Il NYPD ha citato in giudizio per la raccolta illegale e la conservazione del DNA dei cittadini

Wikipedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
I tecnocrati amano lavorare all'interno di una grande forza di polizia perché è autoritaria e incline all'occultamento di politiche ingannevoli come il mantenimento di un database del DNA su cittadini innocenti. Questo viola palesemente la legge statale e nazionale, oltre alla stessa Costituzione degli Stati Uniti. I tecnocrati bramano e accumulano dati come un tossicodipendente brama e accumula eroina. ⁃ Editore TN

Il database del DNA del NYPD comprende un numero sempre crescente di profili genetici di migliaia di newyorkesi innocenti, compresi i bambini, secondo una causa.

La Legal Aid Society, in una causa intentata lunedì alla Corte Federale di Manhattan, chiede a un giudice di dichiarare incostituzionale la "pratica di prelevare, analizzare e mantenere segretamente il DNA delle persone nel suo indice di sospetto". Il gruppo dei difensori pubblici chiede un ordine al NYPD di cancellare quei file e record del DNA.

Ci sono 31,826 profili DNA nel database all'ultimo conteggio, secondo la causa.

Il database, gestito dall'Office of the Chief Medical Examiner, è stato oggetto di molti dibattiti negli ultimi anni.

Il NYPD ha affermato di operare entro i limiti della legge e che il database è uno strumento importante utilizzato per ottenere giustizia per ogni vittima di reato.

Ma i critici hanno affermato che qualsiasi politica che consenta alla polizia di raccogliere il DNA senza consenso, ad esempio offrendo una bibita a un sospetto, quindi tenendo la lattina per l'analisi forense, anche se la persona non è accusata di un crimine, è una violazione dei diritti alla privacy.

E hanno notato che mentre è necessaria una condanna prima che il DNA di qualcuno possa essere inserito in un database gestito dallo stato, quelli costruiti dalle autorità locali operano al di fuori di tali requisiti.

"La decisione della città di ignorare le leggi statali e federali mentre raccoglie segretamente e archivia in modo permanente i profili del DNA di migliaia di persone dovrebbe mandare un brivido lungo la schiena di ogni newyorkese", ha affermato Dave Pollock, un avvocato di assistenza legale nella sua unità DNA. "Il preoccupante stratagemma del NYPD che offre ai nostri clienti un drink o una sigaretta dopo ore in un distretto senza cibo né acqua, e lo usa per raccogliere di nascosto il loro DNA - è sbagliato e illegale".

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

[…] Tratto da Technocracy News & Trends […]

[…] Tratto da Technocracy News & Trends […]

Lutero

Il fatto che il DNA sia stato raccolto per un po' di tempo è stato mostrato in programmi TV come "Law and Order" in cui il "datamining" è spiegato come necessario per eliminare una persona come sospetta sulla scena del crimine. Si scopre che il NYPD ha utilizzato questa politica sui suoi cittadini illegalmente e si può solo immaginare quanto vi abbia contribuito la frode "Covid". Le persone si fidavano ingenuamente delle autorità per la loro privacy, ora guarda quanto hanno sbagliato a farlo! 

[…] Il NYPD ha citato in giudizio per la raccolta e la conservazione illegale del DNA dei cittadini […]