolanti al di fuori della tradizionale rappresentanza o responsabilità dei cittadini. Inoltre, regionale collaborazione aggiunge una dimensione aggiuntiva che promuove il regionalismo, che è palesemente incostituzionale. L'articolo 4, Sezione 4 della Costituzione degli Stati Uniti afferma che "Gli Stati Uniti garantiranno a ogni Stato in questa Unione una forma di governo repubblicana". Il regionalismo non è una forma di governo repubblicana, punto.

Il Tax Tuts and Jobs Act di 2017

Zone di opportunità furono creati nella sezione 13823 di questa fattura della pagina 131, il cui riepilogo afferma:

Questa sezione autorizza la designazione di zone di opportunità nelle comunità a basso reddito e fornisce vari incentivi fiscali per gli investimenti nelle zone. I contribuenti possono differire temporaneamente il riconoscimento delle plusvalenze investite in zone di opportunità. Gli investimenti in zone di opportunità o fondi di opportunità detenuti per almeno cinque anni possono beneficiare di riduzioni o esenzioni fiscali sulle plusvalenze, a seconda della durata dell'investimento.

Al governatore di ogni stato viene data l'autorità di definire le Zone di Opportunità entro i loro confini di stato, che vengono poi sottoposti al Dipartimento del Tesoro per la certificazione automatica. Le zone dovrebbero essere comunità a basso reddito o svantaggiate, ma diversi governatori hanno esteso la definizione per includere anche le aree di sviluppo principale.

Finora, oltre 8,700 di queste zone sono state stabilite a livello nazionale. (È possibile visualizzare una mappa interattiva per saperne di più, clicca qui e la pagina di domande e risposte dell'IRS è per saperne di più, clicca qui.) Ovviamente, questa non è una piccola impresa. Secondo Smart Growth America, le OZ attualmente designate rappresentano il 10 per cento del continente americano, contenente 30 milioni di persone. It aggiunge,

Il nuovo programma Opportunity Zones probabilmente diminuirà come la più grande e significativa iniziativa di sviluppo della comunità federale nella storia degli Stati Uniti, settembre con trilioni di dollari in nuovi investimenti privati sta per iniziare a confluire nelle comunità a basso reddito prestabilite in tutto il paese. 

E 'degno di nota un sondaggio delle procedure di designazione della zona di opportunità dello stato ha rivelato che meno del 10 percento degli stati ha pubblicato le proprie bozze di selezioni per commenti pubblici e solo un quarto degli stati ha formato un comitato consultivo per i cittadini. Pertanto, il pubblico è stato in gran parte lasciato al buio.

L'IRS ha emesso la sua prima serie di regole all'inizio di 2018 con poca fanfara o interesse pubblico. Tuttavia, quando la seconda serie di regole fu rilasciata nell'ottobre 2018, le porte della stalla furono spalancate e iniziò il libero per tutti. L'avvocato di New Orleans ha osservato 19 di maggio che "È come il selvaggio West là fuori ora". L'articolo elaborato:

Non è solo l'impostazione dell'ultimo minuto che ha dato al sistema Opportunity Zone un senso di anarchia: letteralmente chiunque può istituire un fondo OZ qualificato e non esiste ancora un modo formale per il governo di rintracciarli e determinare se stanno dirigendo gli investimenti verso aree veramente svantaggiate come previsto.

The Economic Innovation Group

Il cervello e lo sforzo della lobby dietro il Legge sui tagli fiscali e sull'occupazione di 2017 è ora noto per essere The Economic Innovation Group (EIG), che, per sua stessa ammissione, era il creatore originale del concetto di Opportunity Zone in un documento 2015 intitolato Sbloccare il capitale privato per facilitare la crescita economica nelle aree in difficoltà. EIG si vanta che "l'idea è stata da allora sostenuta da una vasta coalizione di investitori, imprenditori, sviluppatori di comunità, economisti e altre parti interessate".

Successivamente, il senatore Cory Booker (D-NJ) e il senatore Tim Scott (R-SC) hanno presentato il disegno di legge del Senato S.293, il Investire in Opportunity Act in 115th Congresso di febbraio 2, 2017. La legislazione corrispondente è stata introdotta in Aula dal rappresentante Patrick Tiberi (R-OH). Mentre entrambi i progetti di legge erano bloccati in commissione, le disposizioni chiave venivano inserite nel Legge sui tagli fiscali e sull'occupazione di 2017 che è stato approvato e poi firmato in legge dal presidente Trump.

Uno sforzo lobbista così abile, persistente e di successo pone la domanda: "Chi sono queste persone, comunque?"Sono contento che tu l'abbia chiesto.

Il fondatore e presidente esecutivo di EIG è Sean Parker, un noto hacker black hat in gioventù che ha co-fondato Napster all'età di 18 per condividere gratuitamente musica illegalmente protetta da copyright, senza l'autorizzazione dei creatori. All'età di 25, Parker si unì a Mark Zuckerberg in 2004 quando Facebook aveva solo 5 mesi e divenne il suo primo presidente poco dopo. A Parker viene riconosciuto il convincente Zuckerberg che un giorno Facebook potrebbe essere qualcosa di "veramente grande". La rivista Forbes elenca Parker come investitore di capitale di rischio e filantropo.

Altri membri del Circolo dei fondatori dell'EIG includono:

  • Ted Ullyot - Consiglio Generale di Facebook dal 2008 al 2013
  • Ron Conway - Fondatore di SV Angel e incluso nella Vanity Fair del 2010 le 100 persone più influenti nell'era dell'informazione
  • Dan Gilbert - Fondatore e presidente di Quicken Loans, Inc. E un importante venture capitalist specializzato in società tecnologiche
  • Rebecca Lynn - 23 ° classificato su 100 migliori investitori tecnologici nella lista Midas 2015 di Forbes
  • Joseph Sanberg - Imprenditore e investitore del settore pubblico e privato; è un membro del consiglio della Sierra Club Foundation
  • Dana Settle - Ex banchiere di investimento presso Lehman Brothers, è una delle principali società di capitali di rischio specializzata in startup high-tech.

In breve, ognuna di queste persone è un attore chiave nel mondo della Big Tech / venture capital, in particolare sulla costa occidentale.

Inoltre, hanno stretti legami con alcuni dei migliori economisti elencati nella loro Comitato consultivo economico:

  • Jared Bernstein, PhD - Capo economista e consigliere economico del vicepresidente Joe Biden, direttore esecutivo della Task Force della Casa Bianca sulla classe media e membro del team economico del presidente Obama.
  • Austan Goolsbee - Ex presidente del Council of Economic Advisers del presidente Barack Obama, membro del gabinetto e capo economista del President's Economic Recovery Advisory Board
  • Kenneth Rogoff - Ex capo economista presso il Fondo monetario internazionale
  • Matthew Slaughter, PhD - Professore di International Business a Dartmouth, Senior Fellow presso il Council on Foreign Relations, membro del comitato consultivo della Export-Import Bank degli Stati Uniti e consulente del McKinsey Global Institute.

Il Consiglio politico dell'EIG generalmente segue le stesse linee del Circolo dei fondatori, ma per questa discussione ha un membro degno di nota: Chris Camacho di Phoenix, in Arizona.

Camacho è presidente e CEO del Greater Phoenix Economic Council (GPEC), che ha utilizzato per guidare una partnership pubblico-privata chiamata Iniziativa Smart Region (SRI). Questa è una collaborazione a tre vie tra Arizona State University, GPEC e il socio amministratore Arizona Institute for Digital Progress.

Camacho è un esperto esperto di sviluppo commerciale e un promotore senza pari del regionalismo incostituzionale. Un diario di Phoenix segnalati Camacho diceva:

“Nessun mercato in tutto il paese ha unificato più giurisdizioni. Ci sono state strategie per fare città intelligenti in vari luoghi, ma stiamo parlando di 'come possiamo connettere l'intera regione' ”.

Infatti, la Iniziativa Smart Region viene fatturato come il vero prima di tutto tentativo nazionale di creare un'autorità regionale per implementare la tecnologia uniforme delle città intelligenti in tutte le città di 22 e 4.2 milioni di persone. Gli occhi nazionali e persino globali stanno guardando per vedere cosa succederà dopo nella Valle del Sole, e se questa acquisizione del regionalismo avrà successo qui, sarà usata come modello per simili partenariati pubblico-privato in tutta l'America e nel mondo.

Mentre questo scrittore intende coprire a fondo il movimento dell'Iniziativa Smart Region in un rapporto separato, è importante vedere la potenziale connessione tra le Opportunity Zone e le Smart Region Initiatives. Entrambi sono pieni di venture capitalist specializzati in iniziative Big Tech come l'Internet of Things, la tecnologia di sorveglianza Smart City e, soprattutto, dati, che molti chiamano il "nuovo olio" di 21st secolo. Entrambi sono nuovi, pieni di partenariati pubblico-privato e promuovono pratiche incostituzionali simili.

Il contro-argomento

Alcuni sosterranno senza dubbio che questi miliardari e venture capitalist agiscono semplicemente come benefattori benevoli che condividono la loro ricchezza con comunità povere; o che stanno semplicemente cercando di diversificare i loro investimenti.

Questa è un'assurdità logica e terribilmente ingenua. Per i soldi ad alta velocità estratti da Big Tech, non vi è alcun ritorno sull'acquisto di immobili o l'avvio di attività commerciali in comunità povere. Gli investitori mettono sempre il loro capitale nelle aree con i rendimenti più alti possibili.

D'altra parte, se la raccolta dei dati è l'obiettivo, quale is alto rendimento, quindi le zone di opportunità si adattano perfettamente al conto.

Chi gestirà i fondi OZ?

Per la maggior parte, ogni Fondo Opportunity Zone avrà in genere un partner di gestione che prende tutte le decisioni in materia di investimenti, strutturazione e contabilità. Gli investitori sceglieranno semplicemente un fondo o un gestore di fondi in cui investire. Chi sono questi gestori di fondi? Non bisogna cercare altro che l'EIG Coalizione delle zone di opportunità pagina per avere l'idea: questa pagina elenca 49 come aspiranti manager con nomi come Reinvestment Fund, Riaz Capital, Newark Venture Partners, Ur Opportunity, KeyBank, Institute for Portfolio Alternatives, Fund for Our Future Future, Calvert Impact Capital, Bridge Investment Gruppo, ecc. Alcuni di questi probabilmente finiranno con decine di miliardi sotto la loro diretta gestione.

Caso di studio: in che modo Erie, PA utilizza le zone di opportunità per finanziare la trasformazione di Smart City

A marzo 4, 2019, Tecnologia governativa segnalati che Erie, Pa., Vuole sovrapporre Tech di sicurezza nella sua Smart City. L'articolo afferma

Otto "zone di opportunità" in tutta la città potrebbero presto vedere la nuova tecnologia smart city dotata di telecamere per la lettura della targa e capacità di riconoscimento facciale. I funzionari affermano che l'obiettivo è aumentare la sicurezza e stimolare gli investimenti.

Videocamere di sicurezza aggiuntive, illuminazione a LED e Wi-Fi pubblico gratuito sono state introdotte nel centro di Erie nel 2018 come parte di un programma pilota per la cosiddetta tecnologia smart city.

L'amministrazione del sindaco Joe Schember e altri funzionari locali vogliono portare la stessa tecnologia nei quartieri locali destinati a essere reinvestiti nell'ambito del programma federale Opportunity Zone.

Schember, in un'intervista la scorsa settimana, ha detto che la sua amministrazione - in collaborazione con l'Erie Innovation District e altri - sta lavorando per portare attrezzature e tecnologie "sicure smart city" nei prossimi 12 mesi alle otto Opportunity Zone nella regione Erie che sono state designato dall'ufficio del governatore Tom Wolf e certificato dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Secondo Schember, ciò comprenderebbe telecamere di sicurezza in grado di leggere le targhe e avere capacità di riconoscimento facciale; lampioni a LED a risparmio energetico, E Wi-Fi gratuito negli spazi pubblici in tutti i tratti della zona di opportunità. L'intento è quello di rendere queste aree più sicure e più interessanti per gli investimenti.

“È una specie di obiettivo aggressivo. ... Ma completiamo queste aree e nei prossimi tre anni, Mi piacerebbe vedere quella tecnologia in tutta la città,"Ha detto Schember.

Inutile dire che Erie ha ricevuto il messaggio di come le Opportunity Zones possano servire al meglio la sua urgente necessità di convincere qualcun altro a pagare per il suo rifacimento della Smart City. Una volta stabilito un beachhead in una zona a basso reddito, che difficilmente può protestare contro qualsiasi cosa faccia la città, rotolare verso il resto della città sarà una passeggiata. Inoltre, i primi "partner" della città (fornitori di tecnologia e investitori) avranno il piede nella porta e saranno partecipanti desiderosi.

Ma perché qualcuno dovrebbe essere desideroso di versare denaro a basso reddito o underserved le zone? Ci sono tre buoni motivi. Innanzitutto, il valore della raccolta dei dati si trova in tutti gli esseri umani viventi, indipendentemente dal loro status socioeconomico. In secondo luogo, il mattiniero ottiene il worm per il resto dell'operazione di saccheggio dei dati in altre parti della città o della regione. In terzo luogo, una volta incorporato, il flusso di dati continua a pompare nelle casse di coloro che "possiedono" l'infrastruttura di raccolta.

Conclusione

È tempo di affrontare la realtà oscura del Legge sui tagli fiscali e sull'occupazione di 2017. Il taglio delle tasse promesso per gli individui era in gran parte un mito. Al contrario, i tagli alle tasse per i ricchi e le corporazioni erano ostentati. Un appena rilasciato rapporto dal Congressional Research Service lo conferma: "la conseguenza principale è stata che le aliquote fiscali reali per le società sono diminuite di quasi la metà mentre le imposte sul reddito delle persone fisiche si sono mosse appena". La frase chiave del rapporto afferma:

"Da 2017 a 2018, l'aliquota fiscale media stimata per le società è scesa da 23.4% a 12.1% e le imposte sul reddito individuale in quanto una percentuale del reddito personale è leggermente diminuita da 9.6% a 9.2%."

Pertanto, un Congresso guidato dai repubblicani ha tradito il popolo americano e il presidente Trump non ha offerto alcun rimprovero per farlo bene. Invece, ha avidamente firmato il Jobs Act in legge e successivamente ha creato un Ordine esecutivo per assicurare la razionalizzazione delle sue disposizioni a tutti i livelli delle agenzie governative.

Dovrebbe essere debitamente notato e con allarme che questo tipo di globalizzazione trascende le etichette ideologiche di repubblicano o democratico, liberale o conservatore, di sinistra o di destra, ecc. I tecnocrati sono apolitici da un lato, ma useranno o manipoleranno qualsiasi conveniente piattaforma politica per far avanzare i propri obiettivi.

Dopo aver realizzato che la porta era aperta perché i ricchi si arricchissero con il Jobs Act, si può quasi immaginare la conseguente frenesia dei lobbisti per ottenere la loro scappatoia preferita nel testo. L'Economic Innovation Group è stato in grado di farsi strada nel mix per esternalizzare Opportunity Zones a nome dei loro super ricchi compagni di Big Tech / venture capitalist.

Per ripetere la domanda, quanto più saccheggio finanziario possono sopportare gli americani prima che l'America venga dichiarata Oligarchia e la classe media dichiarata morta?

  

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
rivelazione 17

Strano come i "cristiani" pensassero che "il" sistema dell'anticristo sarebbe stato liberale e non religioso.

Pyra

Soapbox day? In nessun punto dell'articolo cita nulla dei cristiani.

rivelazione 17

Pyra, non è necessario. La Bibbia è 1/3 di profezia. I cristiani sanno cosa ci aspetta perché ce lo dice la Bibbia.

Marilynne Mellander

È interessante il fatto che Cory Booker sia coinvolto in OZ ... è strettamente alleato di Jared Kushner; Kushner è un DemoRat per tutta la vita

David Brown

Le aziende non pagano le tasse, le riscuotono. Dove prendono i soldi per pagare le tasse le aziende? I loro clienti ovviamente, quindi indovina chi sta pagando davvero le tasse. Le imposte sul reddito delle società sono solo una tassa invisibile per nascondere ai consumatori le tasse che stanno effettivamente pagando.

[…] 📄Nel giugno 2019, ho scritto Opportunity Zones: A Technocrat Deception To Plunder America. Le OZ forniscono enormi paradisi fiscali per i super ricchi e forniscono il gateway per assumere il controllo […]