Obama: lo sviluppo sostenibile può sconfiggere la "violenza cronica"

Per favore, condividi questa storia!

A luglio, 15, il presidente Obama si è rivolto al ricevimento del Corpo Diplomatico a Washington, DC. Hanno partecipato molti ambasciatori negli Stati Uniti.

Obama riflette semplicemente i suoi gestori globalisti quando suggerisce che la soluzione ai problemi del mondo si troverà nella sottomissione di tutti a un unico potere globalista.

Crede che dovremmo "costruire istituzioni forti per proteggere le persone da quegli impulsi" di nazionalismo e orgoglio culturale. In altre parole, tutti gli americani dovrebbero smetterla di essere così egoisti ed egocentrici e arrendersi al "bene comune" globale.

Inoltre, dice che "l'odio e la violenza di alcuni alla fine non possono competere con l'amore, la decenza e il duro lavoro delle persone di buona volontà e compassione."

Che fine ha fatto la Guerra al Terrore? In una guerra, l'obiettivo è schiacciare il nemico fino alla sconfitta totale. Nella guerra di Obama, dovremmo schiacciarli con amore, decenza, buona volontà e compassione.

In realtà, lo dice ancora nello stesso discorso: "Sconfiggeremo queste ideologie offrendo una migliore visione dello sviluppo e del progresso economico".

Questo è presumibilmente lo stesso obiettivo dell'Agenda 2030 promossa dalle Nazioni Unite, dove i nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) sono la risposta a tutti i problemi dell'umanità. Nello stesso contesto, ha fatto riferimento Obama "Una nuova serie di obiettivi di sviluppo sostenibile per porre fine alla povertà estrema e promuovere la salute, l'istruzione e l'uguaglianza per tutte le persone, comprese le donne".

I tecnocrati dietro Obama potrebbero essere invisibili al grande pubblico, ma ci sono. Per il bene di implementare la tecnocrazia, Obama è semplicemente uno dei loro tanti "utili idioti" che sputano propaganda su cose di cui sanno poco.

testo completo delle sue osservazioni appare sotto.


Osservazioni del presidente alla reception del Corpo diplomatico

East Room

2: 53 PM EDT, luglio 15, 2016

IL PRESIDENTE: Buon pomeriggio a tutti. Ho appena avuto l'opportunità di salutare ciascuno di voi di persona. E diamo il benvenuto a tutti voi. Ogni anno, il corpo diplomatico viene in modo che possiamo dire grazie per la partnership tra le nostre nazioni e i nostri popoli e riaffermare il nostro impegno comune a promuovere la sicurezza, la pace e la dignità umana in tutto il mondo.

Ovviamente, veniamo qui con cuori più pesanti del normale. Durante la notte a Nizza, abbiamo assistito a un altro tragico e spaventoso attacco alla libertà e alla pace a cui teniamo.

Oggi, i nostri cuori sono con il popolo francese e con tutti gli uomini, le donne e tanti bambini innocenti che sono stati feriti o uccisi in questo attacco nauseante. Ciò include gli americani che conosciamo: una famiglia del Texas, un padre e un figlio giovane, di soli 11 anni, che erano lì in vacanza. La loro famiglia, come tante altre, è devastata. Stanno soffrendo. Hanno bisogno di tutto l'amore e il sostegno della nostra famiglia americana mentre sono alle prese con una perdita inimmaginabile e cercano di superare quelli che saranno giorni molto difficili.

E quindi a nome di tutti noi, penso, voglio dare il benvenuto al nostro amico, l'ambasciatore Araud di Francia. E ho avuto la possibilità di incontrarlo subito prima di uscire, in modo che sapesse che non sono solo gli Stati Uniti d'America, ma il mondo intero a essere solidale con il popolo francese in questo momento difficile.

Oggi ho parlato con il presidente Hollande. E oltre a esprimere profonde condoglianze, gli ho ricordato che la Francia è il più antico alleato dell'America e uno dei nostri più forti. Dobbiamo reciprocamente la nostra libertà. Americani e francesi stanno insieme da due secoli. E ho detto al presidente Hollande che ora saremo uniti - nel nostro dolore; nella nostra preghiera per i molti che sono feriti, molti dei quali stanno combattendo per la propria vita. E ci impegniamo a stare con i nostri amici francesi mentre difendiamo le nostre nazioni contro questo flagello del terrorismo e della violenza.

E questa è una minaccia per tutti noi. Non conosciamo tutti i dettagli, ma ciò che sappiamo è la capacità anche di un singolo individuo di fare danni straordinari alla nostra gente, al nostro modo di vivere. Molte nazioni rappresentate qui oggi sono state colpite quest'anno e negli anni precedenti. Nelle ultime settimane abbiamo assistito ad attacchi atroci, ispirati o diretti dall'ISIL, qui negli Stati Uniti, in Turchia, in Iraq, in Bangladesh, in Arabia Saudita. E questi terroristi prendono di mira e uccidono persone innocenti di ogni provenienza e fede, compresi i musulmani. E so di parlare a nome di tutti noi quando dico che questi individui e queste reti sono un affronto a tutta la nostra umanità.

Molte delle nazioni che sono rappresentate qui oggi fanno parte della nostra coalizione globale contro l'ISIL. E voglio cogliere l'occasione per dire ancora una volta: non saremo scoraggiati. Non ci arrenderemo. Continueremo a lavorare insieme per prevenire attacchi e difendere la nostra patria. Continueremo a far fuori i leader dell'ISIL e respingeremo l'ISIL in Siria e Iraq. Continueremo a stare con i nostri partner, dall'Africa all'Afghanistan. E distruggeremo questa vile organizzazione terroristica.

E a differenza di questi terroristi che sanno solo uccidere e distruggere, vinceremo questa battaglia costruendo; non rinunciare mai alla diplomazia per porre fine alla guerra civile siriana; lavorando con partner in tutto il mondo, comprese le comunità musulmane, per respingere le ideologie odiose che distorcono e distorcono l'Islam, una religione che insegna pace, giustizia e compassione.  Sconfiggeremo queste ideologie offrendo una migliore visione dello sviluppo e del progresso economico, quindi le persone, soprattutto i giovani, hanno più speranza e opportunità e sono meno suscettibili all'estremismo e alla violenza in primo luogo. E continueremo a promuovere opportunità politiche e democrazia in modo che i cittadini abbiano voce in capitolo nel loro futuro.

E vinceremo questa battaglia rimanendo fedeli ai nostri valori - valori di pluralismo e stato di diritto, diversità e libertà, come la libertà di religione, libertà di parola e riunione - le stesse libertà che il popolo di Nizza celebrava ieri sera. Il giorno della presa della Bastiglia. Sulla scia degli attacchi della scorsa notte, abbiamo sentito altri suggerimenti che tutti i musulmani in America vengano presi di mira, testati per le loro convinzioni; alcuni deportati o incarcerati. E il suggerimento stesso è ripugnante e un affronto a tutto ciò che rappresentiamo come americani.

Non possiamo cedere alla paura, o rivoltarci l'un l'altro, o sacrificare il nostro modo di vivere. Non possiamo lasciarci dividere dalla religione, perché è esattamente ciò che vogliono i terroristi. Non dovremmo mai fare il loro lavoro per loro. E qui negli Stati Uniti, le nostre libertà - inclusa la libertà di religione - ci aiutano a mantenerci forti e al sicuro, e dobbiamo essere vigili e difendere la nostra sicurezza e le nostre libertà.

E tutti noi - qualunque sia la nazione che rappresentiamo qui - penso che dobbiamo fare un passo indietro e riflettere su ciò che stiamo facendo per eliminare questo tipo di violenza cronica. Sono state settimane difficili negli Stati Uniti.  Ma il divario che esiste non è tra razze, etnie e religioni; è tra le persone che riconoscono l'umanità comune di tutte le persone e sono disposte a costruire istituzioni che promuovono quella comune umanità e coloro che non lo fanno - coloro che suggeriscono che qualcuno è inferiore a loro a causa della loro tribù, o della loro etnia, o la loro fede o il loro colore. E quegli impulsi esistono in tutti i nostri paesi. E quegli impulsi, quando non parliamo contro di loro e costruiamo istituzioni forti per proteggere le persone da quegli impulsi, possono prendere il sopravvento, possono essere scatenati - in modo che tutti noi abbiamo delle responsabilità, non solo alcuni.

Voglio dire che anche se siamo implacabili contro i terroristi, è anche degno per noi riconoscere che le nostre nazioni hanno lavorato insieme per la sicurezza, la pace e la dignità umana in tutto il mondo. Voglio ringraziare tanti dei vostri paesi per la partnership che abbiamo forgiato e per i progressi che abbiamo raggiunto insieme in questi ultimi otto anni nel salvare l'economia globale e proteggere i materiali nucleari vulnerabili. Un accordo globale per impedire all'Iran di ottenere un'arma nucleare. Fermare la diffusione dell'Ebola e salvare così innumerevoli vite. A Parigi l'accordo più ambizioso della storia per combattere il cambiamento climatico.  Un nuovo insieme di obiettivi di sviluppo sostenibile per porre fine alla povertà estrema e promuovere la salute, l'istruzione e l'uguaglianza per tutte le persone, comprese le donne.

E grazie agli sforzi di molti di voi, abbiamo continuato a cercare di andare oltre i vecchi conflitti: sostenere la transizione alla democrazia in Birmania. Creazione di una nuova partnership con il Vietnam. Approfondire il nostro nuovo capitolo dell'impegno con il popolo cubano. Contribuire a sostenere gli sforzi in Colombia per porre fine al conflitto decennale. Questo è il potere della diplomazia. Questo è ciò che è possibile quando le nostre nazioni e i nostri popoli lavorano insieme in uno spirito di interesse reciproco e rispetto reciproco.

E che contrasto con la morte e il nichilismo offerti dai terroristi. Che potente promemoria del progresso e dell'opportunità e della speranza che possiamo avanzare quando, come nazioni, come popoli e come individui, ci rifiutiamo di essere definiti solo dalle nostre differenze, e ricordiamo che siamo tutti parte di una razza umana.  Anche in giornate difficili come questa, questo è ciò che mi dà speranza. Ed è questo che dovrebbe dare speranza a tutti noi.  Perché su questo pianeta di oltre sette miliardi di persone, l'odio e la violenza di pochi alla fine non possono competere con l'amore, la decenza e il duro lavoro delle persone di buona volontà e compassione, fintanto che difendiamo quei valori e finché rispondiamo a coloro che minerebbero questi valori.  

Sono molto orgoglioso del lavoro che abbiamo svolto in questi ultimi sette anni e mezzo in collaborazione con i vostri paesi. E fintanto che avrò il privilegio di essere il Presidente degli Stati Uniti, continuerò a stare al tuo fianco per promuovere questi valori in tutto il mondo.

Grazie molte, a tutti.

FINE
3: 03 PM EDT

 

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

11 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Tom

Obama è così maledettamente incapace che sembra non avere la più pallida idea di non esserlo… .. E quelli che lo hanno votato hanno ancora meno contatti con tutto ciò che è reale. I veri credenti sono persone davvero spaventose.

James

Non conosco la cifra esatta e potrebbe non includere tutti i governi legittimi che gli Stati Uniti hanno destabilizzato o tentato di controllare, ma penso che almeno le azioni di violenza da 50 a 60 in tutto il mondo siano state nelle mani degli Stati Uniti.

Quindi questa è la mia domanda:
Lo sviluppo sostenibile porrà fine alla violenza cronica dell '"Imperial Amerika"?

La guerra è la pace in cui possiamo credere.

HumanLiberty

Dopo aver scremato le parole di Obama, sono d'accordo: lo sviluppo sostenibile, la compassione, la condivisione per il bene più grande è tutto fantastico e può davvero aiutare a guarire il mondo. La differenza fondamentale? Deve essere raggiunto attraverso mezzi locali e volontari, non tramite la forza e il consolidamento globale del potere alle "élite". Usando tecniche come la Permacultura, Open Source Hardware (vedi il discorso TED di Marcin Jakubowski), alloggi alternativi come Earthships di Mike Renold, commercio / condivisione / cooperazione volontaria e beneficenza tra amici e vicini, vere milizie locali e una coevoluzione orientata alla libertà reciproca culture locali che si adattano alle persone che le compongono e le creano, noi esseri umani possiamo, nel tempo,... Per saperne di più »