Onda dopo ondata di tecnologia di sorveglianza avanzata che copre la Cina

FOTO FILE: un dispositivo forense Cellebrite estrae i dati da un telefono cellulare Samsung durante una dimostrazione presso un centro di formazione a Pechino, Cina 19 giugno, 2018. REUTERS / Cate Cadell
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Se un poliziotto chiede di sbloccare il cellulare, l'autore conclude "In Cina, non è saggio rifiutare". L'unico risultato naturale di una tecnocrazia è la dittatura scientifica in cui ogni dettaglio immaginabile della tua vita viene esaminato al microscopio per verificarne la conformità. ⁃ TN Editor

Filip Liu, uno sviluppatore di software 31 di Pechino, stava viaggiando nella regione dello Xinjiang, nella Cina occidentale occidentale, quando è stato tirato da un lato dalla polizia mentre scendeva da un autobus.

Gli agenti hanno preso l'iPhone di Liu, l'hanno collegato a un dispositivo portatile che sembrava un laptop e gli ha detto che stavano "controllando il telefono per informazioni illegali".

L'esperienza di Liu a Urumqi, la capitale dello Xinjiang, non è rara in una regione che è stata devastata dalla violenza separatista e da una repressione da parte delle forze di sicurezza.

Ma tali tecnologie di sorveglianza, testate nel laboratorio dello Xinjiang, si stanno ora diffondendo silenziosamente in tutta la Cina.

I documenti sugli appalti pubblici raccolti da Reuters e le rare intuizioni dei funzionari mostrano che la tecnologia incontrata da Liu nello Xinjiang sta invadendo città come Shanghai e Pechino.

Le stazioni di polizia in quasi tutte le province hanno cercato di acquistare i dispositivi di estrazione dei dati per smartphone sin dall'inizio di 2016, in coincidenza con un forte aumento della spesa per la sicurezza interna e una repressione del dissenso, mostrano i dati.

I documenti forniscono una rara visione dei numeri dietro la spinta della Cina per armare le forze di sicurezza con strumenti di monitoraggio ad alta tecnologia mentre il governo reprime il dissenso.

Il Ministero dell'Industria e dell'Information Technology e l'Ufficio di Pubblica Sicurezza, che sovrintendono ai progetti di sicurezza ad alta tecnologia della Cina, non hanno risposto alle richieste di commento.

Gli scanner sono dispositivi portatili o desktop che possono entrare in smartphone ed estrarre e analizzare elenchi di contatti, foto, video, post sui social media ed e-mail.

I dispositivi portatili consentono alla polizia di controllare rapidamente il contenuto dei telefoni per strada. Liu, lo sviluppatore del software di Pechino, ha affermato che la polizia è stata in grado di rivedere i suoi dati sul posto. Apparentemente non hanno trovato nulla di discutibile in quanto non è stato arrestato.

I dati analizzati da Reuters includono le richieste delle stazioni di polizia di 171 su 32 da province, regioni e comuni ufficiali di 33 e sembrano mostrare solo una parte della spesa totale.

I dati mostrano oltre 129 milioni di yuan ($ 19 milioni) in budget o spese per le apparecchiature dall'inizio di 2016, con importi in accelerazione in 2017 e 2018.

Per un grafico sull'investimento della Cina nella sorveglianza, fare clic su tmsnrt.rs/2vz5gRN

A Shanghai, la scintillante città portuale internazionale della Cina, due distretti hanno messo in bilancio circa 600,000 yuan ciascuno per acquistare scanner per telefoni e strumenti di strappo dei dati. La polizia ferroviaria di Pechino ha stanziato un importo simile, mostrano i documenti.

"In questo momento, a quanto ho capito, solo due province in tutto il paese non li usano", ha detto un rappresentante di vendita presso Zhongke Ronghui Security Technology Co Ltd, una società con sede a Shaanxi che produce l'XDH-5200A, una delle scanner dettagliati in numerosi documenti sugli appalti di polizia.

Il rappresentante ha affermato che le stazioni di polizia di tutto il paese potrebbero consultare un deposito centralizzato di dati estratti. "Quasi ogni stazione di polizia avrà l'attrezzatura."

I dispositivi fabbricati in Cina costano meno di circa 10,000 yuan per quelli più piccoli, a centinaia di migliaia di yuan per quelli più sofisticati, secondo i prezzi visti in una fiera delle attrezzature di polizia a Pechino all'inizio di quest'anno.

Gli scanner non sono stati immediatamente evidenti in città come Shanghai e Pechino.

Ai recenti controlli presso le stazioni degli autobus e dei treni di Pechino e l'area di piazza Tiananmen, fortemente sorvegliata, non c'erano segni dei dispositivi. Ma un agente di polizia alla stazione ferroviaria di Pechino ha confermato di "avere accesso quando necessario" alla tecnologia forense dello smartphone.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti