Nuova agenda urbana: la pianificazione regionale integra il controllo sulle popolazioni urbane e rurali

America ruraleWikipedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La nuova agenda urbana delle Nazioni Unite non è solo per le città, ma anche per le popolazioni rurali, che saranno "assegnate" alla loro città-regione più vicina. Sviluppo sostenibile e pianificazione urbana se parte integrante di Technocracy. TN Editor

Nell'ultimo quarto di secolo, la saggezza collettiva su come affrontare gli squilibri tra le aree urbane e rurali ha subito una grande evoluzione. Ciò è stato particolarmente severo in India, sede di una delle più grandi popolazioni rurali del mondo.

La recente Habitat III il vertice sull'urbanizzazione sostenibile ha prestato particolare attenzione a questi cosiddetti collegamenti urbano-rurali. E in effetti, le conferenze Habitat - che si svolgono solo ogni anno 20 - offrono un utile strumento di misurazione con cui valutare la strategia su questo complesso problema. La frase "insediamento umano" è entrata formalmente nel lessico delle Nazioni Unite durante il Conferenza Habitat I. tenutosi a Vancouver in 1976, coniato per riconoscere che tutti gli insediamenti, sia urbani che rurali, ricadevano sotto il controllo del U. N.il nuovo programma di insediamenti umani, ora noto come UN-Habitat.

Dagli 1970 a UN-La creazione di Habitat in 2002, la definizione di insediamento umano non è cambiata ufficialmente. Ma a quel tempo l'idea fu intesa come riferita principalmente agli insediamenti urbani. In 1996, ad esempio, Habitat II era popolarmente noto come Summit delle città, dando chiaramente maggiore importanza agli insediamenti urbani rispetto a quelli rurali.

Tuttavia, la strategia di risultato adottata da Habitat II - un documento noto come Agenda Habitat - ha ancora sottolineato le esigenze degli insediamenti rurali e dei poveri delle aree rurali, sebbene separatamente dalle aree urbane. Ha inoltre proposto una serie di azioni per lo "sviluppo equilibrato degli insediamenti nelle regioni rurali": fornire infrastrutture e occupazione, ad esempio, diffondere progressi tecnologici e sistemi agricoli diversificati e rendere disponibili l'istruzione e un solido sostegno commerciale. Tutto ciò mirava a sviluppare forti sinergie per le aree rurali con lo sviluppo urbano.

Ora, l'agenda Habitat è stata soppiantata da una nuova strategia: l ' Nuova agenda urbana, la dichiarazione di consenso adottata da Habitat III. Nel nome, almeno, questo è un documento che si concentra esplicitamente sull'urban. In che modo questa nuova strategia guarda alla fine rurale dello spettro?

o la maggior parte, i reperti rurali menzionano nel 24-documento di pagina come parte di un composto: "urbano-rurale". L'agenda non ha una visione separata per gli insediamenti rurali e lo sviluppo rurale; piuttosto collega la crescita dello sviluppo urbano a quella delle aree rurali. I risultanti "collegamenti urbano-rurali" sono stati oggetto di un'attenzione significativa durante il periodo precedente all'habitat III, anche in una tecnica "documento di emissione"Che descriveva questi collegamenti come" flussi di persone, capitali, beni, occupazione, informazione e tecnologia ".

Approccio in evoluzione

Vicino alle calcagna di Habitat III, L'India ha ospitato un'importante conferenza sull'attuazione della nuova agenda urbana a dicembre. La sesta conferenza ministeriale Asia-Pacifico sull'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano ha portato a New Delhi i responsabili delle decisioni di oltre 70. L'evento ha approvato la nuova agenda urbana e si è concluso con il Dichiarazione di Nuova Delhi e un piano d'azione correlato.

Per la conferenza, l'India ha guidato un gruppo di lavoro sulla pianificazione e la gestione urbana e rurale, una questione a cui l'evento nel complesso ha prestato grande attenzione. La dichiarazione rileva che i legami urbano-rurale hanno "rilevanza significativa" per la regione e sottolinea l'importanza di raggiungere uno "sviluppo rurale e urbano equilibrato". I primi due punti della dichiarazione promettono ai governi della regione di sviluppare e rafforzare "politiche di sviluppo integrato delle città, delle città e delle loro aree periferiche" e di "incoraggiare l'adozione di approcci che promuovano ... un continuum urbano-rurale".

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti